Anna Wintour, photo by Hermina Bruno

Walking on the web during the latest days, I ran up into a controversial satirical illustration that made fun to Anna Wintour, depicted with a hammer who hit the Milan Duomo, as well as the interesting reflection (http://burl.co/1929A39) that featured in Not Just a Label (NJAL), virtual platform that promotes and showcases the emerging creativity ideated by Stefan Siegel. It’s easy criticizing, creating enemies, masters and victims, Anna Wintour against the Milan Fashion Week, representing wrongly, approximately the reality, without focusing on the core of issues that are just more than a mundane soap-opera. The issues are semantic, semiotic, socio-economic, and concern marketing. The contemporary times are the extension of post-modernism, being the leitmotiv of latest years, a creeping post-modernism which unfortunately often isn’t either recognized for what is, due to the many semiotic gaps and cultural decadence of contemporary society. All that involves different consequences. One of these ones is the semiotic gaps being widespread would make hard today the rise and recognition of legendary personas like Alexander McQueen and Gianni Versace who are beyond the ethic of product which greatly – but fortunately not totally – features in the Milanese show-rooms, as well as the choices of production and distribution companies in the realm of fashion, sectors that affect and turn the creativity of fashion designer depending on the product request. It has often demonized the market, considered as enemy of creativity by tout-court critics that destroy without giving solutions, assertive thoughts to change a status quo being under the sign of lowest common denominator and incompleteness. I always asserted it can be done more without being heroes. What? It’s a question regarding the fashion houses, companies of production and distribution, fashion designers and/or creative directors of a brand, concerning many fields: the mainstream media and not only – as the fashion blogs that often succeed to discover before the world of glossy magazine on paper trends and emerging fashion designers -, buyers who are responsible for affecting the choices of mainstream consumerism by the selections they make, the institutions as the Italian National Chamber of Fashion, trade show events as the Milan White and Florence Pitti that give rise to promotional exhibition events, point of convergence between communication, sale, market and its operators, as well as the education which is involved in the training of fashion designers, featuring in the today and tomorrow made in Italy. Every realm I told about should develop an ethic under the sign of an effective and efficient semiotic decoding of contemporary fashion and incisively acting to support the new, communicating in a new way, presenting, showcasing and selling fashion in a new way, considering markets as conversations. The importance of brand stories, concept which is embodied in many books on marketing, fashion semiotic and fashion history, observing what features today in the concrete reality, there are many dyscracies, except the most celebrated Italian luxury brands (where the coherence with their stories is the necessary condition for their existence, concerns the signs featuring in their collections as well as, their promotion, communication and consequently encourages, promotes the consumer/customer loyalty who is pleased of belonging to the universe made concrete by the brand). This element often doesn’t get to the observers of fashion world, journalists and fashion bloggers, who are mostly focused on the choices of product, red carpets, its leading characters and what they wear under the sign of a fashion vision coinciding with the most extreme and empty fashionism, mere consumerism without any visual perception, that perception which made famous Diana Vreeland, first brilliant promoter of consumerism and its iconic value and later Anna Piaggi and her cult of vintage in an age where this habit wasn’t common. Being understood the consumerism is not an enemy, it requires the joint to a higher and more genuine semiotic vision and also new values that cannot be moved in background, either developed in a junk way: the sustainability, respect for environment, emancipation from poverty through work. Who writes is not nostalgic of past, but – from the bottom of her Pasolinian marginalism that arises from being far away from the mainstream and acting independently, promoting a positive and assertive thought, hopefully that is developed strongly in the near future also by the mainstream – an individual who always considered past as a trait d’ union with the present, syncretism, the dialogue between many channels of communications as an intellective and intellectual process of personal enrichment and means to decode the moment, contemporary times in fashion as well as in other realms. Instead all that doesn’t exist today, it’s nullified day after day and if it exists it hardly struggles or worst it is considered as an elite bulwark, an elegant drop of that culture which doesn’t feature in the mainstream at all and it is dusted off in case of need as charming exception proving the rule of nothingness which puts forward. I continue questioning with myself: why does it happen all that?

