You are currently browsing the tag archive for the ‘Adriano Olivetti’ tag.

photo by N

photo by N

Sharing and activism in the name of fashion, this is a call to act for all the ones who think Made in Italy is a source of culture and productivity. To join with me it’s very simple, take a picture, a selfie, like I did to assert “I am with Altaroma” and post it on Instagram and Facebook. Dear FBFers, you are asking: why? That is part of the digital campaign “# IostoconAltaroma” to support Altaroma – event promoting young creativity made in Italy and presenting fashion in its vibrant alchemies with art, craftsmanship and design, showcasing also the works by the students from the fashion schools – and the work done until now by this public institution. It has spent many years and alternated different presidencies ( headed yesterday by Nicoletta Fiorucci and now by Silvia Venturini Fendi) that have driven fashion, the haute fashion existing in Italy and having in Rome its main house to a work of relaunch and renewal, connected to contemporary fashion, art and craftsmanship, precious mastership which is very thriving in Rome.

It exists the concrete risk all was done until now to promote and showcase the Made in Italy internationally could be deleted and a city, Rome, the capital of Italy, bringer of a legendary past and many experiences on the art of making, falls again into the darkness, oblivion. That is not fair and offences all of the people working, very much and good, in this realm. It’s a modest action what I am asking you for, but modest actions, ideas, value produce big changes, that is what I am wishing for. This is a spontaneous reaction to the news I knew some days ago. I discovered the Winter edition of Altaromawhich should be held from 24th to 27th January 2015 – could be shelved “due to the lack of decisions from the partners concerning the annual contribute”( as it was written in the press release which has informed me of this fact). The lack of funds is an issue in Italy, unfortunately experienced by many productive realms, due to a crisis which is hard to cross, along with other pathologies, the diabolical cocktail made of policy, its corruption and mafia, as it evidences the latest news regarding the City of Rome and the operation “Mafia Roma”.

That exists unfortunately, but it’s not the only Italy existing, there is an Italy working and dreaming of a better Italy, a Country welcoming its citizens, instead of making them escape abroad to look for a chance to express their skills. At this time there are a lot of Italians living in Italy, facing with the problems due to the crisis and working, giving their contribution to change this status quo. And fashion is one of its most productive areas. Industries, companies, institutions as Altaroma are currently bringers of productivity and give a big contribution to Italy in terms of GNP. GNP is not all, as it has evidenced yesterday by Adriano Olivetti and the development of his company (from which it has arisen a model of company “The Olivetti model”, which was successfully implemented as a whole by the Food company Ferrero known worldwide for its celebrated “Nutella”, a company which was not victim of the negative effects arising from the crisis). “There is beyond the apparent rhythm “- as he asserted – “something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”. That something more is made of values. Spiritual values that are more precious of GNP, though it needs. Fashion is a productive field and embodies different values that were the purposes got by Altaroma as the culture of fashion, the support of emerging creativity and the synergies between high fashion and ready to wear, realms that give to work to many people and can give working to many other people. Fashion is a source, a source of productivity and culture. Thus I ask to myself why public institutions could delete what it was built until know, what made Rome more international and known?

The funds lack, but they can be raised. I am skeptical behind the public institutions’ myopia – even if they have recently, widely experienced generosity coming from privates. I am talking about the gala dinner of the exhibition “Bellissima”, organized in collaboration with Altaroma and in main partnership with Bulgari, which was held at MAXXI Museum giving rise and hosted a fund raising amounting to 600,000 Euros, resulting from the generosity of fashion which joined art to support a museum which is experiencing a hard time. It’s easy when the contributes come from the private entities, but it becomes hard when it regards public institutions. I consider the absence of City of Rome’s officers which is a partner of Altaroma and never appeared at the meeting to fix the annual contribution – to the risk to miss a chance of developing and just break down, though I wish there is a positive change. Therefore it’s important you join with me and express your support to this campaign, spreading the word and paying attention to that. I also ask to my fellows, fashion bloggers and journalist for talking about that in order to avoid the news ends like those news, tragic news concerning Italy and its citizens, creating noises lasting for one day only. Thus please let’s do that, by sharing this post and/or writing other. Living in a Middle Age time, very dark, where everything, good and beautiful there is, breaks down, it’s important to fight against ignorance and inertia, reacting vertically to save culture and fashion.

