You are currently browsing the tag archive for the ‘Bergamo’ tag.

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

I recently attended along with my friend Stephan Hamel at the opening of “Risen from the dead”, the solo exhibition of Mustafa Sabbagh which featured rarefied atmospheres and in ontology of human being and a poetry of body under the sign of black. Here I was pleased to see again after a long time the art-dealer Guido Cabib who created along with the visual artist Matteo Sanna in Milan the Format Gallery, where today it will held the opening of an exhibition featuring Mustafa Sabbagh. Another not to be missed happening to enjoy the art by a vibrant artist.

LA OPENING DI “RISEN FROM THE DEAD” CON MUSTAFA SABBAGH ALLA TRAFFIC GALLERY DI BERGAMO

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

Ho recentemente partecipato insieme al mio amico Stephan Hamel alla opening di “Risen from the dead”, la personale di Mustafa Sabbagh di cui erano protagoniste rarefatte atmosfere, una ontologia dell’ essere e una poetica del corpo all’ insegna del nero. the rarefied atmospheres and the poetry of body under the sign of black. Ivi mi ha rallegrato rivedere dopo tanto tempo il gallerista Guido Cabib che ha creato unitamente all’ artista Matteo Sanna a Milano la Format Gallery, in cui oggi si terrà la opening di una mostra con Mustafa Sabbagh. Un’ altro evento imperdibile per ammirare l’ opera di un vibrante artista.

Stephan Hamel, me and Mustafa Sabbagh, photo by N

Stephan Hamel, me and Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

 

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

 

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

 

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

 

Mustafa Sabbagh, photo by N

Mustafa Sabbagh, photo by N

 

Guido Cabib and me, photo by N

Guido Cabib and me, photo by N

 

Matteo Sanna and me, photo by N

Matteo Sanna and me, photo by N

 

Me, the art dealer of Traffic Gallery and Matteo Sanna, photo by N

Me, the art dealer of Traffic Gallery and Matteo Sanna, photo by N

 

Me, Mustafa Sabbagh and Matteo Sanna, photo by N

Me, Mustafa Sabbagh and Matteo Sanna, photo by N

 

www.mustafasabbagh.com

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

It’s black, black and still black. Lights and shadows, rarefied atmospheres, eroticism and sensuality, rush and passion join to the grotesque and drama. A primordial lyricism talking about openness, sharing and humanity and subverts the cliches of conventional thought. A hug on film wrapping and revealing the quintessence of man. This is the dark, deep and delicate sign of Mustafa Sabbagh, a simplicity reminding of the verses by Patrizia Cavalli (“it’s all so simple…yeah it was so simple, that is the evidence, I almost don’t believe that. For that it’s necessary the body: you touch me or you don’t touch me, you hug me or you distance me, the rest is for lunatics”). It’s an very intimate experience to talk about the Jordan artist, as I was pleased to collaborate with him months ago, share moments of life and creativity, know the artist as well the man and appreciate his genius, deepness and great aesthetic sensitiveness, container of a libertarian ethic, but especially because, talking about him, I talk about myself or rather about a world, a vision of the world and a thought which is deeply alike: sceneries telling about the man and celebrating the life in passion, pulsations and strength. His art, giving rise to many aesthetic references, featuring the grotesque as non-conventional standard of beauty, is explored by the body, the nude and recently by the black. This color – telling also about myself – is the leitmotiv of the new series of works he made which will be presented during “Risen from the dead”, solo exhibition – curated by Roberto Rattiwhich will be opened on 15th May 2014 in Bergamo at the Traffic Gallery. This is one of the three exhibitions that are held in Italy, featuring Mustafa. In fact it runs through 1st June 2014 in Sassuolo at the Magazzini criminali-Paggeria arte the solo exhibition “Almost true-Drusilla manent” and “Delightful horror”, solo exhibition that will be opened on 23rd May in Milan at the Format gallery. A vibrant artist, a bright and generous man who talked about himself and his art with simplicity and genuineness, telling about himself in the following interview, a conversation made of assonances, vibrations and correspondences about the black and its blazes and about the lights and shadows of humanity.

The blaze of black, light embodied in your new works about those I would want knowing more concerning its rise, could you talk me about that?