Carla Sozzani and me at 10 Corso Como, photo by N

The question arises from the bottom or better the first phase concerning fashion system, the educational training, as I asserted weeks ago to Carla Sozzani, being at 10 Corso Como, concept store she created, successful evidence of semiotic coherence, embodied in its setting, every suggestion – its website, virtual magazine and in her section “Sunday from my desk ”- being there. That is a brilliant evidence, as laudable exception to the rule of mainstream – mere result of fine mind and refined taste of the one who created all that – where the semiotic coherence is something being controversial. I emphasized – during this circumstance I like reminding – considering as need, categorical imperative of fashion educational field, the teaching for decoding reality (joint of mass and underground culture where the second one often affects the aesthetics of first one), giving to the young people – and I care for that as professor- a method for decoding reality, as well as considering the changes there have been in the realm of new media that have affected the way of assimilating datas and other by young people, circumstance for which a change and digitization of learning is needed. Beyond the importance – there is and it stays – of semiotic and historical-cultural analysis in fashion, the fashion schools that are mostly private even if it shines between them a public institution working under the sign of excellence (though the lack of funds given by Italy, due to the force majeure, result of the economic crisis which affected it), the Fashion Design Faculty of Iuav University of Venice, placed in Treviso and directed by Maria Luisa Frisa, there isn’t or better it is not incisively developed at yet a platform which trains the graduated students and support them, giving rise to a joint to the industry and market which goes beyond the step of training internships, being useful, but not decisive in this realm. That has a bright exception featuring in the Milanese fashion days, the Polimoda, renowned Florence – private – institution which launched since January 2012 the platform Polimoda Talents of whose result has been the Polimoda Fashion Week and other events that were held on June in Florence during the latest edition of Pitti, as well as the exhibition event in the Milan flagship store of Mauro Grifoni featuring during these days the graduated student Yojiro Kake and also during the forthcoming days an installation in Paris at Tranoi. That is what has made by a school within just only nine months, evidencing the ethic of “festina lente”, slowly hurrying up, works, but it’s better just to hurry up for getting more results, solid realities, spreading positive energy and giving rise to synapses under the sign of creativity and excellence. That has made by an Italian institution, directed by a bright individual who is not Italian, but Belgian, Linda Loppa. This is an emerging element to think about: the internazionalization of Italy in the fashion field – which is hard to grow up -, an approach which should be followed by other institutions, living in the age of globalization, where it would need resorting to the double track, glocal approach, global and local, creating the conditions for getting full and durable results. I was focused on the work by the schools, but the world of mainstream media as Vogue Italia launched laudable initiatives to support the emerging creativity, before collaborating with Altaroma – institution it doesn’t talk enough about, concerning its work promoting young creatives which ideated the talent-scouting award Who Is On Next – and later, more recently the Red Passion Talent Scouting Prize, event ideated in collaboration with Campari, featuring in the latest Milan edition of Vogue Fashion’s Night Out. This is the way to renew the Italy fashion system, make the new emerging, new that is not post-modern, mere re-edition or slavish reinterpretation of a far or near past -, thus it needs resorting to a careful semiotic analysis in order to distinguish and recognized that -, but it needs other for doing that. What does it need? To create the conditions for showcasing and stimulating as it does the Milanese trade show event White  – created by Massimiliano Bizzi – with its “Six talents for White” and the space “Inside White”, as well as Rosy Biffi, owner of Milanese boutique Biffi which hosts and sells the creations by finalists of Who Is On Next latest edition. Last but not the least, it’s still missing one of most relevant actors, the Italian National Chamber of Fashion. This institution has to deal with the Milan decadence which became the eightieth fashion capital in the world, as it says NJAL. Concerning that a remedy to consider is the reduction of costs for the fashion shows by renowned brands and emerging talents to make Milan a more desirable square for all the ones who would show in Italy, as well as to set up events that sinergically join to the work made by all the ones I already talked about. It’s a categorical imperative for Milan as fashion capital which shined and time after time has worn away. The ones who consider New York, its fashion week as the enemy and responsible of  Milan fashion week and the other fashion weeks troubles make a mistake, as that is an evidence of creating the – socio-economic – conditions to make this platform desirable and considered as a good investment. The Italian National Chamber of Fashion should work in this realm, dialoguing with the fashion houses, media, schools, buyers, for making that jump ahead which should do for honoring a past and tradition which cannot ignore, avoiding to turn this celebrated square into a product factory, just believing instead in the power of change and value of innovation and creativity.