IO STO CON ALTAROMA: SOSTENIAMO  LA CAMPAGNA DIGITALE #IOSTOCONALTAROMA!

photo by N

photo by N

Condivisione e attivismo nel nome della moda, questa è una chiamata all’ azione per tutti coloro che ritengono che il Made in Italy sia una fonte di cultura e produttività. Unirsi a me è molto semplice, scattare una foto, un selfie, come io stessa ho fatto, per affermare “Io sto con Altaroma” e postarla su Instagram e Facebook. Cari FBFers, vi state chiedendo: perché? Ciò fa parte della campagna digitale “# IostoconAltaroma” per sostenere Altaroma – evento che promuove la creatività emergente, il Made in Italy e presenta la moda nelle sue vibranti alchimie con l’ arte, l’ artigianalità e il design, esponendo anche i lavori degli studenti delle scuole di moda – e l’ opera che questa istituzione pubblica ha fatto finora. Sono passati tanti anni e si sono avvicendate diverse presidenze ( ieri alla guida di Nicoletta Fiorucci e da un paio di anni di Silvia Venturini Fendi) che hanno guidato la moda, l’ alta moda che esiste in Italia e ha a Roma la sua principale dimora verso un’ opera di rilancio e rinnovamento, legata alla  moda contemporanea, all’ arte e all’ artigianato, preziosa maestranza che è oltremodo fiorente a Roma.

Esiste il rischio concreto che tutto ciò che è stato fatto finora per promuovere ed esporre il Made in Italy a livello internazionale sia cancellato e che una città, Roma, la capitale d’ Italia, portatrice di un leggendario passato e copiose esperienze nell’ arte del fare, ricada nelle tenebre, nel dimenticatoio. Ciò non è giusto e offende tutta la gente che lavora, tanto e bene, in questo ambito. È un’ azione modesta quella ciò che vi sto chiedendo, ma le azioni modeste, le idee, i valori, producono grandi cambiamenti, questo, ciò che mi auguro. Questa è una reazione spontanea alle notizie di cui sono venuta a sapere giorni fa. Ho scoperto che l’ edizione invernale di Altaromache dovrebbe tenersi dal 24 al 27 gennaio 2015potrebbe essere congelata “in assenza di decisioni dei soci sul contributo annuale”( come era scritto nel comunicato stampa che mi informava dell’ accaduto). La mancanza di fondi è una problematica in Italia, sfortunatamente sperimentata da suoi vari ambiti produttivi a causa di una crisi che è difficile superare unitamente ad altre patologie, il cocktail diabolico fatto di politica, la sua corruzione e mafia, come si evince dalle ultime notizie che riguardano il Comune di Roma e l’ operazione “Mafia Roma”.

