You are currently browsing the tag archive for the ‘Anne Pigalle’ tag.

Lady Gaga

Lady Gaga

Today I was on Facebook and I ran into a picture shared by a friend of mine coming from the Lady Gaga Facebook profile who was got ready to watch herself as the Countess. I saw her outfit and it reminded me the real Countess, my dear friend Alex Zapak, renowned, iconic persona from the NYC downtown art scene (who is the founder of art movement The Cunt Rock Revolution, band and artistic collective later turned into The Countess and Cun$t Rock Revolution and the Bank of Imaginations Theatre), that realm Lady Gaga quoted as reference which influenced her art and music. As it teaches the legendary fashion designer Karl Lagerfeld: to use or rather combine at least eight different references it does not stands as copying. What does it happen instead when do you copy the name, the look, some music and the image of another underground artist? It does not happen anything. Why? Because of the mass ignorance, emphasized, a weird paradox, by the web, the unstoppable flux of information which is not supported by any consciousness, autonomous thinking, gives rise to ignorance, word I focus by considering is Latin root or rather “i-gnosco” which means “not-knowing”. Then the result arising from all that is to not knowing. And it has to be known the facts especially during this times where it lacks any sedimentation of knowledge (being basically visual, lasting for the time the following image deletes the previous, it’s a perpetual motion creating emptiness) and people exchange for “new”, “innovative”, “visionary”, a bad reinterpretation or worst copy of past or present.

The Cunt Rock Revolution

The Cunt Rock Revolution

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

These thoughts arise from a picture, but I am sure I am not the only who sees and knows it. Considering the Lady Gaga issue, her “references” to underground culture is very known. She “quoted” through her work many artists as Orlan (who unsuccessfully started a legal action against her), Colette(famous New York artist who made a public appearance behind the shop-windows of Barney’s over one year ago that hosted an installation ideated by Lady Gaga), Anne Pigalle and many others. Underground artists, though they are brilliant naturally fail behind a corporate marketing company which is Lady Gaga. They are the weakest because as “Nostalgia”, the song by Readers wives, tells about, “there is no money in the underground”. That is in the status quo of contemporary times. Knowledge is not marketing is of and for all the ones, thus it’s important to tell that and it’s relevant on a cultural profile to know and recognize all that. Mainstream culture will be always the mainstream culture, focused on increasing the mass homologation, corresponding to ideas, actions, habits and last but not least consumes – strictly connected to consumerism culture -, drawing often inspiration from the underground culture which will be always out of this circuit, the mass culture. Nevertheless, the minds of people, their eyes travel, therefore it must be given them the chance to develop an autonomous, free thinking.

CULTURA UNDERGROUND E CONSUMISMO, THE COUNTESS & L’ IGNORANZA DI MASSA

Alex Zapak aka The Countess & Lady Gaga

Alex Zapak aka The Countess & Lady Gaga

Oggi stavo su Facebook  e mi sono imbattuta in una foto, condivisa da un’ amico, proveniente dal profilo di Facebook di Lady Gaga che era pronta per guardarsi nelle vesti di The Countess. Ho visto il suo outfit e mi ha ricordato The Countess, quella vera, la mia cara amica Alex Zapak, rinomato, iconico personaggio della scena artistica della downtown newyorkese che è fondatrice del movimento artistico The Countess & Cunt Rock Revolution, band e collettivo artistico successivamente trasformato in The Countess and Cun$t Rock Revolution e Bank of Imaginations Theatre), quell’ ambito che Lady Gaga ha citato quale riferimento che ha influenzato la sua arte e musica. Come insegna il leggendario fashion designer Karl Lagerfeld: usare o meglio combinare tra loro fino ad otto riferimenti diversi non equivale a copiare. Che succede invece quando si copia il nome, il look, qualche musica e l’ immaginario di un’ altro artista underground? Nulla accade. Perché? A causa dell’ ignoranza di massa, enfatizzata, un bizzarro paradosso, dal web, l’ irrefrenabile flusso di informazione che non è sostenuto da alcuna consapevolezza, da un pensiero autonomo, dà vita all’ ignoranza, lemma su cui mi soffermo considerando la sua radice latina ovvero “i-gnosco” che equivale “a non conoscere”. Quindi il risultato di tutto ciò è non sapere. E i fatti si devono sapere, specialmente durante questi tempi in cui deficie ogni sedimentazione della conoscenza ( che è essenzialmente visiva, dura il tempo che l’ immagine successiva cancelli la precedente, un moto perpetuo che genera vuoto) e la gente scambia per “nuovo”, “innovativo”, “visionario”, una brutta interpretazione o peggio copia del passato e del presente.

