You are currently browsing the tag archive for the ‘blogs’ tag.

the grass grows 3

 

A display of emerging, alternative, innovative and contemporary art is the alchemy of “The grass grows”, group show – featuring the works by 30 international and Italian artists -, ideated and curated by the Milan Format Gallery, ArtLab Gallery, Glenda Cinquegrana which will be held from 15th to 22nd June 2014 in Basel, Rihenstrasse 74, coinciding with the celebrated art tradeshow Art Basel. FBF is pleased of being and joining as media partner to this smashing, cross-cultural, not to be missed event, encouraging the rise of a new dialogue on the contemporary art, its meaning and main features in order to give rise to new ideas and synergies.

“THE GRASS GROWS/L’ ERBA CRESCE”, UNA RASSEGNA DI ARTE ALTERNATIVA, INNOVATIVA E CONTEMPORANEA CON FBF A BASILEA

FBF

FBF

Una rassegna di arte emergente, alternativa innovativa e contemporanea è l’ alchimia di “The grass grows/L’ erba cresce”, collettiva – di cui saranno protagoniste le opere di 30 artisti internazionali -, ideata e curata dalle gallerie d’ arte Format Gallery, ArtLab Gallery, Glenda Cinquegrana di Milano che si terrà dal 15 al 22 giugno 2014 a Basilea, in concomitanza con la celebre fiera d’ arte Art Basel. FBF è lieta di esserci e unirsi nelle vesti di media partner a questo formidabile, imperdibile evento contro-culturale che incoraggia la nascita di un nuovo dialogo intorno all’ arte contemporanea, il suo significato e i suoi principali protagonisti al fine di dar vita a nuove idee e sinergie.

 

www.thegrassgrows.it

 

Isabella Blow, photo courtesy of Somerset House

Isabella Blow, photo courtesy of Somerset House

It touched me to read the piece by Andrew O’ Hagan, appeared today on T magazine, the blog by New York Times, announcing the exhibition “Isabella Bow, Fashion Galore!”, organized by the Isabella Blow Foundation in collaboration with the Central Saint Martins which will be held in London at the Somerset House from the 20th November 2013 to 2nd March 2014. The article I am glad to share with you dear FBFers features a private memory of Isabella Blow told by Jeremy Langmead along with precious remarks about the essence of eccentricity, its core, what separates style and uniqueness from fashion, what represents an icon, a dandy and distinguishes it from an aesthete, modern Des Esseintes (leading character of “Against the grain”, the novel by Joris-Karl Huysmans) with more or less successful results in terms of surface(though the surface often justifies and substitutes the lack of contents and ideas). Genuineness in the way of being, thinking, acting and doing. That is the way I remember and celebrate Isabella Blow, a real eccentric, her work, as well as the one made by others legendary eccentrics as Vivienne Westwood, Leigh Bowery, Anna Piaggi, Yves Saint Laurent and Quentin Crisp who gave us a lot in terms of emotions and ideas, ways to look at reality, to be, by considering another side, using another point of view, nullifying the clichés of conventional way of thinking.

The meaning of a true eccentric isn’t in the costume — it’s in the soul.

Jeremy Langmead tells a memorable story about Isabella Blow. “Imagine the office at News International, all the male journalists sitting around in shirt sleeves,” Langmead says. Now the editor in chief of the online men’s wear retailer Mr Porter, Langmead was the editor who hired Isabella Blow as fashion director of the Sunday Times Style Magazine in London in 1997. “In comes Isabella wearing giant mink antlers sticking out from the top of a coat. It was absolutely about who she was in her soul. At lunchtime she would sit among all the printers, eating her roast beef dressed like that, as if it was the most natural thing in the world.”

The outlandish, deeply unusual former assistant at Vogue who became mentor to a generation of fashion designers, editors and photographers, Isabella Blow is the subject of a new exhibition set amid the Neo-Classical splendor of London’s Somerset House. The surroundings are appropriate, for this is not just a show but an acknowledgement of how her sense of style opened the minds of her peers. She is hereby raised into the pantheon, lauded for the very personal vision that once disgusted the establishment.

