You are currently browsing the daily archive for 11/12/2012.

Salvatore Ferragamo, photo by Marta Sarlo, Contrasto images

Salvatore Ferragamo, photo by Marta Sarlo, Contrasto images

It will be opened on 12th December 2012 in Milan at the Triennale Design Museum “Altagamma Italian Contemporary Excellence”, exhibition curated by Cristina Marozzi, running through 27th January 2013 and telling about the Italian manufacturing and design Italian excellence through the photos by Contrasto images, exhibition ideated by Altagamma Foundation, laudable institution gathering together the high-end companies that are famous at international level, focused on preserve and promotion of made in Italy abroad by many initiatives, searches and strategie, established by the bright businessman and politician Santo Versace, Reggio Calabria native – like me -, brother of genius Gianni Versace, with whom time ago, before the current changes of Italian political frame, I was pleased to talk about fashion, policy and young talents, a successful interlude embodied in the interview which follows:

 

What do you think about the chance of creating a new set of rules for increase a realm which makes cash as the fashion system?

“It doesn’t need a set of rules for fashion, the Country system must change. Policy in the way it has managed doesn’t works, as every company which would  managed by using the times and ways of policy would go bankrupt. Then policy failed. We have – editor’s note: we had it until some days ago – a government headed by Monti as policy failed. We must have a policy which doesn’t make the Country fail. And if policy would work well, but really well for the whole system, naturally it would work well also for the fashion system”.

Rubelli, photo by Lorenzo Pesce, Contrasto images

Rubelli, photo by Lorenzo Pesce, Contrasto images

Considering the little effective protection in the cases of fraudulent bankruptcy – made yesterday by textile companies, liable for crisis and decadence which involved many brands – wouldn’t be good to re-design a new, specific set of rules concerning that?

“We come back to what I told before, the Country system doesn’t work. The issue is to make the State work. If justice, industry, credit would work, everything would be better. The problem resulting from the conditions where Italy is that affect youth, but affect all of people, it’s the malfunctioning of policy. People works in policy just for getting rich instead of serving the state. We have to run away with everyone gets a political role is a servant, our servant, our salaried employee as the President of Republic and ministers, it’s people we pay for making their work at best. And that doesn’t happen. Thus it must be laid off these people”.

“That is the basic problem which lately reverberates in all of the fields, the economy which doesn’t increase, justice which doesn’t work, bureaucracy which destroys companies and has an enormous cost, young people who don’t find a work ( though it’s an issue being aside from: it’s not the issue there isn’t work, having Italy 4 millions of foreigner workers, the problem is we have taught young people to look for the employ, instead of work, the pay, possibly got without working, in the great majority of cases, then the real problem is a cultural one. Young people has be encouraged to be businessmen,masters of themselves. How many artisans do lack? We risk of losing made in Italy due to the lack of people who are able of hand working)”.

Kartell, photo by Massimo Siragusa,  Contrasto images

Kartell, photo by Massimo Siragusa, Contrasto images

Why it doesn’t create schools for re-launching the craftsmanship and professions that concern it?

“It’s a project launched by Altagamma which joins the re-launch of craftsmanship, is connected to the educational training in this realm or rather the re-launch of community colleges”.

What do you think about the young talents of contemporary Made in Italy?

“Italians have occupied the world, many of them head celebrated fashion houses as Riccardo Tisci at Givenchy and many others. I think the skill and talent helps to get space inside the market”.

Concerning the support of young talents, the experience arising from the British Fashion Council which concretely invests – in the realm of production, presentation and communication – in young talents can be made also in Italy?

“ The British belief system is quite different as it invest also on the start-up. There is true freedom of working in that state, instead it has abolished in Italy the right to work. We trust on this government – editor’s note: which there isn’t at yet – for crumbling the lobbies and liberalizing market, considering the company cost of a company in Italy for granting a monthly net pay which amounts to 1236 Euros, is 2,3/ 2,4 times more than the net amount got by a workman. That is inadmissible. A worker in UK gets the 85% of what a company pays, then the salaries are indeed high they are double, instead the gross salaries in Italy are highest and the net salaries become low. In fact the company costs in Italy are the most high of Europe and it’s due to that the salary of worker becomes lower. The company pays too much, very much. Why does it happen? Because we maintain many people – politicians, trade unionists – who don’t produce or rather if they produce, they produce just negativity, there are too many wastes. There are people who work as public employees, getting very high salaries and monthly retirement funds that amount to 40000 Euros”.

Driade, photo by Nicolò de Giorgis, Contrasto images

Driade, photo by Nicolò de Giorgis, Contrasto images

What are the projects for your future?

“I am still too young to think about my future. I feel myself younger than many other people, instead of other young people who seems like they are born to be old.

