Vincent Law

Vincent Law

 

Vincent Law, is a young, brilliant fashion blogger Hong Kong native and based in Canada, in Calgary, editor of blog on fashion and lifestyle Binzento Vincente. He is part of the current, promising generation of fashion bloggers who create genuine contents and are driven by a pure passion for fashion. I was pleased to talk about with him about his work, inspiration as well as the current status of fashion blogosphere, an idea which was born by talking together and gave rise to a double interview we made via Skype we share today on our blogs, a collaborative project which explores the ideas and value impressed in the blogs, talks about the fashion culture and fashion information under the sign of sharing, a value I celebrate and make concrete with my modest actions.

How did you start fashion blogging?

“This question is perhaps always the first question I ask fashion bloggers. Now that this question gets thrown back at me, I realize that it is not as easy to answer as I thought it would be. After all I was never a journalist, nor studied fashion. The only thing that was carried over my shoulder for fashion was the word ‘passion’. I always knew that if my family had given me more faith in pursuing fashion, I would probably not be picking science as my major. Not that I didn’t like my science background – in fact, I ought to thank my parents for persuading me into that direction, because fashion became a ‘commodity’ in my life, something I can live or live without. The passion for fashion in me grew even more because there is no pressure for me to make a living out of it, and no pressure how people would perceive what I approve or disprove.

My blogging journey started in June 2011. I was (and still am) a freelance reporter who goes around the city interviewing fascinating people and attending events. Calgary, the current city I live in Canada, is not exactly the most fashion-focused place in the world. Despite that, I saw the potential for growth and expansion in this young city. There is so much room for “trial and error” that pretty much whatever you do at that time you can easily be the ‘pioneer’ if successful, especially in fashion. And during that period, there was an uprising of emerging talents, which I really admired. Perhaps the reason why I looked up to these new and emerging fashion designers was because I never got a chance to attempt their paths in my life. Some of these designers were indeed fantastic – they had great designs, craftsmanship, and boldness to start a “fashion revolution”’ in Canada. The major problem here however, was that there was disconnection between our fashion designers here and the rest of the world. No one really knows these people, nor we have the platforms for them to showcase their work, give them their voices, and prove themselves to the world. With that in mind, I decided to start my own fashion blog: Binzento Vincente (http://Binzento.com) specifically for those purposes. I wanted to give as much as possible the space and freedom on my blog to highlight new and emerging fashion designers, artists and talents. The blog also give me the creative space to explore and express myself, in my own words, my thoughts about the past, the present, and the future in fashion. I don’t intend my readers to agree everything I write, but I do appreciate that my blog can help new fashion designers gain exposure.

Another reason why I started my blog was because of my interest in learning. I always tell people my philosophy of ‘curiosity is what keeps us young’. Constant learning to me is important, and from meeting various people understanding their ideas I was able to gain knowledge from it. I believe knowledge is the only thing that will live on when I die, and will get passed along to the next person. In the last couple years, I met so many great people with very creative mindsets. I felt like I learned more in a two-year period than my previous decade in school”.

What are your search and the core of your work?

“When it comes to selecting the stories to write about, I really look for things that come across as genuine, whether its people or events. I like to write about things that will benefit my readers, or add to my knowledge. My interviewees should be someone who has passion for what they do. They must also create things that I feel original and interesting. I also love people who are multi-faceted, and work consistently with an opened mind, and willing to change when necessary. I constantly search for things that inspire me everyday. Some of them don’t even have to be fashion related. Sometimes I come across people who are not in the fashion world, but exhibit a very unique sense of style, either in their sense of fashion or their lifestyle. I find these people absolutely fascinating, and would usually contact them for an interview, for some of them, it’s a special feeling when a blogger wants to invite them to be featured on his blog even though they don’t consider themselves to be anything related to fashion. This is how the column on my blog: Real People w/ Real Styles was born. It’s a feature I try to update regularly about people that I met and found them to be very stylish.

