You are currently browsing the daily archive for 09/06/2010.

Amos Poe, photo by Victoria Cohen

The legendary New York director Amos Poe comes back in Pisa at the Keith Art Café on 16th June 2010 – one year after the event showcasing his works, organized by the Cantiere San Bernardo – during the opening of a space there is behind the “Tuttomondo” fresco made by Keith Haring to talk about the movie “La Commedia”, his latest work which will be premiered at the forthcoming edition of Venice Film Festival – supported by a fund raising campaign, launched on the virtual platform Kickstarter.com to cover the post-production costs of movie which will be end on 28th June 2010 – and later it will be screened at 10 pm on the walls of the fresco by Keith Haring the cult-movie “Empire II”. A double event, a not to be missed happening  under the sign of art!

UN GIORNO DESTATE A PISA PER CELEBRARE LARTE DI AMOS POE E KEITH HARING

"Tuttomondo" by Keith Haring

 Il leggendario regista newyorkese Amos Poe ritorna a Pisa presso il Keith Art Café il 16 giugno 2010 alle ore 19:00 – un anno dopo l’evento che esponeva le sue opere, organizzato dal Cantiere San Bernardo – in occasione dell’inaugurazione di uno spazio che si trova dinanzi a “Tuttomondo”, il murales realizzato da Keith Haring per parlare del film “La Commedia”, il suo ultimo lavoro che sarà presentato in anteprima alla prossima edizione del Festival del Cinema di Venezia – supportato da campagna, lanciata sulla piattaforma virtuale Kickstarter.com per la raccolta di fondi al fine di coprire i costi di post-produzione del film che si concluderà il 28 giugno 2010 – e successivamente sarà proiettato alle ore 22:00 sulle musa del murales di Keith Haring il cult-movie “Empire II”. Un doppio evento, un appuntamento imperdibile all’insegna dell’arte!

www.amospoe.com

http://www.kickstarter.com/projects/1044939468/a-new-translation-of-dantes-la-commedia-by-the

Michael Alig

 Michael Alig, emblematic persona of New York nightlife since late Eighties, celebrated party promoter and co-founding member of the notorious Club Kids – featuring artists as James St. James, Amanda Lepore, Leigh Bowery and Kenny Kenny – who made his best to shock the bourgeois Americans in the crowd with his outrageous outfits and rejection of conformity, introducing a new revolutionary concept of beauty: the “fabulosity”. Here the idea of artificial is just a means to create a new standard of expressing beauty, evoking sparkling fun and excess. A bright mind, a creative born to be a leader, a sweet and sensitive man who made a mistake and he’s paying for that of whose intense and tragic story – including drug addiction and the murderer of the Club Kid Andre Melendez aka Angel – was told by his friend, the artist and American television personality James St. James in the book “Disco Bloodbath: A Fabulous But True Tale of Murder in Clubland”(1999, Simon & Schutser Edition), later published with the title of “Party Monster”, recreated as the feature film made by the director Fenton Bailey and Randy Barbato. Michael Alig is finishing to pay his debt to justice for what he did, being in prison at the New York State Cocksackie Correctional Facility and during the forthcoming months – presumably during late Summer or early Fall – is going to be released. Here – without glorifying or rather sanctifying a murder -, I celebrate the visionary creativity of an individual “ living” – as he sang yesterday – “in the edge of the things” –  a kind of daily heroism made of choices being maybe questionable, less understandable and thus hard to support, though that is a way to cultivate our romanticism which goes beyond giving as a gift roses to the one you love and instead following an idea of freedom beyond the good and bad -, of whose ideas and intuitions are still today a great source of inspiration for youth people, artists and creatives. He talked with me about fashion, style, glamour and fabulosity, a joyful and sweet conversation where he told about himself with enthusiasm and genuineness.

 What is the core of fabulosity, an unconventional standard of beauty you created?

“I find that it’s rather difficult to express in words things having to do with feelings and intuition. I guess maybe that’s why what me and my friends were doing was so visual, because , as they say a picture is worth a thousand words! I have to say, this was one of my biggest problems or rather, one of my biggest problems I saw with what we were doing. We were unable to articulate, verbally, what our vision and philosophies were. This made us seeming shallow and superficial to many. Being fabulous it means to me being who you really are, exposing rather than concealing. It’s having the self-confidence – or at least knowing how to appear to have the self-confidence – to do this. Naturally it’s not all about visuals. It’s a feeling, an attitude that says to people “I’ know what I’m doing” and that makes others want to do what you’re doing too. One of the great things about being a club kids what that it could mean different things to different people as everyone’s standards of what is beautiful are different, unique. It was a highly individualized thing”.