I accepted to  work again in the realm of policy after 40 years to help the State and think about young people. I am very happy for what happened,  as I left and I fought for pensioning off Berlusconi and I succeeded to do that. Nevertheless we have today – editor’s note: we had it until some day ago. Future is uncertain – a government which is working quite better and represents us very well. Monti is a politician, he has been European Commissioner for 10 years. The Financial Times says today (which was yesterday as today the French newspaper  Libération talks about “the return of mummy”) Italy has the best premier of the world. We passed from rags to riches.

The newspaper Libération

The newspaper Libération

My purpose is making modern Italy. If the policy would take care of fashion, we would be the first country in the world as fashion is culture, innovation, creativity, quality and is the triumph of meritocracy, as you can work in the fashion world just only if you love working and you deserve of working in this realm. Instead policy it’s the contrary, it’s political patronage, nepotism, corruption, trollopy. Policy is slow, is stereotyped.

What  the Country system should do for helping the fashion, design world? It should reduce the fiscal pressure. If it would be made a tax law which would reduce the fiscal costs for exportations, many foreigner companies would be provided incentives, by paying less taxes, to invest in Italy and thus creating work in Italy. This is a device to make concrete. We abolished the life marriage, life imprisonment, do we want giving the chance to the employer of divorcing from the employee who doesn’t’ fits good? Let’s set up a set of rules and let’s give him the leave to do that. Concerning me, I stand up for divorce”.

“ALTAGAMMA ITALIAN CONTEMPORARY EXCELLENCE” AL MUSEO DEL DESIGN DELLA  TRIENNALE DI MILANO

Santo Versace, photo by N

Santo Versace, photo by N

Sarà inaugurata il 12 dicembre 2012 a Milano press il Museo del Design della Triennale “Altagamma Italian Contemporary Excellence”, mostra curata da Cristina Marozzi che prosegue fino al 27 gennaio 2013 e racconta l’ eccellenza italiana manifatturiera e progettuale attraverso le fotografie dell’ agenzia Contrasto, ideata dalla Fondazione Altagamma, lodevole istituzione che riunisce le aziende italiane di alto livello che sono famose a livello internazionale, dedita alla tutela e promozione del made in Italy all’ estero mediante plurime iniziative, ricerche e strategie, fondata dal brillante imprenditore e politico Santo Versace, natio – come me – di Reggio Calabria, fratello del genio Gianni Versace, con il quale tempo fa, prima degli attuali mutamenti del quadro politico italiano, sono stata molto lieta di parlare di moda, politica e giovani talenti, un felice interludio racchiuso nell’ intervista che segue.

Che ne pensi dell’ eventualità di creare di una normativa di indirizzo per potenziare un settore che fa cassa quale il sistema della moda?

“Non ci vuole una normativa per la moda, il sistema paese deve cambiare. La politica così come viene gestita non va bene, perché qualunque azienda che fosse gestita con i tempi e modi della politica fallirebbe. Quindi la politica è fallita. Abbiamo un governo Monti – ndr: lo avevamo fino a giorni fa – perché la politica è fallita. Dobbiamo avere una politica che non faccia fallire il paese. E se la politica lavorasse bene, ma bene per tutto il sistema chiaramente lavorerebbe bene anche per la moda”.

Emilio Pucci, photo by Alex Majoli, Contrasto images

Emilio Pucci, photo by Alex Majoli, Contrasto images

Considerando la poco efficace tutela nei casi di bancarotta fraudolenta – effettuata ieri da gruppi tessili, responsabili della crisi e decadenza di plurimi brand – non sarebbe opportuno ridisegnare un nuovo assetto normativo specifico?

“Ritorniamo al discorso di prima, il sistema Paese non funziona. Il problema è far funzionare il sistema Paese. Se la giustizia funzionasse, se l’ industria funzionasse, se il credito funzionasse, tutto andrebbe meglio. Il problema delle condizioni in cui si trova l’ Italia che riguardano i giovani, ma riguardano tutti è il malfunzionamento della politica. La gente fa politica per arricchirsi e non per servire il paese. Dobbiamo metterci in testa che chiunque abbia un incarico politico è un servitore, un nostro servo, un nostro stipendiato come il Presidente della Repubblica ed i ministri, è gente che paghiamo perché faccia bene il proprio lavoro. E così non avviene. Perciò questa gente va mandata a casa.

