You are currently browsing the tag archive for the ‘Alexander Mc Queen’ tag.

Torpedo the Ark, philosophy blog by Stephen Alexander featuring me

Torpedo the Ark, philosophy blog by Stephen Alexander featuring me

I recently ran into Stephen Alexander and the philosophy blog he made Torpedo the Ark, that yesterday featured a post about the six reasons why fashion is fabulous and the question of style is philosophically crucial, giving rises to many thoughts (as the notion of fashion as method for consummation of nihilism) and questions – especially the one concerning the superficiality of fashion, as I always believed fashion is a serious, relevant issue, considered the art of geniuses like Mariano Fortuny, Madeleine Vionnet, Elsa Schiaparelli, Yves Saint Laurent, Cristobal Balenciaga, Gianni Versace, Alexander Mc Queen who made fashion a work of art, others like Vivienne Westwood, Moschino who criticized and mocked the contemporary times and its pathologies, bringer of a healthy ethic who gave rise to genuine revolutions in the realm of fashion and recently also other ones as the illuminated fashion designer Ilaria Venturini Fendi, creator of ethical fashion brand Carmina Campus promoting the sustainability and the culture of re-use -, focusing on interesting themes as dandyism, queer and camp culture I observe, explore and celebrate and in the end including me, circumstance which amazes, touches and honors me. Here to you the post I am glad to feature and share with you.

Mariano Fortuny

Mariano Fortuny

Six reasons why fashion is fabulous and the question of style is philosophically crucial:

1) Because Professor Teufelsdröckh, despite being a typical German Idealist in many respects, is right to suggest that in the “one pregnant subject of clothes, rightly understood, is included all that men have thought, dreamed, done, and been” [Sartor Resartus].

Madeleine Vionnet

Madeleine Vionnet

2) With its obsessive desire for the New as a value in and of itself, the logic of fashion is the determining principle of modernity. To his credit, Kant, who was often mocked by his friends for his fine silk shirts and  silver-buckled shoes, was one of the first to identify this irrational principle and note that fashion therefore has nothing to do with aesthetic criteria (i.e. it’s not a striving after beauty, but novelty, innovation, and constant change). Designers seek to make their own creations as superfluous as quickly as possible; they don’t seek to improve on anything and there is no progress, purpose, or ultimate goal within the world of fashion (a short skirt is not an advance on a long dress). If it can be said to have any aim at all, it is to be a potentially endless proliferation of forms and colors.

Elsa Schiaparelli wearing the hat she made (1937)

Elsa Schiaparelli wearing the hat she made (1937)

3) It’s true that many philosophers regard fashion as something trivial and beneath their attention. Doubtless this is why the most interesting work written on the subject has tended to come from the pens of our poets and novelists including Baudelaire, Wilde, Mallarmé, Edgar Allan Poe, Proust, and D. H. Lawrence. But there are notable exceptions to this: Nietzsche, Barthes and Baudrillard, for example, all concerned themselves with the language of fashion and the question of style. And they did so because they understood that once the playful and promiscuous indeterminacy of fashion begins to affect the ‘heavy sphere of signs’ then the liquidation of values associated with the order of referential reason is accelerated to a point of rupture. Fashion, in other words, is a method for the consummation of nihilism.

Charles Baudelaire, photo by Félix Nadar

Charles Baudelaire, photo by Félix Nadar

4) Closely associated with fashion is the practice of dandyism: whilst primarily thought of as a late eighteenth and early nineteenth century phenomenon, dandyism can in fact be traced back as an ethos or way of living to the Classical world of ancient Greece, where techniques of the self and arts of existence were accorded singular importance amongst all those who wished to give style to their lives (i.e. that one needful thing which, in all matters, is the essential thing rather than sincerity).

Lord George Bryan Brummell known as "The Beau"

Lord George Bryan Brummel known as “The Beau”

5) The world of fashion also understands and perpetuates ideas of camp and queer. The first of these things, thought of somewhat problematically as a sensibility by Susan Sontag, taught us how to place quotation marks around certain artefacts and actions and thereby magically transform things with previously little or no worth into things with ironic value and perversely sophisticated appeal. Camp thus challenges conventional notions of good taste and high art and also comes to the defence of those forms and, indeed, those individuals, traditionally marginalized and despised.

