You are currently browsing the monthly archive for August 2015.

Penny Arcade ft. in WOW 24/7

Penny Arcade ft. in WOW 24/7

I am pleased to share the article featured in WOW24/7 announcing The Scotsman’s first award given to the legendary New York artist Penny Arcade during the 2015 edition of renowned Edinburgh Fringe Festival of the Performative Arts for her work “Longing lasts longer”( show set up at the London Soho theatre). I could say a lot of things about this great artist of whose creative embodies a subversive vision under the sign of freedom, social commitment and genuineness as well as her rush against the gentrification, that process of cultural decline and flattening of the though which is today increased through the web. There would be much more to tell about this priestess of performative arts, but I prefer to make use of the words of the Scotsman’s theatre critic Joyce McMillan who awarded her:

“There’s no defining Penny Arcade. When she climbs on stage to perform her latest one hour show – wearing a dark blue figure-hugging dress, high heels, and a huge slash of red lipstick – the 65-year-old New York underground diva makes it clear in the first minute or so that this is not theatre, nor stand-up comedy, nor even performance art; it is, she says, something else, a rap or maybe a rant, about a few things that have happened to the human mind during her lifetime.

Penny Arcade’s thesis – presented at high speed and accompanied by a thundering mix-tape of musical cues from Arcade’s underground past – is that everyone under about 40 today is a victim of a huge psychological and marketing experiment, in which everyone is permanently wired to the internet, and constantly targeted by various subtle and not-so-subtle forms of advertising and data-mining. Her own age-group, by contrast, she sees as a control group, who grew up and experienced their rebellious youth before these ever-more-complex technologies for invading the mind were in place.

Like any exasperated old hippy, she roars out her scorn for a younger generation who no longer rebel, who seem to want to be like their parents; yet there’s a wildness, a passionate dystopian poetry, in her view of the society in which we now live that is somehow anything but commonplace. It’s not that she is nostalgic for the past, she insists; nostalgia is a cosy and disempowering emotion. It’s that she longs for it – for the freedom that she and her generation enjoyed, in the kind of unwatched urban space that no longer exists.

And as she says, longing lasts longer than any puny feelings of nostalgia or love; long enough, maybe, to power the kind of struggle that might begin to bring that freedom back”.

PENNY ARCADE VINCE L’ EDIZIONE 2015 DEL FRINGE FESTIVAL DELLE ARTI PERFORMATIVE DI EDINBURGO

Penny Arcade

Penny Arcade

Mi rallegra condividere l’ articolo apparso su WOW24/7 che annuncia il primo premio dello Scotsman) di cui è stata insignita la leggendaria artista newyorkese Penny Arcade in occasione dell’ edizione 2015 del rinomato Fringe Festival delle Arti Performative di Edinburgo per il suo lavoro “Longing lasts longer”( show allestito a Londra presso il Soho Theatre). Potrei dire tante cose su questa artista straordinaria il cui iter creativo racchiude una visione sovversiva all’ insegna di libertà, impegno sociale e autenticità come anche il suo impeto contro la populizzazione, quel processo di declino culturale e appiattimento del pensiero incentivato attraverso il web. Ci sarebbe molto altro da raccontare su questa sacerdotessa delle arti performative, preferisco però avvalermi delle parole del critico teatrale dello Scotsman Joyce McMillan che l’ ha premiata:

“Non c’è alcun modo per definire Penny Arcade. Quando sale sul palcoscenico per eseguire il suo ultimo spettacolo di un’ ora – indossando un abito blu scuro che abbraccia la figura, tacchi alti, e un grande strato di rossetto rosso – la sessantacinquenne diva underground newyorkese chiarisce dal sin primo minuto che quello, il suo, non è teatro, né uno spettacolo comico, neppure performance art; è, dice, qualcos’ altro, una chiacchierata o forse un’ invettiva su un paio di cose che sono accadute alla mente umana durante la sua vita.