Blow was eccentric from her top feathers to the paint that adorned her toes. I used to see her at parties sometimes, and she was a fantastically alarming person; when she smiled, throwing her head back, you saw a sneering mouth so red with lipstick that it was like an open wound. She never seemed like just another one of the fashion crowd: she was a visionary who ripened with new ideas every morning, not every season, and was a genuine muse in a world of phonies.

Leigh Bowery, photo by Nick Knight

Leigh Bowery, photo by Nick Knight

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Quentin Crisp, photo courtesy of  Crisperanto: the Quentin Crisp Archives (crisperanto.org)

Quentin Crisp, photo courtesy of Crisperanto: the Quentin Crisp Archives (crisperanto.org)

True eccentrics — the Isabella Blows, the Vivienne Westwoods, the Anna Piaggis and the Stephen Tennants, as if there could ever be more than one of each — are the kind of people whose entire existence is devoted to individuality and innovation. That’s what makes a real eccentric: they really mean it, and they’re willing to suffer for it. Their social function is to explode our preconceptions about what beauty is and what good taste means. Eccentrics raise the bar on the impossible.

Yet, unfortunately, there are a few too many fake ones out there now. These are the imitators, the publicity scavengers, the ones who think it’s merely about fame or attention. They seem to be working not from a brilliant fund of ideas or from a conviction that their outer selves must be used to express a fascinating inner landscape. On the contrary, they’re just showoffs who dress up for the cameras. For people interested in our contemporary times, this is an important distinction: the true eccentric gives us more mystery, more wonder about being human, a new side to beauty, while the faux-eccentric gives us less of everything.

ECCENTRICITÀ & AUTENTICITÀ COME STILE DI VITA: ISABELLA BLOW

Isabella Blow, photo by Sean Ellis, courtesy of tmagazine.blogs.nytimes.com/

Isabella Blow, photo by Sean Ellis, courtesy of tmagazine.blogs.nytimes.com/

Mi ha emozionato leggere il pezzo di Andrew O’ Hagan, apparso oggi su T magazine, il blog del New York Times che annuncia la mostra “Isabella Bow, Fashion Galore!”, organizzata dalla Isabella Blow Foundation in collaborazione con la Central Saint Martins che si terrà a Londra presso la Somerset House dal 20 novembre 2013 al 2 marzo 2014. L’ articolo che sono lieta di condividere con voi, cari FBFers, ha quale protagonista un ricordo Isabella Blow raccontato Jeremy Langmead unitamente a preziose delucidazioni sull’ essenza dell’ eccentricità, il suo cuore, ciò che separa lo stile e l’ unicità dalla moda, ciò che rappresenta un icona, un dandy e lo distingue da un esteta, dai moderni Des Esseintes ( protagonista di “A ritroso”, il romanzo di Joris-Karl Huysmans) con più o meno felici risultati in termini di superficie (benché la superficie spesso giustifichi e sostituisca la mancanza di contenuti ed idee). Genuinità nell’ essere, pensare, agire e fare. Così mi piace ricordare e celebrare Isabella Blow, una vera eccentrica, il suo lavoro e quello di altri leggendari eccentrici quali Vivienne Westwood, Leigh Bowery, Anna Piaggi, Yves Saint Laurent e Quentin Crisp che ci hanno dato tanto in termini di emozione ed idee, modi di guardare la realtà, di essere, considerando un’ altra dimensione, avvalendosi di un altro punto di vista, vanificando i clichés del pensiero convenzionale.

Il significato di un vero eccentrico non si trova nell’ abito – è nell’ anima.

Jeremy Langmead racconta una memorabile storia su Isabella Blow. “Immagina l’ufficio di News International, tutti i giornalisti uomini che bighellonano in camicia,” Langmead racconta. Adesso l’ editor in chief del rivenditore di abbigliamento uomo Mr Porter, Langmead era l’ editore che ha assunto Isabella Blow come fashion director del Sunday Times Style Magazine a Londra nel 1997. “Entra Isabella che indossa  gigantesche corna di visone che spuntano fuori dalla parte superiore di un cappotto. Assolutamente era tutta una questione di chi ella fosse nella sua anima. All’ ora di pranzo stava seduta in mezzo a tutti i tipografi, a mangiare il suo roast beef condito in quel modo, come se fosse la cosa più naturale al mondo.”