“The rise of black work is in the spirit of daring, but especially in an intimate need of reflection I had.

Naturally these works are a technical dare, concerning a realm which is more specifically forma: to take a picture of the #000, to give deepness to that color which is par excellence a non-color, is what I mean when I talk about the return to the “art in limb” – art as manual and material ability, and which is not just, or not only, conceptual.

Anyway the series of black works arises first of in the 1999, restarted now due the coincidence with my thought about the current unhappy time in the social and cultural realm. I tried to give multidimensionality to the color as a try for evidencing the black, the more black of black, by using the art as a metaphor of society, has more deepness, more lights, more interpretations….and openness.

After all, who did decide the black personifies the negativity? It’s one of many mental, mistifying stocks and resulting from different kinds of legacy, we take for granted due to that terrible machinery which is called “conformism”. I switch off the light to relax myself…”.

 

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Your photographs make concrete an unique style giving rise to many assonances as the sense of drama Artemisia Gentileschi, Caravaggio and Bacon, the fetishism by Pierre Molinier and his suggestions beyond gender, the grotesque by Leigh Bowery. To which extent these suggestions did influence or are inspired you?

“I love every artist you mentioned, and I could mention other thousand of artists, coming from the film to visual arts, from literature to fashion, including also the people who marked my life in certain times, the ones who make take in the present, the ones who will do that in the future…but it would be just only a list of names, and the list of names aren’t so much fruitful”.

What I can tell you it’s I am a vampire sucking, a sponge absorbing, also being unconscious, and I am sure – as I experiment it on my own skin, moment after moment – all of the suggestions I escheat, sooner or later they re-emerge in my compositions, I feed myself with them like a vampire and I release them like a sponge, sifted by the filter of my conscious and unconscious rework.

It’s not all about where do you bring, it’ about where do you take…”.

 

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Nudity, essentiality and eroticism, to which extent do they become part of your work and you as individual?

“It’s to the extent I am what I photograph, considering that my shoots are all genuinely selfies. Nudity essentiality and eroticism are so much part of my photographs as well as they are part of my life –exactly as well as my perception of beauty and ugliness, fear and joy, all of that makes me a man.

I tell you that in the more Terencean sense of word”.

 

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

What are the projects you are working on?

“I would take me a time for relax myself after the three solo exhibitions we will open in May and before an exhibition which will be held on October in Lausanne (anyway I don’t know to which extent I will be able to do that) to recharge my batteries and focus on new projects now I keep lovingly on my mind.

After all it has always been the mind, the favorite starting point of my best journeys…”.

THE NEW BLACK: L’ ARTE & LE MERAVIGLIE DI MUSTAFA SABBAGH

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Nero, nero e ancora nero. Luci e ombre, atmosfere rarefatte, erotismo e sensualità, impeto e passione si uniscono al grottesco e al dramma. Un lirismo primordiale che parla apertura, condivisione, umanità e sovverte i clichés del pensiero convenzionale. Un abbraccio su pellicola che avvolge e svela la quintessenza dell’ uomo. Questo è il segno oscuro, profondo e delicato di Mustafa Sabbagh, un’ essenzialità che ricorda i versi di Patrizia Cavalli (“è tutto così semplice…sì era così semplice, è tale l’ evidenza, che quasi non ci credo. A questo serve il corpo: mi tocchi o non mi tocchi, mi abbracci o mi allontani. Il resto è per i pazzi”). Parlare dell’ artista giordano è un’ esperienza estremamente intima, avendo avuto il piacere di collaborare con lui mesi fa e condividere attimi di vita e creatività, conoscere oltre all’ artista l’ uomo e apprezzarne l’ acume, la profondità e la grande sensibilità estetica, contenitore di un’ etica libertaria, ma soprattutto perché parlando di lui, parlo anche di me stessa o meglio di un mondo, una visione del mondo e un pensiero profondamente affine: scenari che raccontano l’ uomo e celebrano la vita in passione, pulsazioni e forza. La sua arte, che si presta a plurimi riferimenti estetici, di cui è protagonista il grottesco quale standard anticonvenzionale di bellezza, è esplorata attraverso il corpo, il nudo e da ultimo il nero. Questo colore – che racconta anche me stessa – è il leitmotiv della sua nuova serie di opere che sarà presentata in occasione di “Risen from the dead”, personale – curata da Roberto Rattiche sarà inaugurata il 15 maggio 2014 a Bergamo presso la Traffic Gallery. Questa è una delle tre mostre che si tengono in Italia di cui Mustafa è protagonista. Prosegue infatti a Sassuolo presso i Magazzini criminali-Paggeria arte fino al 1° giugno 2014 la personale “Almost true-Drusilla manent” e “Delightful horror”, personale che sarà inaugurata il 23 maggio a Milano presso la Format gallery. Un vibrante artista, un uomo brillante e generoso che ha parlato di sé e della sua arte con semplicità e genuinità, raccontandosi nell’ intervista che segue, una conversazione fatta di assonanze, vibrazioni e corrispondenze sul nero e i suoi bagliori e sulle luci e ombre dell’ umanità.

