sapienza

Yesterday a dear friend of mine with whom I was talking, suggested me of reading a piece, featuring a brilliant critique on fashion policy connected also to the Italian policy and Rome which will  be soon will vote for its major. This interesting piece made by a young, promising journalist, Claudia Proietti, included in the blog of Seminario Sapienza, connected to talks and events made by the Fashion and Costume Sciences Faculty of University La Sapienza of Rome, I am pleased to share with you dear FBFers. The following article is a precious source to think, re-think about fashion, fashion culture, fashion training, fashion journalism as well as fashion blogging( hopefully that are more oriented to culture and value of doing, doing well, having a content, a real content, something which in the era of big brother generation – where the overexposure justifies and celebrates the whole empty, the lack of contents and ethic – has often forgotten or didn’t make concrete properly.

Gianfranco Ferrè, legendary fashion designer who celebrated the fashion culture and gave his contribution in this realm as professor

Gianfranco Ferrè, legendary fashion designer who celebrated the fashion culture and gave his contribution in this realm as professor

David Perluigi and Nello Trocchia from the Italian newspaper Il Fatto Quotidiano have released on Sunday 19th May 2013 an investigative report on one of the names featuring in the list of Ignazio Marino, candidate as Rome mayor for the Democratic Party in the forthcoming elections which will be held within few days, the one of President of Gattinoni fashion house Stefano Dominella. The article reports, with the care featuring in a well done investigative report, a story of invoices paid with public money dating back to the time when cui Dominella  performed as President of Altaroma, public limited company which manages the fashion week of capital city. Now Stefano Dominella present himself as candidate for the city of Rome, focusing his campaign on the relevant , in Rome as well as in the whole Italy, need of investments in the realm of fashion, one of two or three fields that are constantly growing in our economy, and he defends himself by justifying the gifts as homage regularly licensed and invoiced by its company due to a mere issue of practicality. Beyond the circumstance, sufficiently documented, what it thrills is two journalist who have nothing to do with fashion signed the investigative report, beginning with the desire of telling how are the things, of exercising an intelligence and critique which ,except for a few of pens, is completely alien to the Italian fashion journalism, especially the one coming from the new generations.

Irene Brin, a celebrated Italian fashion journalist

Irene Brin, a celebrated Italian fashion journalist

Being tied by a pandemic lack of real preparation – costume history, as well as general history, current news, politics and international economy, if it is true fashion is far away from being just only a trendy bag -, the Italian fashion journalism loses verve, critic spirit, ability to show the facts beyond the hem of a dress  and the need of pleasing the investors during years of crisis of advertising and redefinition of its own space. In a vicious circle where the few “important” names always speak well about the same fashion designers who after strive in every way to please them, it need avoiding the fashion press or referring to the foreign press for reading a well-advised reflection, otherwise it’s a crowd of copying and pasting from the press releases, useless infos and ridiculous Anglicisms.

Rosana Pistolese, the brilliant founder of Rome Fashion & Costume Academy

Rosana Pistolese, the brilliant founder of Rome Costume & Fashion Academy

The traditional role of watchdog of journalist, to which everyone should aspire everyone performs this profession, both if it is done in the hallways of Parliament or in the front-row at the fashion shows, totally disappeared – except rare exceptions – from the fashion columns of magazines, journals and newspapers: fascinated by the crowd of homages and privileges or directly lied down by the chance of seeing the disappearance of advertisements of brand one dared to criticize. It has replaced, in this marvelous universe which is the web – platform where are in force the laws of real world, it never will be said enough, both the laws of penal code and the laws on professional deontology and training, that, these last ones, are instead completely unknown to the journalist in pijama by Andrew Keen – by an infinite amount of beginners who often attends the second two months-period of fashion courses and self-proclaiming themselves fashion blogger.  Some are genuine personas who have a personal style – but there isn’t anyone in Italy – who can count on a big amount of real users, and not the ones that are bought en masse on the social networks, but for the most part indefinite figures for who a well done cut is the one of a dress from  a low-cost retail chain, flattened on trends of whose inspirations and reasons they would not able to recognize, ready to use all of their competences with a not to be missed post on the seasonal nail enamels.