La stravagante, profondamente fuori dal comune ex assistente di Vogue che è diventata il mentore di una generazione di fashion designers, editori e fotografi, Isabella Blow è il soggetto di una nuova mostra allestita tra lo splendore neoclassico della Somerset House di Londra. Gli ambienti sono appropriati, per ciò che non è soltanto una mostra, ma un riconoscimento di come il suo senso di stile abbia aperto le menti dei suoi pari. È con questo elevata all’ interno del pantheon, lodata per la sua personale visione che una volta disgustava l’ establishment.

La Blow era una eccentrica dalla cima delle sue piume al colore che adornava le dita dei piedi.  Ero solito incontrarla alle feste qualche volta ed era una persona fantasticamente allarmante, quando sorrideva, sbattendo indietro la testa, vedevi una bocca beffarda talmente rossa di rossetto che sembrava una ferita aperta. Non era mai simile a nessun altro della gente della moda: era una visionaria che maturava nuove idee ogni giorno, non ogni stagione, ed era una musa vera in un mondo di falsi.

Vivienne Westwood, photo courtesy viviennewestwood.co.uk

Vivienne Westwood, photo courtesy viviennewestwood.co.uk

Anna Piaggi, photo by N

Anna Piaggi, photo by N

I veri eccentrici — le Isabella Blow, le Vivienne Westwood, le Anna Piaggi e gli Stephen Tennant, come se ci potesse mai essere più di uno di loro – sono il tipo di persone la cui intera esistenza è dedicata all’ individualità e all’ innovazione. Questo è ciò che rende tale un vero eccentrico: essi intendono davvero ciò e sono disposti a soffrire per questo. La loro funzione sociale è distruggere i nostri preconcetti su ciò che la bellezza sia e su ciò che si intenda per buon gusto. Gli eccentrici alzano il tiro sull’ impossibile.

Finora, sfortunatamente, ce ne è qualcuno, troppi i finti che sono adesso là fuori. Questi sono gli imitatori, i predatori di pubblicità, quelli che pensano che sia meramente una questione di fama o attenzione. Sembrano intenti a operare non partendo da un brillante deposito di idee o dalla convinzione che la loro esteriorità debba essere usata per esprimere un affascinante panorama interiore. Al contrario sono soltanto gente che si esibisce, si veste per esporsi dinanzi ai flash delle macchine fotografiche. Per la gente interessata alla nostra contemporaneità, questo è un importante tratto distintivo: il vero eccentrico ci regala più mistero, più meraviglia riguardo all’ essere umano, una nuova dimensione di bellezza, mentre i finti eccentrici ci regalano meno di tutto.”

http://tmagazine.blogs.nytimes.com

http://www.somersethouse.org.uk

Riviste Futuriste. Collezione Echaurren Salaris, Gli Ori Editions, Sketch by Enrico Prampolini, 1917-1919

Riviste Futuriste. Collezione Echaurren Salaris, Gli Ori Editions, Sketch by Enrico Prampolini, 1917-1919

It has recently presented in Rome at the Echaurren Salaris Foundation – institution created by a brilliant couple which successfully makes  love, creativity and its sharing concrete, formed by the eclectic and genius visual artist, author, journalist and blogger on the Huffingtonpost.it Pablo Echaurren and his wife, the most relevant, prolific and refined historian of Futurism Claudia Salaris, that hosts the artworks he made along with the ones created by the father, the Surrealist artist Sebastian Matta – the book “Riviste Futuriste. Collezione Echaurren Salaris ”(Gli Ori editions, 100 Euros), a detailed reconstruction of the production made by the legendary avant-garde, born in 1909, active until 1944 literature which influenced visual arts, poetry, literature, theatre, fashion, music, architecture and cinema. The book – written in Italian and English – includes a wide review of – 200 – Futurist magazines created in Italy, from Piemonte to Sicily as well as Futurist books, manifestoes, postcards, ceramics and catalogues  and explores a movement who gave a wonderful contribution in terms of aesthetics, ethic and revolutionized the language and its use under the sign of immediateness, synthesis, dynamism, velocity and energy, paradigms that are very closely connected to me, my way of thinking, being, acting and writing as well as to my love for the father of this avant-garde, Filippo Tommaso Marinetti. A not to be missed book, to have for all the ones who are devoted to art and culture.