As for queer, it’s never easy or advisable to try and summarize this notion; it’s a necessarily mobile and ambiguous concept that resists any fixed definition. Indeed, it’s technically impossible to say what queerness ‘is’ as isness is precisely what’s at issue in its rejection of all forms of onto-essentialism: it refers to nothing in particular and demarcates a transpositional positionality in relation to the normative. In other words, queer is a critical movement of resistance at odds with the legitimate and the dominant; it challenges the authority of those who would keep us all on the straight and narrow and wearing sensible shoes.

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo

6) Finally, fashion matters because, without it, figures such as Nunzia Garoffolo would not exist and without women such as this in the world, clothed in the colours of the rainbow, life would be as ugly and as dull as it would be without flowers. We do not need priests all in black, or politicians all in grey. But we do need those individuals who bring a little splendour and gorgeousness into the world, otherwise there is only boredom and uniformity.

 MODA & FILOSOFIA: “PHILOSOPHY ON THE CATWALK” SU THE TORPEDO THE ARK, IL BLOG DI STEPHEN ALEXANDER

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Mi sono recentemente imbattuta in Stephen Alexander e nel suo blog di filosofia Torpedo the Ark che ieri ha presentato un post sulle sei ragioni per cui la moda è splendida e la questione dello stile è filosoficamente rilevante, dando vita a plurime riflessioni (quali la nozione di moda quale metodo di attuazione del nichilismo) e interrogativi – specialmente quello inerente la superficialità della moda, avendo sempre creduto che la moda sia una cosa seria, importante, considerando  l’ arte di geni quali Mariano Fortuny, Madeleine Vionnet, Elsa Schiaparelli, Yves Saint Laurent, Cristobal Balenciaga, Gianni Versace, Alexander Mc Queen che hanno reso la moda un’ opera d’ arte, altri quali Vivienne Westwood, Moschino che hanno criticato e beffeggiato la contemporaneità e le sue patologie, portatori di una salubre etica che ha dato vita ad autentiche rivoluzioni nell’ ambito della moda e recentemente anche altri quali l’  illuminata fashion designer Ilaria Venturini Fendi, creatrice del brand di moda ethical Carmina Campus che promuove la sostenibilità e la cultura del riuso -, affrontando interessanti tematiche quali il dandismo, la cultura camp e queer che osservo, esploro e celebro e alla fine include me, circostanza che mi emoziona, commuove e onora. Eccovi il post che sono lieta di presentare e condividere con voi.

Cristobal Balenciaga

Cristobal Balenciaga

Sei ragioni per cui la moda è fantastica e il problema dello stile è filosoficamente determinante:

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi

1) Stante il Professore Teufelsdröckh, nonostante sia per molti aspetti un tipico idealista tedesco, é ragionevole suggerire che in “qualsiasi tema significativo di abiti, ragionevolmente inteso, è incluso tutto ciò che gli uomini hanno pensato, sognato, fatto e che sono stati” [Sartor Resartus].

Gianni Versace, photo by Nancy Ellison

Gianni Versace, photo by Nancy Ellison

2) Con il suo ossessivo desiderio di nuovo quale valore in sé e di sé, la logica della moda è il determinante principio di modernità. Per merito suo, Kant, che è stato sovente preso in giro dai suoi amici per le sue raffinate camicie di seta e le scarpe con le fibbie d’ argento, è stato uno dei primi a identificare questo principio irrazionale e notare che la moda non ha pertanto nulla a che fare con il criteri estetici (n.b. non è protesa verso la bellezza, ma la novità, l’ innovazione e il cambiamento costante). I designers cercano di realizzare le proprie creazioni tanto superficialmente quanto più velocemente possibile, non cercano di migliorare qualcosa e non c’è alcun progresso, scopo o fine ultimo all’ interno del mondo della moda ( una gonna corta non è un anticipazione di una gonna lunga). Semmai potrà ritenersi per avere una qualsiasi finalità che dovrà essere una potenziale proliferazione senza fine di forme e colori.

