Scarabs, M. C. Escher

Talking with a darling friend of mine who like me considers the ethic a value, made concrete in her daily-time and work, giving it a relevant role in changing and making better Italy and world where we live, I’m persuaded to tell about a circumstance which personally involved me from which it results a critical reflection about what does it mean today to be a journalist, a fashion journalist and a fashion blogger. A couple of weeks ago A young creator of a womenswear brand got in touch with me via blog who asked me for a collaboration. I answered, asking for further remarks as I didn’t understand what it meant the word collaboration for her. The young fashion designer immediately specified collaboration corresponded to an agreement of goods exchange or rather an agreement for changing with one or more items featuring in the collection she made, eventually chosen by me, custom she used with other colleagues and journalists in order to give visibility to the recently established brand. That perplexed me – if it can be defined in this way to buy the others’ opinion – and made me think about. Beyond my kind answer to the direct interested person and my courteous rejection of the offer, specifying I would wrote about the brand if and when I would had the chance of seeing in the blink of an eye the product without getting any pay, as who knows me personally as well as virtually, knows the only gifts I accept are the ones who are given by friends – individuals who respect and love me and those ones know the thing I appreciate more is the thought, the feelings they also put into a piece of scrap paper featuring a little heart drawn where it was written an “I love you”, something which has thought and made just for me, as the thought and love put by the individual into that little heart is worth more than thousand wonderful, catchy objects, that objects are and stay, matter. Feelings that instead aren’t matter, the ones that are genuine, deep and true, like friendship and love, exist, are precious, rare and priceless. An I am interested in those ones. The other fittings aren’t a necessary and sufficient condition, they are a mere surplus, an added value of what already is and stays – and liberalities that don’t imply a commitment or obligation more or less direct to talk – obviously well – about that brand or product. My friend who is on the other side, not being a fashion observer, but being a fashion designer, the one who creates fashion, agreed totally with my point of view. When I told her “maybe my behavior seems like unkind or also exotic, considering the mainstream and my colleagues more or less famous, but I think the ethic, the neutrality of thought is a categorical imperative which should be defended and followed by a journalist along with the duty of informing and correctly, informing under the sign of a free, genuine reporting without being subdued to sale logics, interested words or courtesies” and she told me: “Nunzia, you have to tell all that, as nothing changes if you don’t tell about that”. And thus I did, honoring what I always defended with my work and modest actions: a poetic and politic vision of fashion. It’s sad people in Italy comply with the status quo of policy and corruption which is subtended to it, as the issue is the politicians were chosen by people who make concrete the same ethic in another way. Weeks ago I heard the journalist Concita De Gregorio, guest of political talk-show Ballarò who asserted – concerning the circumstances that involved some politicians who ignored it has given as a gift to them a house, put in their name, of whose price amounted to many millions of Euros – the obligation from journalist of avoiding to accept gifts, featuring in their deontology in order to avoid of affecting their opinion and work. It also should conform the fashion journalist and fashion blogger with this imperative, the one who informs via ether many people/ users of web on fashion. And that is not due to the fact it exists or not a deontological code obliging to keep this behavior, but it results from the value of ethic per se, of acting fairly, using the due accuracy and professionalism in doing what it does, duty which every professional, craftsman or prime manager should make concrete. It should, as reality goes towards an opposite way. Many fashion bloggers are attacked and/or despised by journalists who would kneecap a colleague in order to enter into a press conference where it has given as a gift this or that product, made more catchy by the fame of brand. Instead others, fashion bloggers, pretend to get as a gift coats for women as condition to write about a brand, even if they are men, have a male features and silhouette, aren’t gender neutral and are – discretely – “curvy” or rather overweight. Also other quasi-unknown fashion bloggers, write to fashion designers, pretending a gift they have chosen looking at the look-book of a collection, in exchange of making a post about that. “World is beautiful because it’s rotten” pearl of folk wisdom, depicted on the bathroom of the high school I attended. Nevertheless it stays a reflection and a suggestion, it’s not the journalists, fashion blogger who are responsible for that, but the individual, considered as single person who contributes with its behavior as “professional” to create all that: a degrading, impoverishing and dirty chaos which affects media and professionalism of the ones who are part of one or the other category, but they acts in a way which is diametrically opposite. “Verba volant, facta manent” – standing as “ words fly, facts stay” -, said yesterday the Ancient Romans, it’s true, but words have a weight, a power and contribute to inform, affect the ideas and thought of people, become facts or rather acts of the one who write them, thus they should be rationed and used with a sacred respect in order to create, tell something which is genuine.