The core of my blog should contain information that I hope my readers would feel ‘Thanks for sharing that, now I know after reading it. I love to incorporate both pictorial and text to elevate the quality of information that is being fed through my blog and social media. I want to accommodate both visual and logical readers. Perhaps that has to do with my science background, where rationality for everything is important. Yet I also don’t want to eliminate any relevant emotions in my writings to personalize my blog, which sometimes are hard to explain through logic sense. When I begin writing a post, the first thing I do is to make a mental note to myself and ask: “what is the purpose of this post?” I think it’s important for a successful blog to be able to explain what each photo represent, or an over view of what the event you attended was about. When I click that “post” button, then I ask myself again : “was the purpose of this post fulfilled?” Sometimes I would go back and review my older posts over and over again, to make sure that I got the message I want across, and also correct any minor grammar errors. After all English is not my mother tongue, so I want to ensure that my post is as near perfect as possible.

I feel that many blogs out there lacked the original content needed to stay unique. Social media such as Tumblr, Facebook and Pinterest have certainly played a central role help building bloggers’ presence and rapid spreading of information but I found that many bloggers only like the idea of “getting famous” for the things they do without wanting to put much effort. It’s absolutely critical for me to appropriately credit and cite works that were by others. The people who created the material spent their countless hours and precious time to generate these contents that were worth sharing. On my blog, I tried to maintain this ideal – taking my own photos, write my own words. It’s not easy when your blog is merely a hobby, a vehicle to satisfy your desire for fashion, especially your daily routine such as daytime job and family commitments are always the top priorities. However I enjoy every minute of it, knowing that some one out there will read what you wrote – your thoughts translated into photos and words”.

What do you think about the status of fashion blogosphere, the current status quo, decadence, further changes and/or what will feature in it during the forthcoming times?

“This is a difficult question to answer, as it is very subjective and many possibilities. One thing like I mentioned before, the current status of fashion blogosphere is the lack of originality. We pay too much attention on the blogger him/herself and not fashion on its own. I like to be called a “good blogger” or “blogger with substance” rather than being noticed with the things I wore or the people I met. It’s a reward I am seeking, to be recognize as a good writer, or content creator. I know I am not the best, but I am willing to learn and fix mistakes. I like criticisms, because I know these are the feedbacks that will help guide me to the next level.

I know that bloggers are often mistaken to be non-professionals and to many businesses, it’s not worth any monetary incentives. This is something I wished to change. It’s not that I believe ‘money’ is a critical issue, but passionate bloggers spent much of their time to research, to write, and to share information – much like a real publication. If a big business is wishing to dap into the blogosphere market to advertise and make profit, I strongly believe in monetary incentive for bloggers, paying them the right amount for their contribution. Though this is not a huge factor for my work, I think sometimes even a thank you note or acknowledge would give the blogger the appreciation they deserve and a testimony for them to move forward. On the other hand, this expectation was never needed for me when working with emerging talents and new designers. My rule of thumb for working with these talents is simply “as long as I like the work, and it gives me positive energy”. I want to showcase their work because I think its something beautiful to add to the blogosphere community.

Competition between fashion blogs is another feature I experienced. I think that if your blog is unique (original), this should never be a problem. Instead of competing, I would rather embrace the fast growing number of bloggers, scout the ones that suit my philosophy, learn the things that they do better, and work together. I am very much for collaboration between bloggers. Like working with Nunzia (Fashion Beyond Fashion Blog) this time for this exchange of blogger ideas in a letter, it’s a voluntary and mutual movement. I really appreciate Nunzia’s take on the fashion world, her words are strong and moving because she writes with reasons. “Fashion Beyond Fashion” is one of those artistic blogs that sees fashion beyond material goods, and focuses on the process, the history, and the creativity behind it.

I am unsure what the forthcoming blogosphere will be like. Humans are readily adaptable to changes, and we in present time (could be a bad thing) evolve parallel to technologies. Bloggers, like many other people, will find themselves trapped always wanting to be the “first” to share the latest fashion scoop or news. Our hands will forever be busy with smartphones taking Instagram photos, updating Facebook status, Tweeting every moment at fashion shows. I do not want to be stuck in this zone, which I have been for a while. Instead of thinking how the blogosphere should change, perhaps every individual blogger should take the responsibility for his/her own actions, and change whatever aspect of their blogs that makes him/her happy. For Binzento Vincente, I hope to continue to write with my heart, contribute filling gaps in the fashion community with unseen talents and giving voice to new designers that deserves to be heard”.