Ciò purtroppo esiste, ma non è l’ unica Italia che c’è, c’è un’ Italia che lavora e sogna un’ Italia migliore, un Paese che accoglie e valorizza i suoi cittadini, invece di farli fuggire via all’ estero a cercare un’ occasione per esprimere i loro talenti. In questo momento ci sono molti italiani che vivono in Italia, si confrontano con i problemi derivanti dalla crisi e lavorano, dando il loro contributo per cambiare questo status quo. E la moda è una delle sue aree più produttive. Industrie, aziende, istituzioni come Altaroma sono attualmente portatrici di produttività e danno un grande contributo all’ Italia in termini di PIL. Il PIL non è tutto, come è stato dimostrato ieri da Adriano Olivetti e dallo sviluppo della sua azienda (da cui è nato un modello aziendale “Il modello Olivetti” che è stato felicemente attuato per intero dall’ azienda alimentare Ferrero, nota in tutto il mondo per la sua celebre “Nutella”, un’ azienda che non è stata vittima degli effetti negativi derivanti dalla crisi). “C’è qualcosa al di là del ritmo apparente – come costui affermava – di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”. Quel qualcosa in più è fatto di valori, i valori spirituali che sono molto più preziosi del PIL, anche se esso serve. La moda è un settore produttivo e racchiude in sé diversi valori che sono stati gli obiettivi raggiunti da Altaroma quali la cultura della moda, il sostegno alla creatività emergente e le sinergie tra alta moda e prêt à porter, ambiti che offrono lavoro a tante persone e che possono dar lavoro ad altrettante persone. La moda è una risorsa, una fonte di produttività e cultura. Perciò mi chiedo perché le istituzioni pubbliche potrebbero cancellare ciò che è stato costruito finora, ciò che ha reso Roma più internazionale e nota?

I fondi mancano, ma possono essere raccolti. Sono scettica dinanzi alla miopia delle pubbliche istituzioni – anche se esse stesse hanno recentemente, ampiamente sperimentato la generosità proveniente dai privati. Mi riferisco alla cena di gala per la mostra “Bellissima”, organizzata in collaborazione con Altaroma e in main partnership con Bulgari, che si é tenuta al Museo MAXXI ed ha ospitato una raccolta di fondi per il Museo pari a 600.000 Euro, derivante dalla generosità della moda che si è unita all’ arte per supportare un museo che sta vivendo un momento difficile. È facile quando i contributi provengono da organismi privati, ma diventa difficile quando si ha a che fare con le pubbliche istituzioni. Prendo in considerazione l’ assenza dei rappresentanti del Comune di Roma che è un socio di Altaroma e non si è mai presentato al meeting per fissare il contributo annuale – al rischio di perdere un occasione di sviluppo e fallire, benché speri che ci sia un cambiamento positivo. Pertanto è importante che vi uniate a me ed esprimiate il vostro sostegno a questa campagna, spargendo la parola e prestando attenzione a essa. Inoltre chiedo ai miei colleghi, fashion bloggers e giornalisti di parlarne al fine di evitare che la notizia faccia la fine di tante notizie, quelle notizie tragiche che riguardano l’ Italia e i suoi cittadini e creano rumore che dura soltanto un giorno. Fatelo,condividendo questo post e/o scrivendo altro. Vivendo in un’ epoca medioevale, oltremodo oscura in cui tutto ciò che di buono e bello esiste cade a pezzi è importante combattere l’ ignoranza e l’inerzia, reagendo verticalmente per proteggere la cultura e la moda.

www.altaroma.it

love

Today I ran into the post wrote by Ralph Nader, author and renowned American lawyer who introduced the class actions in USA legal system, making concrete the ideas sang yesterday by Patti Smith “people have the power”( who as law graduated student made the book “Unsafe at any speed” in 1965, where he told about the lack of conformity and quality of a product, circumstance which gave rise to the binding Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, where he claimed for damages his privacy, person and reputation suffered. The consequence has been a compensation set up by the tribunal for the damage he suffered along with the obligation of General Motor’s President to publicly apologizes for the false accuses, made to Nader. It was the first time in USA it has given voice to consumers against the hyper power of multinationals).

The piece Love, corporate-style, features in his blog on Huffington Post I am glad to share with you dear FBFers as it focuses on issues that are closely connected to fashion, the fashion brands, their real or apparent adherence to the brand history, realm concerning fashion marketing, the impact of social media, social opinion during contemporary times, as well as the role of consumers inside a certain market, individuals who are at first individuals and eventually they can be consumers of a certain product or a wide range of products. And if the consumer yesterday has to be considered as a passive subject market, today the web, the 2.0 age, emancipated him, made him more informed, conscious and free.