LA SETTIMANA DELLA MODA MILANESE E L’ ETICA DEL FARE DI PIÙ SENZA ESSERE EROI

Maria Luisa Frisa, photo by Silvano Arnoldo

Nei giorni scorsi mi sono imbattuta, passeggiando nel web, in controverse illustrazioni satiriche che beffeggiavano Anna Wintour, ritratta con un martello che colpiva il Duomo di Milano, nonché nell’ interessante riflessione(http://burl.co/1929A39), apparsa su Not Just a Label (NJAL), piattaforma virtuale che sostiene ed espone la creatività emergente, ideata da Stefan Siegel. È facile criticare, creare nemici, dominatori e vittime, Anna Wintour contro la fashion week milanese, rappresentando la realtà in modo erroneo, approssimativo, senza affrontare il nucleo dei problemi che sono molto di più di una banale soap-opera. I problemi sono semantici, semiotici, socio-economici e di marketing. La contemporaneità é il prolungamento del post-modernismo, il leitmotiv degli ultimi anni, uno strisciante post-modernismo che spesso purtroppo non viene neppure riconosciuto per ciò che è a causa delle plurime lacune semiotiche e della decadenza culturale della società contemporanea. Ciò comporta svariate conseguenze. Una di questa è che le lacune semiotiche invalse renderebbero difficile l’ emersione ed il riconoscimento oggi di personaggi leggendari quali Alexander McQueen e Gianni Versace che esulano dall’ etica di prodotto che domina massimamente – ma fortunatamente non totalmente – gli show-room milanesi, nonché le scelte di aziende di produzione e distribuzione del settore della moda( attori che influenzano e correggono la creatività del fashion designer in base alla domanda di prodotto). Molto spesso il mercato è stato demonizzato quale nemico della creatività, mediante critiche tout court che demoliscono, ma non apportano soluzioni, pensieri assertivi per cambiare uno status quo che é all’ insegna del minimo comune denominatore e della lacunosità. Come ho sempre sostenuto si può fare di più senza essere eroi. Che cosa? E’ un interrogativo che oltre a inerire le case di moda, le aziende di produzione e distribuzione, i fashion designers e/o direttori creativi di un brand riguarda svariati settori: la comunicazione di mainstream e non soltanto – quali i fashion blog che sovente giungono prima del mondo della carta patinata a scoprire trend e fashion designers -, i buyer responsabili di influenzare mediante le loro selezioni le scelte di consumo, le istituzioni di settore quale la Camera Nazionale della Moda Italiana, le fiere quali White di Milano e Pitti di Firenze che danno vita ad eventi promozionali, espositivi, punto di unione tra comunicazione, vendita e mercato e l’ istruzione che sovraintende alla formazione di nuovi fashion designer, i protagonisti del made in Italy di oggi e domani. Ognuno di questi ambiti e dei suoi plurimi attori dovrebbe porre in essere un’ etica all’ insegna di una efficace ed efficiente decodificazione semiotica della moda contemporanea come anche agire in modo più incisivo per sostenere il nuovo, comunicare in modo nuovo, presentare, esporre e vendere la moda in modo nuovo, considerando i mercati conversazioni. L’ importanza delle storie di marca, del concept che sta alla base di un brand è un concetto che riempie plurima letteratura in materia di marketing, semiotica della moda e storia della moda, ma guardando oggi, nella realtà concreta esistono plurime discrasie, fatta eccezione per i brand italiani più celebri del mondo del lusso (in cui la coerenza con le loro storie è condizione necessaria della loro esistenza, informa i segni che sono protagonisti della loro collezione come anche la loro promozione e comunicazione e conseguentemente anima, promuove la fidelizzazione del consumatore/cliente, lieto di appartenere al mondo raccontato e concretizzato dal brand). Codesto elemento sovente sfugge agli osservatori del mondo della moda, i giornalisti e i fashion bloggers, più orientati sulle scelte del prodotto, sui red carpet, i loro protagonisti e cosa indossano, all’ insegna di una visione della moda che coincide con il più estremo e vuoto fashionismo, mero consumo senza alcuna percezione visiva, quella percezione che ha reso celebre Diana Vreeland prima promotrice del consumo e del suo valore iconico e successivamente Anna Piaggi ed il suo culto per il vintage in un’ epoca in cui codesta prassi non era ancora invalsa. Fermo restando che il consumo non è un nemico, ma esige il raccordo con una visione semiotica più elevata e autentica ed anche con nuovi valori che non possono essere più messi in secondo piano, né consolidati in modo junk: la sostenibilità, il rispetto per l’ ambiente, l’emancipazione dalla povertà attraverso il lavoro. Chi scrive non è una nostalgica del passato, ma – dal basso del suo marginalismo pasoliniano che emerge dall’ esser lontana dal mainstream e dall’ agire in modo indipendente, promuovendo un pensiero positivo e propositivo che sperabilmente sia fortemente consolidato in un vicino futuro anche dalla cultura di massa – una individualità che ha sempre considerato il passato un trait d’ union con il presente, il sincretismo, il dialogo tra più canali di comunicazione, un procedimento intellettivo ed intellettuale di arricchimento personale e strumento per decifrare il momento, la contemporaneità nella moda come anche in altri ambiti. Oggi tutto ciò non esiste, è vanificato giorno dopo giorno e se esiste arranca faticosamente o peggio è ritenuto un baluardo d’ elite, una elegante pillola di quella cultura che nel mainstream non esiste più e viene rispolverata al bisogno quale affascinante eccezione che conferma la regola del nulla che avanza. Continuo a interrogarmi, perché accade tutto ciò?

