You are currently browsing the tag archive for the ‘Burn Punk London’ tag.

Joe Corrè, photo by Curtis Gibson, courtesy of A Child of the Jago

 

“One’s self I sing, a simple separate person,
Yet utter the word Democratic, the word En-Masse.

Of physiology from top to toe I sing,
Not physiognomy alone nor brain alone is worthy for the Muse, I
say the Form complete is worthier far,
The Female equally with the Male I sing.

Of Life immense in passion, pulse, and power,
Cheerful, for freest action formed under the laws divine,
The Modern Man I sing”.

Walt Whitman, “One’s self I sing”, in “Leaves of grass”

 

The lyrics by Walt Whitman are the best way to introduce my interview with Joe Corrè, his bright and romantic point of you, that romanticism I celebrate where the freedom is the higher value. He is the modern man sang by Whitman where passion, pulse and power are addressed to make the world a better place, invite people to question about everything in order to develop an autonomous way of thinking which is respectful of the world surrounding us. I could spend a lot of words to talk about Joe, his social activism (focused on supporting the Climate Revolution started by the mother Vivienne Westwood, the fight against the fracking and INEOS, which came during the last Fall came behind the British tribunals), the many talents and successes as businessman and fashion designer( Agent Provocateur, Illamasqua and A Child of the Jago are successful brands he created) , but I prefer to use the synthesis, a gift he owns, which makes his words precious. Irony, lightness, which is not frivolity, but consciousness, balance between activism and ability to enjoy life, its beauty embodied in its most simple forms  shines in him and reminds me the Ancient Greek value of kalokagathia where what is beautiful has an ethic value or rather is good.

One of artworks by Joe Corrè featuring in the series “Ashes from Chaos”, photo by N

 

It can sounds like a hiatus to hear that, as it is connected to the one who set up the funeral pyre of punk, but this gesture, a provocation, it was a mere invitation to question about price and value, archetypes of the current commodified society, where the price – or rather money – replaces, gives or justifies the value, every value, as, it was asserted by the filmmaker Pier Paolo Pasolini, the consumption of goods has substituted by the consumption of people who are consumed by consumption. That is what happens in the mainstream which finds new tricks to increase the consumption. Yesterday, it happened in a certain place and time, in UK, in 2006 when Queen Elisabeth declared this year the year of punk, happening which increased the marketing connected to a movement which has arisen to question and subvert the ethic of mainstream. This was the fundamental issue connected to the Joe’s project Burn Punk London, the funeral pyre of punk which later turned into the artwork series “Ash from Chaos” recently showcased in London at the Lazinc Gallery and a film which is currently work in progress, reminding and subverting in a constructive way the celebrated slogan “Cash from Chaos”, symbol of punk era, impressed in a t-shirt worn by his father Malcom McLaren. Punk is dead – it just only stays alive its categorical imperative, the DIY, “Do it yourself” encouraging an independent and free way of living – but it will arise again from its ashes like the Arabian phoenix, through new forms and ideas, talking about evolution instead of revolution, hold the universe and the ones who people it, plants, flowers, animals and human beings. This is the new which advances and has Joe Corrè as its most relevant leading personas.

 

Stilll image from the Burn Punk London film by Joe Corrè, photo by N

 

Fashion embodying a concept and vibrant ideas is like an artwork, makes you think about, do you agree with that?

“I don’t think about fashion, I am not interested in it or rather I am interested in fashion as statement of who you are and what you think. That is the most relevant feature of fashion which became an important means to connect people, increased by the social media and celebrities. And when it is connected the gossip and political element the connection reached is effective, because the other channels where people can express themselves politically as elections became difficult to relate, the individual cannot express his ideas, there are no places. I use considering that as a  karaoke politics, it’s a global phenomenon. And it is just fashion which catches them – also through the political message which sometimes the celebrities support – touching and giving them the chance to express what they want to express, because fashion is global, popular”.

 

 Ethics and aesthetics, more specifically what is good and beautiful ( the kalokagathia of Ancient Greeks) is a value for you?

 “It is to do a simple solution if people concern to a simple beauty. All of us should learn to understand the beauty which exists, what it is and define it at best, as if you succeed to define beauty at best you are able to concern, understand, do the best choices and avoid of repeating the past mistakes. The big enemy of culture is the non-stop distraction which is inculcate and emphasized by social networks, computers. It is all about the value of beauty. That is why I come back to the issue of price and value (En. : the core of Burn Punk London project he made)”.