La teoria di Penny Arcade – esposta ad alta velocità ed accompagnata da un mix di nastri di accenni musicali provenienti dal passato underground della Arcade – è che tutti coloro che sono sotto i 40 anni oggi sono vittime di un gigantesco esperimento psicologico e di marketing, in cui ognuno è continuativamente collegato a internet, e costantemente bersagliato da vari, sottili e meno sottili forme di pubblicità ed estrazione di dati. Il gruppo della sua età, diversamente, lo considera un gruppo di controllo, che è cresciuto ed ha sperimentato la sua ribellione giovanile prima che queste quanto mai più complesse tecnologie per invadere la mente fossero disponibili.

Penny Arcade and Steve Zehentner, photo courtesy of Earl Dax

Penny Arcade and Steve Zehentner, photo courtesy of Earl Dax

Come una vecchia hippy spazientita, urla il suo sdegno verso una generazione più giovane che non è più ribelle, che sembra voler essere come i loro genitori, ; pur essendoci una sfrenatezza, un’appassionata poesia distopica, nella sua visione della società in cui adesso viviamo che è in qualche modo qualsiasi cosa tranne che un luogo comune. La sua non è mera nostalgia per il passato, insiste, la nostalgia è un emozione accogliente e deresponsabilizzante. È il volere ardentemente ciò – la libertà di cui hanno goduto lei e la sua generazione, all’ interno di uno spazio urbano non sorvegliato che non esiste più. .

E come dice il desiderio dura più a lungo di tutti quei deboli sentimenti di nostalgia o amore, dura abbastanza forse, per alimentare una sorta di lotta che potrebbe cominciare a riportare la libertà”.

A sweet memory, me, myself & I along with Penny Arcade

A sweet memory, me, myself & I along  with Penny Arcade

 

 

www.wow247.co.uk

www.penny-arcade.com

 

Genesis P-Orridge

Genesis P-Orridge

Weeks ago I talked about the dignification of trans people into the mainstream culture, considering also Caitlyn Jenner’ s featuring in the cover of Vanity Fair, circumstance I welcomed. I also talked about it with one of the most emblematic artists and intellectuals from the queercore movement, the filmmaker, photographer and author Bruce LaBruce who, instead – though he appreciated my hopeful point of view under the sign of freedom and dignity for all, something going beyond gender, mere cliché on which the conventional thinking and dialectics was built -, was very skeptical, as all happened relying to mainstream’s standards, that set of values or rather non-values that are the core of its culture. Days ago it appeared on Dazed Digital a piece where an iconic and visionary artist, the pandrogynous Genesis P-Orridge – front-man of Throbbing Gristle and Psychic TV, being part of the aristocracy of underground and he is one of the father of industrial music -, explained why Caitlyn Jenner cannot be a spokerperson. This article I am pleased to share embodies some relevant issues concerning the gender identity as well as a consciousness, arising from the vibrant Genesis’ thought: “binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person”.

“When Caitlyn Jenner had the most glamorous coming-out moment of all time via the cover ofVanity Fair, it marked a historical moment for many reasons. Not only did it catapult trans awareness to the mainstream, but it also displayed a huge amount of courage, and set an example of inclusivity in a world still blighted by transphobia.

However, as many rightly pointed out, Caitlyn’s experience as a rich, white American trans person is radically different to the experience of trans people without her celebrity status and situation, particularly trans people of colour from low-income backgrounds, who are much more likely to experience violence and hate crimes based on their identity.

In an hour-long podcast discussion with Against Me!’s Laura Jane Grace, pandrodgynous musician, avant-garde artist and Throbbing Gristle icon Genesis Breyer P-Orridge echoed the idea that Caitlyn Jenner should be careful about referring to herself as a spokesperson for the wider trans community.