IL BLOGGING DI UN FASHION BLOGGER: IDEE & PERLE DI SAGGEZZA DI BIZENTO VICENTE

vincent 1

Vincent Law, è un giovane, brillante fashion blogger, nato a Hong Kong e residente in Canada, a Calgary, editor del blog di moda e lifestyle Binzento Vincente. Costui fa parte dell’ attuale promettente generazione di fashion bloggers che creano contenuti autentici e sono animati da una pura passione per la moda. Mi ha rallegrato parlare con lui del suo lavoro, della sua ispirazione come anche dell’ attuale stato della blogosfera, un’ idea che è nata parlando insieme e ha dato vita a una doppia intervista che abbiamo realizzato attraverso Skype che oggi condividiamo sui nostri blog, un progetto collaborativo che esplora le idee e valori impressi nei blogs parla della cultura e dell’ informazione di moda all’ insegna della condivisione, valore che celebro e concretizzo con le mie modeste azioni.

Come hai iniziato con il fashion blogging?

“Questa domanda è probabilmente sempre la prima domanda che faccio ai fashion bloggers. Adesso che questa domanda è rivolta a me, comprendo che non sia così facile rispondere a essa come pensavo che fosse. Dopo tutto, non sono mai stato un giornalista, né ho studiato moda. L’ unica cosa che mi ha portato a fianco della moda sia stata la parola “passione”. Ho sempre saputo che se la mia famiglia mi avesse dato più fiducia nel seguire la moda, probabilmente non avrei intrapreso la scienza quale mia facoltà universitaria. Ciò non significa che non apprezzi il mio background culturale – infatti, devo ringraziare i miei genitori per avermi persuaso a intraprendere quella direzione, dal momento che la moda è diventato un “bene” nella mia vita, qualcosa con o senza la quale posso vivere. Peraltro la passione per la moda è cresciuta ancora di più in ragione dell’ assenza in me di alcuna pressione per farmi guadagnare con essa, e nessuna influenza inerente al modo in cui la gente potrebbe accorgersi di ciò che approvo o disapprovo.

Il mio viaggio nel mondo del blogging è iniziato nel giugno 2011. Ero (e sono ancora) un reporter freelance che va in giro per la città a intervistare persone affascinanti e che partecipa a eventi. Calgary, la città del Canada nella quale attualmente vivo, non è esattamente il luogo più attento alla moda che esista al mondo. Nonostante ciò, ho visto il potenziale per la crescita ed espansione in questa giovane città. Esiste una grande possibilità “per tentativi”che a prescindere di ciò che si faccia in un determinato momento, possa diventare il “pioniere” in un ambito se ciò riscuota successo, specialmente nella moda. E in quel periodo, stavano venendo alla ribalta talenti emergenti che davvero ammiravo. Forse la ragione per cui guardavo con ammirazione questi nuovi ed emergenti fashion designers era dovuta al fatto che non ho mai avuto la possibilità nella mia vita di intraprendere il loro cammino. Alcuni di questi designers erano davvero fantastici – avevano un design molto bello, artigianalità e l’ intelligenza per avviare una “rivoluzione della moda” in Canada. Comunque il problema più rilevante che ivi esisteva era dato dalla mancanza di connessione tra i nostri fashion designers e il resto del mondo. Nessuno conosce realmente queste persone, né abbiamo piattaforme per loro al fine di esporre i loro lavori, dar loro voce e affermarsi nel mondo. Avendo in mente ciò, ho deciso di creare il mio fashion blog: Binzento Vincente (http://Binzento.com) specificamente per queste finalità. Volevo offrire il maggiore spazio e la libertà sul mio blog per dar luce ai nuovi ed emergenti fashion designers, artisti e talenti. Il blog mi offre anche lo spazio creative per esplorare ed esprimere me stesso, con le mie parole, i miei pensieri sul passato, il presente e il futuro della moda. Non voglio che i miei lettori concordino su tutto ciò che scrivo, ma apprezzo che il mio blog possa aiutare i nuovi fashion designers ad acquisire visibilità.

Un’ altra ragione per cui ho avviato il mio blog è dovuta al mio interesse nell’ apprendimento. Parlo sempre alla gente della mia filosofia della “curiosità che è ciò che ci mantiene giovani”. L’ apprendimento costante è per me importante e la conoscenza di svariate persone, la comprensione delle loro idee, mi ha consentito di acquisire conoscenza. Credo che la conoscenza sia la sola cosa che vivrà per sempre quando morirò e sarà tramandata a colui che verrà dopo di me. Negli ultimi due anni ho incontrato così tanti meravigliosi individui  dal modo di pensare molto creativa.  Mi è sembrato di avere imparato di più in un periodo di due anni della mia precedente decade a scuola”.

