You are currently browsing the category archive for the ‘sharings’ category.

Genesis P-Orridge, photo courtesy Dazed Digital

Genesis P-Orridge, photo courtesy Dazed Digital

I am pleased of sharing the following piece, released days ago on Dazed Digital, the virtual platform of British magazine Dazed & Confused talking about the next campaign of Marc Jacobs – where the mainstream meets the aristocracy of underground – which will feature Genesis P-Orridge, relevant persona, icon of underground culture, vibrant artist, genius musician (front-man of Throbbing Gristle and Psychic TV) and guru or rather founder of TOPY (the Temple Ov Psychic Youth, embodying and developing the ideas of Aleister Crowley, later evolved into Autonomous Individuals Network (AIN). Since 2010 P-Orridge activated the One True Topi Tribe, a reactivation of sorts of the original Temple Ov Psychick Youth, focused on creating an intentional artists community).

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy Dazed Digital

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy Dazed Digital

“An image posted to Instagram saw the musician and performance artist looking very like the models at the designer’s most recent show

“When you just can’t wait to LEAK.” So wrote Marc Jacobs last night on Instagram, regramming a photo of musical and artistic icon Genesis P-Orridge to his account – and thus seeming to reveal h/er ( en: it would be more correct “V”, pronoun, being its use recognized by Oxford Dictionary for meaning all the ones like the transgender and others would be neutral or fluid to the gender or rather the conventional categories male and female, but I held the text as it was, as I didn’t write it, I just only shared it. Furthermore the artist is known for featuring as panelist of talks and symposiums that were held in famous universities as Yale where V talked about V’s experience, being Pandrogynous, entity formed by V and the late wife Lady Jaye) as one of the faces for his upcoming campaign. In the image, P-Orridge (who found notoriety as part of performance-art-slash-music group COUM Transmissions, as well as with acts including Throbbing Gristle and Psychic TV) was pictured with the very particular pin-curled hairstyle, dark eyes and thin brows donned by models at the designer’s AW16 show in March.

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy of Dazed Digital

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy of Dazed Digital

Since AW15, Marc Jacobs has used his campaigns as a platform to gather his inspirational band of friends and muses, preferring to drop the images directly on Instagram rather than send around press releases. Past stars have included names as diverse as Winona Ryder, Cher and Willow Smith.

Apparently, the pandrogynous icon P-Orridge (who underwent a series of surgeries from 1993 with late wife Lady Jaye Breyer to transform themselves into one person) spent h/er time on set chatting to Susan Sarandon and bonding over their shared friendship with the Timothy Leary. Leary – the writer and countercultural icon known for publicising psychedelic drugs in the 60s and 70s – and P-Orridge struck up a friendship after Genesis was forced into exile from the UK, with the academic inviting h/er to stay at his Californian home.

It’s not the first time P-Orridge has dipped h/er toes into the industry – having recently starred in a Dazed-debuted video for non-demographic denim label 69 and teamed up with Yang Li for a collaborative collection. However, s/he’s keen to keep it at arm’s length. “My entire life has been avoiding fashion whenever possible except for a couple of exceptions”,”s/he told us back in February – but we can safely assume Jacobs’ work will be one such exception”.

MODA, CULTURA UNDERGROUND & LA SUA ICONA: GENESIS P-ORRIDGE SARÀ PROTAGONISTA DELLA PROSSIMA CAMPAGNA PUBBLICITARIA DI MARC JACOBS

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy Dazed Digital

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy Dazed Digital

Mi rallegra condividere lo scritto che segue, pubblicato giorni fa da Dazed Digital, la piattaforma virtuale del magazine inglese Dazed & Confused che parla della prossima campagna pubblicitaria di Marc Jacobs – in cui il mainstream incontra l’ aristocrazia dell’ underground – di cui sarà protagonista Genesis P-Orridge, personaggio emblematico, icona della cultura underground, vibrante artista, geniale musicista (leader dei Throbbing Gristle e degli Psychic TV) e guru o meglio fondatore del TOPY , the Temple Ov Psychic Youth, che racchiude in sé e consolida le idee di Aleister Crowley, successivamente evoluto nell’ Autonomous Individuals Network (AIN). A partire dal 2010 P-Orridge ha attivato la One True Topi Tribe, una riattivazione delle sorti dell’ originario Temple Ov Psychick Youth, incentrata sul creare una comunità intenzionale di artisti.

MJAI2

Marc Jacobs Fall/Winter 2016, photo courtesy of Dazed Digital

Un’ immagine postata su Instagram rivela che il musicista e performance artist sembra molto simile alle modelle della sfilata più recente del designer.

“Quando non vedi l’ora che SI VENGA A SAPERE”. Così ha scritto Marc Jacobs la notte scorsa su  Instagram, condividendo una foto dell’ icona musicale e artistica Genesis P-Orridge  tramite il suo  account – e che così sembra svelare che lui/lei ( nda: sarebbe più corretto “V”, pronome il cui uso è riconosciuto dall’ Oxford Dictionary per indicare tutti coloro che come i trans  e altri siano neutrali o fluidi al gender ovvero alle categorie convenzionali maschile e femminile, ma ho mantenuto il testo così come è, non essendo da me stato scritto, ma condiviso. L’ artista peraltro è noto per aver parlato nelle vesti di panelist durante talk e simposi a prestigiose università quali Yale della sua esperienza, dell’ esser Pandrogino, creatura formata da lui e dalla defunta moglie Lady Jaye) sia uno dei volti della sua prossima campagna pubblicitaria. Nella foto, P-Orridge (che si è fatto conoscere per esser parte del collettivo artistico-musicale COUM Transmissions, come anche dei Throbbing Gristle e degli Psychic TV) appariva con la medesima particolare acconciatura ondulata, gli occhi scuri e le sopracciglia sottili che avevano le modelle alla sfilata della collezione autunno/inverno 2016 a marzo.

A partire dalla collezione autunno/inverno 2015, Marc Jacobs ha usato le sue campagne pubblicitarie come una piattaforma per riunire il suo gruppo ispiratore di amici e muse, preferendo  far circolare le immagini direttamente su Instagram piuttosto che inviarle in giro per uffici stampa. Le star precedenti avevano compreso nomi talmente diversi Winona Ryder, Cher e Willow Smith.

Apparentemente, l’ icona pandrogina P-Orridge (che si è sottoposto a una serie di interventi chirurgici dal 1993 con la defunta moglie Lady Jaye Breyer per trasformarsi in un’ unica persona) ha passato il tempo sul set a chiacchierare con Susan Sarandon ed affezionarsi alla loro amicizia condivisa con Timothy Leary. Leary – lo scrittore e icona della contro-cultura noto per pubblicizzare droghe psichedeliche negli anni ‘60 e ‘70 – e P-Orridge sono diventati amici dopo che Genesis era stato costretto all’ esilio dal Regno Unito, è stato invitato dall’ accademico a stare nella sua casa in California.

Non è la prima volta che P-Orridge si è trovato a fare cose nell’ industria della moda – essendo recentemente stato protagonista di un video di esordio di Dazed  per l’ etichetta di denim non-demografica 69 ed ha collaborato con Yang Li per una collezione collaborativa. In ogni modo, costei/costui (nda: V) è così intelligente a mantenere una certa distanza. “In tutta la mia vita ho evitato la moda ogni volta che potevo escluse soltanto un paio di eccezioni”, così ci diceva a febbraio – ma ovviamente possiamo di cerco dedurre che il lavoro di Jacobs costituirà una di queste eccezioni”.

www.dazeddigital.com

 

Advertisements
Penny Arcade ft. in WOW 24/7

Penny Arcade ft. in WOW 24/7

I am pleased to share the article featured in WOW24/7 announcing The Scotsman’s first award given to the legendary New York artist Penny Arcade during the 2015 edition of renowned Edinburgh Fringe Festival of the Performative Arts for her work “Longing lasts longer”( show set up at the London Soho theatre). I could say a lot of things about this great artist of whose creative embodies a subversive vision under the sign of freedom, social commitment and genuineness as well as her rush against the gentrification, that process of cultural decline and flattening of the though which is today increased through the web. There would be much more to tell about this priestess of performative arts, but I prefer to make use of the words of the Scotsman’s theatre critic Joyce McMillan who awarded her:

“There’s no defining Penny Arcade. When she climbs on stage to perform her latest one hour show – wearing a dark blue figure-hugging dress, high heels, and a huge slash of red lipstick – the 65-year-old New York underground diva makes it clear in the first minute or so that this is not theatre, nor stand-up comedy, nor even performance art; it is, she says, something else, a rap or maybe a rant, about a few things that have happened to the human mind during her lifetime.