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

Queste riflessioni derivano da un’ immagine, ma son certa di non essere l’ unica che vede e sa ciò. Prendendo in considerazione la questione Lady Gaga, i suoi “riferimenti” sono alla cultura underground sono molto noti. Costei ha “citato” attraverso la sua opera svariati artisti come Orlan (che ha avviato senza successo un’ azione legale contro di lei), Colette (famosa artista di New York che è apparsa pubblicamente davanti alle vetrine di  Barney’s, le quali ospitavano un’ installazione ideata da Lady Gaga), Anne Pigalle e molti altri. Gli artisti underground, benché siano brillanti naturalmente si fermano dinanzi a un’ azienda corporativa di marketing come Lady Gaga. Sono i più deboli perche come dice “Nostalgia”, la canzone dei Readers wives, “non c’è denaro nell’ underground”. Questo è lo stato di cose della contemporaneità. La conoscenza non è marketing è di e per tutti, pertanto è importante dire ciò ed è fondamentale da un punto di vista culturale sapere e riconoscere ciò. La cultura di mainstream sarà sempre cultura di mainstream, incentrata nell’ accrescimento dell’ omologazione di massa, che corrisponde a idee, azioni, abitudini e ultimo, ma non meno importante, consumi – strettamente legata alla cultura del consumismo -, la quale sovente trae ispirazione dalla cultura underground che resterà sempre fuori da questo circuito, dalla cultura di massa. Cionondimeno, le menti delle persone, i loro occhi, viaggiano, pertanto deve esser loro offerta la possibilità di consolidare un pensiero autonomo, libero.

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

http://bankofimaginationstheatre.com 

Anne Pigalle

The celebrated song-writer and visual artist Anne Pigalle will feature in a live concert which will be held on 11th November 2012 in Paris at the Silencio club during the party to celebrate the international Festival A Shaded View on Film Festival (ASVOFF), event created by the pioneer fashion blogger Diane Pernet. Here the artist will perform tracks – erotically charged, decadent poems with musical accompaniment – included in the smashing new album L’ Ame Erotique she made – arising from a concept inspired by Edith Piaf and the theme of eroticism – along with the masterpieces she created during her bright career.

ANNE PIGALLE A PARIGI PER FESTEGGIARE ASVOFF

Anne Pigalle

La celebre cantautrice e artista Anne Pigalle sarà protagonista di un concerto dal vivo che si terrà l’ 11 novembre 2012 a Parigi presso il locale Silencio in occasione del party per festeggiare il Festival internazionale A Shaded View on Fashion Film (ASVOFF), evento creato dalla pionieristica fashion blogger Diane Pernet. Ivi l’ artista eseguirà i brani – decadenti poesie ad alto contenuto erotico con accompagnamento musicale – inclusi nel suo formidabile nuovo album L’ Ame Erotique – che nasce da un concept ispirato a Edith Piaf e al tema dell’ erotismo – unitamente ai capolavori da lei creati durante la sua brillante carriera.