Therefore many marketing experts started talking about spiritual values connected to the marketing, consumers as well as the companies producing goods. That reminds me of the words by Adriano Olivetti, embodied in the book “Ai lavoratori”, illuminated businessman I remind with respect and nostalgia, who focused in his work on immaterial values, the ones that aren’t just only in the profits index (as he asserted talking behind his workers: “there is beyond the apparent rhythm something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”), talking about responsibility, respect of individual and knowledge. Those are spiritual values which should be the core of a company, considered and made concrete by a fashion company, as it was made by brands as Timberland (a brand development model coherent with its brand history), the ethical fashion brand Carmina Campus, as well as embodied in the choices of consumers in order to be more conscious and free as we are born to live and not to consume or being consumed by consuming.

LOVE, CORPORATE-STYLE

“Mitt Romney famously said during his most recent bid for the presidency: “Corporations are people, my friend.” Perhaps nothing else better surmises the state of our country — even the state of our culture — than a prominent politician running for the presidency openly advancing such a flawed opinion. It is no secret that corporations now wield immense power in our elections, in our economy, and even in how we spend time with our friends and families. Corporate entities, in their massive, billion dollar efforts to advertise and “brand” themselves, not only want consumers to think of them as people, but even as “friends.” If a corporation could hit the campaign trail itself, one could imagine it uttering the phrase: “Corporations are friends, my people.”

I recently came across a full-page ad in the New York Times. The ad, which shows a tiny baby’s hand clutching the fingers of an adult hand, is captioned with the words: “Love is the most powerful thing on the planet.” It goes on to read: “For all the things in your life that make life worth living — Johnson and Johnson, for all you love.” Notably, this is Johnson and Johnson’s first “corporate branding” campaign in over a decade.

This poses an interesting question. What exactly is corporate love? Love is a very human emotion – but, coming from a business conglomerate whose over-riding goal is bigger profits — this message rings hollow.

An April 24 New York Times article (interestingly enough, the same paper the “For All You Love” ad appeared in) notes that Johnson and Johnson recalled 280 million packages of over-the-counter medication and two hip replacement models in 2010. Ten thousand lawsuits were filed as a result of these faulty hip replacements, including one lawsuit that forced Johnson and Johnson to pay out $8.3 million in damages.

Suddenly, a clearer picture begins to emerge. In this case, “corporate love” is merely a two-faced attempt to establish trust after — or in anticipation of — the disclosure of a negligent product failure. The phrase “to err is human, to forgive is divine” comes to mind. But, of course, corporations aren’t human.

The idea of “humanizing” a corporation is certainly not unique to Johnson and Johnson. Our corporate “friends” are all around us. They are dominating our publicly owned airwaves with their slogans, filling our skies with their logos on billboards, showing up on the sides of city buses, and collecting our browsing preferences so as to better appeal to us on the internet. One might say that “corporate love” has been a part of American culture as long as corporations have advertised. This idea of trust in a brand name — of allowing a corporation to “earn” your “friendship” — is one that perhaps has allowed the corporate entity to dominate so many aspects of our culture. People become attached to brands. How many people do you know that only use a certain type of shampoo or drink their preferred brand of beer?

To the younger generation, social media has become a massive part of the public forum. Look to Twitter, where companies like Walmart routinely “tweet” benign questions such as: “Cats or dogs… or both? Tell us what pet companion keeps you happy.” McDonald’s recently tweeted: “Good morning! Any big plans for the weekend?” Coca-Cola says: “Proven fact: making friends is easy when you’re bubbly, refreshing and delicious.” They’re not kidding — Coca-Cola has over a million “followers” on that website. (Who’s going to make concepts like “justice” bubbly, refreshing and delicious so as to get a million followers?”)

Don’t be fooled by these friendly panderings. These are multi-billion dollar companies attempting to win your trust to sell their products and often, to divert attention away from more disturbing truths — perhaps their products are unhealthy, or addictive, or damaging to the environment, or simply that their corporate executives regularly place profits over people. Social media accounts such as @Walmart “feign humanity and engage with users” as comedian Rob Delaney recently put it in an interview with Yahoo!