Penny Arcade’s thesis – presented at high speed and accompanied by a thundering mix-tape of musical cues from Arcade’s underground past – is that everyone under about 40 today is a victim of a huge psychological and marketing experiment, in which everyone is permanently wired to the internet, and constantly targeted by various subtle and not-so-subtle forms of advertising and data-mining. Her own age-group, by contrast, she sees as a control group, who grew up and experienced their rebellious youth before these ever-more-complex technologies for invading the mind were in place.

Like any exasperated old hippy, she roars out her scorn for a younger generation who no longer rebel, who seem to want to be like their parents; yet there’s a wildness, a passionate dystopian poetry, in her view of the society in which we now live that is somehow anything but commonplace. It’s not that she is nostalgic for the past, she insists; nostalgia is a cosy and disempowering emotion. It’s that she longs for it – for the freedom that she and her generation enjoyed, in the kind of unwatched urban space that no longer exists.

And as she says, longing lasts longer than any puny feelings of nostalgia or love; long enough, maybe, to power the kind of struggle that might begin to bring that freedom back”.

PENNY ARCADE VINCE L’ EDIZIONE 2015 DEL FRINGE FESTIVAL DELLE ARTI PERFORMATIVE DI EDINBURGO

Penny Arcade

Penny Arcade

Mi rallegra condividere l’ articolo apparso su WOW24/7 che annuncia il primo premio dello Scotsman) di cui è stata insignita la leggendaria artista newyorkese Penny Arcade in occasione dell’ edizione 2015 del rinomato Fringe Festival delle Arti Performative di Edinburgo per il suo lavoro “Longing lasts longer”( show allestito a Londra presso il Soho Theatre). Potrei dire tante cose su questa artista straordinaria il cui iter creativo racchiude una visione sovversiva all’ insegna di libertà, impegno sociale e autenticità come anche il suo impeto contro la populizzazione, quel processo di declino culturale e appiattimento del pensiero incentivato attraverso il web. Ci sarebbe molto altro da raccontare su questa sacerdotessa delle arti performative, preferisco però avvalermi delle parole del critico teatrale dello Scotsman Joyce McMillan che l’ ha premiata:

“Non c’è alcun modo per definire Penny Arcade. Quando sale sul palcoscenico per eseguire il suo ultimo spettacolo di un’ ora – indossando un abito blu scuro che abbraccia la figura, tacchi alti, e un grande strato di rossetto rosso – la sessantacinquenne diva underground newyorkese chiarisce dal sin primo minuto che quello, il suo, non è teatro, né uno spettacolo comico, neppure performance art; è, dice, qualcos’ altro, una chiacchierata o forse un’ invettiva su un paio di cose che sono accadute alla mente umana durante la sua vita.

La teoria di Penny Arcade – esposta ad alta velocità ed accompagnata da un mix di nastri di accenni musicali provenienti dal passato underground della Arcade – è che tutti coloro che sono sotto i 40 anni oggi sono vittime di un gigantesco esperimento psicologico e di marketing, in cui ognuno è continuativamente collegato a internet, e costantemente bersagliato da vari, sottili e meno sottili forme di pubblicità ed estrazione di dati. Il gruppo della sua età, diversamente, lo considera un gruppo di controllo, che è cresciuto ed ha sperimentato la sua ribellione giovanile prima che queste quanto mai più complesse tecnologie per invadere la mente fossero disponibili.

Penny Arcade and Steve Zehentner, photo courtesy of Earl Dax

Penny Arcade and Steve Zehentner, photo courtesy of Earl Dax

Come una vecchia hippy spazientita, urla il suo sdegno verso una generazione più giovane che non è più ribelle, che sembra voler essere come i loro genitori, ; pur essendoci una sfrenatezza, un’appassionata poesia distopica, nella sua visione della società in cui adesso viviamo che è in qualche modo qualsiasi cosa tranne che un luogo comune. La sua non è mera nostalgia per il passato, insiste, la nostalgia è un emozione accogliente e deresponsabilizzante. È il volere ardentemente ciò – la libertà di cui hanno goduto lei e la sua generazione, all’ interno di uno spazio urbano non sorvegliato che non esiste più. .

E come dice il desiderio dura più a lungo di tutti quei deboli sentimenti di nostalgia o amore, dura abbastanza forse, per alimentare una sorta di lotta che potrebbe cominciare a riportare la libertà”.

A sweet memory, me, myself & I along with Penny Arcade

A sweet memory, me, myself & I along  with Penny Arcade

 

 

www.wow247.co.uk

www.penny-arcade.com

 

Genesis P-Orridge

Genesis P-Orridge

Weeks ago I talked about the dignification of trans people into the mainstream culture, considering also Caitlyn Jenner’ s featuring in the cover of Vanity Fair, circumstance I welcomed. I also talked about it with one of the most emblematic artists and intellectuals from the queercore movement, the filmmaker, photographer and author Bruce LaBruce who, instead – though he appreciated my hopeful point of view under the sign of freedom and dignity for all, something going beyond gender, mere cliché on which the conventional thinking and dialectics was built -, was very skeptical, as all happened relying to mainstream’s standards, that set of values or rather non-values that are the core of its culture. Days ago it appeared on Dazed Digital a piece where an iconic and visionary artist, the pandrogynous Genesis P-Orridge – front-man of Throbbing Gristle and Psychic TV, being part of the aristocracy of underground and he is one of the father of industrial music -, explained why Caitlyn Jenner cannot be a spokerperson. This article I am pleased to share embodies some relevant issues concerning the gender identity as well as a consciousness, arising from the vibrant Genesis’ thought: “binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person”.

“When Caitlyn Jenner had the most glamorous coming-out moment of all time via the cover ofVanity Fair, it marked a historical moment for many reasons. Not only did it catapult trans awareness to the mainstream, but it also displayed a huge amount of courage, and set an example of inclusivity in a world still blighted by transphobia.

However, as many rightly pointed out, Caitlyn’s experience as a rich, white American trans person is radically different to the experience of trans people without her celebrity status and situation, particularly trans people of colour from low-income backgrounds, who are much more likely to experience violence and hate crimes based on their identity.

In an hour-long podcast discussion with Against Me!’s Laura Jane Grace, pandrodgynous musician, avant-garde artist and Throbbing Gristle icon Genesis Breyer P-Orridge echoed the idea that Caitlyn Jenner should be careful about referring to herself as a spokesperson for the wider trans community.

“Apparently Caitlyn is already saying things like, ‘It’s so difficult being a woman and having to decide which designer gown to wear when you go out at night’… That’s not being a woman, that’s being a glamorous Hollywood figure and that’s not how it is for most people. There are lots of teenage kids on the streets of New York who are hustling and risking Aids because they need to get money to transition, and they’re prepared to risk their lives because it’s such a deep need, and they don’t have that back-up system.”

“We’re not saying Caitlyn isn’t courageous in terms of the personal experience, but the way it’s being presented by the media could end up being really, really damaging. We actually saw one thing on the news and Caitlyn’s going, ‘I feel like I can be a spokesperson for the transgendered community.’ And later on she says, ‘I actually don’t know any transsexuals.’ What the fuck, she’s going to be spokesperson? She hasn’t got a clue! She’s been living in her own bubble with her own issues, dealing with them, but she doesn’t understand what it’s like for the ladyboys in Bangkok, or the transsexuals in Japan or people in Russia. She doesn’t know! Stop being a spokesperson.”

Genesis, who transitioned in 1993 to become pandrogynous, or non-gender specific, then shared their own perspective on gender identity. “Binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person.