IL LIBRO “RIVISTE FUTURISTE. COLLEZIONE ECHAURREN SALARIS” DI CLAUDIA SALARIS

Volantino_Riviste_Futuriste-16

È stato recentemente presentato a Roma presso la Fondazione Echaurren Salaris – istituzione creata da una brillante coppia che felicemente concretizza amore, creatività e la sua condivisione, formata dall’ eclettico e geniale artista, scrittore, giornalista e blogger sull’ Huffingtonpost.it Pablo Echaurren e sua moglie, la più importante, prolifica e raffinata storica del Futurismo Claudia Salaris, che ospita le opere d’ arte da lui realizzate unitamente a quelle create dal padre, l’ artista surrealista Sebastian Matta – il libro “Riviste Futuriste. Collezione Echaurren Salaris”( Edizioni Gli Ori, 100 Euro), una dettagliata ricostruzione della produzione realizzata dalla leggendaria avanguardia nata nel 1909, attiva fino al 1944 che ha influenzato la letteratura, le arti visive, la poesia, il teatro, la moda, la musica, l’ architettura e il cinema. Il libro – scritto in italiano e inglese – include una ampia rassegna di  – 200 – riviste futuriste create in Italia dal Piemonte alla Sicilia come anche libri, manifesti, cartoline, ceramiche e cataloghi futuristi ed esplora un movimento che ha dato un meraviglioso contributo in termini di estetica, etica ed ha rivoluzionato il linguaggio e il suo uso all’ insegna di immediatezza, sintesi, dinamismo, velocità e energia, paradigmi intimamente connessi a me, al mio modo di pensare, essere, agire e scrivere come anche al mio amore per il padre di questa avanguardia, Filippo Tommaso Marinetti. Un libro imperdibile, da avere per tutti coloro che sono devoti all’ arte e alla cultura.

Volantino_Riviste_Futuriste-17

Zang tumb tumb marinetti

Volantino_Riviste_Futuriste-1

Volantino_Riviste_Futuriste-5

Volantino_Riviste_Futuriste-6

Volantino_Riviste_Futuriste-7

Volantino_Riviste_Futuriste-9

Volantino_Riviste_Futuriste-10

Volantino_Riviste_Futuriste-11

Volantino_Riviste_Futuriste-12

Volantino_Riviste_Futuriste-13

Volantino_Riviste_Futuriste-14 Volantino_Riviste_Futuriste-18

Volantino_Riviste_Futuriste-19

Volantino_Riviste_Futuriste-20

www.fondazioneechaurrensalaris.it

Florence Villa Favard, the headquarters of Polimoda

It will starts today, running until the 22nd June 2012, the Polimoda Fashion Week, a smashing series of events – coinciding with the latest edition of Pitti fashion tradeshow event – which will be held in Florence at the Polimoda, famous international fashion school headed by the brilliant Linda Loppa, including guest lectures featuring iconic personas of fashion business as Hirofumi Kurino, “Le Salon”, a cultural saloon evoking the Renaissance times including as panelists, friends and renowned leading characters of contemporary fashion as Robb Young, Stefan Siegel, Filep Motwery and many other ones. It also follows the Polimoda Talents, laudable platform launched on January 2012 – I enjoyed very much – to showcase the work of students trained by this institution as the Brazilian shoe designer Andreia Chaves and Gianluca Tamburini for Conspiracy. Here it will shine the fashion culture and emerging creativity along with fashion shows by the graduated students, multimedia installations as the Polimoda Video Wall – a permanent screening of the best fashion films selected by Diane Pernet for the A Shaded View On Fashion Film Festival she created – and an event, the fifth birthday of BOF Business of Fashion, renowned blog by Imran Ahmed which will be celebrated with a party on 21st June 2012. A not to be missed happening to enjoy the Italian excellence, young talents, and worldwide suggestions from contemporary fashion.