www.annepigalle.com

Anne Pigalle & Lady Gaga, photo courtesy of  annepigalle.wordpress.com

I recently visited the blog of smashing artist and song-writer Anne Pigalle and I read many posts she wrote concerning the appropriation of artistic ideas, reinterpretetations, style  and not only, made by the celebrated pop star Lady Gaga. I immediately reminded a circumstance happened one year ago, involving the pop star: the showcase of an installation by Lady Gaga in New York at Barneys boutique that was a copy of the same work made in the Eighties by the renowned New York underground artist Colette as she asserted. That is just another event which proves the common feeling of many artists who live and work in downtown New York – they are not the only ones – who think Lady Gaga or rather her working staff copies their ideas, style and other. Beyond what it deals with the issue concerning Lady Gaga – artist I considered by a semiotic point of view time ago, regarding the rise of an icon during the contemporary times – and the ownership of ideas, a land having very weak boundaries, that is an evidence of a custom which today unfortunately became very popular: the copy and paste. This custom affects every realm of human expression as visual arts as well as fashion and it works as a mirror to look at the contemporary culture, making concrete the lack of new ideas, turned into post-modern works and products. Why does it happen? The issue is always the same: culture is not a matter of interest for the mainstream. Culture animates, guides, renews the thought, but it stopped due to many reasons: policy, education, collective unconscious and last but the least the economic crisis. The result has been the increase of narcolepticism and consequently of every new, postmodern idea, product. The remedy of post-modernism satisfies the prompt decoding of every new idea which makes it more easily knowable and recognizable by the mass. Thus it’s worthwhile developing a postmodern or product. The paradox is that is considered new. The non-existence of any avant-garde movement affecting visual arts, architecture, fashion, music, cinema as well as the sub-cultures – except the post-modern versions of punk, new-romantic movements as the post-punk and post-romantic ones – proves it lacks something today, it features just ignorance, a mental laziness, the minds are clouded, it reigns the superficiality, emphasized by the ethic of “produce, consume, die”, as it sang yesterday Giovanni Lindo Ferretti, front-man of the Italian punk band CCCP. A question spontaneously arises, enriching of new contents the question by Erich Fromm “to have or to be?”, turned into “to have or to be or to pretend of being?”. The pretentiousness goes hand in hand with ignorance. The status quo is tragic, but fortunately tragedy is not the only one that features in the contemporary times. It also exists a constellation of individuals, creatives – little stars spread around the world -, acting in the opposite sense, working hardly to make and create something which is really new, genuine, original and vibrant – and not junk -, but as it often happens it doesn’t get the recognition which deserves. This is the leitmotiv of underground culture or rather culture, as today the culture became underground, along with the exceptions proving the rule, something which is not looked for or requested. More communication, the syncretism between mass and underground culture would be a way to create a new dynamism along with the circulation of ideas which would result from, contributing to give rise to something which is really different, new.

POSTMODERNISMO, APPROPRIAZIONE DI IDEE E LA PRASSI DEL COPIA & INCOLLA

The installation by Lady Gaga at New York Barneys

Ho recentemente visitato il blog della formidabile artista e cantautrice Anne Pigalle ed ho letto svariati post da lei scritti inerenti l’ appropriazione di ideereinterpretazioni, lo stile e non soltanto, effettuato dalla rinomata pop-star Lady Gaga. Ho immediatamente ripensato a un evento accaduto un anno fa che riguarda la pop-star: l’ esposizione di una installazione di Lady Gaga presso la boutique Barneys di New York che era una copia di un’ opera realizzata negli anni Ottanta dalla celebre artista underground Colette come è stato da lei affermato. Questo é soltanto un altro evento che conferma il comune sentire di molteplici artisti che vivono e lavorano nella downtown newyorkese – non sono gli unici – e ritengono che Lady Gaga o meglio il suo staff copi, rubi, le loro idee, lo stile e altro. Al di là di ciò che riguarda la problematica inerente Lady Gaga – artista che tempo fa ho preso in considerazione da un punto di vista semiotico, riguardante la nascita di una icona nella contemporaneità – e la titolarità di idee, un territorio dai confini molto labili, tutto ciò dimostra una prassi che oggi è sfortunatamente è divenuta molto popolare: il copia e incolla. Questa prassi colpisce ogni ambito di espressione dell’ uomo quali le arti visive come anche la moda, funge da specchio per osservare la cultura contemporanea e concretizza la mancanza di nuove idee, trasformate in opere e prodotti post-moderni. Perché accade ciò? La questione è sempre la stessa: la cultura non è materia di interesse per il mainstream. La cultura anima, guida, rinnova il pensiero, ma si è fermata a causa di svariate ragioni: la politica, l’ istruzione, l’ inconscio collettivo e ultima, ma non meno importante, la crisi economica. Il risultato è stato l’ aumento della narcolessia e conseguentemente di ogni nuova idea, prodotto post-moderno. Il ricorso al post-modernismo soddisfa la pronta decodificazione di una nuova idea che la rende più agevolmente conoscibile e riconoscibile dalla massa ed è pertanto proficuo elaborare un idea o prodotto postmoderno. Il paradosso è che ciò è considerato nuovo. L’ inesistenza di una avanguardia che influenzi le arti visive, l’ architettura, moda, musica e il cinema come anche le subculture – ad eccezione delle versioni post-moderne dei movimenti punk, new-romantic quali il post-punk ed il post-romantic – prova che oggi manca qualcosa, l’ ignoranza é la protagonista come anche una pigrizia mentale, le menti sono obnubilate, la superficialità impera, enfatizzata dall’ etica del “produci, consuma,  crepa”, come cantava ieri Giovanni Lindo Ferretti, leader della band italiana punk CCCP. Una domanda nasce spontanea che arricchisce di nuovi contenuti il quesito di Erich Fromm “avere o essere?”, trasformato in “avere o essere o pretendere di essere?”. La pretenziosità va di pari passo all’ ignoranza. Lo status quo é tragico, ma fortunatamente la tragedia non é l’ unica protagonista della contemporaneità. Esiste anche una costellazione di individui, creativi – piccole stelle sparse in tutto il mondo – che agiscono in senso opposto, lavorando duramente per fare e creare qualcosa che sia davvero nuovo, autentico, originale – e non junk -, ma come sovente accade costoro non hanno il riconoscimento che meritano. Questo è il leitmotiv della cultura underground o meglio della cultura, in quanto oggi la cultura é divenuta underground unitamente alle eccezioni che confermano la regola, qualcosa che non é cercato o richiesto. Un maggiore dialogo, il sincretismo tra cultura di massa e underground sarebbe un modo per creare un nuovo dinamismo unitamente alla circolazione di idee che ne conseguirebbe, contribuendo a dar vita a qualcosa che sia davvero diverso, nuovo. 