GENESIS P-ORRIDGE: “CAITLYN JENNER NON É UNA PORTAVOCE”

Caitlin Jenner, photo by Annie Leibovitz

Caitlyn Jenner, photo by Annie Leibovitz

Tempo fa ho parlato della dignificazione dei trans all’ interno della cultura di mainstream, prendendo in considerazione anche l’ apparizione di Caitlyn Jenner sulle copertine di Vanity Fair, circostanza da me accolta con plauso. Ne ho pure parlato con uno degli artisti e intellettuali più emblematici del movimento queercore, il regista, fotografo e scrittore Bruce LaBruce che invece – pur apprezzando il mio punto di vista, pieno di speranza e all’ insegna della libertà e dignità di tutti, qualcosa che va ben oltre il gender, mero cliché su cui si è strutturato il pensiero e la dialettica convenzionale – era molto scettico, poiché tutto accadeva in base ai crismi del mainstream quella serie di valori o meglio disvalori su cui si basa la sua cultura. Giorni fa è apparso su Dazed Digital uno scritto in cui un iconico e visionario artista, il pandrogino Genesis P-Orridge – leader dei Throbbing Gristle e degli Psychic TV, che fa parte dell’ aristocrazia dell’ underground ed è uno dei padri della musica industrial -, ha spiegato le ragioni per cui Caitlyn Jenner non possa essere una portavoce. Questo articolo, che sono lieta di condividere, racchiude alcune rilevanti questioni inerenti l’ identità di genere e anche una consapevolezza che nasce dal vibrante pensiero di Genesis: “i sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona”.

“Quando Caitlyn Jenner ha avuto il momento di coming-out più glamour di tutti i tempi per effetto della copertina su Vanity Fair, ciò ha rappresentato un momento storico per molteplici ragioni. Non ha soltanto catapultato la coscienza trans nel mainstream, ma ha anche mostrato una enorme dose di coraggio, e stabilito un’ esempio di inclusività in un mondo che è ancora segnato dalla transfobia.

In ogni caso, come molti hanno giustamente osservato, l’ esperienza di Caitlyn da trans americana, ricca, bianca è del tutto diversa dall’ esperienza dei trans che sono privi del suo stato di celebrità e della sua occupazione, in particolare i trans di colore provenienti da contesti a basso reddito, che presumibilmente sperimentano molto di più la violenza e i reati di odio che si basano sulla loro identità.

Nel podcast di una conversazione di un’ ora con Laura Jane Grace di Against Me! , il musicista pandrogino, artista d’ avanguardia ed icona dei Throbbing Gristle Genesis Breyer P-Orridge ha ribadito che Caitlyn Jenner dovrebbe fare attenzione a descriversi come una portavoce per la più grande comunità trans.

“Apparentemente Caitlyn sta già dicendo cose come, ‘è così difficile essere una donna e dovere decider quale abito da sera di quale designer indossare per uscire la sera’… Questo non è essere una donna, è essere un personaggio hollywoodiano glamour e ciò non è così per molte persone. Ci sono un sacco di teenager sulle strade di New York che si prostituiscono e rischiano l’ Aids perché hanno bisogno di avere soldi per il processo di transizione, e sono pronti a rischiare le loro vite perché il loro è un bisogno talmente profondo, e sono privi di quel sistema di back-up.”

“Non stiamo affermando che Caitlyn non sia coraggiosa in termini di esperienza personale, ma il modo in cui ciò è presentato dai mass-media potrebbe essere davvero, notevolmente dannoso. Attualmente abbiamo visto una cosa nelle cronaca e  l’ uscita di Caitlyn, ‘sento di poter essere un portavoce per la comunità transgender.’ E dopo afferma, ‘in verità non conosco alcun transessuale.’ E che cazzo, sta per diventare un portavoce?  Ne ha la benché minima idea! Sta vivendo nella sua bolla con le sue problematiche, che affronta, ma non comprende quello che passano i ladyboys a Bangkok, o i transessuali in Giappone oppure la gente in Russia. Non lo sa! Smettila di essere un portavoce.

Genesis, che nel 1993 ha effettuato il processo di transizione per diventare pandrogino o non-gender specific, ha poi condiviso il suo punto di vista sull’ identità di gender. “ I sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona.

www.dazeddigital.com

The fashion blog Binzento Vincente by Vincent Law

The fashion blog Binzento Vincente by Vincent Law

Having been a part of the fashion circle in Italy is a great honor, and what an amazing way to end the year when being asked to be a part of the #IostoconAltaroma (“I am with Altaroma“) campaign.

This is the hastag of a digital campaign gathering professionals, institutions and friends of the Italian fashion community to be a part of a neo movement supporting all fashion “Made In Italy” – honoring the profound history of Italian fashion and believing in the vibrant energy and innovative ideas of young talents as the source for thriving the future of Italian fashion culture and productivity.

Rome is one of the amazing cities of Italy that connects contemporary fashion, art and craftsmanship. It’s the house where talents are discovered, and eventually succeed their dreams of becoming the icon of fashion. The development of Altaroma is the driving force behind Italian haute couture and a new platform for emerging designers. It provides 100% support and protection for all works of art that are made in Italy.

The work of Altaroma holds dearly to my heart as I was given the opportunity to understand Italian young fashion talents’ ideas, listen to their stories and experience their work. The #IostoconAltaroma campaign has united many outlets related to Italian fashion: Vanity Fair Italy, Huffingtonpost.it, and Elle.it to name a few that have answered their call. And as per calling from Rome – Binzento also supports Altaroma – #IostoconAltaroma!

#IOSTOCONALTAROMA – IL MOVIMENTO CHE AFFERMA: “IO STO CON ALTAROMA”

Vincent Law

Vincent Law

 

Aver fatto parte del circuito della moda in Italia è un grande onore, ed è modo davvero meraviglioso di concludere l’ anno il momento in cui mi è stato chiesto di partecipare alla campagna #IostoconAltaroma.

Questo è l’ hashtag di una campagna digitale che riunisce professionisti, le istituzioni e gli amici della comunità della moda italiana per far parte di un nuovo movimento che sostiene l’ intera moda del “Made In Italy” – onorando l’ abissale storia della moda italiana e credendo nella vibrante energia e nelle idee innovative dei giovani talenti quale risorsa per render florido il futuro della cultura della moda italiana e della produttività.

Roma è una delle fantastiche città dell’ Italia che connette la moda contemporanea e l’ artigianato.  la dimora in i talenti sono scoperti, e capita che riescano a realizzare il proprio sogno di diventare un’ icona della moda. Lo sviluppo di Altaroma è la forza motrice dietro l’ alta moda e una nuova piattaforma di designers emergenti. Essa fornisce il supporto per tutte le opere d’ arte che sono made in Italy.

L’ opera di  Altaroma mi è oltremodo cara, avendo avuto la possibilità di comprendere le idee dei giovani talenti della moda italiana, ascoltare le loro storie e sperimentare il loro lavoro. La campagna #IostoconAltaroma ha unito diversi media che si occupano della moda in Italia, Vanity Fair, Huffingtonpost.it, and Elle.it per citarne alcuni name e sono solo alcuni di quelli che hanno argomentato il loro intervento. E ovviamente anche Binzento sostiene Altaroma – #IostoconAltaroma!

www.binzento.com

Isabella Blow, photo courtesy of Somerset House

Isabella Blow, photo courtesy of Somerset House

It touched me to read the piece by Andrew O’ Hagan, appeared today on T magazine, the blog by New York Times, announcing the exhibition “Isabella Bow, Fashion Galore!”, organized by the Isabella Blow Foundation in collaboration with the Central Saint Martins which will be held in London at the Somerset House from the 20th November 2013 to 2nd March 2014. The article I am glad to share with you dear FBFers features a private memory of Isabella Blow told by Jeremy Langmead along with precious remarks about the essence of eccentricity, its core, what separates style and uniqueness from fashion, what represents an icon, a dandy and distinguishes it from an aesthete, modern Des Esseintes (leading character of “Against the grain”, the novel by Joris-Karl Huysmans) with more or less successful results in terms of surface(though the surface often justifies and substitutes the lack of contents and ideas). Genuineness in the way of being, thinking, acting and doing. That is the way I remember and celebrate Isabella Blow, a real eccentric, her work, as well as the one made by others legendary eccentrics as Vivienne Westwood, Leigh Bowery, Anna Piaggi, Yves Saint Laurent and Quentin Crisp who gave us a lot in terms of emotions and ideas, ways to look at reality, to be, by considering another side, using another point of view, nullifying the clichés of conventional way of thinking.

The meaning of a true eccentric isn’t in the costume — it’s in the soul.

Jeremy Langmead tells a memorable story about Isabella Blow. “Imagine the office at News International, all the male journalists sitting around in shirt sleeves,” Langmead says. Now the editor in chief of the online men’s wear retailer Mr Porter, Langmead was the editor who hired Isabella Blow as fashion director of the Sunday Times Style Magazine in London in 1997. “In comes Isabella wearing giant mink antlers sticking out from the top of a coat. It was absolutely about who she was in her soul. At lunchtime she would sit among all the printers, eating her roast beef dressed like that, as if it was the most natural thing in the world.”

