The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

 

Nature, core of a sentimental education, the collective unconscious being in Alto Adige, native country – I love very much – of young and bright photographer Marco Bertolini – born in Bolzano, based in Milan and cosmopolitan as attitude – which evokes a beautiful fierceness, a feeling of belonging and connection with the land, the nature surrounds and hosts the individual under the sign of honor, respect and healthy interaction with it. A value which is deeply connected to the poetry of photographer, its search, the value – I care – of sustainability, as well as the idea of simplicity in its semiotic, symbolic and representative meaning. Simplicity as idea which subverts and renews the mundane standard of conventional beauty, featuring in contemporary times, mere forcing, fiction to appear instead of being, synthesis or rather, ability to visualize reality without useless frills, but also as means to valorize and get in touch with its own inner being and humanity, walking through the complex links where it becomes the individual. A simple conversation, embodied in the short interview which follows, successful chance of exchange, reflection and enrichment, focused on the understanding and exploring the poetry and art by photographer, the silent dynamism of objects, he depicted and emphasized by the brightness of darkness under the sign of a refined elegance and the suggestive and vibrant lyricism of his simplicity.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

How did you start to be involved with photography?

“I started to be involved with photography since I was a young boy and my grandmother gave me as a gift a camera and I started printing on paper and developing photographs in the bathroom of my parents’ house. I closed the windows of bathroom, obscured by the towels and I turned the room into a darkroom, making direct prints of objects on photographic paper that always were objects, bottles, nails. Then my educational training has not oriented on themes concerning the pure creativity, I went to London at the Southbank University and I studied ho marketing ( editor’s note: even if I think marketing it’s pure creativity ). Later, once I completed my university training I came to Milan from Bolzano and I began working for many companies in the realm of furnishing and design, putting aside for many years the photography. After I started working for many magazines as Elle Decor, Grazia Casa and other ones as stylist and after I left everything, the furniture and design and I began focusing professionally on photography. It has been something that arose due to necessity. I had a great working and human relationship with Bruno Rainaldi, who passed two years ago and we have understood at a certain point I couldn’t continue to work with him, for him in the realm of design, but I had to follow what was my passion, my true interests. Thus I started shooting, I proposed myself to companies also for more commercial projects as the catalogues in the realm of interior architecture for customers as architects, the industry, successfully continuing to do what I do, shooting”.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

How does it make concrete your stylistic search?

I am very much at ease working by myself and playing, experimenting with the light and objects. I think the most beautiful things arise from the simplicity and an exercise which pushes to the search of an absolute simplicity. It’s the simplicity what pays in my work, it doesn’t feature anything concerning class, value, it’s just the picture. My latest work, I consider it as example, “Silence” featuring a series still-lifes, shooting objects I collected on the road after the market of the area where I live. I brought a box once the market ended and as a tramp I collected the many objects I found, I collected an apple bruised on a side, my that is not visible on photograph, it seems like a perfect apple, though it was completely rotten in the other side, I collected a blasted fig leaf, a berry, a chestnutshell and I shot these objects in the dark, intensifying the dark more than the way I have made for the series “New black”.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

What is your connection to nature and to which extent did it influence your vision, idea of beauty and your stylistic search?

“I don’t love all that is artificial, pretentious, deliberately decorative which has no flavor, a scent, a texture, has to be beautiful, but it has a beauty being an end to itself. I love mostly and I search for the beauty in the things that can pass unnoticed, it seems like a hokum what I am saying, but it is really what I think. It’s useless to go buying posies to shoot, look for butterflies, as the re production of beauty, as Gillo Dorfles teaches us, becomes kitsch, it’s neither beauty nor originality. I think in Italy there is a huge display, a disguising in order to appear beautiful under the sign of obsolete standards of beauty that don’t renovate, it doesn’t create anything being new, thus it needs returning to the simplicity. And nature in this sense can be a great source of inspiration, considered as geography – as the Alto-Adige, the region where I come from – as well as the rural world and its healthiness, a genuine simplicity which catches the life and vitality of subject, individual and the object, meant as subject’s patrimony of values, emphasizing an idea of genuine beauty. I touch mostly behind to a basket of nuts or apples, endorsed on a wood counter top in a farm placed in the high mountain, that don’t know they are beautiful, who put there doesn’t know he created something beautiful, which is up to us appreciate. Maybe it’s because someone has behind itself this scene since years, generations, thus it’s a kind of bringer of an aesthetics based on what it surrounds him/her. Probably he/she doesn’t create, but draws inspiration from the nature.

The minimalism is not beauty and it’s not simplicity, it’s a forcing. The spontaneity in the aesthetics and people is beauty, the fact of not knowing to be beautiful, not wanting to be beautiful, to create something beautiful which is an end to itself and it never will be beautiful as it want to be beautiful, but it don’t succeed being beautiful”.

UNA STORIA SEMPLICE: L’ ESTETICA DELLA SEMPLICITÀ VISTA DA MARCO BERTOLINI

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

La natura, nucleo fondamentale di una educazione sentimentale, dell’ inconscio collettivo che si trova nell’ Alto Adige, terra – che amo molto – natia del giovane e brillante fotografo Marco Bertolini – bolzanino di nascita, milanese di adozione e cosmopolita per vocazione – che evoca una bella fierezza, un senso di appartenenza e legame con la terra, la natura che circonda e ospita l’ individuo all’ insegna di onore, rispetto e salubre interazione con essa. Un valore che è intimamente connesso alla poetica del fotografo, alla sua ricerca, al valore a me caro della sostenibilità come anche al concetto di semplicità nella sua accezione semiotica, simbolica e rappresentativa. Semplicità quale idea che sovverte e rinnova il noioso standard di bellezza convenzionale protagonista della contemporaneità, mera forzatura, finzione per apparire invece di essere, sintesi ovvero capacità di visualizzare la realtà senza inutili fronzoli, ma anche quale strumento per valorizzare e entrare in contatto con la propria interiorità e umanità, percorrendo le complesse maglie in cui si volge l’ individualità. Una conversazione semplice, racchiusa nella breve intervista che segue, felice occasione di scambio, riflessione e arricchimento, volta a comprendere ed esplorare la poetica e l’ arte del fotografo, il silenzioso dinamismo degli oggetti, da lui magistralmente ritratto ed enfatizzato dalla luminosità dell’ oscurità all’ insegna di una raffinata eleganza e il suggestivo e vibrante lirismo della sua semplicità.