 

ashes-n2.jpg

A detail from the installation “Ashes from Chaos”, by Joe Corrè, photo by N

 

To make fashion under the sign of the sartorialism (considering A Child of the Jago, the brand you created)is an alternative, antidote to the contemporary way of making fashion ?

 “ A Child of the Jago is an anti-fashion brand. When I started that I was working with Agent Provocateur (the luxury underwear brand) and I wanted to do something more experimental as the volume  of its business has became big and thus what has arisen for being very experimental turned into being less experimental due to that. To concentrate, get the luxury, to use the best fabrics coming from the fashion industry(also focusing on the local manufacture)  and I used it in the best way I can. The small position granted me the chance of doing that. When you are a brand with many stores ( En.: Agent Provocateur have many stores worldwide, I like reminding a movie, “Romance & cigarettes” by John Turturro featuring Kate Winslet playing a young woman working as sales assistant for an Agent Provocateur flagship store) the creativity diminishes as you have to deal with other issues. Instead a small sartorial brand gave me the chance to do that”.

 

To create situations and draw new landscapes in a categorical imperative for you?

“I see urgency to act as in fracking. I firstly am as actionist, in this urgency of acting you become less effective. Then the purpose of activism loses its strength. To be effective you need balancing to be effective and appreciate the life in its simple forms. I think the goal is to hold this balance and often it is not easy”.

 

Still image from the Burn Punk London film by Joe Corrè, photo by N

 

Are the anarcho- Situationist ideas by the French philosopher Guy Debord (En.: author of the cult book “The society of spectacle”) still current for you?

Guy Debord committed suicide and was an alcoholic, his ideas (concerning the society of spectacle, the passage from being to having into from having to appearing) were interesting for his times. Today the culture of celebrity is very personal and we have a different urgency, we want an evolution, not the revolution, we want to maintain and protect what surrounds us”.

 

Could you talk me about the art-works series “Ash from Chaos” which is part of your project Burn Punk London as well as it further developments?

“Ash is the claim of the need of promotion of chaos. Ash from Chaos arises from Burn Punk London, which marks, as well as the film on which I am working, which is more an artistic product than a documentary on what I did, punk has become a marketing exercise to sell you something you don’t need. The illusion of an alternative choice, a cog in the nonstop distraction machine. The establishment endorsed impotent rebel. Whilst we are occupied with punk’s carcass of nostalgia in the pursuit of cool. Our house is being burgled and set on fire. What will be the value of its Ashes? DIY is punk’s only lasting ethic of value. Discover the truth for yourself and act on it. This is activism. You can choose, how you inform yourself, vote, what you eat, buy, consume and discard, where you put your money, how you participate in our future. It was ridiculous to burn everything, but I did it as provocation to focus on price and value. We destroy everything, it is a way to ask for an anti-reactionary way, as next time you see a reaction you think twice about what really was going on. We are all manipulated everyday and people are an isolated, lonely crowd, more connected and more isolated, passive. The question is to ask for and try to have a conversation focused on price and value, as this is exactly a description of chaos we have in the financial environment peopled by irresponsible politicians, banks and the corporations they serve”.

 

 

L’ UOMO MODERNO: JOE CORRÉ

 

Joe Corrè, photo courtesy of Burn Punk London

 

 

“Io canto l’ individuo, la singola persona,

Al tempo stesso canto la Democrazia, la massa.

L’ organismo, da capo a piedi, canto,

La semplice fisionomia, il cervello da soli non sono degni

Della Musa: la Forma integrale ne è ben più degna,

E la Femmina parimenti canto che il Maschio.

Canto la vita immensa in passione, pulsazioni e forza,

Lieto, per le più libere azioni che sotto leggi divine si attuano,

Canto l’ Uomo Moderno.

Walt Whitman, “Canto di me stesso, in “Foglie d’ erba”

 

 

I versi di Walt Whitman sono il modo più eloquente per introdurre la mia intervista a Joe Corrè, il suo brillante e romantico punto di vista, quel romanticismo che celebro in cui la libertà è il valore più elevato. È lui l’ uomo moderno cantato da Whitman la cui passione, pulsazioni e forza sono orientate a rendere il mondo un luogo migliore, invitare la gente a interrogarsi su qualsiasi cosa al fine di consolidare un modo autonomo di pensare che sia rispettoso dell’ ambiente che ci circonda. Potrei spendere tante parole per parlare di Joe, del suo attivismo nel sociale (proteso a sostenere la Climate Revolution avviata dalla madre Vivienne Westwood, la lotta contro il fracking e gli INEOS, giunta grazie a lui nell’ autunno dello scorso anno dinanzi alle corti inglesi), dei suoi vari talenti e successi come uomo d’ affari e fashion designer (Agent Provocateur, Illamasqua e A Child of the Jago sono marchi di successo da lui creati), ma preferisco avvalermi della sintesi, un dono da lui posseduto che rende preziose le sue parole. Ironia, leggerezza, che non è frivolezza, bensì consapevolezza, equilibrio tra attivismo e capacità di apprezzare la vita, la sua bellezza, nei suoi aspetti più semplici. Questo, ciò che brilla in lui e mi fa venire in mente un valore degli antichi Greci, la kalokagathia, in cui ciò che è bello ha una connotazione etica ovvero è buono.