The outlandish, deeply unusual former assistant at Vogue who became mentor to a generation of fashion designers, editors and photographers, Isabella Blow is the subject of a new exhibition set amid the Neo-Classical splendor of London’s Somerset House. The surroundings are appropriate, for this is not just a show but an acknowledgement of how her sense of style opened the minds of her peers. She is hereby raised into the pantheon, lauded for the very personal vision that once disgusted the establishment.

Blow was eccentric from her top feathers to the paint that adorned her toes. I used to see her at parties sometimes, and she was a fantastically alarming person; when she smiled, throwing her head back, you saw a sneering mouth so red with lipstick that it was like an open wound. She never seemed like just another one of the fashion crowd: she was a visionary who ripened with new ideas every morning, not every season, and was a genuine muse in a world of phonies.

Leigh Bowery, photo by Nick Knight

Leigh Bowery, photo by Nick Knight

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Quentin Crisp, photo courtesy of  Crisperanto: the Quentin Crisp Archives (crisperanto.org)

Quentin Crisp, photo courtesy of Crisperanto: the Quentin Crisp Archives (crisperanto.org)

True eccentrics — the Isabella Blows, the Vivienne Westwoods, the Anna Piaggis and the Stephen Tennants, as if there could ever be more than one of each — are the kind of people whose entire existence is devoted to individuality and innovation. That’s what makes a real eccentric: they really mean it, and they’re willing to suffer for it. Their social function is to explode our preconceptions about what beauty is and what good taste means. Eccentrics raise the bar on the impossible.

Yet, unfortunately, there are a few too many fake ones out there now. These are the imitators, the publicity scavengers, the ones who think it’s merely about fame or attention. They seem to be working not from a brilliant fund of ideas or from a conviction that their outer selves must be used to express a fascinating inner landscape. On the contrary, they’re just showoffs who dress up for the cameras. For people interested in our contemporary times, this is an important distinction: the true eccentric gives us more mystery, more wonder about being human, a new side to beauty, while the faux-eccentric gives us less of everything.

ECCENTRICITÀ & AUTENTICITÀ COME STILE DI VITA: ISABELLA BLOW

Isabella Blow, photo by Sean Ellis, courtesy of tmagazine.blogs.nytimes.com/

Isabella Blow, photo by Sean Ellis, courtesy of tmagazine.blogs.nytimes.com/

Mi ha emozionato leggere il pezzo di Andrew O’ Hagan, apparso oggi su T magazine, il blog del New York Times che annuncia la mostra “Isabella Bow, Fashion Galore!”, organizzata dalla Isabella Blow Foundation in collaborazione con la Central Saint Martins che si terrà a Londra presso la Somerset House dal 20 novembre 2013 al 2 marzo 2014. L’ articolo che sono lieta di condividere con voi, cari FBFers, ha quale protagonista un ricordo Isabella Blow raccontato Jeremy Langmead unitamente a preziose delucidazioni sull’ essenza dell’ eccentricità, il suo cuore, ciò che separa lo stile e l’ unicità dalla moda, ciò che rappresenta un icona, un dandy e lo distingue da un esteta, dai moderni Des Esseintes ( protagonista di “A ritroso”, il romanzo di Joris-Karl Huysmans) con più o meno felici risultati in termini di superficie (benché la superficie spesso giustifichi e sostituisca la mancanza di contenuti ed idee). Genuinità nell’ essere, pensare, agire e fare. Così mi piace ricordare e celebrare Isabella Blow, una vera eccentrica, il suo lavoro e quello di altri leggendari eccentrici quali Vivienne Westwood, Leigh Bowery, Anna Piaggi, Yves Saint Laurent e Quentin Crisp che ci hanno dato tanto in termini di emozione ed idee, modi di guardare la realtà, di essere, considerando un’ altra dimensione, avvalendosi di un altro punto di vista, vanificando i clichés del pensiero convenzionale.

Il significato di un vero eccentrico non si trova nell’ abito – è nell’ anima.

Jeremy Langmead racconta una memorabile storia su Isabella Blow. “Immagina l’ufficio di News International, tutti i giornalisti uomini che bighellonano in camicia,” Langmead racconta. Adesso l’ editor in chief del rivenditore di abbigliamento uomo Mr Porter, Langmead era l’ editore che ha assunto Isabella Blow come fashion director del Sunday Times Style Magazine a Londra nel 1997. “Entra Isabella che indossa  gigantesche corna di visone che spuntano fuori dalla parte superiore di un cappotto. Assolutamente era tutta una questione di chi ella fosse nella sua anima. All’ ora di pranzo stava seduta in mezzo a tutti i tipografi, a mangiare il suo roast beef condito in quel modo, come se fosse la cosa più naturale al mondo.”

La stravagante, profondamente fuori dal comune ex assistente di Vogue che è diventata il mentore di una generazione di fashion designers, editori e fotografi, Isabella Blow è il soggetto di una nuova mostra allestita tra lo splendore neoclassico della Somerset House di Londra. Gli ambienti sono appropriati, per ciò che non è soltanto una mostra, ma un riconoscimento di come il suo senso di stile abbia aperto le menti dei suoi pari. È con questo elevata all’ interno del pantheon, lodata per la sua personale visione che una volta disgustava l’ establishment.

La Blow era una eccentrica dalla cima delle sue piume al colore che adornava le dita dei piedi.  Ero solito incontrarla alle feste qualche volta ed era una persona fantasticamente allarmante, quando sorrideva, sbattendo indietro la testa, vedevi una bocca beffarda talmente rossa di rossetto che sembrava una ferita aperta. Non era mai simile a nessun altro della gente della moda: era una visionaria che maturava nuove idee ogni giorno, non ogni stagione, ed era una musa vera in un mondo di falsi.

Vivienne Westwood, photo courtesy viviennewestwood.co.uk

Vivienne Westwood, photo courtesy viviennewestwood.co.uk

Anna Piaggi, photo by N

Anna Piaggi, photo by N

I veri eccentrici — le Isabella Blow, le Vivienne Westwood, le Anna Piaggi e gli Stephen Tennant, come se ci potesse mai essere più di uno di loro – sono il tipo di persone la cui intera esistenza è dedicata all’ individualità e all’ innovazione. Questo è ciò che rende tale un vero eccentrico: essi intendono davvero ciò e sono disposti a soffrire per questo. La loro funzione sociale è distruggere i nostri preconcetti su ciò che la bellezza sia e su ciò che si intenda per buon gusto. Gli eccentrici alzano il tiro sull’ impossibile.

Finora, sfortunatamente, ce ne è qualcuno, troppi i finti che sono adesso là fuori. Questi sono gli imitatori, i predatori di pubblicità, quelli che pensano che sia meramente una questione di fama o attenzione. Sembrano intenti a operare non partendo da un brillante deposito di idee o dalla convinzione che la loro esteriorità debba essere usata per esprimere un affascinante panorama interiore. Al contrario sono soltanto gente che si esibisce, si veste per esporsi dinanzi ai flash delle macchine fotografiche. Per la gente interessata alla nostra contemporaneità, questo è un importante tratto distintivo: il vero eccentrico ci regala più mistero, più meraviglia riguardo all’ essere umano, una nuova dimensione di bellezza, mentre i finti eccentrici ci regalano meno di tutto.”

http://tmagazine.blogs.nytimes.com

http://www.somersethouse.org.uk

love

Today I ran into the post wrote by Ralph Nader, author and renowned American lawyer who introduced the class actions in USA legal system, making concrete the ideas sang yesterday by Patti Smith “people have the power”( who as law graduated student made the book “Unsafe at any speed” in 1965, where he told about the lack of conformity and quality of a product, circumstance which gave rise to the binding Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, where he claimed for damages his privacy, person and reputation suffered. The consequence has been a compensation set up by the tribunal for the damage he suffered along with the obligation of General Motor’s President to publicly apologizes for the false accuses, made to Nader. It was the first time in USA it has given voice to consumers against the hyper power of multinationals).