“Apparently Caitlyn is already saying things like, ‘It’s so difficult being a woman and having to decide which designer gown to wear when you go out at night’… That’s not being a woman, that’s being a glamorous Hollywood figure and that’s not how it is for most people. There are lots of teenage kids on the streets of New York who are hustling and risking Aids because they need to get money to transition, and they’re prepared to risk their lives because it’s such a deep need, and they don’t have that back-up system.”

“We’re not saying Caitlyn isn’t courageous in terms of the personal experience, but the way it’s being presented by the media could end up being really, really damaging. We actually saw one thing on the news and Caitlyn’s going, ‘I feel like I can be a spokesperson for the transgendered community.’ And later on she says, ‘I actually don’t know any transsexuals.’ What the fuck, she’s going to be spokesperson? She hasn’t got a clue! She’s been living in her own bubble with her own issues, dealing with them, but she doesn’t understand what it’s like for the ladyboys in Bangkok, or the transsexuals in Japan or people in Russia. She doesn’t know! Stop being a spokesperson.”

Genesis, who transitioned in 1993 to become pandrogynous, or non-gender specific, then shared their own perspective on gender identity. “Binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person.

GENESIS P-ORRIDGE: “CAITLYN JENNER NON É UNA PORTAVOCE”

Caitlin Jenner, photo by Annie Leibovitz

Caitlyn Jenner, photo by Annie Leibovitz

Tempo fa ho parlato della dignificazione dei trans all’ interno della cultura di mainstream, prendendo in considerazione anche l’ apparizione di Caitlyn Jenner sulle copertine di Vanity Fair, circostanza da me accolta con plauso. Ne ho pure parlato con uno degli artisti e intellettuali più emblematici del movimento queercore, il regista, fotografo e scrittore Bruce LaBruce che invece – pur apprezzando il mio punto di vista, pieno di speranza e all’ insegna della libertà e dignità di tutti, qualcosa che va ben oltre il gender, mero cliché su cui si è strutturato il pensiero e la dialettica convenzionale – era molto scettico, poiché tutto accadeva in base ai crismi del mainstream quella serie di valori o meglio disvalori su cui si basa la sua cultura. Giorni fa è apparso su Dazed Digital uno scritto in cui un iconico e visionario artista, il pandrogino Genesis P-Orridge – leader dei Throbbing Gristle e degli Psychic TV, che fa parte dell’ aristocrazia dell’ underground ed è uno dei padri della musica industrial -, ha spiegato le ragioni per cui Caitlyn Jenner non possa essere una portavoce. Questo articolo, che sono lieta di condividere, racchiude alcune rilevanti questioni inerenti l’ identità di genere e anche una consapevolezza che nasce dal vibrante pensiero di Genesis: “i sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona”.

“Quando Caitlyn Jenner ha avuto il momento di coming-out più glamour di tutti i tempi per effetto della copertina su Vanity Fair, ciò ha rappresentato un momento storico per molteplici ragioni. Non ha soltanto catapultato la coscienza trans nel mainstream, ma ha anche mostrato una enorme dose di coraggio, e stabilito un’ esempio di inclusività in un mondo che è ancora segnato dalla transfobia.

In ogni caso, come molti hanno giustamente osservato, l’ esperienza di Caitlyn da trans americana, ricca, bianca è del tutto diversa dall’ esperienza dei trans che sono privi del suo stato di celebrità e della sua occupazione, in particolare i trans di colore provenienti da contesti a basso reddito, che presumibilmente sperimentano molto di più la violenza e i reati di odio che si basano sulla loro identità.

Nel podcast di una conversazione di un’ ora con Laura Jane Grace di Against Me! , il musicista pandrogino, artista d’ avanguardia ed icona dei Throbbing Gristle Genesis Breyer P-Orridge ha ribadito che Caitlyn Jenner dovrebbe fare attenzione a descriversi come una portavoce per la più grande comunità trans.