Il bagliore del nero, luce racchiusa nelle tue nuove opere di cui vorrei sapere di più in merito alla loro genesi, me ne parli?

“La genesi dei neri sta nello spirito di sfida, ma soprattutto in una mia intima esigenza di riflessione.

In ambito più specificamente formale, questi lavori sono certamente una sfida tecnica: fotografare lo #000, fornire profondità al colore per antonomasia non-colore, è ciò che intendo quando parlo di ritorno all’ “arte nell’arto” – l’arte come capacità manuale e materiale, e non più, o non soltanto, concettuale.

Ma la serie dei neri nasce innanzitutto nel lontano 1999, ripresa ora in coincidenza con il mio ragionamento sull’attuale momento infelice, dal punto di vista sociale e culturale. Ho cercato di dare multidimensionalità al colore come tentativo di dimostrazione che anche il nero più nero, usando l’arte come metafora della società, ha più profondità, più luci, più chiavi di lettura… e di apertura.

Del resto, chi ha deciso che il nero incarna il negativo? È uno dei tanti stock mentali, mistificanti e figli di vari tipi di retaggio che diamo per buoni a causa di quel meccanismo agghiacciante che si chiama “conformismo”. Io, per rilassarmi, spengo la luce…”.

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Le tue fotografie concretizzano uno stile unico che si presta a molteplici assonanze quali il senso del dramma di Artemisia Gentileschi, Caravaggio e Bacon, il feticismo di Pierre Molinier e le sue suggestioni beyond gender, il grottesco di Leigh Bowery. In che misura queste suggestioni ti hanno influenzato o ispirato?

“Amo ognuno degli artisti che hai citato, e potrei citartene almeno altri mille, dal cinema alle arti figurative, dalla letteratura alla moda, fino a parlarti delle persone che hanno segnato la mia vita in determinati periodi, quelle che lo fanno nel presente, quelle che lo faranno in futuro… ma non sarebbe altro che una lista di nomi, e le liste di nomi non sono poi così feconde.

Quello che posso dirti è che sono un vampiro che succhia, sono una spugna che assorbe, anche inconsapevolmente, e so per certo – perché lo sperimento sulla mia pelle, momento per momento – che tutte le suggestioni da me incamerate prima o poi riaffiorano nelle mie composizioni, come un vampiro me ne nutro e come una spugna le rilascio, setacciate attraverso il filtro della mia rielaborazione – conscia e inconscia.

Non è da dove prendi, è dove porti…”.

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Nudità, essenzialità ed erotismo, in che misura queste ultime diventano parte della tua opera e della tua individualità?

“Nella misura in cui io sono ciò che fotografo, al punto che i miei scatti, in realtà, sono tutti autoscatti. Nudità, essenzialità ed erotismo, così fanno parte delle mie foto tanto quanto fanno parte della mia vita – esattamente come la mia percezione di bellezza e di bruttezza, di paura e di gioia, di tutto ciò che mi fa uomo.

Nel senso più terenziano del termine”.

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

Quali sono i progetti che hai in cantiere?

“In cantiere? Direi più in bottega…

Dopo le tre personali che inaugureranno a maggio, e prima di una mostra a Losanna ad ottobre, vorrei prendermi un periodo di riposo (in realtà, non so quanto ne sarò capace) per ricaricarmi e per mettere a fuoco nuovi progetti che, per ora, accudisco amorevolmente in mente.