The piece Love, corporate-style, features in his blog on Huffington Post I am glad to share with you dear FBFers as it focuses on issues that are closely connected to fashion, the fashion brands, their real or apparent adherence to the brand history, realm concerning fashion marketing, the impact of social media, social opinion during contemporary times, as well as the role of consumers inside a certain market, individuals who are at first individuals and eventually they can be consumers of a certain product or a wide range of products. And if the consumer yesterday has to be considered as a passive subject market, today the web, the 2.0 age, emancipated him, made him more informed, conscious and free.

Therefore many marketing experts started talking about spiritual values connected to the marketing, consumers as well as the companies producing goods. That reminds me of the words by Adriano Olivetti, embodied in the book “Ai lavoratori”, illuminated businessman I remind with respect and nostalgia, who focused in his work on immaterial values, the ones that aren’t just only in the profits index (as he asserted talking behind his workers: “there is beyond the apparent rhythm something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”), talking about responsibility, respect of individual and knowledge. Those are spiritual values which should be the core of a company, considered and made concrete by a fashion company, as it was made by brands as Timberland (a brand development model coherent with its brand history), the ethical fashion brand Carmina Campus, as well as embodied in the choices of consumers in order to be more conscious and free as we are born to live and not to consume or being consumed by consuming.

LOVE, CORPORATE-STYLE

“Mitt Romney famously said during his most recent bid for the presidency: “Corporations are people, my friend.” Perhaps nothing else better surmises the state of our country — even the state of our culture — than a prominent politician running for the presidency openly advancing such a flawed opinion. It is no secret that corporations now wield immense power in our elections, in our economy, and even in how we spend time with our friends and families. Corporate entities, in their massive, billion dollar efforts to advertise and “brand” themselves, not only want consumers to think of them as people, but even as “friends.” If a corporation could hit the campaign trail itself, one could imagine it uttering the phrase: “Corporations are friends, my people.”

I recently came across a full-page ad in the New York Times. The ad, which shows a tiny baby’s hand clutching the fingers of an adult hand, is captioned with the words: “Love is the most powerful thing on the planet.” It goes on to read: “For all the things in your life that make life worth living — Johnson and Johnson, for all you love.” Notably, this is Johnson and Johnson’s first “corporate branding” campaign in over a decade.

This poses an interesting question. What exactly is corporate love? Love is a very human emotion – but, coming from a business conglomerate whose over-riding goal is bigger profits — this message rings hollow.

An April 24 New York Times article (interestingly enough, the same paper the “For All You Love” ad appeared in) notes that Johnson and Johnson recalled 280 million packages of over-the-counter medication and two hip replacement models in 2010. Ten thousand lawsuits were filed as a result of these faulty hip replacements, including one lawsuit that forced Johnson and Johnson to pay out $8.3 million in damages.

Suddenly, a clearer picture begins to emerge. In this case, “corporate love” is merely a two-faced attempt to establish trust after — or in anticipation of — the disclosure of a negligent product failure. The phrase “to err is human, to forgive is divine” comes to mind. But, of course, corporations aren’t human.

The idea of “humanizing” a corporation is certainly not unique to Johnson and Johnson. Our corporate “friends” are all around us. They are dominating our publicly owned airwaves with their slogans, filling our skies with their logos on billboards, showing up on the sides of city buses, and collecting our browsing preferences so as to better appeal to us on the internet. One might say that “corporate love” has been a part of American culture as long as corporations have advertised. This idea of trust in a brand name — of allowing a corporation to “earn” your “friendship” — is one that perhaps has allowed the corporate entity to dominate so many aspects of our culture. People become attached to brands. How many people do you know that only use a certain type of shampoo or drink their preferred brand of beer?

To the younger generation, social media has become a massive part of the public forum. Look to Twitter, where companies like Walmart routinely “tweet” benign questions such as: “Cats or dogs… or both? Tell us what pet companion keeps you happy.” McDonald’s recently tweeted: “Good morning! Any big plans for the weekend?” Coca-Cola says: “Proven fact: making friends is easy when you’re bubbly, refreshing and delicious.” They’re not kidding — Coca-Cola has over a million “followers” on that website. (Who’s going to make concepts like “justice” bubbly, refreshing and delicious so as to get a million followers?”)

Don’t be fooled by these friendly panderings. These are multi-billion dollar companies attempting to win your trust to sell their products and often, to divert attention away from more disturbing truths — perhaps their products are unhealthy, or addictive, or damaging to the environment, or simply that their corporate executives regularly place profits over people. Social media accounts such as @Walmart “feign humanity and engage with users” as comedian Rob Delaney recently put it in an interview with Yahoo!

As the official Walmart account tweets: “Whew- Retweet if you agree that it’s too hot for hairdryers!” the executives that run that company choose to underpay their workers which forces taxpayers to subsidize many Walmart employees through social service programs, take advantage of communities, and use excess profits to buy back stock to line the pockets of its biggest shareholders. Given these transgressions, who cares about hairdryers?

So let’s conduct an experiment. The goal is to send a message to some of these giant corporations who are so obsessed with establishing themselves as your “friends” while taking advantage of our health, our workers, our electoral system, our government, our justice system and our economy. Take to the social media ramparts. Send out a tweet directed at the corporations you feel are the worst perpetrators of this snake-oily style of branding and question their worst offenses. Use the hashtag #corporatelove.

Let’s inform abusive companies like McDonald’s and Walmart that entities created for profit are not our buddies, but rather “legal fictions” that must be held accountable to human necessities”.

“AMORE, STILE AZIENDALE”

 

Oggi mi sono imbattuta nel post di Ralph Nader, scrittore e rinomato avvocato che ha introdotto l’ azione di categoria nel sistema giuridico Americano, concretizzando l’ idea cantata da Patti Smith che “people have the power”( che da studente neolaureato ha scritto il libro “Insicuro a qualsiasi velocità” nel 1965, in cui parlava di difetto di conformità e qualità di un prodotto, circostanza che ha dato vita al precedente vincolante Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, in cui rivendicava i danni per la violazione di privacy a danni alla sua persona e reputazione. La conseguenza è stata un risarcimento dei danni a lui accordato dal tribunale unitamente all’ obbligo del presidente della General Motors a chiedere scusa pubblicamente a lui per le false accuse da essa presentate. Era la prima volta che negli USA era stata data voce ai consumatori contro lo strapotere delle multinazionali):

Il pezzo “Love, corporate-style” è protagonista oggi del suo blog su Huffington Post che son lieta di condividere con voi cari FBFers, essendo  incentrato su problematiche che sono strettamente connesse alla moda, ai brand di moda, la loro reale o apparente aderenza alla storia di brand, ambito che riguarda il fashion marketing, l’ impatto dei social media, della social opinion nella contemporaneità, come anche il ruolo dei consumatori all’ interno di un certo mercato, individui che sono per prima cosa individui ed eventualmente possono essere consumatori di un certo prodotto o un’ ampia gamma di prodotti. E se ieri il consumatore poteva essere considerato come un soggetto passivo dinanzi al mercato, oggi il web, l’ epoca 2.0, lo ha emancipato, rendendolo più informato, consapevole e libero.

Pertanto plurimi esperti di marketing hanno iniziato a parlare di valori spirituali connessi al marketing, ai consumatori e alle aziende che producono beni di consumo. Ciò mi ricorda le parole di Adriano Olivetti, racchiuse nel libro “Ai lavoratori”, imprenditore illuminato che ricordo con rispetto e nostalgia che ha incentrato il suo lavoro su valori immateriali, quelli che non si trovano soltanto nell’ indice dei profitti (come costui affermava parlando al cospetto dei suoi operai: “c’è qualcosa al di là del ritmo apparente di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”), parlando di responsabilità, rispetto della persona e conoscenza. Questi sono valori spirituali che dovrebbero essere alla base di un’ azienda, considerati e concretizzati da un’ azienda di moda, come è stato fatto da brands quali Timberland (un modello di sviluppo di brand coerente con la sua storia di brand), il brand di moda ethical Carmina Campus, come anche racchiuso nelle scelte dei consumatori al fine di essere più consapevoli e liberi poiché siamo nati per vivere e non per consumare o essere consumati dal consumo.