 

GIOVANI TALENTI & LA CULTURA DELLA MODA A FIRENZE: LA POLIMODA FASHION WEEK 2012

Si aprirà oggi, proseguendo fino al 22 giugno 2012, la Polimoda Fashion Week, una formidabile serie di eventi – che coincide con l’ ultima edizione dell’ evento fieristico di moda Pitti che si terrà a Firenze presso il Polimoda, famosa scuola di moda internazionale guidata dalla brillante Linda Loppa, includerà guest lecture con iconici personaggi del fashion business quali Hirofumi Kurino, “Le Salon”, un salotto culturale che include nelle vesti di moderatori, amici e rinomati personaggi della moda contemporanea quali Robb Young, Stefan Siegel, Filep Motwary e molti altri. Proseguirà anche Polimoda Talents, lodevole piattaforma lanciata nel gennaio 2012 – che ho apprezzato molto – per esporre il lavoro degli studenti formati da questa istituzione quali la designer di calzature brasiliana Andreia Chaves e Gianluca Tamburini for Conspiracy. Ivi brillerà la cultura della moda e la creatività emergente unitamente alle sfilate degli studenti neo-diplomati, installazioni multimediali quali il Polimoda Video Wall – una proiezione permanente dei migliori fashion film selezionati da Diane Pernet per il Film Festival A Shaded View On Fashion da lei creato – ed un altro evento, il quinto compleanno di BOF, Business of Fashion, rinomato blog di Imran Ahmed che sarà festeggiato con un party il 21giugno 2012. Un evento imperdibile per apprezzare l’ eccellenza italiana, i giovani talenti e le suggestioni della moda contemporanea provenienti da tutto il mondo.

www.polimoda.com

Sofia Gnoli, The mother of Viola Galassi, Giorgio Napolitano and Viola Galassi

I’m very glad to celebrate the Leonardo award, given by the Italy President of Republic Giorgio Napolitano – during a ceremony which was recently held in Rome at the Quirinale – to the young Viola Galassi (graduated in Literature, Philosophy and Economics at the University of the Studies “La Sapienza” of Rome) for her graduation thesis on Costume and Fashion Sciences “The  fashion of blogs” – of whose supervisor is the Professor, fashion historian, fashion curator and journalist Sofia Gnoli -, a work exploring the world of fashion blogs and featuring also me, my blog FBF, Fashion Beyond Fashion, included in an interview I gave months ago, where I talked about me, the blog, information fashion, I’m pleased to share with you, dear FBFers. A successful chance to wish a bright, young individual of following her way towards a lucky path.

NUNZIA GAROFFOLO, THE FASHION ANARCHIST

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo is a blogger being part of blogs’ elite, focused on the promotion of fashion as art and makes that through information and due researches. It doesn’t appear much concerning her path in the presentation she makes about herself, included in the blog she made, FBF, Fashion Beyond Fashion, as her purpose is not to be known as individual, but enhance the creativity in its more unusual, innovative and catchy forms. I met Nunzia Garoffolo – who is Professor at the Rome Costume & Fashion Academy – to make me tell more, regarding who is her and what she thinks about the phenomenon of fashion blogger.

Who is Nunzia Garoffolo, what has been your path and why did you create a blog?

“I started as self-taught, fashion was a passion I had since childhood, I loved fashion and fortunately I had parents who always let all of my creative expression free. I’ve chosen an humanistic educational training, though I loved this field, before the Gymnasium and later the university training, getting the University degree in Law at the University of Studies “La Sapienza” of Rome. I always has been interested in the international field, for knowing new realms and consider them as a purpose of enrichment, not to separate but to get closer. There already was this kind of open-minded attitude in me, in fact I graduated in Private Comparative Law – path I later left as it dejected the emotional part I put aside, promising me I would used that when I would has been older. And as I frequently tell to my students and friends, there is Gillo Dorfles (celebrated author and expert of aesthetics),  who got a medicine degree and later became Professor of aesthetics, a famous self-taught and I consider myself as the female and much more modest version of Gillo Dorfles. A question, often asked me, is how did I approach to do that? I didn’t approach myself,  I always say to the scholars of my course “to do or not to do” and I did – it’s an attitude being also in the blog. Law as fashion, literature and every other channel of communication represents the spirit of a group of people, history, traditions, tension of people in a certain place and in a specific lapse of time and there is a dialogue, an intersection between many channels of communication as fashion as well as art, literature, film, music in my blog”.