As the official Walmart account tweets: “Whew- Retweet if you agree that it’s too hot for hairdryers!” the executives that run that company choose to underpay their workers which forces taxpayers to subsidize many Walmart employees through social service programs, take advantage of communities, and use excess profits to buy back stock to line the pockets of its biggest shareholders. Given these transgressions, who cares about hairdryers?

So let’s conduct an experiment. The goal is to send a message to some of these giant corporations who are so obsessed with establishing themselves as your “friends” while taking advantage of our health, our workers, our electoral system, our government, our justice system and our economy. Take to the social media ramparts. Send out a tweet directed at the corporations you feel are the worst perpetrators of this snake-oily style of branding and question their worst offenses. Use the hashtag #corporatelove.

Let’s inform abusive companies like McDonald’s and Walmart that entities created for profit are not our buddies, but rather “legal fictions” that must be held accountable to human necessities”.

“AMORE, STILE AZIENDALE”

 

Oggi mi sono imbattuta nel post di Ralph Nader, scrittore e rinomato avvocato che ha introdotto l’ azione di categoria nel sistema giuridico Americano, concretizzando l’ idea cantata da Patti Smith che “people have the power”( che da studente neolaureato ha scritto il libro “Insicuro a qualsiasi velocità” nel 1965, in cui parlava di difetto di conformità e qualità di un prodotto, circostanza che ha dato vita al precedente vincolante Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, in cui rivendicava i danni per la violazione di privacy a danni alla sua persona e reputazione. La conseguenza è stata un risarcimento dei danni a lui accordato dal tribunale unitamente all’ obbligo del presidente della General Motors a chiedere scusa pubblicamente a lui per le false accuse da essa presentate. Era la prima volta che negli USA era stata data voce ai consumatori contro lo strapotere delle multinazionali):

Il pezzo “Love, corporate-style” è protagonista oggi del suo blog su Huffington Post che son lieta di condividere con voi cari FBFers, essendo  incentrato su problematiche che sono strettamente connesse alla moda, ai brand di moda, la loro reale o apparente aderenza alla storia di brand, ambito che riguarda il fashion marketing, l’ impatto dei social media, della social opinion nella contemporaneità, come anche il ruolo dei consumatori all’ interno di un certo mercato, individui che sono per prima cosa individui ed eventualmente possono essere consumatori di un certo prodotto o un’ ampia gamma di prodotti. E se ieri il consumatore poteva essere considerato come un soggetto passivo dinanzi al mercato, oggi il web, l’ epoca 2.0, lo ha emancipato, rendendolo più informato, consapevole e libero.

Pertanto plurimi esperti di marketing hanno iniziato a parlare di valori spirituali connessi al marketing, ai consumatori e alle aziende che producono beni di consumo. Ciò mi ricorda le parole di Adriano Olivetti, racchiuse nel libro “Ai lavoratori”, imprenditore illuminato che ricordo con rispetto e nostalgia che ha incentrato il suo lavoro su valori immateriali, quelli che non si trovano soltanto nell’ indice dei profitti (come costui affermava parlando al cospetto dei suoi operai: “c’è qualcosa al di là del ritmo apparente di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”), parlando di responsabilità, rispetto della persona e conoscenza. Questi sono valori spirituali che dovrebbero essere alla base di un’ azienda, considerati e concretizzati da un’ azienda di moda, come è stato fatto da brands quali Timberland (un modello di sviluppo di brand coerente con la sua storia di brand), il brand di moda ethical Carmina Campus, come anche racchiuso nelle scelte dei consumatori al fine di essere più consapevoli e liberi poiché siamo nati per vivere e non per consumare o essere consumati dal consumo.