Questo è il problema di base che poi si riverbera su tutti i settori, sull’ economia che non cresce, sulla giustizia che non funziona, sulla burocrazia che rovina le aziende e ha un costo straordinario, sui giovani che non trovano lavoro (anche se questo è un argomento a parte: non è che il lavoro non ci sia, avendo l’ Italia 4 milioni di lavoratori stranieri, il problema è che abbiamo insegnato ai giovani a cercare il posto, non il lavoro, lo stipendio possibilmente senza lavorare almeno alla grande maggioranza, quindi il vero problema è culturale. I giovani devono essere stimolati a essere imprenditori, padroni di sé stessi. Quanti artigiani mancano? Rischiamo di perdere il made in Italy per mancanza di gente che sappia lavorare con le mani)”.

Buccellati, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Buccellati, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Perché non si creano scuole per rilanciare l’ artigianato e le professioni a essa inerenti?

“E’ un progetto lanciato da Altagamma che unisce il rilancio dell’ artigianato, connesso alla formazione di settore ovvero il rilancio degli istituti professionali”.

Che ne pensi dei giovani talenti del made in Italy contemporaneo?

“Gli italiani hanno occupato il mondo, molti di loro sono alla guida di storiche maison quali Riccardo Tisci da Givenchy e molti altri. Penso che la bravura e il talento aiutino di per sé a conquistare spazio sul mercato”.

Quanto alla promozione dei giovani talenti, l’ esperienza del British Fashion Council che investe concretamente – in produzione, presentazione, comunicazione – nel giovani creativi può essere realizzata anche in Italia?

“Il credo anglosassone è diverso perché investe anche sulle start.-up. In quel Paese c’è vera libertà di lavorare, in Italia invece il diritto al lavoro è stato abolito. Confidiamo in questo governo che consenta di sgretolare le lobbies e liberalizzi il mercato, considerando che in Italia per avere uno stipendio mensile netto pari a 1236 Euro, il costo per l’ azienda è 2,3/ 2,4 volte di più di quello che prende un operaio al netto. Ciò è inammissibile. In Inghilterra il lavoratore ottiene l’ 85% di ciò che un’ azienda spende in questo modo gli stipendi sono effettivamente alti, sono il doppio, mentre in Italia gli stipendi lordi sono altissimi ed è al netto che diventano bassi. Infatti in Italia il costo d’azienda è il più alto di Europa ed è per questo che al netto lo stipendio del lavoratore diventa più basso. L’ impresa spende troppo, tantissimo. Perché? Perché manteniamo tanta gente – politici, sindacalisti – che non produce o meglio se produce, produce negatività, ci sono troppi sprechi. C’è gente che nelle vesti di dipendente pubblico riceve stipendi altissimi e percepisce una pensione di 40000 Euro mensili”.

Ermenegildo Zegna, photo by Paolo Pellegrin

Ermenegildo Zegna, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Quali sono i progetti per il tuo futuro?

“Sono ancora troppo giovane per fare progetti per il futuro. Mi sento più giovane di molti altri, diversamente da altri giovani che sembrano nati vecchi.

Ho accettato di tornare in politica dopo 40 anni per dare una mano al paese e pensare ai giovani. Sono molto felice di ciò che è accaduto, poiché sono uscito e mi sono battuto per pensionare Berlusconi e ci sono riuscito. Peraltro oggi abbiamo – ndr: avevamo fino a qualche giorno fa. Il futuro è incerto – un governo che sta lavorando molto meglio e ci rappresenta molto bene. Monti è un politico, è stato Commissario europeo per 10 anni. Oggi (che era ieri poichè oggi il quotidiano francese Libération parla del “ritorno della mummia”) il Financial Times scrive che l’ Italia ha il miglior premier del mondo. Siamo passati dalle stalle alle stelle.

Il mio obiettivo è fare in modo che l’ Italia diventi moderna. Se la politica curasse la moda saremmo il primo paese al mondo perché la moda è cultura, innovazione, creatività qualità ed è il trionfo della meritocrazia, poiché puoi lavorare nel mondo della moda solo se ami il lavoro e se meriti di lavorare in questo ambito. La politica è invece il contrario, è clientelismo, nepotismo, corruzione, malaffare. La politica è lenta, è stereotipata.

 Cosa dovrebbe fare il sistema paese per aiutare il mondo della moda, del design? Ridurre la pressione fiscale. Se si adottasse una normativa fiscale che abbassasse i costi fiscali per le esportazioni molte aziende estere sarebbero incentivate, pagando meno tasse, a investire in Italia e quindi creare posti di lavoro in Italia. Questo è un meccanismo da realizzare. In Italia abbiamo abolito il matrimonio a vita, il carcere a vita, vogliamo permettere anche al datore di lavoro di divorziare dal lavoratore che non gli va più bene? Stabiliamo le regole e diamo a lui il permesso di realizzare ciò. Quanto a me sono favorevole al divorzio”.

www.altagamma.it

www.triennaledesignmuseum.it