The name of your blog is Fashion Beyond Fashion resulting from that?

“Yes, it is, my blog is Beyond as “beyond” fashion, presenting the more creative, free, libertarian, cultural side – which often, but fortunately not always features as consumerism, being fashion almost always overlapped to the product, considered as commodities of consumerism and rarely considered as source of culture – of which today it is know just a few, instead of the time when I was a child and I bought Vogue, Amica or other fashion magazines and an enthusiast, a neophyte, a lover of fashion had the chance to discover the creativity of a couturier reading those magazines. That is a side I like to show on my blog, loving to feature the talent of many young creatives there are all over the world, though they often don’t get the recognition they deserve as well as to consider how it moves the creativity in Italy and in other foreign countries. The blogger started to be the only ones who featured fully the young talents. The information runs quickly on the web, it’s frequently independent thus it’s not subordinate to some rules, existing in the realm of information’s setting, the choice of what has to be shown, then in its display: it’s freedom amd I care to say I consider the blog as a means to inform of whose main feature is velocity. In fact today news feature before in the web and after in other formats as news on paper or in TV. That made me start to go towards this path as I am born as columnist on paper who collaborated for many fashion, culture and art magazines”.

Thus did the opening of your blog follow your work as columnist?

“Yes, it followed my work as columnist, as I felt the need of doing that. It has been a path , a choice, arisen from to the desire of investing on myself, giving my own modest contribute as I think life is sharing. My main purpose is not to appear on photographs, wearing the designer bag or other items, but making a virtual information which is balanced where the visual element is equal to written element”.

Do you think it will be a kind of natural selection in the realm of fashion bloggers?

“The value results from the facts. A product is ephemeral – maybe resulting from a media exposure which is often misleading as leitmotiv of contemporary times -, you are fashionable for one, two, three, four years at maximum then you vanish. I always preferred in my life considering the long term, the results arising from that, got by commitment and effort. I feature in the circle of people who wants durable results and is not inspired by the desire of getting fame, celebrity and visibility at all costs”.

What about the teenager who follow fashion bloggers, often lacking a cultural references?

“I will seem like a pessimist, but I will be optimist in another sense. Teenagers will stay like they are now during the age of postmodernism we are living, but they will be seduced by another ethic – already existing, though it’s not fully developed -, the sustainability. We are in an era of transition, time of global decadence we are trying to cross. Therefore it needs make fashion regain the content of – controversial or marvelous – message which had yesterday Vivienne Westwood in the Seventies, Moschino in the Eighties, creative who irreverently made fun of Italian politics. These two cases represent fashion having a genuine content which is the one I celebrate, going beyond time, marking an era, it’s like an artwork: it makes you think about”.

Are you a fashion anarchist and have you a determination – you define in your blog – like a samurai?

“I’ m determined like a samurai, but I also am spontaneuos like a child. Children are spontaneous, curious, enthusiast and brave. The choices I’ve done can be controversial, but that is my romanticism, not being focused on giving as a gift roses to the one you love, but defending freedom as the higher value than any other thing and the ideas, though they are hard to uphold and that is not resulting from the idea or will to be against, but it just because they are your own ideas. I wish everyone succeeds drawing its own path. The free will exists, maybe it’s a little bit of the very huge cake that is life, but it exists and everyone carves out its own existence in the way more proper inside that little bit, as you always, every day, choose ”.