AMORE, STILE -AZIENDALE

“E’ celebre ciò che Mitt Romney ha detto durante la sua candidatura alla presidenza: “Le aziende sono persone, amico mio”: Forse niente altro meglio si riesce a immaginare in merito allo stato del nostro paese – anche dello stato della nostra cultura – di un illustre politico in corsa alla presidenza che apertamente avanza un’ opinione talmente fallace. Non è un mistero che le aziende adesso esercitino un potere immenso nelle nostre elezioni, nella nostra economia, e anche nel modo in cui passiamo il tempo con i nostri amici e le famiglie. Le Entità aziendali, nei loro massicci tentativi da milioni di dollari per pubblicizzare e “brandizzare” sé stessi, non soltanto vogliono che i consumatori pensino a loro come persone, ma anche come “amici”. Se un’ azienda potesse colpire l’ iter stesso dellla campagna, lo si potrebbe immaginare sentendo la frase: “le aziende sono amici, gente mia”.

Mi sono recentemente imbattuto in una pubblicità a pagina intera nel New York Times. La pubblicità, che mostra la tenera mano di un bebè mentre stringe le dita di un adulto, è sottotitolata dalle parole: “L’ amore è la cosa più potente del pianeta”. Si continua a leggere: “Per tutte le cose nella tua vita che rendono la vita degna di essere vissuta — Johnson and Johnson, per tutto ciò che ami.” Da notarsi che questa è la prima campagna di “branding aziendale” della Johnson and Johnson in più di una decade.

Ciò pone un interessante quesito. Cosa è esattamente l’ amore aziendale? L’ amore è un’ emozione molto umana – ma, proveniente da un agglomerato aziendale che ha quale primaria finalità l’ ottenimento di profitti più alti — questo messaggio  risuona vacuo.

Un articolo del New York Times del 24 aprile (alquanto stranamente, la stessa pagina pubblicitaria “Per Tutto Ciò Che Ami” ivi appariva) nota che la Johnson and Johnson ha ritirato 280 milioni di confezioni di medicinali non prescrivibili e due protesi all’ anca difettose nel 2010. Dieci mila azioni legali sono state avviate a causa di queste protesi all’ anca difettose, comprensive di un’ azione legale che ha costretto la Johnson and Johnson a pagare 8.3 milioni di dollari di danni.

Improvvisamente, inizia a emergere una visione più chiara. In questo caso, ”l’ amore aziendale” è meramente un doppiogiochista tentativo per stabilire la fiducia dopo – o in anticipo a — la divulgazione di una responsabilità per difetto del prodotto. Viene in mente la frase “errare è umano, perdonare è divino”. Ma, naturalmente, le aziende non sono umane.

L’ idea di “umanizzare” un’ azienda non è certamente una prerogativa della Johnson and Johnson. I nostri “amici” aziendali sono intorno a noi. Stanno dominando le nostre reti radio di proprietà pubblica con i loro slogan, riempiendo i nostri cieli con i loro loghi su cartelloni, che sono messi in evidenza sui lati degli autobus cittadini, e collezionando le nostre preferenze di browser per piacere di più a noi su internet. Si potrebbe ritenere che “l’ amore aziendale” sia stato una parte della cultura americana dal momento in cui le aziende hanno fatto pubblicità. Questa idea di fiducia nel nome di un brand – di permettere a un’ azienda di “guadagnare” “amicizia” – è qualcosa che forse ha consentito all’ entità aziendale di dominare su così tanti aspetti della nostra cultura. Le persone diventano attaccate ai marchi. Quante persone si conoscono che usano soltanto un certo tipo di shampoo o bevono birra del loro marchio preferito?

