Nilde Jotti and the stamps featuring her by Poste Italiane

Nilde Jotti and the stamps featuring her by Poste Italiane

Today it’s the Women’s Day, celebration remembering the fights and social, economic and political conquests made by women since early Nineties. It seems spent a long time ago since Italian legal system, the Penal code, set the “honor killing”, type of offence justifying the murderer of a wife who had a love affair with another man, discovered in flagrante delicto by the husband, the murderer who has punished with a light punishment. This circumstance, which has just set by law in any case which a woman would was as betrayer and not a man, was told by “Divorce Italian Style”, film by Pietro Germi from 1961(featuring Marcello Mastroianni and Stefania Sandrelli), age where there was no law about divorce(come in Italy in 1970), evidencing the consideration of woman in the Italian society at that times. I remind this issues as young women often ignore what they have the chance of doing today results from the fights made yesterday by other women. I also think about a woman who is remembered by Poste Italiane, featuring in a series of stamps celebrating the Italian women, Nilde Jotti, activist of Italian Resistance, member of Italian Communist Party who has been the first woman who has been the President of Italian Chamber of Deputies. “We still have to count – remembering the marvelous personality of Nilde Jotti – on the smashing sources of female energies that are involved and enhanced neither in the realm of work, nor in the public life: prejudices and closures, along with the huge waste resulting from that, something which is not tolerable anymore”. Thus the President of Italian Republic Giorgio Napolitano spoke, talking about the condition of women, encouraging their massive emancipation. It has made much, though it’s not enough, it needs to do more and better.

FELICE GIORNATA DELLE DONNE!

Oggi è la Giornata delle donne, celebrazione che ricorda le lotte e le conquiste sociali, economiche e politiche ottenute dalle donne a partire dai primi del Novecento. Sembra passato tanto tempo da quando il sistema giuridico italiano, il codice penale, prevedeva il “delitto d’ onore”, fattispecie di reato che giustificava l’ omicidio di una moglie che aveva una relazione con un altro uomo ed era stata scoperta in flagrante dal marito, l’ assassino che pertanto era punito con una lieve pena. Questa circostanza, che era prevista soltanto dalla legge ove la donna fosse la traditrice e non l’ uomo, era stata raccontata da “Divorzio all’ Italiana”, pellicola di Pietro Germi del 1961(con Marcello Mastroianni e Stefania Sandrelli), epoca in cui non c’era alcuna legge in materia di divorzio( giunta in Italia nel 1970), che sottolinea la considerazione che aveva la donna nella società italiana a quei tempi. Ricordo queste problematiche poichè oggigiorno le giovani donne sovente ignorano che ciò che hanno la possibilità di fare oggi è il risultato delle lotte fatte da altre donne ieri. Ripenso anche a una donna, ricordata da Poste Italiane, protagonista di una serie di francobolli celebrativi delle donne italiane, Nilde Jotti, partigiana, membro del Partito Comunista che è stata la prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei Deputati. “E ancora, abbiamo da contare – mi si lasci ricordare la splendida figura di Nilde Iotti – sulle formidabili risorse delle energie femminili non mobilitate e non valorizzate né nel lavoro né nella vita pubblica: pregiudizi e chiusure, con l’enorme spreco che ne consegue, ormai non più tollerabili”. Così disse il   Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, riferendosi alla condizione delle donne, incoraggiando una loro massiva emancipazione. Molto è stato fatto, ma non è abbastanza, bisogna fare di più e meglio.

Epicureanism on Women's Day: the Mimosa cake, black & white

Epicureanism on Women’s Day: the Mimosa cake, black & white

Advertisements