LA MODA DEI BLOG, UNA GIOVANE MENTE & UNA CELEBRAZIONE: VIOLA GALASSI VINCE IL PREMIO LEONARDO

Viola Galassi during the ceremony awarding her along with the President of Republic Giorgio Napolitano

Sono felice di celebrare il premio Leonardo, dato dal Presidente della Republica d’ Italia Giorgio Napolitano – in occasione di una cerimonia che si è recentemente tenuta a Roma presso il Quirinale – a Viola Galassi (laureatasi in Lettere, Filosofia ed Economia all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma) per la sua tesi di laurea “La moda dei blog” – la cui relatrice è la docente, storica della moda, fashion curator e giornalista Sofia Gnoli -, un lavoro che esplora il mondo dei fashion blog e che ha quale protagonista anche me, il blog FBF, Fashion Beyond Fashion, incluso in un’ intervista che ho rilasciato mesi fa in cui ho parlato di me, del blog, di informazione e moda e sono lieta di condividere con voi, cari FBFers. Una felice occasione per augurare a una brillante, giovane individualità di proseguire la sua strada verso un percorso fortunato.

NUNZIA GAROFFOLO, L’ ANARCHICA DELLA MODA

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo è una blogger che fa parte di una elite di blog, intenta a promuovere la moda come arte e lo fa attraverso l’informazione e le dovute ricerche. Non appare molto del suo percorso nella presentazione che fa di sé stessa, inclusa nel blog FBF, Fashion Beyond Fashion da lei realizzato proprio perché la sua intenzione non è quella di farsi conoscere come individuo, ma valorizzare la creatività nelle sue forme più inusuali, innovative e accattivanti. Abbiamo incontrato Nunzia Garoffolo – che è docente all’ Accademia di Costume e Moda a Roma – per farci raccontare meglio da lei chi è e cosa pensa del fenomeno fashion blogger.

Chi è Nunzia Garoffolo, qual è stato il tuo percorso e perché hai aperto un blog?

“Ho iniziato da autodidatta, la moda era una passione che avevo dalla infanzia, amavo la moda e fortunatamente ho  avuto genitori che hanno sempre lasciato libera ogni mia espressione creativa. Pur amando questo settore, ho però scelto un’educazione di tipo umanistico, classico, prima liceale e poi universitario e mi sono laureata in giurisprudenza all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma. Sono sempre stata attratta dalla materia internazionalistica, dal conoscere nuovi settori e valutarli con una finalità di arricchimento, non per separare, ma avvicinare. Avevo già questa apertura, tant’è che mi sono laureata e specializzata in Diritto Privato Comparato – percorso in seguito abbandonato perché il diritto deprimeva la parte emozionale che avevo accantonato, ma avevo promesso a me stessa di utilizzare quando sarei stata più grande. E come sovente dico alle mie allieve e ai miei amici, esiste Gillo Dorfles (celebre scrittore ed esperto di estetica), laureatosi in medicina e in seguito divenuto docente di estetica, un famoso autodidatta ed io sono la versione femminile e molto più modesta di Gillo Dorfles. Una domanda che mi fanno spesso è come mi sono “approcciata” a fare questo? Non mi sono “approcciata”. Dico sempre alle ragazze del mio Corso “fare o non fare” ed io ho fatto – ed è un atteggiamento che si ritrova anche nel blog. Il diritto come la moda, la letteratura e ogni altro canale di comunicazione rappresentano lo spirito di un popolo, la storia, le tradizioni, le tensioni di un popolo in un determinato luogo e in un determinato lasso di tempo e nel mio blog c’è un dialogo, un’intersezione tra vari canali di comunicazione quali la moda, ma anche letteratura, il cinema, la musica.

È per questo motivo che il tuo blog si chiama Fashion Beyond Fashion?