What is the fashion and style, sophistication and glamour?

“Fashion, style, sophistication and glamour are all tied up in what I just said: it’s all about having the self-confidence to pull off your look and attitude. It’s not necessarily about snobbery or elitism – though of course it can be -, but it’s about being comfortable in your own skin and conveying this to the world without no matter how you look. Instead glamour is a combination of beauty and intelligence, but there is also an elusive sense of magic to it. It’s very hard to grasp. Ru Paul (American artist, model, drag queen, singer and song-writer, ed.) always used to say something that makes a lot of sense: “glamour is where you are not”. In a sense this is very true!”

What are your forthcoming projects?

“I have so many projects and offers coming in, my head is spinning! I would very much would like to continue working with World of Wonder (the production company that made the movie). Right now they are publishing a photo book of my art work. It will be out in a few months. I would also like to do some film work with them, maybe a documentary on Club Kids, some reality TV shows. They are making a lot of really great reality shows right now, including Ru Paul’s Drag Race. I’d like to work with James( James St. James, ed.), maybe open a restaurant with him. I’ll be releasing my biography “Aligula”, when I will be at home which will be a lot of work because we’re going to make the book internet-interactive with lots of different websites so that readers will be able to check out footage of events that I write about, listen the music I’m describing in the book or see party invites, posters, press clippings, etc. etc. There are a million of things that I’ll need to upload. My paintings has also become very important to me. I have over two hundreds paintings completed that I’ll want to show in a gallery somewhere. World of Wonder wants to film my release, they want to document everything for a possible reality show or maybe another documentary, they are planning a huge welcome party, a sit-down dinner in the middle of Times Square. I’m very excited about all that. There is a lot of more, I have o whole box under my bed filled with new ideas for movies, music, art, restaurants, products, websites. My editor wants to publish an online magazine with me. I just did a big interview with Interview magazine, I think it came out this week. I’m also working on another book so, so much to do!”

UNA FAVOLOSA CONVERSAZIONE DI MODA AL DI LÀ DELLA MODA CON MICHAEL ALIG

Michael Alig

 Michael Alig, personaggio emblematico della vita notturna newyorkese a partire dalla fine degli anni Ottanta, celebre party promoter e co-fondatore dei famosi Club Kids – che includevano artisti quali James St. James, Amanda Lepore, Leigh Bowery e Kenny Kenny – che ha fatto del suo meglio per scioccare la moltitudine di borghesi americani con il suo stravagante abbigliamento ed il rifiuto del conformismo, introducendo una nuova concezione di bellezza: la “favolosità”. Ivi l’idea dell’artificio è soltanto un mezzo per creare un nuovo standard di espressione della bellezza che evoca sfavillante divertimento ed eccesso. Una mente geniale, un creativo nato per essere un leader, un uomo dolce e sensibile che ha sbagliato e sta pagando per questo, la cui intensa e tragica storia – che include la dipendenza dalle droghe e l’omicidio del Club Kid Andre Melendez aka Angel – è stata raccontata dal suo amico, l’artista e personalità della televisione americana  James St. James nel libro “Disco Bloodbath: A Fabulous But True Tale of Murder in Clubland”(1999, Simon & Schutser Edition), successivamente pubblicato con il titolo di “Party Monster”, ricreato alla stregua dell’ omonimo film realizzato dal regista  Fenton Bailey e Randy Barbato. Michael Alig sta finendo di pagare il suo debito alla giustizia per ciò che ha fatto – essendo in prigione presso il Cocksackie Correctional Facility dello Stato di New York – e sta per essere rilasciato nei mesi a venire, presumibilmente sul finire dell’estate oppure  all’inizio dell’ autunno. Ivi – senza glorificare o peggio santificare un omicidio -, celebro la visionaria creatività di un individuo “che viveva” – come egli stesso cantava ieri – “al limite della realtà” – una sorta di eroismo quotidiano fatto di scelte che sono forse discutibili, poco comprensibili e perciò difficili da sostenere, un modo di coltivare il nostro romanticismo  che va oltre il regalare rose a chi si ama e insegue invece al di là del bene e del male un idea di libertà  -, le cui brillanti idee e intuizioni sono ancora oggi una grande fonte di ispirazione per i giovani, artisti e creativi. Michael Alig mi ha parlato di moda, stile, glamour e favolosità, una gioiosa e dolce conversazione in cui si  è raccontato con entusiasmo e genuinità.