AMORE, STILE -AZIENDALE

“E’ celebre ciò che Mitt Romney ha detto durante la sua candidatura alla presidenza: “Le aziende sono persone, amico mio”: Forse niente altro meglio si riesce a immaginare in merito allo stato del nostro paese – anche dello stato della nostra cultura – di un illustre politico in corsa alla presidenza che apertamente avanza un’ opinione talmente fallace. Non è un mistero che le aziende adesso esercitino un potere immenso nelle nostre elezioni, nella nostra economia, e anche nel modo in cui passiamo il tempo con i nostri amici e le famiglie. Le Entità aziendali, nei loro massicci tentativi da milioni di dollari per pubblicizzare e “brandizzare” sé stessi, non soltanto vogliono che i consumatori pensino a loro come persone, ma anche come “amici”. Se un’ azienda potesse colpire l’ iter stesso dellla campagna, lo si potrebbe immaginare sentendo la frase: “le aziende sono amici, gente mia”.

Mi sono recentemente imbattuto in una pubblicità a pagina intera nel New York Times. La pubblicità, che mostra la tenera mano di un bebè mentre stringe le dita di un adulto, è sottotitolata dalle parole: “L’ amore è la cosa più potente del pianeta”. Si continua a leggere: “Per tutte le cose nella tua vita che rendono la vita degna di essere vissuta — Johnson and Johnson, per tutto ciò che ami.” Da notarsi che questa è la prima campagna di “branding aziendale” della Johnson and Johnson in più di una decade.

Ciò pone un interessante quesito. Cosa è esattamente l’ amore aziendale? L’ amore è un’ emozione molto umana – ma, proveniente da un agglomerato aziendale che ha quale primaria finalità l’ ottenimento di profitti più alti — questo messaggio  risuona vacuo.

Un articolo del New York Times del 24 aprile (alquanto stranamente, la stessa pagina pubblicitaria “Per Tutto Ciò Che Ami” ivi appariva) nota che la Johnson and Johnson ha ritirato 280 milioni di confezioni di medicinali non prescrivibili e due protesi all’ anca difettose nel 2010. Dieci mila azioni legali sono state avviate a causa di queste protesi all’ anca difettose, comprensive di un’ azione legale che ha costretto la Johnson and Johnson a pagare 8.3 milioni di dollari di danni.

Improvvisamente, inizia a emergere una visione più chiara. In questo caso, ”l’ amore aziendale” è meramente un doppiogiochista tentativo per stabilire la fiducia dopo – o in anticipo a — la divulgazione di una responsabilità per difetto del prodotto. Viene in mente la frase “errare è umano, perdonare è divino”. Ma, naturalmente, le aziende non sono umane.

L’ idea di “umanizzare” un’ azienda non è certamente una prerogativa della Johnson and Johnson. I nostri “amici” aziendali sono intorno a noi. Stanno dominando le nostre reti radio di proprietà pubblica con i loro slogan, riempiendo i nostri cieli con i loro loghi su cartelloni, che sono messi in evidenza sui lati degli autobus cittadini, e collezionando le nostre preferenze di browser per piacere di più a noi su internet. Si potrebbe ritenere che “l’ amore aziendale” sia stato una parte della cultura americana dal momento in cui le aziende hanno fatto pubblicità. Questa idea di fiducia nel nome di un brand – di permettere a un’ azienda di “guadagnare” “amicizia” – è qualcosa che forse ha consentito all’ entità aziendale di dominare su così tanti aspetti della nostra cultura. Le persone diventano attaccate ai marchi. Quante persone si conoscono che usano soltanto un certo tipo di shampoo o bevono birra del loro marchio preferito?

Per le generazioni più giovani, i social media sono diventati una rilevante parte del public forum. Guardiamo Twitter, in cui aziende quali Walmart abitualmente include nei suoi “tweet” domande benevole quali: “Cani o gatti…o entrambi? Diteci quale compagno cucciolo vi rende felici”. McDonald’s recentemente ha tweettato: “Buongiorno! Avete qualche grande idea per il weekend?” Coca-Cola dice: “Fatto provato: è facile fare amicizia quando sei frizzante, rinfrescante e deliziosa”. Non è uno scherzo – la Coca-Cola ha più di un milione di “followers” su quel sito web. (Chi è colui che sta elaborare idee quali “giustizia” frizzante, rinfrescante e deliziosa in modo da ottenere un milione di followers?”)

Non lasciatevi ingannare da queste amichevoli lusinghe. Queste sono aziende multimiliardarie che tentano di conquistare la vostra fiducia per vendere i loro prodotti e spesso, per distogliere l’ attenzione da più disturbanti verità – forse i loro prodotti sono insalubri, o causano dipendenza o danneggiano l’ ambiente, o semplicemente che i loro capi d’ azienda regolarmente posizionano i profitti sulle persone. Gli accounts sui social media quali @Walmart “simula umanità ed entra in contatto con gli users” come il comico Rob Delaney ha ammesso in un’ intervista con Yahoo!

In quanto l’ account ufficiale di Walmart tweetta: “Ehi- Retweetts se sei d’ accordo che è troppo caldo per gli asciugacapelli!” i capi aziendali che gestiscono quell’ azienda scelgono di sottopagare i loro operai che costringe i contribuenti a fornire sussidi a molti impiegati della Walmart attraverso programmi di servizi sociali, che traggono vantaggi dalle comunità, e usano i profitti per riacquistare stock per allineare i pacchetti dei suoi più grandi azionisti. Date queste trasgressioni a chi importa degli asciugacapelli?

Facciamo quindi un esperimento. L’ obiettivo é mandare un messaggio ad alcune di queste gigantesche aziende che sono talmente ossessionate dal dimostrarsi vostre amiche mentre traggono vantaggio dalla nostra salute, dai nostri lavoratori, dal nostro sistema elettorale, dal nostro governo, dal nostro sistema giuridico e dalla nostra economia. Serviamoci dei baluardi dei social media. Mandiamo un tweet diretto alle aziende che reputi siano i peggiori perpetuatori di questo stile di branding da venditori di fumo e critica le loro peggiori infrazioni. Usa l’ hashtag #corporatelove.

Informiamo le aziende speculatorie quali McDonald’s e Walmart che le aziende create per il profitto non sono nostri amici, ma soltanto “finzioni giuridiche” che devono essere considerate responsabili delle necessità umane”.

Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Modesign/Fashion at Iuav 2013 ended with a series of smashing initiatives under the sign of fashion and its culture. The last day started with “Per una fotografia italiana di moda”, talk which was held at the Treviso TRA (Treviso, Ricerca, Arte) cultural association moderated by Saul Marcadent with a panel of experts which included Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Sabrina Ciofi who talked about media, magazines and independence. The focus of the talk was independence and the freedom of experimentation and involving emerging creatives.

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Christopher Arden-Houser at the talk

Christopher Arden-Houser at the talk

That is a true and reasonable issue, though the independence as value in action should concern the whole circuit which gives rise to a magazine, even if it’s hard to commercialize an independent magazine without using the mainstream circuit of distribution. It’s hard, but it’s not impossible (otherwise the independence and values such as integrity and vision are just a charming artifice, hiding a dynamic of the mainstream press which, considering its role and position, frequently inserted in big group of media companies, should act differently, in the name of big numbers. Independence would be the only means for justifying the existence of a different product, resulting from its contents and it would be a too weak basis).

The exhibition  "Six photographers for six fashion magazines"at Treviso Tra

The exhibition “Six photographers for six fashion magazines”at Treviso Tra

Anja Aronowsky-Cronenberg, the editor-in-chief of magazine Vestoj, talked about her work experience, focusing on the Vestoj’s Manifesto which forbids any advertising (the most sensitive topic which is the condition of health and long life of a magazine) and represents the compromise which a magazine has to do, balancing and addressing the information given to the needs coming from the brands that paid for it), something I appreciated very much. (After all the times are ready to give rise to a new marketing strategy which is ethical inside out the realm of media). The talk ended with the visit at the exhibition “Flou, six photographers for six independent magazines”, curated by Saul Marcadent which included a beautiful portrait pic of Suzy Menkes.

6

7

8

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

Later in the early afternoon I visited another exhibition, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”, curated by Cristiano Seganfreddo. The event has shared with another event, the launch of the fashion tradeshow event Origin, Passion and Beliefs, created by Fiera di Vicenza and Not Just a Label and has been a successful chance to appreciate the laudable work made by Iuav students as Sophia Crema and Alma Ricci as well as to see Stefan Siegel of NJAL.