“Apparentemente Caitlyn sta già dicendo cose come, ‘è così difficile essere una donna e dovere decider quale abito da sera di quale designer indossare per uscire la sera’… Questo non è essere una donna, è essere un personaggio hollywoodiano glamour e ciò non è così per molte persone. Ci sono un sacco di teenager sulle strade di New York che si prostituiscono e rischiano l’ Aids perché hanno bisogno di avere soldi per il processo di transizione, e sono pronti a rischiare le loro vite perché il loro è un bisogno talmente profondo, e sono privi di quel sistema di back-up.”

“Non stiamo affermando che Caitlyn non sia coraggiosa in termini di esperienza personale, ma il modo in cui ciò è presentato dai mass-media potrebbe essere davvero, notevolmente dannoso. Attualmente abbiamo visto una cosa nelle cronaca e  l’ uscita di Caitlyn, ‘sento di poter essere un portavoce per la comunità transgender.’ E dopo afferma, ‘in verità non conosco alcun transessuale.’ E che cazzo, sta per diventare un portavoce?  Ne ha la benché minima idea! Sta vivendo nella sua bolla con le sue problematiche, che affronta, ma non comprende quello che passano i ladyboys a Bangkok, o i transessuali in Giappone oppure la gente in Russia. Non lo sa! Smettila di essere un portavoce.

Genesis, che nel 1993 ha effettuato il processo di transizione per diventare pandrogino o non-gender specific, ha poi condiviso il suo punto di vista sull’ identità di gender. “ I sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona.

www.dazeddigital.com

John Malkovich

John Malkovich

A successful collaboration continues, the one between John Malkovich and Michael Sturminger – who directed the operaThe Giacomo Variations”,  and the movieCasanova Variations” starring the iconic actor as the greatest seductor of all times, Giacomo Casanova – and enriches by the teaming with Martin Haselböck and gives rise to “The infernal comedy. Confessions of a serial killer”, a play which will feature in the 2015 edition of Bucharest International George Enescu Festival and will be staged on 9th September 2015 at the Sala Palatului. An unusual work like everyone imagines when it’s involved John Malkovich ( who also recently features in a smashing video of French band AaRON to launch “We cut the night”, the new album it made which will be released on September about which I tell you much more during the forthcoming days), who tells about Jack Unterweger, a dead serial killer who returns on the stage to present his autobiography during a public reading. To expect the unexpected is the categorical imperative connected to this play where the being John Malkovich blends with music by Beethoven, Haydn, Weber and Mozart and successfully makes concrete the presence of moment, paradigm which is the cornerstone of dramatic arts.

“THE INFERNAL COMEDY. CONFESSIONS OF A SERIAL KILLER” UN PROGETTO DI JOHN MALKOVICH PROTAGONISTA DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE GEORGE ENESCU DI BUCAREST

John Malkovich

John Malkovich

Una felice collaborazione continua, quella tra John Malkovich e Michael Sturminger – che ha diretto l’ opera “The Giacomo Variations” ed il filmThe Casanova variations” di cui è protagonista l’ iconico attore nelle vesti del più grande seduttore di tutti i tempi, Giacomo Casanova – e si arricchisce della collaborazione con Martin Haselböck e dà vita a “The infernal comedy. Confessions of a serial killer”(“La commedia infernale. Confessioni di un serial killer”), una  pièce che sarà protagonista dell’ edizione 2015 del Festival Internazionale George Enescu di Bucarest e andrà in scena il 9 settembre 2015 presso la Sala Palatului. Un insolito lavoro, come si può ben immaginare quando è coinvolto John Malkovich ( che recentemente appare anche in un simpatico video della band francese AaRON che promuove l’ uscita di “We cut the night”, il loro nuovo album che sarà pubblicato in settembre sul quale parlerò più ampiamente nei prossimi giorni), che è incentrato su Jack Lo Squartatore, un serial killer morto che torna sul palco per presentare la sua autobiografia in occasione di un reading. Aspettarsi l’ inaspettato è l’ imperativo categorico connesso a quest’ opera in cui l’ essere John Malkovich si fonde con le musiche di Beethoven, Haydn, Weber and Mozart e concretizza la presenza del momento, paradigma che è il fondamento delle arti drammatiche.