Vivienne Westwood, photo by Juergen Teller

Vivienne Westwood, photo by Juergen Teller

3) É vero che plurimi filosofi guardano la moda come qualcosa di triviale e al di sotto della loro attenzione. Senza dubbio ciò è il motivo per cui la più interessante opera scritta sull’ argomento è spesso provenuta dalle penne dei nostri poeti e scrittori che includono Baudelaire, Wilde, Mallarmé, Edgar Allan Poe, Proust e D. H. Lawrence. Ma ci sono illustri eccezioni a ciò: Nietzsche, Barthes e Baudrillard, per esempio, tutti si interessavano del linguaggio della moda e della questione dello stile. E costoro hanno effettuato ciò avendo compreso che quando la ludica e promiscua indeterminatezza della moda comincia a toccare “la pesante sfera dei segni”,poi la liquidazione di valori associati con l’ ordine della ragione referenziale è accelerata verso un punto di rottura. La moda in altre parole è un metodo di attuazione del nichilismo.

Alexander McQueen

Alexander McQueen

4)Strettamente associate alla moda è la pratica del dandismo: benché primariamente ritenuto fenomeno del tardo diciottesimo secolo e degli inizi del diciannovesimo secolo, il dandismo può infatti essere rimesso a fuoco quale un ethos o modo di vivere del mondo classico dell’ antica Grecia, in cui era data rilevante importanza alle tecniche del sé e arti di esistenza tra tutte quelle cose che gli individui ritenevano di dessero stile alle proprie vite (ossia quella qualsiasi cosa indispensabile che, in tutte le questioni, è la cosa essenziale invece della sincerità).

Oscar Wilde

Oscar Wilde

5) II mondo della moda comprende e perpetua anche idee di camp e queer. La prima di queste cose, ritenuta in qualche misura problematicamente una sensibilità da Susan Sontag, ci ha insegnato il modo in cui porre le virgolette intorno a certi artefatti e azioni e in tal modo trasformare magicamente le cose come prima erano senza alcun significato o valore in cose di valore ironico e dal fascino perversamente sofisticato. Camp pertanto cambia nel nozioni convenzionali di buon gusto e arte di pregio ed giunge anche alla difesa di quelle forme e, realmente, degli individui che tradizionalmente sono marginalizzati e disprezzati.

Moschino

Moschino

Mentre per il queer, non è mai facile o consigliabile provare a sintetizzare questa nozione, essendo un concetto necessariamente mobile e ambiguo che resiste a ogni definizione fissa. È davvero tecnicamente impossibile dire ciò che la queerness ‘sia’ quale “isness” sia precisamente, ciò che è il tema centrale nel suo rifiuto di tutte le forme dell’ essenzialismo ontologico: fa riferimento a niente in particolare e demarca una posizionalità transposizinale in relazione a ciò che è normativo. In altre parole queer é un movimento critico di resistenza in conflitto con ciò che è legittimo e dominante; si muta il potere di quelli che vigilerebbero su tutti noi in modo leale e angusto.

 

6) Infine, la moda è importante, poichè senza di lei, personalità quali Nunzia Garoffolo non esisterebbero e senza donne come lei nel mondo, vestite dei colori dell’ arcobaleno, la vita sarebbe tanto terribile e tanto noiosa come si starebbe se non ci fossero i fiori. Non abbiamo bisogno di preti tutti in nero o politici tutti in grigio. Abbiamo invece bisogno di quegli individui che portano un pò di splendore e bellezza nel mondo, altrimenti esiste soltanto  noia e uniformità.

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo

 

http://torpedotheark.blogspot.co.uk

Alexander McQueen

The London celebrated auctioneer Bohams will sell two outfits – estimated about 12000-18000 pounds -, created by the late and legendary Alexander McQueen, coming from the Fall/Winter 2007 Ready-To-Wear collection he made, inspired by the Salem Witch Trials of 1692 – during the Vision 21 sale which will be held on 30th June 2010 at 1 pm.

LA MODA DI ALEXANDER MCQUEEN IN VENDITA DA BOHAMS

Alexander McQueen dress available at Bohams

La celebre casa d’asta londinese Bohams venderà due capi, stimati circa 12000-18000 sterline inglesi -, creati dal defunto e leggendario Alexander McQueen, provenienti dalla collezione di prêt à porter 2007 da lui realizzata, ispirata al processo delle streghe di Golem del 1692, in occasione della vendita Vision 21 che saranno tenuti  il 30 giugno 2010 alle ore 13:00.

www.bonhams.com

Alexander Mc Queen, Genius Of a Generation by Kristin Knox,A&C Black Editions

“Alexander McQueen, Genius of a Generation”(A&C Black Editions, 128 pp, 19,90 $) is the first book telling life and career of Alexander McQueen – the most emblematic and visionary contemporary designer -, made by the British journalist and blogger of “The Clothes Whisperer” Kristin Knox which will be released in London on 7th May 2010: a genuine must have!