11

12

13

Linen Yarn

Linen Yarn

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Hannah Donkin from London Central Saint Martin's

Hannah Donkin from London Central Saint Martin’s

17

Gianmarco Barnes

Gianmarco Barnes

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin's

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin’s

Sophia Crema and Alma Ricci

Sophia Crema and Alma Ricci

Cristiano Seganfreddo

Cristiano Seganfreddo

Silvano Arnoldo and me

Silvano Arnoldo and me

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The day ended with two fashion shows, the Iuav Graduation show, curated by Kinkaleri which took place at the Treviso Edmondo De Amicis elementary school and the MA Graduation show, a fashion performance curated by Kinkaleri which was held at the Treviso Chamber of Commerce. The fashion shows displayed  the excellence of the emerging creativity from Iuav in the realm of menswear, presenting outfits that were ready to be commercialized and have nothing less than the products by emerging brands I saw recently during the latest fashion tradeshow events. That is a relevant result got by a public institution which trains young creatives and I celebrate as to study for becoming a fashion designer is a chance everyone should have beyond its own balance restrictions.

 

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(3)

The Iuav graduation show

The Iuav graduation show

Modesign/Fashion at Iuav 2013 si è concluso con una serie di formidabili iniziative all’ insegna della moda e della sua cultura. L’ ultimo giorno è cominciato con “Per una fotografia italiana di moda”, talk che si è tenuto presso l’ associazione culturale TRA (Treviso, Ricerca, Arte) di Treviso moderato da Saul Marcadent con un gruppo di esperti che ha incluso Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari e Sabrina Ciofi che hanno parlato dei mass-media, magazines e independenza. Il fulcro del talk era l’ indipendenza e la libertà di sperimentazione e coinvolgimento di creativi emergenti.

25

26

28

Ciò è vero e ragionevole, benché l’ indipendenza quale valore in azione dovrebbe riguardare l’ intero circuito che dà vita a un magazine, pur essendo difficile commercializzare un magazine indipendente senza avvalersi del circuito di distribuzione di mainstream. É difficile, ma non è impossibile (altrimenti l’ indipendenza e valori quali integrità e visione sono soltanto un affascinante artificio che nasconde una dinamica della editoria di mainstream che, considerando il suo ruolo e la sua posizione, frequentemente inserita in grandi gruppi di società, dovrebbe agire diversamente, nel nome di grandi numeri. L’ indipendenza sarebbe l’ unico mezzo per giustificare l’ esistenza di un prodotto differente che deriva  la sua indipendenza unicamente dai suoi contenuti e ciò sarebbe un fondamento troppo debole).

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

30

31

Anja Aronowsky-Cronenberg, il direttore editoriale del magazine Vestoj, ha parlato della sua esperienza lavorativa, soffermandosi sul Manifesto di Vestoj che vieta ogni pubblicità (l’ argomento più sensibile che è la condizione di salute e lunga vita di un magazine) e rappresenta il compromesso che un magazine deve fare, bilanciando e indirizzando l’ informazione fornita alle esigenze derivanti dai brand che hanno pagato la pubblicità), qualcosa che ho apprezzato molto. ( Dopo tutto i tempi sono maturi per dar vita a una nuova strategia di marketing che sia etica dentro e fuori dall’ ambito dei mass media). Il talk si è concluso con la visita alla mostra “Flou, sei fotografi per sei magazines indipendenti”, curata da Saul Marcadent che includeva un bel ritratto di Suzy Menkes.

32

33

34

35

36

37

38

39

Successivamente, nel primo pomeriggio ho visitato un’ altra mostra, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”,curata da Cristiano Seganfreddo. L’ evento è stato condiviso da un altro evento, il lancio dell’ evento fieristico di moda Origin, Passion and Beliefs, creato da Fiera di Vicenza e Not Just a Label ed è stato una felice occasione per apprezzare il lodevole lavoro realizzato dagli studenti della Iuav quali Sophia Crema ed Alma Ricci come anche per incontrare Stefan Siegel di NJAL.

40

41

42

43

44

45

46

 Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show


Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show

La giornata si è conclusa con due sfilate, la Iuav Graduation show, curata da Kinkaleri che ha avuto luogo presso la Scuola Elementare di Treviso Edmondo De Amicis e il MA Graduation show, una fashion performance curata da Kinkaleri che si è tenuta presso la Camera di Commercio di Treviso. Le sfilare hanno esposto l’ eccellenza della creatività emergente della Iuav nell’ ambito dell’ abbigliamento uomo, presentando outfits che erano pronti per essere commercializzati e non hanno nulla in meno dei prodotti di brand emergenti che ho recentemente visto in occasione degli ultimi eventi fieristici di moda. Ciò è un risultato significativo ottenuto da una istituzione pubblica che forma giovani creativi e celebro poiché studiare per diventare un fashion designer è una possibilità che tutti dovrebbero avere a prescindere dal proprio vincolo di bilancio.

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

49

50

51

52

53

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

 Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University


Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University

Modesign/Fashion’s event at Iuav 2013, happened recently and it consisted of exhibitions at Iuav University such as “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curated by Maria Bonifacic, “Fashion ephemera by Antonio Marras” curated by Mario Lupano (with whom I shared a Summer Epicurean interlude in a smashing place, the Giardino Bistrot, along with the blogger Nally Bellati, we had a delicious and fresh chicken salad and drank fresh mint tea) and the display of Bag factor 2013, which presented the results of a bag design workshop in collaboration with Bottega Veneta  and curated by Elda Danese.

2

3

The magazines on display

The magazines on display

5

The book written by the Iuav's professors as Maria Luisa Frisa

The book written by the Iuav’s professors as Maria Luisa Frisa

The final dissertation of a Iuav graduated student

The final dissertation of a Iuav graduated student

A fragment of students' life at Iuav

A fragment of students’ life at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

Another smashing exhibition about the textiles has been “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which was held at the Treviso Archivio di Stato and showcased the work by Paoletti woolen mill.

The works by Iuav students

The works by Iuav students

11

12

13

14

15

16

The shooting area at Iuav

The shooting area at Iuav

Bag factor 2013

Bag factor 2013

19

20

The day continued with talks moderated by Giusi Ferrè where I met Brunello Cucinelli, appreciating his simplicity, dressed up with catholic-communist suggestions and many quotations, self-service of pre-packed thoughts (coming from Immanuel Kant, Vittorio Alfieri and another one which is commonly used in the fashion scene beyond the reading of “The idiot” by Fiòdor Dostoiewski: “beauty will save the world”, though he has been very elusive about the concept of his brand) and the words of Stefano Beraldo, CEO of Coin Group who told about the projects made in the realm of luxury as the opening of the Milan concept-store Excelsior as well in the fast-fashion realm started by Oviesse, the fast-fashion chain of group, involving fashion schools, graduated students and fashion designers in collaboration with Central Saint Martin’s and Matthew Williamson who announced the last step of project: a collaboration on the same project with the Milan fashion school Istituto Marangoni and the brand Aspesi.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(2)

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

Modesign l’ evento Moda alla Iuav del 2013, ha recentemente avuto luogo ed ha compreso mostre presso l’ Università Iuav quali “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curata da Maria Bonifacic, “Fashion ephemera di Antonio Marras” curate da Mario Lupano (con il quale ho condiviso un intermezzo estivo epicureo in un formidabile luogo, il Giardino Bistrot unitamente alla blogger Nally Bellati, abbiamo gustato una deliziosa e fresca insalata di pollo e bevuto tè verde alla menta) e l’ esposizione di Bag factor 2013 che presentava i risultato di un workshop di design della borsa in collaborazione con Bottega Veneta e curato da Elda Danese.

 The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot


The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Mario Lupano

Mario Lupano

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot's owners

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot’s owners

Un’ altra formidabile mostra sui tessuti è stata “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che si è tenuta presso l’ Archivio di Stato di Treviso ed ha esposto l’ opera del lanificio Paoletti.

26

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

28

29

30

31

33

34

35

36

37

The Treviso Archivio di Stato

The Treviso Archivio di Stato

La giornata è continuata con i talks moderati da Giusi Ferrè presso i quali ho incontrato Brunello Cucinelli, apprezzando la sua semplicità, condita da suggestioni catto-comuniste e plurime citazioni, self-service di pensieri preconfezionati (provenienti da Immanuel Kant, Vittorio Alfieri e un’ altra che è comunemente usata negli ambienti della moda al di là della lettura de “L’ idiota” di Fiòdor Dostoiewski: “la bellezza salverà il mondo”, benché sia stato molto elusivo riguardo al concept del suo brand) e le parole di Stefano Beraldo, CEO del Gruppo Coin che ha parlato dei progetti realizzati nell’ ambito del lusso quali l’ apertura del concept-store di Milano Excelsior come anche nellì ambito della fast-fashion intrapresi da Oviesse, la catena di fast-fashion del gruppo che coinvolgono scuole di moda, studenti neo-diplomati e fashion designers in collaborazione con la Central Saint Martin’s e Matthew Williamson, costui ha annunciato l’ ultimo passo del progetto: una collaborazione con la scuola di moda milanese Istituto Marangoni e il brand Aspesi.