Del resto è stata sempre la mente, il punto di partenza privilegiato dei miei migliori viaggi…”.

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

 

mustafa 3

 

 

Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh

 

 

www.mustafasabbagh.com

 

 

 

pesce 1

It will be presented today in Paris at the Galerie Basia Embiricos, placed in the wonderful area of Marais, the “Body items”, exhibition curated by Milena Pesce, featuring a collection of suggestive jewels, unique items, little masterpieces, created by Gaetano Pesce, made of colored urethanic resin, born to decorate the body. Here it will be showcased from 7th December 2012 to 22nd February 2013 a selection of 60 items. The new creations will be also available from 7th to 24th December 2012 at the Banner and Biffi boutiques in Milan and Bergamo ( owned by Rosy Biffi who discovered for random the creativity of Gaetano Pesce at the start of his career, entering into a store and buying a vase he made, showcased at her boutique and seen by him later at  her store, Banner, when he went there who was glad to see one of the first creations he made. “Thus it started” as as she asserts  “our first collaboration, five shop windows in Corso Genova dedicated to him in 2003 during the Salone Del Mobile design event”. A successful partnership following due to “ Patrizia di Carrobio, darling common friend” – as she tells – “and renowned expert in the field of jewelry”) and on their website (www.biffi.com) where it will be exclusively available a further selection of 30 unique items. A not to be missed happening to enjoy the creativity of Gaetano Pesce.

I “PEZZI PER IL CORPO” DI GAETANO PESCE ALLA GALERIE BASIA EMBIRICOS DI PARIGI

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Sarà presentata oggi a Parigi presso la Galerie Basia Embiricos, ubicata nella meravigliosa zona di Marais, i “Pezzi per il corpo”, mostra curata da Milena Pesce, di cui è protagonista una collezione di suggestivi gioielli, pezzi unici, piccoli capolavori, creati da Gaetano Pesce, realizzati in resina uretanica colorata, nati per decorare il corpo. Ivi sarà esposta dal 7 dicembre 2012 al 22 febbraio 2013 una selezione di 60 pezzi. Le nuove creazioni saranno anche disponibili dal 7 al 24 dicembre 2012 presso le boutique Banner e Biffi a Milano e Bergamo ( di proprietà di Rosy Biffi che ha casualmente scoperto la creatività di Gaetano Pesce all’ inizio della sua carriera, entrando in un negozio e comprando un vaso da lui realizzato, esposto presso la sua boutique Banner, visto da lui quando si è ivi recato, lieto di vedere una delle sue prime creazioni. “Così è iniziata” come costei afferma “la nostra prima collaborazione, cinque vetrine a Corso Genova dedicate a lui nel 2003 in occasione dell’ evento di design Salone Del Mobile”. Una felice collaborazione che prosegue grazie  a ” Patrizia di Carrobio, cara amica comune” – come racconta – “e rinomata esperta nell’ ambito dei gioielli”) e sul loro sito web (www.biffi.com) in cui sarà disponibile in esclusiva una ulteriore selezione di 30 pezzi unici. Un evento imperdibile per apprezzare la creatività di Gaetano Pesce.

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce

www.galeriebasiaembiricos.com

Fratelli Rossetti

The secrets of our artisans”, touring event made by the Italian shoes brand Fratelli Rossetti which will be held in the Fratelli Rossetti flagship store on 15th October 2010 at Bergamo and will feature the masters artisans who will move from the Parabiago factory for showing to customers and enthusiast ones the means, techniques, and gestures creating the shoes by Fratelli Rossetti, a little work of art.

                                                                                                                    

I SEGRETI DEGLI ARTIGIANI DEI FRATELLI ROSSETTI

Fratelli Rossetti

“I segreti dei nostri artigiani”, evento itinerante realizzato dal brand di calzature italiano Fratelli Rossetti che si terrà nel flagship store dei Fratelli Rossetti flagship il 15 ottobre 2010 a Bergamo e avrà quali protagonisti i maestri artigiani che si sposteranno dal laboratorio di Parabiago per mostrare ai clienti e gli entusiasti gli strumenti, le tecniche ed i gesti che creano le calzature Fratelli Rossetti, una piccola opera d’arte. 

www.fratellirossetti.com