 

Still image from the Burn Punk London film by Joe Corrè, photo by N

 

Può sembrare uno iato sentire ciò, in quanto connesso a colui che ha allestito la pira funebre del punk, ma questo gesto, una provocazione, era un mero invito a interrogarsi su prezzo e valore, archetipi della attuale società mercificata, laddove il prezzo – o meglio il denaro – sostituisce, fornisce o giustifica il valore, qualsiasi valore, poiché, come sosteneva il regista Pier Paolo Pasolini, al consumo di merci si è sostituito il consumo di persone che sono consumate dai consumi. Questo è ciò che accade nel mainstream, il quale trova nuovi escamotages per incentivare il consumo. Ieri, succedeva in un determinato tempo e luogo, nel 2006, nel Regno Unito, quando la regina Elisabetta ha dichiarato tale anno l’ anno del punk, ciò ha accresciuto il marketing collegato a un movimento nato per criticare e sovvertire l’ etica di mainstream. Ciò era il fondamento del progetto Burn Punk London, la pira funeraria del punk che si è poi trasformata nella serie di opere d’ arte “Ash from Chaos” recentemente esposta a Londra presso la Lazinc Gallery e in un film che è attualmente in corso d’opera, la quale ricorda e stravolge in modo costruttivo il celebre slogan “Cash from Chaos”, emblema dell’ era del punk, impresso in una t-shirt indossata dal padre Malcom McLaren. Il punk è morto – resta vivo soltanto un suo imperativo categorico, il DIY, “Do it yourself” che incoraggia uno stile di vita libero e indipendente -, ma come l’ araba fenice, esso rinascerà nuovamente dalle sue ceneri, attraverso nuove forme ed idee che parlano di evoluzione e non rivoluzione, per mantenere intatto l’ universo unitamente a coloro che lo popolano, le piante, i fiori, gli animali e gli esseri umani. Ciò è il nuovo che avanza ed ha Joe Corrè tra i suoi protagonisti più rappresentativi.

 

A detail from the installation “Ashes from Chaos”, by Joe Corrè, photo courtesy of Burn Punk London

 

La moda che incarna un concetto e vibranti idee ti fa pensare, sei d’ accordo?

“Non penso alla moda, non ne sono interessato o meglio mi interessa la moda quale affermazione di chi sei e cosa pensi. Questo è il tratto più rilevante della moda, divenuta un importante mezzo di connessione della gente, incentivato dai social media e dalle celebrità. E quando si collega l’ elemento gossip e politico la connessione è efficace, dal momento che gli altri canali in cui le persone possono esprimersi politicamente come le elezioni sono diventati difficili  ambiti a cui collegarsi. Sono solito considerare ciò come politica karaoke, un fenomeno globale. Ed è soltanto la moda a catturarli – anche attraverso il messaggio politico di cui talvolta le celebrità sostengono -, colpirli e dare a loro la possibilità di esternare ciò che vogliono esprimere, perché la moda è globale, popolare”.

 

Etica ed estetica, più specificamente ciò che è buono e bello (la kalokagathia degli antichi Greci) è un valore per te?

“Sarebbe una soluzione semplice se le persone avessero riguardo di una pura bellezza. Tutti  noi dovremmo imparare a capire la bellezza che esiste, cosa essa sia e definirla al meglio, perchè se si riesce a definire al meglio la bellezza si è capace di averne riguardo, capire, fare le scelte migliori ed evitare di ripetere gli errori del passato. Il grande nemico della cultura è la ininterrotta distrazione che è inculcata ed enfatizzata da social media, computer. È una questione di valore della bellezza. Ecco perché ritorno sulla questione di prezzo e valore (ndr: il cuore del progetto Burn Punk London da lui realizzato)”.

 

Still image from the Burn Punk London film by Joe Corrè, photo by N

 

Fare moda all’ insegna della sartorialità ( considerando A Child of the Jago, il brand da te creato) è una alternativa, un antidoto al modo contemporaneo di fare moda?