Si, lo è, il mio blog è Beyond perché è “oltre” la moda, manifestando il suo lato più creativo, libero, libertario, culturale – che sovente, ma non sempre fortunatamente, esce fuori come consumo, essendo la moda quasi sempre sovrapposta al prodotto, intesa come bene di consumo e poche volte considerata fonte di cultura -, di cui oggi si sa poco, rispetto a quando ero bambina e compravo Vogue, Amica e altre riviste di moda, grazie alle quali anche un neofita, un entusiasta, un appassionato, aveva la possibilità di conoscere la creatività di un couturier. Questo è un aspetto che sul mio blog amo recuperare. Amo dare spazio al talento di tanti giovani creativi di tutto il mondo – che esistono -, ma sovente non hanno quel riconoscimento che loro spetta e anche per valutare come si muove la creatività in Italia e all’ estero. I blogger sono stati gli unici che hanno parlato dei giovani talenti. L’informazione via etere corre veloce, è indipendente quindi non soggiace a certe logiche esistenti nell’ ambito della costruzione dell’informazione, della scelta di cosa far vedere e nell’ esposizione della stessa: è libertà e in quanto tale ci tengo a ribadire che considero il blog uno strumento d’informazione il cui elemento più lodevole è la velocità dell’ informazione. Infatti oggi le informazioni passano prima sul web e poi su altri canali quali l’informazione cartacea o televisiva. È questa la motivazione che mi ha spinto a intraprendere tale percorso, nascendo come editorialista su carta che ha collaborato con varie testate di moda, ma anche di cultura e di arte”.

Quindi l’apertura del blog è stata consequenziale alla sua attività da giornalista?

“Si, è stata consequenziale al mio lavoro di editorialista, sentivo l’ esigenza di fare ciò. È stato un cammino, una mia scelta, derivante dal desiderio di investire in prima persona su me stessa, dando il mio modesto contributo, poiché la vita è condivisione. Il mio scopo non è essere fotografata, indossando la borsa firmata o un altro prodotto, ma recuperare un’informazione virtuale che sia armonica, bilanciata in cui l’elemento visivo sia paritario all’ elemento scritto”.

Pensi che ci sarà una sorta di selezione naturale nel tempo nell’ ambito dei fashion blog?

“Il valore viene dai fatti. Un prodotto è effimero – magari complice un’esposizione mediatica anche fuorviante che vige quale leitmotiv della contemporaneità -, sei in auge per uno, due, tre, quattro anni al massimo e poi scompari. Nella mia vita ho sempre preferito considerare il lungo periodo, i risultati da esso derivanti, ottenuti mediante impegno e fatica. Faccio parte di quel gruppo di persone che vuole un risultato solido e non è animato dal desiderio di avere fama, celebrità e visibilità a ogni costo”.

Cosa dire degli utenti, per lo più adolescenti che seguono i fashion blogger, sovente privi di riferimenti culturali?

“Sarò pessimista, ma ottimista in altro senso. I teenager resteranno tali nell’ era di postmodernismo che stiamo vivendo, ma saranno sedotti da un’altra etica – già in auge, ma che non si é pienamente consolidata -, la sostenibilità. Siamo in un’epoca di transizione, era di decadenza globale che stiamo cercando di attraversare. Pertanto è d’ uopo far riacquistare alla moda il contenuto di messaggio – criticabile o meraviglioso – che aveva Vivienne Westwood negli anni ‘70, Moschino negli anni ’80, creativo che si beffeggiava in modo irriverente della politica italiana. Questi due esempi rappresentano la moda con un contenuto autentico che è quella da me celebrata, va aldilà del tempo, segna un’epoca, è come un’opera d’arte: ti fa pensare”.

Sei un’anarchica della moda e hai una determinazione – che nel tuo blog definisci – da samurai?

“Sono determinata come un samurai, ma sono anche spontanea come un bambino. I bambini sono spontanei, entusiasti, curiosi e coraggiosi. Le scelte che ho fatto possono essere discutibili, ma questo è il mio romanticismo, non si tratta di regalare rose a chi si ama, ma difendere la libertà come valore più di alto di ogni altra cosa e le idee anche dure e difficili da sostenere e ciò non per il fatto di essere e voler essere contro, ma perché sono le proprie idee. Auguro a tutti di riuscire a tracciare da soli il proprio cammino. Il libero arbitrio esiste, magari è un piccolo pezzetto rispetto alla torta grandissima che è la vita, però esiste e in quel pezzettino ognuno si ritaglia la propria esistenza nel modo più consono, perché si sceglie sempre, ogni giorno”.

The ceremony at Quirinale where it has awarded Viola Galassi