John Malkovich

John Malkovich

www.festivalenescu.ro

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Black, its light, fundamental track of work by the brilliant photographer Mustafa Sabbagh will feature in “Tuxedo Riot”, solo exhibition included in the calendar of SI Fest 2015 Savignano Images Festival which will be held from 11th to 27th September 2015 in Savignano sul Rubicone at the Ex Consorzio di Bonifica. Here it will be presented a showcase a series of works exploring the revolutionaries, their attitude, a rush which starts from the incisive and sophisticated elegance of a dress, the tuxedo, giving rise to a harmony where the outer becomes the container of  inner, a subversive and vibrant thought nullifying what is obvious and conventional. Black shines, darkness dye with tears and blood, lust for life, passion, eroticism and freedom. That is the Mustafa’s black, primary primary pigment, a non-coloured color, absorbing the light of other colors and talking about the darkest and deepest sides of soul, emotions and feelings making part of humanity. An intense lyricism speaks up in silence and is emphasized by other unseen works, photo portraits of men, women and nature that will be presented during this not to be missed happening, successful chance to discover and love the work by a genuine artist.

“TUXEDO RIOT”, PASSIONE, ELEGANZA & ANARCHIA VISTA DA MUSTAFA SABBAGH

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Il nero, la sua luce, traccia imprescindibile dell’ opera del brillante fotografo Mustafa Sabbagh, sarà protagonista di “Tuxedo Riot”, mostra inclusa nel calendario del SI Fest 2015 Savignano Immagini Festival che si terrà dall’ 11 al 27 settembre 2015 a Savignano sul Rubicone presso l’ Ex Consorzio di Bonifica. Ivi sarà presentata una rassegna di lavori che esplorano i rivoluzionari, la loro attitudine, un impeto che inizia dall’ incisiva e raffinata eleganza di un abito, lo smoking e dà vita a un’ armonia in cui l’ esteriorità diventa  l’ involucro dell’ interiorità, di un sovversivo e vibrante pensiero che vanifica l’ ovvio e il convenzionale. Il nero splende, le tenebre si tingono di lacrime e sangue, brama di vita, passione, erotismo e libertà. Questo è il nero di Mustafa, pigmento primario, colore non colore che assorbe la luce degli altri colori e parla dei lati più oscuri e profondi dell’ animo, di emozioni e sentimenti che fanno parte dell’ umanità. Un intenso lirismo urla in silenzio ed è enfatizzato da altri lavori inediti, ritratti di uomini, donne e della natura che saranno presentati in occasione di questo imperdibile evento, felice occasione per scoprire e amare un autentico artista.

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

 

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

www.mustafasabbagh.com

"Beauty will daze you" by Enzo Cosimi

“Beauty will daze you” by Enzo Cosimi

 

It will be held on 30th and 31st August 2015 at the Cagliari Theatre “Beauty will daze you”, a performance/installation by the choreographer Enzo Cosimi who reinterpreted “Venus of the rags” by Michelangelo Pistoletto and teamed with the bright fashion designer Fabio Quaranta who created the costumes of event, including also a sliver of womenswear Spring/Summer 2016 collection which will be presented during the Paris Fashion Week. It’s a dreamlike tale, dying with a rarefied and suspended inquietude and exploring the archetype of homeless, its royal solitude, its being an outsider who peoples an underground world and lives at the edge of contemporary society. A not to be missed happening to enjoy art dialoguing with fashion.