Anna  Piaggi

Anna Piaggi

The same ones that, some days before, were shipped as kind homage by the company which produces that. Far from being the independent voice one could expert some year ago, they are today a real marketing instrument, “an investment to increase”, as Pietro Negra, President of Pinko said, answering to a question during a recent talk at the University La Sapienza, following a very common habit in the fashion field. It’ s not journalism, that is true, but it often is confused with that, by the one who reads, and unfortunately also by the one who practices it: but journalism is nor an item of expenditure in a company balance, neither those “due homages” representing – as Stefano Dominella candidly admitted – no news, it’s just the minimum for those journalists who followed with interest the activities of brand. The journalism helps to discover, understand, make one think about, make move, by a well done and written reportage, those investments in the realm of marketing, camouflaged as opinion for improving the product and the working conditions of employees, being often a really topical raw nerve”.

QUANDO IL GIORNALISMO DI MODA NON CRITICA PIÙ LA MODA

Isabella Blow, editor-in-chief of Tatler magazine

Isabella Blow, editor-in-chief of Tatler magazine

Ieri un mio caro amico con il quale stavo chiacchierando, mi ha suggerito di leggere un pezzo, di cui è protagonista una brillante critica sulla politica della moda, connessa anche alla politica italiana e a Roma che presto voterà per il suo sindaco. Questo interessante pezzo, scritto da una giovane, promettente giornalista, Claudia Proietti, è incluso nel blog di Seminario Sapienza, collegato ai talks ed eventi che sono stati realizzati dalla Facoltà di Scienze della Moda e del Costume dell’ Università La Sapienza di Roma che sono lieta di condividere con voi, cari FBFers. L’ articolo che segue è una preziosa fonte per pensare, ripensare alla moda, a la cultura della moda, la formazione nell’ ambito della moda, il giornalismo di moda come anche il fashion blogging (che sperabilmente siano più orientati alla cultura e al valore del fare, fare bene, apportando un contenuto, un reale contenuto, qualcosa che nell’ era della generazione del grande fratello – in cui la sovraesposizione giustifica e celebra il vuoto totale, la mancanza di contenuti e etica  – è stata sovente dimenticata o non è stata concretizzata in modo appropriato).

Rankin, fashion photographer, co-founder of Dazed & Confused and founder of The Hunger

Rankin, fashion photographer, co-founder of Dazed & Confused and founder of The Hunger

Domenica 19 maggio David Perluigi e Nello Trocchia de Il Fatto Quotidiano pubblicano un’ inchiesta su uno dei nomi nella lista di Ignazio Marino, candidato a sindaco di Roma nelle elezioni ormai prossime, quello del presidente della maison Gattinoni Stefano Dominella. L’ articolo riporta, con la cura che si addice a un’ inchiesta ben fatta, una storia di fatture pagate con soldi pubblici risalenti al periodo in cui Dominella ha ricoperto l’ incarico di presidente di Altaroma, società a partecipazione pubblica che gestisce la settimana della moda della capitale. Adesso Stefano Dominella si candida al comune incentrando la propria campagna elettorale sulla necessità, tangibile a Roma come in tutta Italia, di investimenti nel settore moda, una delle due o tre voci in costante crescita della nostra economia, e si difende giustificando i regali come omaggi regolarmente autorizzati e fatturati dalla sua società solo per una questione di praticità. Al di là della vicenda, documentata comunque a sufficienza, quello che colpisce è che a firmare l’ inchiesta siano due giornalisti che non hanno nulla a che vedere con la moda, a cominciare dal desiderio di dire le cose come stanno, di esercitare un’ intelligenza e una critica che ormai, una manciata di firme a parte, risulta completamente estraneo al giornalismo di moda italiano, soprattutto quello delle nuove generazioni.