Qual’è il nucleo della favolosità, uno standard anticonvenzionale di bellezza che hai creato?

“Trovo che sia abbastanza difficoltoso esprimere a parole cose che riguardano i sentimenti e l’intuizione. Suppongo che forse è perché ciò che stavamo facendo io ed i miei amici era talmente  visivo – poiché come dicono loro -, un’immagine vale cento parole! Devo aggiungere che questo è stato uno dei miei più grandi problemi o meglio uno dei più grandi problemi che ho visto in ciò che stavamo facendo. Eravamo incapaci di articolare verbalmente ciò che era la nostra visione e le nostre filosofie. Ciò faceva sembrare noi abietti e superficiali agli occhi di molti.  Essere favolosi significa essere chi sei davvero, esporsi piuttosto che nascondersi. È avere la sicurezza di sé – o almeno sapere come far sembrare di avere la sicurezza di sé – per fare ciò. Naturalmente non riguarda soltanto gli aspetti visivi. É un sentimento, un’ attitudine che fa dire alla gente “so quello che sto facendo” e spinge anche gli altri a fare ciò che stai facendo. Una delle cose più straordinarie dell’essere un Club Kid è che poteva significare diverse cose per diverse persone poiché gli standard di bellezza di ognuno sono diversi, unici, qualcosa di altamente individualizzato”.

Cosa é la moda, lo stile, la sofisticazione ed il glamour?

“La moda, lo stile, la sofisticazione ed il glamour sono tutti collegati a ciò che ho appena detto: riguarda essenzialmente l’avere la sicurezza in sé stessi per tirar fuori il proprio look e inclinazione. Non riguarda necessariamente lo snobismo o elitarismo – benché naturalmente possa esserlo -, ma riguarda l’essere a proprio agio nella propria pelle e trasmettere ciò senza preoccuparsi di come si appare. Invece la moda è una combinazione di bellezza ed intelligenza, ma include anche un’ idea di magia. È molto difficile coglierne il significato. Ru Paul (ndr: artista americana, modella, drag queen, cantante e cantautrice), era sempre solita dire qualcosa che aveva un grande significato: “il glamour è dove non sei tu”. In un certo senso ciò corrisponde  abbastanza al vero!”

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

“Ho così tanti progetti e offerte che mi gira la testa! Mi piacerebbe molto continuare a lavorare  con World of Wonder (la casa di produzione che ha realizzato il film “Party Monster”). Proprio adesso si sta occupando di pubblicare un libro di fotografie dei miei lavori artistici. Sarà pubblicato tra un paio di mesi. Mi piacerebbe anche fare qualche film con loro, magari un documentario sui Club Kids, alcuni reality show televisivi. Adesso stanno realizzando una grande quantità di reality show molto belli che includono la Drag Race di Ru Paul. Mi piacerebbe lavorare con James( n.d.r.:  James St. James), forse aprire un ristorante insieme a lui. Pubblicherò “Aligula”, la mia auto-biografia, quando sarò a casa. Ci sarà tanto lavoro poiché stiamo per rendere il libro interattivo su internet con molti diversi siti web in modo tale che i lettori  potranno dare un’occhiata ai frammenti degli eventi di cui ho scritto, ascoltare la musica che descrivo nel libro o vedere inviti alle feste, poster, ritagli di giornale, ecc. . Ci sono un milione di cose che sarà necessario inserire. Anche i miei dipinti sono divenuti molto importanti. Ho completato più di duecento quadri che vorrei esporre in una galleria da qualche parte. World of Wonder vuole filmare il mio rilascio, vuole documentare tutto per creare un eventuale reality show o forse un altro documentario. Stanno organizzando un gigantesco party di benvenuto, una cena a sedere nel mezzo di Times Square. Sono molto entusiasta di tutto ciò. C’è ancora molto altro, ho riempito un intera scatola sotto il mio letto con nuove idee per film, musica, arte, ristoranti, prodotti, siti web. Il mio editore vuole pubblicare con me un magazine on line. Ho appena fatto una grande intervista con il magazine Interview. Penso che sarà pubblicata durante questa settimana. Sto lavorando anche a un altro libro interamente dedicato alla mia esperienza in carcere, sicché ho proprio tanto da fare!”

Michael Alig

Michael Alig and the Club Kids