“LA BELLEZZA TI STUPIRÀ”, LA PERFORMANCE/INSTALLAZIONE DI ENZO COSIMI AL TEATRO CIVICO DI CASTELLO DI CAGLIARI

"Venus of the rags", Michelangelo Pistoletto 1967

“Venus of the rags”, Michelangelo Pistoletto 1967

Si terrà il 30 e 31 agosto 2015 presso il Teatro Civico di Castello di Cagliari “La bellezza ti stupirà”, una performance/installazione del coreografo Enzo Cosimi il quale ha reinterpretato la “Venere degli stracci” di Michelangelo Pistoletto ed ha collaborato con il brillante fashion designer Fabio Quaranta che ha creato i costumi dell’ evento, comprensivi anche di un frammento della sua collezione donna primavera/estate 2016 che sarà presentata in occasione della Fashion Week parigina. È un racconto fiabesco, che si tinge di un’ inquietudine sospesa e rarefatta ed esplora l’ archetipo dell’ homeless, la sua regale solitudine, il suo essere un outsider che popola un mondo sotterraneo e vive ai margini della società contemporanea. Un imperdibile happening per apprezzare l’ arte che dialoga con la moda.

Me, myself & I along with Fabio Quaranta, photo by N

Me, myself & I along with Fabio Quaranta, photo by N

 

 

The freedom of movement is the paradigm successfully made concrete by “Studio Yoga”, the Adidas by Stella McCartney for Adidas Fall/Winter 2015 sportswear collection. A catchy aesthetics joins the comfort of creations as the graduated compression and seamless bodysuits, assuring balance and support for all of the yoga positions as well as the innovative technology Climalite®, helping to hold the posture. New technologies are also embodied in the parka Studio, enriching by a refined floral jacquard patterns inspired by the ready- to-wear collection Stella made and featuring Climastorm®, which makes highly antiperspirant, wind resistant this garnment and it’s great to wear during the variable Fall weather.

SPORTSWEAR, ELEGANZA & LIBERTÀ DI MOVIMENTO: “STUDIO YOGA” DI STELLA MCCARTNEY PER ADIDAS

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

La libertà di movimento è il paradigma felicemente concretizzato da “Studio Yoga”, la collezione di sportswear autunno/inverno 2015 di Adidas by Stella McCartney. Un’ accattivante estetica si unisce al comfort di creazioni quali il body a compressione e senza cuciture che garantisce stabilità e supporto per tutte le posizioni yoga come anche l’ innovativa tecnologia Climalite®, che aiuta a mantenere la posture. Nuove tecnologie sono racchiuse anche nel parka Studio, che si arricchisce di raffinati motivi jacquard floreali  ed ha quale protagonista Climastorm®, che rende questo capo altamente traspirante e resistente al vento, ideale da indossare durante il variabile clima autunnale.

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

 

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

 

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

 

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

 

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

Adidas by Stella McCartney Fall/Winter 2015

 

www.adidas.it

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

Decadent suggestions are embodied in “La Belle Epoque”, the Fall 2015 underwear collection by For Love & Lemons, brand created by the Los Angeles fashion designers duo formed by Gillian Rose Kern and Laura Hall. Romanticism joins sensuality, it’s a smashing play of lace, transparencies and floral decorations that shine in the catchy creations, unusual constructions – as the bustier bra -, pay homage to the femininity and are under the sign of elegance and comfort.

“LA BELLE EPOQUE”, LE DECADENTI SUGGESTIONI DELLA LINGERIE DI FOR LOVE & LEMONS

For Love & Lemons

For Love & Lemons

Decadenti suggestioni sono racchiuse “La Belle Epoque”, la collezione lingerie autunno 2015 di For Love & Lemons, brand creato dal duo di fashion designer di Los Angeles formato da Gillian Rose Kern e Laura Hall. Il romanticismo si unisce alla sensualità, un formidabile gioco di pizzo, trasparenze e decorazioni floreali che splendono nelle accattivanti creazioni, insolite costruzioni – come il reggiseno bustier – che rendono omaggio alla femminilità e sono all’ insegna di eleganza e comfort.