Per le generazioni più giovani, i social media sono diventati una rilevante parte del public forum. Guardiamo Twitter, in cui aziende quali Walmart abitualmente include nei suoi “tweet” domande benevole quali: “Cani o gatti…o entrambi? Diteci quale compagno cucciolo vi rende felici”. McDonald’s recentemente ha tweettato: “Buongiorno! Avete qualche grande idea per il weekend?” Coca-Cola dice: “Fatto provato: è facile fare amicizia quando sei frizzante, rinfrescante e deliziosa”. Non è uno scherzo – la Coca-Cola ha più di un milione di “followers” su quel sito web. (Chi è colui che sta elaborare idee quali “giustizia” frizzante, rinfrescante e deliziosa in modo da ottenere un milione di followers?”)

Non lasciatevi ingannare da queste amichevoli lusinghe. Queste sono aziende multimiliardarie che tentano di conquistare la vostra fiducia per vendere i loro prodotti e spesso, per distogliere l’ attenzione da più disturbanti verità – forse i loro prodotti sono insalubri, o causano dipendenza o danneggiano l’ ambiente, o semplicemente che i loro capi d’ azienda regolarmente posizionano i profitti sulle persone. Gli accounts sui social media quali @Walmart “simula umanità ed entra in contatto con gli users” come il comico Rob Delaney ha ammesso in un’ intervista con Yahoo!

In quanto l’ account ufficiale di Walmart tweetta: “Ehi- Retweetts se sei d’ accordo che è troppo caldo per gli asciugacapelli!” i capi aziendali che gestiscono quell’ azienda scelgono di sottopagare i loro operai che costringe i contribuenti a fornire sussidi a molti impiegati della Walmart attraverso programmi di servizi sociali, che traggono vantaggi dalle comunità, e usano i profitti per riacquistare stock per allineare i pacchetti dei suoi più grandi azionisti. Date queste trasgressioni a chi importa degli asciugacapelli?

Facciamo quindi un esperimento. L’ obiettivo é mandare un messaggio ad alcune di queste gigantesche aziende che sono talmente ossessionate dal dimostrarsi vostre amiche mentre traggono vantaggio dalla nostra salute, dai nostri lavoratori, dal nostro sistema elettorale, dal nostro governo, dal nostro sistema giuridico e dalla nostra economia. Serviamoci dei baluardi dei social media. Mandiamo un tweet diretto alle aziende che reputi siano i peggiori perpetuatori di questo stile di branding da venditori di fumo e critica le loro peggiori infrazioni. Usa l’ hashtag #corporatelove.

Informiamo le aziende speculatorie quali McDonald’s e Walmart che le aziende create per il profitto non sono nostri amici, ma soltanto “finzioni giuridiche” che devono essere considerate responsabili delle necessità umane”.

Happy Fashion! : Sylvio Giardina and me ready to go to the book-launch, photo by Raffaele Granato

Happy Fashion! : Sylvio Giardina and me ready to go to the book-launch, photo by Raffaele Granato

I was very pleased of featuring in the talk to launch “Happy fashion, companies, styles and anti-fashion”(Viaindustriae Publishing, 15,00 Euros) by Emanuele De Donno along with the radio journalist Valeria Oppenheimer and the fashion designers Caterina Gatta and Sylvio Giardina which was recently held in the marvelous Rome bookshop Fahrenheit 451. Here I was fascinated by many books, something which follows my life, glad to see and buy a little book, “Ai lavoratoriby Adriano Olivetti( Edizioni di comunità, Euros 6,00), an illuminated businessman who supported the rise of ready to wear in Italy and concretely invested on the work and brand of Giorgio Armani.

Sylvio Giardina, me and Caterina Gatta at the Fahrenheit 451 bookshop, photo by Giorgio Miserendino

Sylvio Giardina, me  and Caterina Gatta at the Fahrenheit 451 bookshop, photo by Giorgio Miserendino

Reminding his idea of human dignity, knowledge, responsibility, respect for the environment, the world we live and spirituality that is the way to depict a new society under the sign of humanity it has what I marked during the talk, considering what has embodied in the book an experience started yesterday in a specific area, in Umbria by Umberto Ginocchietti and followed today by another celebrated businessman Brunello Cucinelli of whose idea to make fashion has bringer of coherence in the realm of semiotic as well as marketing and in the cycle which gives rise to product.