ALEXANDER MCQUEEN, GENIUS OF A GENERATION DI KRISTIN KNOX

“Alexander McQueen, Genius of a Generation”(A&C Black Edizioni, 128 pp., 19,90 sterline) è il primo libro che racconta la vita e la carriera di Alexander McQueen – il designer contemporaneo più emblematico e visionario -, realizzato dalla giornalista e blogger inglese di “The Clothes Whisperer” Kristin Knox, sarà pubblicato a Londra il 7 maggio 2010: un autentico must have!

www.theclotheswhisperer.co.uk 

www.alexandermcqueen.com

 

Lady Gaga

It’s a common trend considering the pop-star Lady Gaga as a style icon of latest times especially after the release of video “Telephone” featuring Beyonce, but that doesn’t result only from her look, but also contemporary times where the postmodernism or hybridization is a leitmotiv inside out the realm of fashion. Lady Gaga – of whose work I respect as the work made by any other individual – fully evidences all that along with a new trend recently developed: the stylist  creating an icon. In fact the iconic look of Lady Gaga – before inspired by Kenny Kenny, emblematic persona of New York nightlife and after emphasized during the latest times by sublime creations of Alexander Mc Queen and other celebrated fashion designers – has created by Nicola Formichetti, bright Italo-Japanese stylist and fashion editor of the legendary British magazine “Dazed & Confused”. A charming, high-quality self-service product creating and supporting the uniqueness of an individual, though the uniqueness cannot be developed per proxy or artifice. Artifice helps emphasizing the aesthetic impact – a  trend evidenced by turning to plastic surgery for running for the idea of eternal youth – even if an aesthetic not being supported by a strong ethics becomes just an empty container of elegance, a mere junk-product seducing fashionistas, being very far from the essence of style which is closely connected to  the genuineness of individual and feelings. Though questioning the Lady Gaga’s status of icon, it has to give merit her of presenting and promoting an aesthetics going beyond gender, being more common to the underground culture which now joins pop culture. A laudable result – thought being modest – for all the ones who are devoted to the grotesque as unconventional standard of beauty evoking freedom.

LADY GAGA: QUANDO LO STYLIST CREA UNA ICONA DI STILE

Lady Gaga

È un trend comunemente diffuso considerare la pop star Lady Gaga un’ icona di stile degli ultimi tempi, specialmente dopo la pubblicazione del video “Telephone” a cui partecipa Beyonce, ciò però non deriva unicamente dal suo look, ma anche dalla contemporaneità in cui il post-modernismo o l’ibridazione è un leitmotiv dentro e fuori l’ambito della moda. Lady Gaga – il cui lavoro rispetto come il lavoro compiuto da qualsiasi altro individuo – dimostra pienamente ciò unitamente a un nuovo trend recentemente consolidato: lo stylist  che crea una icona. Infatti l’iconico look di Lady Gaga – prima ispirato a Kenny Kenny, personaggio emblematico della vita notturna newyorkese e poi enfatizzato dalle sublimi creazioni di Alexander Mc Queen ed altri celebri fashion designers – è stato creato da Nicola Formichetti, brillante stylist italo-giapponese, fashion editor del leggendario magazine inglese “Dazed & Confused” e blogger. Un seducente prodotto da self-service di alta qualità che crea e supporta l’unicità di un individuo, benché non possa essere formata per procura o artificio. L’artificio aiuta ad enfatizzare l’impatto estetico – trend evidenziato dal ricorso alla chirurgia plastica per inseguire l’idea dell’eterna giovinezza – anche se un’estetica senza il supporto di una forte etica diviene un vuoto contenitore di eleganza, mero prodotto junk che seduce fashionisti, lungi dall’essenza dello stile che è connesso strettamente alle emozioni, alla genuinità dell’individuo. Pur mettendo in discussione lo status di icona di Lady Gaga, le deve essere riconosciuto il merito di presentare e promuovere un estetica che va al di là del gender, più comune alla cultura underground che adesso si unisce alla cultura pop. Un lodevole – seppur modesto – risultato per tutti coloro che sono devoti al grottesco, uno standard non convenzionale di bellezza che evoca la libertà.

Kenny Kenny

Kenny Kenny

www.ladygaga.com

nicolaformichetti.blogspot.com