Qual’ è la tua ricerca e il nucleo della tua opera?

“Quando arriva il momento di selezionare le storie su cui scrivere, vado alla ricerca di cose che siano davvero percepite come autentiche inerenti persone oppure eventi. Mi piace scrivere di argomenti che saranno di beneficio ai miei lettori o che alimentano la mia conoscenza. Le persone che io intervisterei dovrebbero essere coloro che hanno passione per ciò chef anno. Devono anche creare cose che ritengo originali e interessanti. Amo anche le persone poliedriche che operano costantemente con una mentalità aperta e sono aperti al cambiamento ove sia d’ uopo. Cerco costantemente che ogni giorno mi ispirano. Alcune di esse non riguardano la moda. Talvolta incrocio persone che non sono nel mondo della moda, ma mostrano un senso dello stile incredibilmente unico, anche nel loro senso della moda o dello stile di vita. Trovo queste persone assolutamente affascinanti e solitamente le contatterei per richiedere un’ intervista. È una sensazione davvero speciale per alcuni di loro quando un blogger vuole invitarli a essere protagonisti del suo blog benché costoro non si considerino collegati in alcun modo alla moda. Questo è il modo in cui è nata la sezione del mio blog Real People w/ Real Styles. È un argomento che mi sforzo di aggiornare regolarmente inerente la gente che ho conosciuto e ritenuto avere molto stile.

Il nucleo del mio blog dovrebbe contenere informazione che spero ingeneri nei miei lettori un “grazie per condividere ciò, adesso so” dopo aver letto ciò. Amo allegare sia contenuto fotografico e testo scritto per elevare la qualità dell’ informazione che è alimentata attraverso il mio blog ed i social media. Voglio soddisfare sia i lettori di immagini che quelli razionali. Forse ciò ha a che fare con il mio background scientifico in cui la razionalità è importante per tutto, pur non volendo eliminare ogni significativa emozione impressa nei miei scritti per personalizzare il mio blog che è talvolta difficile da spiegare attraverso la logica.  Quando comincio a scrivere un post la prima cosa che faccio è tenere a mente e chiedermi “qual’ è la finalità di questo post?” Penso che sia importante per un blog di successo avere la capacità di spiegare ciò che ogni foto rappresenti o una fornire panoramica di ciò che riguardava quell’ evento a cui partecipi.  Quando effettuo il click sul tasso del “post” subito dopo chiedo a me stesso: lo scopo di questo post è stato raggiunto? Talvolta torno indietro e rivedo i miei vecchi post più volte per essere certo che ho concretizzato il messaggio che voglio e correggo anche un qualsiasi errore di grammatica di poca rilevanza. Dopotutto l’ inglese non è la mia lingua madre, pertanto voglio esser certo che il mio post sia il più possibile vicino alla perfezione.

Ritengo che molti blog là fuori siano stati privi di originalità di contenuti per rimanente unici. I social media quali Tumblr, Facebook e Pinterest hanno certamente rivestito un ruolo di centralità aiutando e cementare la presenza dei bloggers e la rapida espansione dell’ informazione, ma credo che a molti bloggers piaccia soltanto l’ idea di “diventare famosi” per le cose che fanno senza però sforzarsi molto. È assolutamente fondamentale per me attribuire e menzionare in modo appropriato i lavori che sono stati fatti da altri, gente che ha creato il materiale, speso innumerevoli ore e tempo prezioso per generare questi contenuti che erano degni di esser condivisi. Mi sono sforzato di mantenere questo ideale – scattando le foto da me, scrivendo a parole mie sul mio blog. Non è facile fare ciò quando il tuo è un mero hobby, un mezzo per soddisfare il tuo desiderio di moda, specialmente la tua routine quotidiana quale il lavoro quotidiano e gli impegni familiari che sono sempre le priorità assolute. Comunque apprezzo ogni minuto di ciò che faccio sul blog, sapendo che qualcuno là fuori leggerà ciò che ho scritto – pensieri tradotti in immagini e parole”.

