You are currently browsing the daily archive for 02/04/2010.

Philip Levine

A new trend is born, launched by Philip Levine, London eclectic creative, being the pioneer of the “Head Art”, a head designer  who decided – when he began to go bald – to express creativity using his shaved head as a canvas. His head designs, made by teaming with the professional body painter Kat Sinclair, became iconic In the London fashion and art realm, reaching also Japan and China. Recently the artist decided to put on an exhibition – which will be held on May 2010 in London – of one hundred different head designs in print form representing his best pieces along with new ones. An original expression of creativity in 21st century.

PHILIP LEVINE: L’ARTE DELL’HEAD DESIGN

Philip Levine

Nasce una nuova tendenza, lanciata da Philip Levine, eclettico creativo londinese che è il pioniere della “Head Art”, un head designer che ha deciso – quando aveva cominciato a perdere i capelli – di esprimere la creatività usando la sua testa rasata come una tela. I suoi head design, realizzati lavorando in team con la body painter Kat Sinclair, sono divenuti iconici nella scena londinese della moda e arte, raggiungendo anche il Giappone la Cina. Recentemente l’artista ha deciso di allestire una mostra – che si terrà in maggio 2010 a Londra – dei cento diversi head design in forma stampata che rappresentano i suoi pezzi migliori unitamente a nuovi altri. Una originale espressione della creatività nel ventunesimo secolo.

Philip Levine

www.philsays.com

Amos Poe, photo by Victoria Cohen

Amos Poe – emblematic filmmaker of the no wave cinema movement and considered as the father of  modern indie American cinema who made cult movies “The Blank Generation”, “Unmade Beds” and “Empire II” – returns to amaze with a new project, “La Commedia”, inspired by Dante Alighieri’s masterpiece “La Divina Commedia” and Edward Muybridge’s  work, “The Horse In Motion”, telling a journey in motion, a cinema verity about his summer in Italy and France. “La Commedia” deals primarily with the perception of motion in a motion picture, featuring six thousand animated still images shot between May and September 2009 mostly in Italy at Florence. It’s divided into three cinematic sequences, one hundred cantos, evoking the allegorical journey of Dante Alighieri to find Beatrice through Inferno, Purgatorio and Paradiso, re-inventing the comedy for the 21st century. A new project having also a new way of developing that which is under the sign of genuine underground spirit: the creative freedom. In fact Amos Poe – who entirely self-produced his work – recently launched a campaign on the creative platform Kickstarter.com – giving the chance to develop an idea encouraging the free support by donations – for raising a minimum of $12.000, to help him finishing the editing and licensing of music for the premiere at the upcoming Venice Film Festival , Orizzonti section in September 2010. A smashing way to give a chance to develop new ideas – which could be considered a model for all the creatives having  a project without knowing how developing that independently – a need arising from contemporary times, I celebrate, encouraging the support by donations to promote the art and creative freedom.

“LA COMMEDIA” DI AMOS POE: RISCOPRIAMO LA GIOIA DELLA LIBERALITÀ!

Amos Poe – regista emblematico del movimento cinematografico no wave, considerate il padre del cinema moderno Americano indie, autore di cult movie quali “The Blank Generation”, “Unmade Beds” ed “Empire II” – torna a stupire con un nuovo progetto, “La Commedia”, ispirato al capolavoro di Dante Alighieri “La Divina Commedia” ed all’opera “The Horse In Motion” di Edward Muybridge – raccontando un viaggio in movimento, un documentario verità su un’estate in Italia e Francia. “La Commedia” è incentrata essenzialmente sulla percezione del movimento in una immagine in movimento, in cui protagonista è l’animazione di seimila immagini statiche che sono scattate tra maggio e settembre 2009 per lo più in Italia, a Firenze. Diviso in tre sequenze cinematografiche, cento canti che evocano il viaggio allegorico di Dante Alighieri per trovare Beatrice lungo l’Inferno, il Purgatorio e Paradiso, reinventando la commedia per il ventunesimo secolo. Un nuovo progetto ha anche un nuovo modo di consolidarlo che è all’insegna dell’ autentico spirito dell’ underground: la libertà creativa. Infatti Amos Poe – che ha interamente auto-prodotto il suo lavoro – ha recentemente lanciato una campagna sulla piattaforma creativa Kickstarter.com – che offre la possibilità di concretizzare un’idea, incoraggiando il supporto volontario mediante donazioni – per raccogliere un minimo di $12.000 al fine di aiutare a coprire i costi di edizione e licenza della colonna sonora del film per l’anteprima che si terrà a Settembre 2010 in occasione della Festival Internazionale del Cinema di Venezia per la Sezione Orizzonti. Un formidabile modo per poter consolidare nuove idee – che potrebbe essere considerato modello per tutti i creativi che hanno un progetto, non sapendo però come realizzarlo in modo indipendente – un’esigenza derivante  dalla contemporaneità che celebro, incoraggiando il supporto mediante donazioni per promuovere l’arte e la libertà creativa.

http://www.kickstarter.com/projects/1044939468/a-new-translation-of-dantes-la-commedia-by-the?ref=email

www.amospoe.com  

www.kickstarters.com