ENTRARE NEL GRIGIO: GIORNALISMO, FASHION BLOGGING & REGALI 

Georgia O’ Keefe, hands, by Alfred Stieglitz

Parlando con una cara amica che come me considera l’ etica un valore, concretizzata nella sua quotidianità e nella sua opera, attribuendo ad essa un ruolo determinante nel cambiare e migliorare l’ Italia e il mondo in cui viviamo, mi sono persuasa a raccontare un episodio che mi ha coinvolto personalmente da cui si trae una critica riflessione su cosa significa oggi essere un giornalista, un giornalista di moda e un fashion blogger. Un paio di settimane fa sono stata contattata tramite il blog dalla giovane creatrice di un brand di abbigliamento da donna che mi chiedeva una collaborazione. Ho risposto, chiedendo ulteriori delucidazioni, poiché non capivo cosa volesse intendere il termine collaborazione. La giovane designer mi ha subito specificato che collaborazione equivaleva a un accordo di cambio merce ovvero a scrivere uno o più articoli contro corrispettivo di uno o più capi della sua collezione da me eventualmente scelti, prassi da costei usata con altre colleghe e giornaliste ai fini di dare visibilità al marchio di recente nascita. Ciò mi ha perplesso – se così si vuol chiamare comprare l’ opinione altrui – e mi ha fatto pensare. Oltre ad aver gentilmente risposto alla diretta interessata e declinato con cortesia l’ offerta, specificando che avrei scritto del brand, se e quando avessi avuto occasione di vedere ictu oculi il prodotto, ma senza alcun corrispettivo, poiché chi mi conosce personalmente oltreché virtualmente, sa che gli unici regali che accetto sono quelli fatti da amici – individui che mi stimano e mi vogliono bene e costoro sanno che ciò che apprezzo di più è il pensiero, i sentimenti che hanno messo dentro anche in un pezzo di carta straccia con un cuoricino disegnato e colorato in cui c’è scritto un “ti voglio bene”, qualcosa pensato e fatto per me, poiché il pensiero e l’ affetto che l’ individuo ha racchiuso in quel cuoricino equivale a più di mille oggetti, meravigliosi, accattivanti che oggetti sono e restano, materia. I sentimenti che invece materia non sono, quelli autentici, profondi e veri, come l’ amicizia e l’ amore, esistono, sono preziosi, rari e non hanno prezzo. E a me questi interessano. Le altre suppellettili non sono una condizione necessaria e sufficiente, ma un mero surplus, un valore aggiunto a ciò che già è, esiste e resta – e liberalità che come tali non presuppongono alcun vincolo o obbligo più o meno diretto di parlare – ovviamente bene – di quel marchio o prodotto. La mia amica che si trova dall’ altro lato, non quello di osservatrice della moda, bensì di fashion designer, colei che la moda la crea, condivideva totalmente il mio punto di vista. Quando le dicevo “forse sembrerà scortese comportarsi in questo modo, peraltro anche esotico, considerando il mainstream e i miei colleghi più o meno noti, ma ritengo che l’ etica, la neutralità del pensiero sia un imperativo categorico che un giornalista e un fashion blogger dovrebbe difendere e osservare, unitamente ad informare e informare correttamente all’ insegna di una informazione, libera, autentica senza alcuna subordinazione a logiche di compravendita, parole o cortesie interessate”, costei concordava con la mia idea e mi diceva: “Nunzia, queste cose le devi dire, poiché altrimenti non cambia nulla”. E così ho fatto, onorando ciò che ho sempre difeso con la mia opera e le mie modeste azioni: una visione politica e poetica della moda. La cosa triste è che spesso la gente in Italia si lamenta dello status quo della politica e della corruzione che è a essa sottesa, ma il problema è che quella classe politica è stata scelta da gente che in altro modo attua la medesima etica. Settimane fa ascoltavo la giornalista Concita De Gregorio, ospite del talk show televisivo a sfondo politico Ballarò che affermava – in merito alle vicende che coinvolgevano alcuni politici italiani, i quali ignoravano che fosse stata loro regalata una casa, a loro intestata il cui valore era di svariati milioni di euro – l’ obbligo dei giornalisti di non accettare regali, protagonista della loro deontologia per non inficiare la loro opinione ed opera. Anche il giornalista di moda e il fashion blogger, colui che informa via etere la generalità degli individui/utenti del web in materia di moda dovrebbe conformarsi a questo imperativo. E questo non perché esista o meno un codice deontologico che obblighi a tale comportamento, ma per il valore dell’ etica in sé e per sé, di agire con correttezza, usando la dovuta diligenza e professionalità nel fare ciò che si fa, dovere che ogni professionista, artigiano o prime manager dovrebbe usare. Dovrebbe, poiché la realtà, il comportamento della massa va in senso opposto. Molti fashion blogger sono attaccati e/o disprezzati da giornalisti che gambizzerebbero un collega pur di accedere a una conferenza stampa in cui i giornalisti sono omaggiati di questo o quel prodotto, reso ancor più appetibile dalla celebrità del brand. Altri invece, fashion blogger, pretendono cappotti da donna in regalo quale condizione per scrivere su un brand, anche se sono uomini, hanno fattezze e morfologia maschili, non sono neutrali al gender e sono – discretamente – curvy ovvero in sovrappeso. Altre ancora, semi-sconosciute, scrivono ai fashion designer pretendendo un regalo da loro scelto guardando il look-book di una collezione in cambio di un post. “Il mondo è bello perché è avariato”, perla di saggezza popolare, impressa ieri sui bagni del liceo classico che frequentavo. Ciònondimeno resta una riflessione e un monito, non sono i giornalisti, i fashion blogger ad essere responsabili di ciò, ma l’ individuo, la singola persona che con il suo comportamento da “professionista” contribuisce a creare tutto ciò: un caos degradante, depauperante e sporco che inficia l’ informazione e la professionalità di coloro che fanno parte di questo o dell’ altro genus, ma agiscono in senso diametralmente opposto. “Verba volant, facta manent”, dicevano ieri gli antichi romani, è vero, ma le parole hanno un peso, un potere e contribuiscono a informare, influenzare le idee e il pensiero degli individui, diventano fatti o meglio atti di colui che le scrive, pertanto dovrebbero essere centellinate e usate con un sacrale rispetto in modo idoneo all’ uopo ovvero per creare, dire qualcosa di autentico.

Drawing hands, M. C. Escher

Georgia O’ Keefe, hands, by Alfred Stieglitz

The gray tree, Piet Mondrian