Linda Loppa and me, during the launch of Polimoda Talents platform, photo by N

La domanda ha origine dal basso ovvero dalla prima fase che informa il sistema moda, l’ istruzione, come affermavo qualche settimana fa a Carla Sozzani quando mi trovavo presso 10 Corso Como, concept-store da lei creato, felice concretizzazione di coerenza semiotica che si rispecchia nel setting ed in ogni singola suggestione che ivi – nell’ apposito sito web, il magazine virtuale nonché nella sua rubrica “Sunday from my desk” – si trova. Codesto é un brillante esempio, una lodevole eccezione alla regola di mainstream – mero frutto del fine intelletto e raffinato gusto di colei che ha creato tutto ciò – in cui la coerenza semiotica è qualcosa di controverso. In questa circostanza – che mi piace ricordare – sottolineavo a costei l’ esigenza e l’ imperativo categorico del mondo della formazione di settore ovvero insegnare a decodificare la realtà (unione di cultura di massa ed underground in cui la seconda sovente influenza l’ estetica della prima), dare ai giovani – e ciò mi preme anche quale docente – un metodo per decifrare la realtà, nonché considerare i cambiamenti avvenuti nell’ ambito dei nuovi media che hanno influito sul modo di recepire informazioni e altro da parte dei giovani, circostanza che impone un mutamento e digitalizzazione nell’ apprendimento. Al di là dell’ importanza – che c’è e resta – dell’ analisi semiotica e storico-culturale della moda, le scuole di moda per lo più private anche se tra di loro rifulge una struttura pubblica che opera all’ insegna dell’ eccellenza (nonostante la scarsità di fondi devoluta dallo stato italiano, dovuta a forza maggiore ovvero alla crisi economica che si trova a fronteggiare) ovvero la facoltà di Fashion Design dall’ Università Iuav di Venezia, ubicata a Treviso e diretta da Maria Luisa Frisa, manca o meglio non è ancora incisivamente consolidata una piattaforma che traini gli studenti neo-diplomati e li sostenga, dando vita a un incontro con l’ industria ed il mercato che vada ben oltre la fase degli stage formativi, utili, ma non determinanti in questo senso. Ciò ha una brillante eccezione protagonista delle giornate della moda milanesi ovvero il Polimoda, rinomata istituzione – privata – di Firenze che da gennaio 2012 ha lanciato la piattaforma Polimoda Talents il cui risultato é stato la Polimoda Fashion Week ed altri eventi che si sono tenuti in giugno a Firenze in occasione dell’ ultima edizione di Pitti, come l’ evento espositivo nella boutique milanese di Mauro Grifoni di cui è protagonista in questi giorni il neo-diplomato Yojiro Kake e a breve anche una installazione a Parigi in occasione dell’ evento fieristico Tranoi. Questo è ciò che è stato fatto da una scuola in soli nove mesi, prova che l’ etica del “festina lente”, l’ affrettarsi lentamente funziona, ma è meglio affrettarsi per avere più risultati, solide realtà, diffondere energia positiva e dar vita a sinapsi all’ insegna di creatività ed eccellenza. Questo è stato fatto da una struttura italiana, diretta da una brillante individualità che italiana però non è, ma belga, Linda Loppa. Anche questo è un dato che emerge, su cui riflettere: la internazionalizzazione dell’ Italia nel mondo della