Sylvio Giardina and me, photo by Giorgio Miserendino

Sylvio Giardina and me, photo by Giorgio Miserendino

It has been interesting for the audience to know the experience by the fashion designers, issues and troubles they deal with for giving rise to a collection, communicate, promote and hopefully sell. A smashing chance to depict the contemporary times of made in Italy, considering what has made for the young talents by an Institution as Altaroma and its President Silvia Venturini Fendi who promoted and showcased the work of many young talents like Caterina Gatta during a recent yesterday and continues successfully doing that. That is the path to innovate, enrich of new contents the made in Italy along with the “peering” work – lacking of any connection to hierarchy and subordination to power positions – made spontaneously by creatives as it has been evidenced by the book Emanuele De Donno made and the cultural events connected to that.

CONVERSAZIONI DI MODA: LA PRESENTAZIONE DI “FELICE MODA, IMPRESE, STILISMO E CONTROMODE” DI EMANUELE DE DONNO

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Sono stata molto lieta di essere protagonista del talk di presentazione di “Felice moda, imprese, stilismo e contromode”(Viaindustriae Publishing, 15,00 Euro) di Emanuele De Donno insieme alla giornalista radio Valeria Offenheimer ed i fashion designers Caterina Gatta e Sylvio Giardina che si è recentemente tenuto presso la meravigliosa libreria di Roma Fahrenheit 451. Ivi sono stata affascinata da molteplici libri, qualcosa che accompagna la mia vita, lieta di vedere e acquistare un piccolo libro, “Ai lavoratoridi Adriano Olivetti( Edizioni di comunità, Euro 6,00), un imprenditore illuminato che ha sostenuto la nascita del prêt à porter in Italia ed ha concretamente investito sull’ opera e il brand di Giorgio Armani.

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Ricordare la sua idea di dignità umana, conoscenza, responsabilità, rispetto per l’ ambiente, per il mondo in cui viviamo e la spiritualità che è la via per dipingere una nuova società all’ insegna dell’ umanità è ciò che ho sottolineato durante il talk, considerando ciò che è stato racchiuso nel libro, una esperienza iniziata ieri in una area specifica, l’ Umbria da Umberto Ginocchietti e proseguita oggi da un altro celebre imprenditore Brunello Cucinelli la cui idea di fare moda è portatrice di coerenza nell’ ambito di semiotica, marketing e accompagna il ciclo che dà vita al prodotto.

Emanuele De Donno, photo by Giorgio Miserendino

Emanuele De Donno, photo by Giorgio Miserendino

È stato interessante per il pubblico conoscere l’ esperienza dei fashion designers, le questioni e problematiche con cui si confrontano per dare vita a una collezione, comunicarla, promuoverla e sperabilmente venderla. Una formidabile occasione per ritrarre la contemporaneità del made in Italy, considerare ciò che è stato fatto per i giovani talenti da una istituzione quale Altaroma e il suo Presidente Silvia Venturini Fendi che ha promosso e esposto l’ opera di plurimi giovani talenti come Caterina Gatta in un recente ieri e continua a fare felicemente ciò. Questo è il sentiero da seguire per innovare, arricchire di nuovi contenuti il made in Italy unitamente all’ opera di “peering” – priva di legame alcuno alla gerarchia e sudditanza verso le posizioni di potere – effettuato spontaneamente dai creativi come è stato dimostrato dal libro di Emanuele De Donno e gli eventi culturali ad esso connessi.

me, photo by Giorgio Miserendino

me, photo by Giorgio Miserendino

Valeria Offenheimer, photo by Giorgio Miserendino

Valeria Oppenheimer, photo by Giorgio Miserendino

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Caterina Gatta and me, photo by Giorgio Miserendino

Sylvio Giardina, photo by Giorgio Miserendino

Sylvio Giardina, photo by Giorgio Miserendino