Rita Ora featuring in the cover issue of The Hunger

Rita Ora featuring in the cover issue of The Hunger

Stretto tra una dilagante mancanza di preparazione reale – sulla storia del costume, ma anche sulla storia in generale, sull’ attualità, sulla politica e l’ economia internazionale, se è vero che la moda è ben lontana dall’ essere solo una borsa trendy – e dalla necessità di accontentare gli investitori in anni di crisi della pubblicità e ridefinizione dei propri spazi, il giornalismo di moda italiano perde verve, spirito critico e capacità di mostrare i fatti oltre l’ orlo di un vestito. In un circolo vizioso che vede quei pochissimi nomi “importanti” parlare sempre bene dei soliti stilisti che poi si adoperano in ogni modo per compiacerli, per leggere una riflessione sensata bisogna evitare la stampa di settore o rivolgersi all’ estero, altrimenti è una selva di copia-incolla dai comunicati stampa, informazioni inutili e ridicoli anglicismi.

Jefferson Hack, the co-founder of magazine Dazed & Confused

Jefferson Hack, the co-founder of magazine Dazed & Confused

Il tradizionale ruolo di watchdog del giornalista, cui dovrebbe ambire chiunque svolta questa professione, che lo faccia nei corridoi del Parlamento o in prima fila alle sfilate, è praticamente scomparso – salvo rare eccezioni – dalle pagine di moda delle testate: allettato dall’ osso di omaggi e privilegi o direttamente messo a cuccia dalla prospettiva di veder sparire le inserzioni pubblicitarie del marchio che si è osato criticare. È stato sostituito, in questo prodigioso universo che è la Rete – piattaforma dove a tutti gli effetti vigono le leggi del mondo reale, non sarà mai detto abbastanza, sia quelle  del codice penale sia quelle di deontologia e formazione professionale, completamente ignote invece, queste ultime, al giornalista in pigiama di Andrew Keen – da un numero infinito di dilettanti spesso al secondo semestre di studi di moda che rispondono al nome di fashion blogger. Alcuni veri e propri personaggi con uno stile molto personale – ma nemmeno uno in Italia -, che possono contare su un gran numero di utenti reali, e non quelli comprati a pacchetti sui social, ma per la maggior parte indefinite figure per cui un taglio ben fatto è quello di un abito di una catena low-cost, appiattiti su tendenze di cui non saprebbero riconoscere ispirazioni e ragioni, pronti a mettere in campo tutte le loro competenze con un imperdibile post sugli smalti di stagione.

Maria Luisa Frisa, founder and director of Fashion Design Faculty at Iuav University of Venice

Maria Luisa Frisa, author, critic, fashion curator, founder and director of Fashion Design Faculty at Iuav University of Venice

Quelli che, pochi giorni prima, l’ azienda produttrice ha provveduto a far recapitare loro come gentile omaggio. Lungi dall’ essere la voce indipendente che ci si sarebbe aspettati qualche anno fa, rappresentano oggi un vero e proprio strumento di marketing, un “investimento da potenziare”, come ha risposto a domanda diretta, Pietro Negra, Presidente di Pinko, durante il recente intervento all’ Università La Sapienza, in osservanza di una pratica largamente condivisa nel settore. Non è giornalismo, è vero, ma spesso viene confuso con questo, da chi legge e, quel che è peggio, anche da chi lo pratica: ma il giornalismo non è una voce di spesa in un bilancio aziendale, nemmeno con quei “dovuti omaggi” che, come Stefano Dominella ha candidamente ammesso – nessuna novità, in effetti –, rappresentano il minimo nei confronti di giornalisti che hanno seguito con interesse le attività del marchio. Il giornalismo serve a scoprire, capire, far riflettere: serve a far spostare, con la spina nel fianco di un’ inchiesta ben fatta e ben scritta, quegli investimenti di marketing camuffato da opinione al miglioramento del prodotto e delle condizioni di lavoro dei dipendenti, tasto spesso dolente e quanto mai di scottante attualità”.

The moder of fashion blog, founder of A Shaded View on Fashion blog and the A Shaded View On Fashion Festival and me

Diane Pernet, the mother of fashion blog, founder of A Shaded View on Fashion blog,  A Shaded View On Fashion Film Festival and me