moda – che stenta a crescere – un approccio che dovrebbe essere seguito da altre istituzioni, vivendo in tempi di globalizzazione, circostanza in cui sarebbe d’ uopo ricorrere al doppio binario ovvero l’ approccio glocal, globale e locale, creando le condizioni per riscuotere risultati pieni e duraturi. Mi sono concentrata sull’ opera di scuole, ma il mondo dell’ editoria di mainstream ovvero Vogue Italia ha lanciato lodevoli iniziative a sostegno della creatività emergente, prima collaborando con Altaroma – istituzione di cui non si parla abbastanza in merito alla sua opera di promozione di giovani creativi – che ha ideato il concorso di talent-scouting Who Is On Next – e poi, più recentemente il Red Passion Talent Scouting Prize, evento ideato in collaborazione con Campari, protagonista dell’ ultima edizione milanese della Vogue Fashion’s Night Out. Questa è la via per rinnovare il sistema moda Italia, fare emergere il nuovo, il nuovo che non sia però post-moderno, mera riedizione o reinterpretazione pedissequa di un lontano o vicino passato – e perciò è d’ uopo ricorrere a una attenta analisi semiotica, finalizzata a riconoscere e distinguere ciò – e per fare ciò serve anche altro. Cosa serve? Creare le condizioni per esporre, sollecitare la vendita e l’ accessibilità nel mercato dei prodotti di nuovi nomi del made in Italy come fanno fiere e buyer quali l’ evento fieristico milanese – creato da Massimiliano Bizzi – White con i suoi “Six talents for White” e lo spazio “Inside White”, nonché Rosy Biffi, proprietaria della boutique milanese Biffi che vende le creazioni dei finalisti dell’ ultima edizione di Who Is On Next. Last but not the least manca all’ appello uno degli attori più determinanti, la Camera Nazionale della Moda Italiana. Codesta istituzione deve fare i conti con la decadenza di Milano che é divenuta l’ ottava capitale mondiale della moda . Riguardo a ciò, un rimedio da considerare é il ridimensionamento dei costi di produzione di sfilate di brand rinomati e talenti emergenti per rendere Milano una meta più appetibile a tutti coloro che vorrebbero sfilare  in Italia, nonché proporre eventi che sinergicamente si uniscano all’ opera compiuta dagli altri attori di cui ho finora parlato. Codesto è un imperativo categorico per Milano quale capitale della moda che ha brillato fino a una decina di anni fa e con il tempo si è erosa. Coloro che guardano a New York, alla sua fashion week come il nemico e responsabile dei mali della fashion week milanese e di altre fashion weeks sbagliano, poiché a New York sono state create le condizioni – socio-economiche – per rendere la fashion week ambita e considerata anche un buon investimento economico. É in questo ambito che la Camera Nazionale della Moda Italiana dovrebbe lavorare, dialogando con le case di moda, i media, le scuole ed i buyers per fare quel salto in avanti da compiere per onorare un passato e tradizione che non può disattendere, evitando di ridurre questa celebre piazza in un opificio prodottistico e credendo invece nel potere del cambiamento e nel valore di innovazione e creatività.

Franca Sozzani, photo by Luca Reali

Silvia Venturini Fendi – President of Altaroma – and me, photo by N

Rosy Biffi, photo by N

Advertisements