Come hai iniziato a occuparti di fotografia?

“Ho iniziato a occuparmi di fotografia da ragazzino quando mia nonna mi ha regalato una macchina fotografica e ho iniziato a stampare su carta e sviluppare le fotografie nel bagno di casa dei miei genitori. Chiudevo le finestre del bagno, oscurate dagli asciugamani e trasformavo la stanza in una camera oscura, facendo stampe dirette di oggetti su carta fotografica che erano sempre degli oggetti, bottiglie chiodi. Poi il mio percorso formativo si è orientato non verso argomenti inerenti alla creatività pura, sono andata a Londra alla Southbank University e ho studiato marketing ( nda: anche se ritengo che il marketing sia pura creatività). Poi non appena finito il mio corso di studi sono approdato a Milano da Bolzano e ho iniziato a lavorare per varie aziende nel settore dell’ arredamento e del design, accantonando per parecchi anni la fotografia. Successivamente ho iniziato a lavorare per varie riviste quali Elle Decor, Grazia Casa e altre nelle vesti di stylist e poi ho mollato tutto, l’ arredamento e il design ed ho iniziato a dedicarmi professionalmente alla fotografia. È stata una cosa che è nata per necessità. Avevo un ottimo rapporto con Bruno Rainaldi, venuto a mancare due anni fa e a un certo punto entrambi abbiamo capito che non potevo continuare a lavorare con lui, per lui nel campo del design, ma dovevo perseguire quelle che erano le mie passioni, i miei veri interessi. Così ho cominciato a fotografare, mi sono proposto ad aziende anche per progetti più commerciali come i cataloghi nell’ ambito di architettura di interni, per committenti quali architetti, per l’ industria, continuando felicemente a fare ciò che faccio, fotografare”.

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

In che modo si concretizza la tua ricerca stilistica?

“Mi trovo molto a mio agio a lavorare da solo e giocare, sperimentare con la luce e gli oggetti. Penso che le cose più belle nascano dalla semplicità e da un esercizio che porta alla ricerca di una semplicità assoluta. È la semplicità che paga nel mio lavoro, non ci sono connotati di classe, valore che non siano l’ immagine stessa. Il mio ultimo lavoro, per farti un esempio, “Silence” di cui è protagonista una seria di still-life, fatti a oggetti raccolti per strada dopo il mercato di quartiere. Alla fine del mercato, ho preso una cassetta e come un barbone ho raccolto vari oggetti che trovavo, ho raccolto una mela ammaccata su un lato, ma in foto non si vede che la mela è ammaccata, sembra una mela perfetta anche se da un lato era completamente marcia, ho raccolto una foglia di fico appassita, una bacca, un riccio di castagna e ho fotografato questi oggetti al buio, esasperando il buio rispetto alla serie “New black” ”.

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

Qual’ è il tuo legame con la natura e in che misura ha influito sulla tua visione, l’ idea di bellezza e la tua ricerca artistica?

“Non amo tutto ciò che è artificiale, pretenzioso, volutamente decorativo che non ha un sapore, un odore, una texture che deve essere bello, ma ha una bellezza fine a sé stessa. Amo di più e ricerco la bellezza nelle cose che possono passare inosservate, sembra una banalità ciò che sto dicendo, ma è davvero ciò che penso. È inutile andare a comprare mazzi di fiori da fotografare, cercare farfalle, poiché la riproduzione del bello, come Gillo Dorfles ci insegna,  diventa il kitsch, non è più bellezza né originalità. Penso che in Italia ci sia una grande ostentazione, un mascherarsi, mettersi in mostra per apparire belli all’ insegna di canoni di bellezza obsoleti, che non si rinnovano, non si crea niente di nuovo per cui c’è bisogno di tornare alla semplicità. E in  questo senso la natura più essere una feconda fonte di ispirazione, intesa sia quale geografia – come l’ Alto-Adige, la regione da cui provengo – come anche quale mondo rurale e la sua salubrità, una genuina semplicità che coglie la vita e la vitalità del soggetto, dell’ individuo e dell’ oggetto, inteso quale patrimonio valoriale del soggetto, valorizzando una idea di bellezza autentica. Mi emoziono di più dinanzi a una cesta di noci o delle mele in un maso in alta montagna appoggiate su un piano di legno che non sanno di essere belle, chi le ha messe là non sa di aver creato qualcosa di bello, spetta a noi apprezzarlo. Forse è perché ha davanti questo scenario da anni, da generazione per cui porta avanti un’ estetica che si basa su ciò che lo circonda. Probabilmente costui non crea, ma attinge dalla natura. Il minimalismo non è bellezza e non è semplicità, è una forzatura. La spontaneità nell’ estetica e nelle persone è bellezza, il non sapere di esser belli, il non voler esser belli, non voler creare qualcosa di bello che sia fine a sé stesso e ciò bello non lo sarà mai, poiché vuole esser bello, ma non riesce a esser bello”.

Silence,, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

www.marcobertolini.com

Advertisements