A view on Treviso, a beautiful city

A view on Treviso, a beautiful city

 

A  drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

A drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

 Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude


Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

 Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo


Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

Hotel Continental

Hotel Continental

The Newcomers 2013 is a laudable initiative at Modesign/Fashion at Iuav 2013 showcasing the works of the students of Iuav University Faculty of Fashion Design in many Treviso boutiques as well as in the Continental Hotel ( the set of movie “The consequences of love” by Paolo Sorrentino featuring Tony Servillo), place displaying the work by Gianluca Ferracin, inspired by the Asburgic era.

Hotel Continental

Hotel Continental

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

The emerging creativity and fashion culture, a value and a continuous dialogue, was the theme of two talks moderated by Cristiano Seganfreddo and Giusi Ferrè that took place at the Treviso Loggia dei Cavalieri and considered the purpose of a fashion school, the Treviso Faculty of Fashion Design (created in 2005 by Maria Luisa Frisa), for working on the Italian fashion identity in a region, the Veneto, hosting 9600 fashion companies and in a city, Treviso, including over 2000 fashion companies.

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

A main focus at the Iuav University is to join the training and working with promotion and the active process of observing the fashion project while questioning contemporary lifestyle. An important step in the further development of this laudable work has been the words by the new Treviso major, Giovanni Manildo, who has been one of the experts included in the second talk and considered the chance of bringing again the Biennale of Applied Arts in Treviso. Maybe as Giusi Ferrè asserted during the end of the second talk, that could be the starting point of something which could be (hopefully) developed in the forthcoming times: words to think about and do more and better.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013 (1)

9

I Newcomers 2013 è una lodevole iniziativa alla Modesign/Fashion at Iuav 2013 che espone i lavori degli studenti della Facoltà di Fashion Design dell’ Università Iuav in molte boutiques di Treviso come anche nell’ Hotel Continental ( il set del film “Le consequenze dell’ amore” di Paolo Sorrentino con Tony Servillo), luogo che espone il lavoro di Gianluca Ferracin che si ispira all’ era asburgica.

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

La creatività emergente e la cultura della moda, un valore e un continuo dialogo, è stato il tema di due talks moderati da Cristiano Seganfreddo e Giusi Ferrè che ha avuto luogo alla Loggia dei Cavalieri di Treviso ed ha considerato la finalità di una scuola di moda, la Facoltà di Fashion Design di Treviso (creata nel 2005 da Maria Luisa Frisa), per lavorare sull’ identità della moda italiana in una regione, il Veneto che ospita 9600 aziende di moda e in una città, Treviso che include più di 2000 aziende di moda.

Agnese Pottino

Agnese Pottino

13

Venice artisanal cufflinks

Venice artisanal cufflinks

Una rilevante obiettivo dell’ Università Iuav è unire la formazione e il lavoro e operare nella promozione e il procedimento attivo nell’ osservare il progetto moda mentre si discute del lifestyle contemporaneo. Un importante passo nell’ ulteriore consolidamento di questa lodevole opera sono state le parole del nuovo sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, che è stato uno degli esperti inclusi nel secondo talk ed ha preso in considerazione la possibilità di riportare la Biennale delle Arti Applicate a Treviso. Forse come ha affermato Giusi Ferrè alla fine del secondo, ciò potrebbe essere l’ inizio di qualcosa che (sperabilmente) potrebbe essere sviluppato in futuro: parole per pensare e fare di più e meglio.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

The artist Antonio Riello

The artist Antonio Riello

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

mlf iuav

There is an event July 3rd in Treviso that had been organized by Iuav University of Venice featuring the fashion culture and emerging creatives, the Newcomers 2013, their work will be displayed in the shop windows of many Treviso boutiques. Book launches, exhibitions and talks will also feature in the event as well as the book launch of “11 idee per l’ Italia”, translation ”11 ideas for Italy” (Marsilio editions) that will take place on 3rd July, at 7:00 pm, in the Treviso Loggia dei Cavalieri. Cristiano Seganfreddo will moderate a panel of experts such as Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi and Federico Sarica. Following the panel discussion there will be another talk about the official launch of Modesign/Fashion at Iuav, taking place at 9 pm and moderated by Giusi Ferrè.

11

Thursday 4th July at the Treviso Iuav University the exhibition “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curated by Maria Bonifacic displaying the students work, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano showcasing fashion documents, “Strike a pose”, a shooting event. It will follow “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” an exhibition, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which will be opened at the Treviso Archivio di Stato at 5:00 pm and will run through 12th July. Later Giusi Ferrè will moderate the first talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio”, featuring Brunello Cucinelli which will be held at the Treviso Loggia dei Cavalieri at 6:00 pm and the event will follow with “Ritorno al futuro e second skin”, exhibition of the works by Iuav students that have financed by brands Lotto and Stonefly. The day will be ended by the second talk at 9:00 pm, featuring the Coin Group CEO Stefano Beraldo.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

The smashing event will close on 5th July with a talk, “Per una fotografia italiana di moda” which will be held at Treviso TRA cultural association, the opening of exhibition “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins and Iuav University of Veniceat the Treviso Musei Civici which will runs through 13th July, the graduation show and a smashing after party. A not to be missed happening evidencing a laudable work by a public institution, focused in creating solid results to increase, support and share the fashion culture and emerging creativity.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013, TRE GIORNI ALL’ INSEGNA DELLA CULTURA DELLA MODA E DELLA CREATIVITÀ EMERGENTE

Maria Luisa  Frisa

Maria Luisa Frisa

Il 3 luglio c’è un evento a Treviso che è stato organizzato dall’ Università di Venezia Iuav di cui sono protagonisti la cultura della moda e la creatività emergente, i the Newcomers 2013, il loro lavoro sarà esposto nelle vetrine di molte boutiques di Treviso. Presentazioni di libri, mostre e talks saranno anche protagonisti dell’ evento come anche la presentazione del libro “11 idee per l’ Italia”(Marsilio editore) che avrà luogo il 3 luglio, alle ore 19:00 pm, presso la Loggia dei Cavalieri di Treviso. Cristiano Seganfreddo modererà un gruppo di esperti tra cui Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi e Federico Sarica. A seguire della discussione del gruppo ci sarà un’ altro talk sul lancio ufficiale di Modesign/Fashion at Iuav 2013 che avrà luogo alle ore 21:00 e sarà moderato da Giusi Ferrè.

LINENyarn

Giovedì 4 luglio presso la sede di Treviso dell’ Università Iuav ci sarà la mostra “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curata da Maria Bonifacic che esporra il lavoro degli studenti, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano che espone documenti di moda, “Strike a pose”, un evento di shooting. Seguirà “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” una mostra, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che sarà inaugurata presso l’ Archivio di Stato di Treviso alle ore 17:00 e proseguirà fino al 12luglio. Dopo Giusi Ferrè modererà il primo talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio” con Brunello Cucinelli che si terrà alla Loggia dei Cavalieri di Treviso alle ore 18:00 e l’ evento proseguirà con “Ritorno al futuro e second skin”, mostra delle orpere degli studenti della Iuav che sono stati finanziati da brands quali Lotto e Stonefly. La giornata sarà conclusa dal secondo talk alle ore 21:00 , con il CEO del Gruppo Coin Stefano Beraldo.

Il formidabile evento si chiuder il 5 luglio con un talk, “Per una fotografia italiana di moda” che si terrà presso l’ associazione culturale TRA di Treviso, l’inaugurazione della mostra “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins e della Università Iuav di Venezia presso i Musei Civici di Venezia che proseguirà fino al 13 luglio, il graduation show e un formidabile after party. Un evento imperdibile che dimostra un lodevole lavoro di una istituzione pubblica, dedita a creare solidi risultati per accrescere, sostenere e condividere la cultura della moda e la creatività emergente.

www.iuav.it

www.ashadeviewonfashion.com