Cosa pensi dello stato della blogosfera di moda, l’ attuale status quo, decadenza, ulteriori cambiamenti o quale altro saranno di essa protagonisti in futuro?

“Questa è una domanda a cui è difficile rispondere, essendo oltremodo soggettiva e implicando plurime possibilità. Una cosa come ciò che ho menzionato prima, inerente l’ attuale stato della blogosfera è la mancanza di originalità. Diamo troppa attenzione al fashion blogger quale singolo individuo e non alla moda di per sé. Mi piace essere considerato un “buon blogger” o “blogger con contenuto” piuttosto che esser notato in ragione dei capi che ho indossato o le persone che ho conosciuto. È un riconoscimento che sto cercando, essere riconosciuto come un buon scrittore  o creatore di contenuti. So che non sono il migliore, però ho la volontà di imparare e correggere gli errori. Apprezzo la critica, poiché so che questi sono feedbacks che aiuteranno a guidarmi verso un livello ulteriore.

So che i bloggers sono sovente scambiati come individui che non sono professionisti e fanno troppi affari che non sono degni di alcun incentivo monetario. Questo è qualcosa che speravo di cambiare. Non è che creda che il “denaro” sia una question fondamentale, ma appassionati bloggers passano la maggior parte del loro tempo a ricercare, scrivere e condividere informazione – molto più di una pubblicazione reale. Se un grande business si augura di entrare all’ interno della blogosfera per fare pubblicità e profitto, credo fortemente nell’ incentivo monetario per i bloggers che siano pagati la giusta somma per il loro contributo. Benché ciò non sia un fattore enorme per il mio lavoro, penso che talvolta anche una nota di ringraziamento o consenso darebbe al blogger la riconoscenza che meritano e una  prova per progredire. D’ altra parte questa aspettativa non è mai stata per me necessaria nel momento in cui ho lavorato con talenti emergenti e nuovi designers. La mia soddisfazione derivante dal lavorare con questi talenti è semplicemente dovuta al fatto che apprezzo il loro lavoro ed esso mi da energia positiva. Voglio esporre la loro opera poiché è qualcosa di bello da aggiungere alla comunità della blogosfera.

La competizione tra fashion blogs è un’ altro aspetto che ho sperimentato. Penso che se un blog sia unico (originale), ciò non dovrebbe essere mai un problema. Invece di entrare in competizione, abbraccerei piuttosto il sempre più crescenti numero di bloggers, scouts, quelli che  abbracciano la mia filosofia, insegnano le cose che sanno far meglio e lavorano insieme. Sono molto per la collaborazione tra bloggers. Come è l’ esperienza che ho avuto stavolta di lavorare con Nunzia (Fashion Beyond Fashion blog) per questo scambio di idee tra bloggers, è un movimento volontario e reciproco. Apprezzo davvero la dedizione di Nunzia al mondo della moda, le sue parole sono forti e toccano poiché scrive con ragionevolezza. “Fashion Beyond Fashion” è uno di quei blog artistici che vede la moda oltre la materialità data dall’ essere un bene di consumo e si concentra sul processo, sulla storia e creatività che c’è dietro ad essa.

Non sono certo su come sia la blogosfera in futuro. Gli uomini sono facilmente adattabili ai cambiamenti e noi nel momento attuale( potrebbe essere una brutta cosa) evolviamo in parallelo alle tecnologie. I bloggers, come molte altre persone, si troveranno intrappolati sempre nel voler essere il “primo” a condividere l’ ultimo scoop o le ultime notizie in materia di moda. Le nostre mani saranno per sempre occupate a scattare foto con  gli smartphones tramite Instagram,  ad aggiornare lo stato di Facebook, twittare ogni momento in cui si è alle sfilate. Non voglio rimanere incastrato in questa zona in cui sono stato per un pò. Forse, invece di pensare al modo in cui la blogosfera dovrebbe cambiare, ogni blogger dovrebbe individualmente assumersi la responsabilità per le sue azioni e cambiare un qualsiasi aspetto del proprio blog che lo rende felice. Riguardo a Binzento Vincente, spero di continuare a scrivere con il mio cuore, contribuire a colmare le lacune esistenti nella comunità della moda con talenti mai visti e dare voce a nuovi designers che meritano di essere ascoltati”.

fbf 2

www.binzento.com