Anne Pigalle, photo by Mario Testino

The iconic and vibrant artist, performer and singer Anne Pigalle recently released the video of her latest track “With my blonde”, available on ITunes, included in the EP L’ Amerotica II,  featuring a successful overlap of electro suggestions and a retro mood, emphasized by her enchanting voice.

“WITH MY BLONDE”, LA NUOVA MERAVIGLIA DELLICONICA ANNE PIGALLE

L’ iconica e vibrante artista, performer e cantante Anne Pigalle, ha recentemente pubblicato il video del suo ultimo brano “With my blonde”, disponibile su ITunes, incluso nell’ EP L’ Amerotica II, di cui é protagonista una felice sovrapposizione di suggestioni elettroniche e un mood retrò, enfatizzato dalla sua incantevole voce.

Anne Pigalle

www.annepigalle.com

Anne Pigalle

Amerotica”, a fabulous show under the sign of the decadence’s  charming sensuality, will feature the smashing, eclectic artist Anne Pigalle – song-writer, performer artist, writer and photographer who is considered the queen of post-punk era – which will be held on 17th June 2010 in London at the Punk, in the area of Soho, showcasing also her successful series of photographs “Amerotica”. A not to be missed happening to enjoy an artist who made her life a work of art!

“AMEROTICA”, UNO SPETTACOLO DI ANNE PIGALLE CHE CELEBRA LA SEDUCENTE SENSUALITÀ DELLA DECADENZA

Anne Pigalle

Amerotica”, un favoloso spettacolo all’insegna della seducente sensualità della decadenza, avrà quale protagonista la formidabile eclettica artista Anne Pigalle – cantautrice, performer , scrittrice e fotografa considerata la regina dell’era post-punk – che si terrà il 17 giugno 2010 a Londra presso il Punk, nei dintorni di Soho, che esporrà anche la sua suggestiva serie di fotografie “Amerotica”. Un appuntamento imperdibile per apprezzare una artist ache ha reso la sua vita un’opera d’arte!

the Polaroid photo series by Anne Pigalle

 

Anne Pigalle

 Anne Pigalle – who is born in France and based in London – is an eclectic artist, song-writer, performer, photographer and recently also film maker -, started her career collaborating with Michael Nyman and Adrian Shervood, becoming celebrated for her songs and suggestive shows depicting a post-punk, post-feminist woman who is conscious of herself, but open to the free flux  emotions. And the artist spoke about emotions with FBF, telling herself with deep naturalness as well as generosity. A long and awesome conversation, successful chance of confronting and sharing with a smashing individual of whose beauty – celebrated by legendary photographers as Mario Testino – shines in her face,  words and  everything she does. 

What do you think about the contemporary leitmotiv of hybridization inside out the art world? 

Retro or futuristic mood was important, but today we had so much and mix all the different decades, arising from the decadence as a destructive excess there is in the art world. It seems like living in the past or future, as people are scared of living in present – that is what I’m trying to do – resulting from fear, being controlled by fear. 

Considering the today times of worldwide cultural decadence where it could be start a cultural revolution? 