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

For Love & Lemons

For Love & Lemons

 

www.forloveandlemons.com

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Lysergic insecta dissest” is the new collection by the brand Vernissage jewellery, created by the bright jewellery designer  Ilenia Corti where gold and silver enriches by colored enamels, a precious manufacture evidencing the wise craftsmanship made in Italy by the brand. Vibrant suggestions coming from the natural world, its little hosts are the main features, giving rise to an lyrical tale on contemporary femininity, which is strong and at the same time fragile, emphasized by the illustrations by Ivo Bisignano, joining past and present, depicting iconic personas as Theda Bara, Maya Deren, Virginia Woolf, Lillian Gish,  Liv Ullmann, legendary women who dressed the creations by Ilenia.

“LYSERGIC INSECTA DISSECT”, IL VIBRANTE IMMAGINARIO DI VERNISSAGE JEWELLERY

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Lysergic insecta dissest” è la nuova collezione del brand Vernissage jewellery, creato dalla brillante designer di gioielli Ilenia Corti, in cui l’ oro e l’ argento si arricchiscono di smalti colorati, preziose lavorazioni che testimoniano la sapiente artigianalità del marchio. Protagoniste vibranti suggestioni provenienti dal mondo della natura, dai suoi piccoli ospiti che danno vita a un racconto lirico sulla femminilità contemporanea, forte e al tempo stesso fragile, enfatizzata dalle illustrazioni del talentuoso Ivo Bisignano, che uniscono presente e passato in cui sono ritratti iconici personaggi quali Theda Bara, Maya Deren, Virginia Woolf, Lillian Gish, Liv Ullmann, donne leggendarie che indossano le creazioni di Ilenia.

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Vernissage jewellry

Vernissage jewellry

 

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Vernissage jewellery

Vernissage jewellery

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

Ivo Bisignano

Ivo Bisignano

 

www.vernissageproject.com

NO

It will be released on 25th September 2015, “Music complete”(Mute), the new album of celebrated post-punk band New Order, arisen from the ashes of the legendary Joy Division (an unforgettable music experience which sadly ended with the suicide of its front-man, Ian Curtis) and headed by Bernard Sumner. The album includes 11 music tracks – one of them, “Restless” was released some days ago – and is produced by New Order except the track “Singularity” and “Unlearn this hatred”, both produced by Tom Rowlands (Chemical Brothers) as well as “Superheated”, produced by Stuart Price. This work also features many celebrated guests, invited at the recording studio as Brandon Flowers (the front-man of The Killers for the track “Superheated”), Iggy Pop (for “Stray dog”) and Elly Jackson, known as La Roux (for “Tutti frutti”, “People on the high line” and “Plastic”). A not to be missed album for all the ones who love the new-wave and synth pop music.

“MUSIC COMPLETE”, IL NUOVO ALBUM DEI NEW ORDER

Sarà pubblicato il 25 settembre 2015, “Music complete”(Mute), il nuovo album della celebre band post-punk New Order, nata dalle ceneri dei Joy Division (indimenticabile esperienza musicale che si è tristemente conclusa con il suicidio del suo leader, Ian Curtis) ed è guidata da Bernard Sumner. L’ album include 11 brani – uno di essi, “Restless”, è stato pubblicato qualche giorno fa – ed è prodotto dai New Order, ad eccezione della traccia “Singularity” ed “Unlearn this hatred”, entrambi prodotti da Tom Rowlands (Chemical Brothers) come anche “Superheated”, produced by Stuart Price. Questo lavoro ha quali protagonisti celebri ospiti, che sono stati invitati in sala di ripresa, quali Brandon Flowers ( il leader di The Killers per il brano “Superheated”), Iggy Pop (per “Stray dog”) ed Elly Jackson, conosciuta come La Roux (per “Tutti frutti”, “People on the high line” e “Plastic”). Un album imperdibile per tutti coloro che amano la musica new-wave e synth-pop.

www.neworder.com