I moved from Paris to London, bringing my French savoir-faire in the British music and entertainment scene. I also lived in Los Angeles, but now – after spending time in Mali where I performed – I considered the idea of starting the opposite process to what I developed a long time ago: bringing my experience I developed in London and I started creating something in France, thinking that Latin countries – as France and Italy – are more interesting, being more connected with emotions and pleasure than England. Instead of being more connected with materialism, I think that the most important thing to do it’s making something concerning love, helping each other. I think that in England at moment cannot start a cultural revolution, being the context superficial, more connected with materialism and just repacking things, a custom resulting from a fascistic close attitude, an old-fashioned idea of supremacy – which doesn’t help – and people who are so brain-washed and thus don’t want change anything. 

What are your forthcoming projects? 

I recently exhibited my photographs in an art gallery and today I will perform in Paris a La Tigre Club, a multimedia show including screening of my photographs .I’m also developing a movie, my new art creation, including music and visual art, ideated to be a film which is more connected with a theatrical work, depicting me, my life and. my art. A story involving more stories which is, as the female photo portraits I made, closely connected with reality. I’m excited for this project! 

ANNE PIGALLE, UNA DONNA CHE FA RESO LA SUA VITA UN’OPERA D’ARTE 

Anne Pigalle, Le soleil

Anne Pigalle – che è nata in Francia e vive a Londra – è un’artista eclettica, cantautrice, performer, fotografa e recentemente anche regista -, ha iniziato la sua carriera collaborando con musicisti quali Michael Nyman ed Adrian Shervood, divenendo celebre per le sue canzoni e suggestivi spettacoli che dipingono una donna post-punk, post-femminista, consapevole di sé, ma aperta al libero fluire delle emozioni. E di emozioni l’artista ha parlato con FBF, raccontandosi con  profonda naturalezza e altrettanta generosità. Una lunga e splendida conversazione, felice occasione di confronto e scambio con una formidabile individualità, la cui bellezza – celebrata da leggendari fotografi quali Mario Testino – risplende nel suo viso, nelle sue parole e in tutto ciò che fa.  

Cosa pensi del leitmotiv contemporaneo dell’ibridazione dentro e fuori dal mondo dell’arte?  

 Il mood retrò o futuristico è stato importante, ma oggi abbiamo così tanto e mescoliamo tutte le diverse decadi, una conseguenza della decadenza quale eccesso distruttivo che c’ è nel mondo dell’arte. Sembra di vivere nel passato o nel futuro, poiché la gente ha paura di vivere nel presente – ciò che sto provando a fare -, essendo controllata dalla paura.  

Considering the today times of worldwide cultural decadence where it could be start a cultural revolution? 

A venti anni mi sono trasferita da Parigi a Londra, portando il mio savoir-faire francese nella scena musicale e artistica inglese. Ho anche vissuto Los Angeles, ma adesso – dopo aver passato del tempo in Mali in occasione di una mia esibizione – ho preso in considerazione l’idea di avviare il procedimento opposto a ciò che avevo intrapreso una volta: portare la mia esperienza, ciò che avevo consolidato a Londra ed iniziare a creare qualcosa in Francia, ritenendo che i paesi latini – come la Francia e l’Italia – siano più interessanti, essendo più connessi alle emozioni ed al piacere dell’Inghilterra. Invece di essere materialisti, penso che la cosa più importante da fare sia fare qualcosa che riguarda l’amore, aiutarsi l’uno con l’altro. Ritengo che in Inghilterra al momento non possa iniziare una rivoluzione culturale, essendo il contesto superficiale e più legato al materialismo poiché si riconfezionano le cose, una prassi che discende da un atteggiamento fascista di chiusura e un’ antiquata idea di supremazia – che non aiuta – e dalla gente che subisce il lavaggio del cervello e perciò non vuole cambiare nulla.  

Quali sono i tuoi progetti futuri?  

Recentemente ho esposto le mie fotografie presso una galleria d’arte e mi esibirò a Parigi presso il locale La Tigre, uno spettacolo multimediale che include proiezioni delle mie fotografie. Sto anche realizzando un film,la mia nuova creazione artistica,che include musica e arti visive, ideato per essere un film che dipinge me, la mia vita ed arte. Una storia che implica più storie che è  – come I ritratti fotografici che ho realizzato – strettamente collegata alla realtà. Sono entusiasta di questo progetto!  

 
  

Anne Pigalle, Masquerade

 
  
 
 
www.annepigalle.com