“A Child of the Jago è un marchio anti-fashion. Quando ho dato inizio a ciò stavo lavorando con Agent Provocateur (marchio di biancheria intima di lusso) e volevo fare qualcosa che fosse più sperimentale  poichè il volume di questa azienda era divenuto enorme e pertanto ciò che era nato per essere estremamente sperimentale si era trasformato, in ragione di ciò, in qualcosa che lo era meno. Concentrarsi, riuscire ad avere lusso, usare i migliori materiali provenienti dall’ industria della moda ( anche rivolgendosi alla manifattura locale) e l’ ho usata nel miglior modo possible. La piccola posizione mi ha garantito la possibilità di fare ciò. Quando si è un marchio con varie boutiques ( ndr.: Agent Provocateur ha molteplici punti vendita in tutto il mondo. Mi piace ricordare un film, “Romance & cigarettes” di John Turturro con Kate Winslet che interpretava una giovane donna la quale lavorava come assistente alle vendite per un flagship store di Agent Provocateur) la creatività diminuisce, poiché devi occuparti di altre questioni. Invece un piccolo brand sartoriale mi offre la possibilità di fare ciò”.

Creare situazioni e disegnare nuovi paesaggi è un imperativo categorico per te?

“Vedo l’ urgenza immediate di agire come nel fracking. Sono per prima cosa un’ azionista, in questa necessità di agire si diventa meno efficaci. Il fine dell’ attivismo quindi perde la sua forza. Per essere efficaci si deve bilanciare l’ essere fattivo con l’ apprezzare la vita nelle sue forme più semplici. Penso che l’ obiettivo sia mantenere questo equilibrio e spesso ciò non è facile”.

 

Dress by A Child of the Jago, photo courtesy of A Child of the Jago

 

Le idee anarco-situationiste del filosofo francese philosopher Guy Debord (ndr: autore del libro di culto “La società dello spettacolo”) sono ancora attuali per te?

Guy Debord si è suicidato ed era un alcolizzato, le sue idee ( inerenti la società dello spettacolo, il passaggio dall’ essere all’ avere nell’ avere all’ apparire) erano interessanti per i suoi tempi. Oggi la cultura della celebrità è molto personale e abbiamo una diversa urgenza, vogliamo una evoluzione, non la rivoluzione, vogliamo mantenere e proteggere ciò che ci circonda”.

 

“Ash from Chaos” a successful graphic transformation of the celebrated t-shirt “Cash from Chaos,” of Joe Corrè’s father Malcom McLaren, photo courtesy of Burn Punk London

 

Potresti parlarmi della serie di opere d’ arte “Ash from Chaos” che è parte del tuo progetto Burn Punk London come anche dei suoi ulteriori sviluppi?

“La cenere è la rivendicazione dell’ esigenza di promozione del caos. “Ash from Chaos”( “Cenere dal caos”) deriva da Burn Punk London, il quale sottolinea, come anche il film a cui sto lavorando, che è un prodotto artistico più che un documentario su ciò che ho fatto, che il punk sia divenuto un esercizio di marketing per vendere qualcosa di cui non si ha bisogno. L’ illusione di una scelta alternativa, una ruota dell’ ingranaggio nella macchina di distrazione continua. L’ establishment ha promosso il ribelle impotente. Mentre siamo occupati con la carcassa di nostalgia del punk alla ricerca del cool. La nostra casa sta per essere svaligiata e incendiata. Quale sarà il valore delle sue ceneri? Il DIY è l’ unica etica di valore che resta del punk. Scopri la verità per te stesso ed agisci in base ad essa. Questo è attivismo.  Si può scegliere, come informarsi, votare, ciò che si mangia, compra, consuma e si getta via, dove mettere il proprio denaro, il modo in cui si partecipa al nostro futuro. È stato ridicolo bruciare tutto, ma l’ ho fatto come provocazione per soffermarsi su prezzo e valore. Noi distruggiamo ogni cosa, è un espediente per richiedere un modo anti-reazionario, poiché la prossima volta che si vede una reazione si pensa due volte a cosa sta succedendo in realtà. Siamo tutti manipolati ogni giorno e la gente è una massa isolata, sola, più collegata e altrettanto isolata, passiva. La problematica sta nel richiedere e provare ad avere una conversazione incentrata su prezzo e valore, poiché ciò è esattamente una descrizione del caos che abbiamo negli ambienti della finanza, popolati da politici irresponsabili, banche e le corporazioni che costoro servono”.

 

 

www.burnpunklondon.com

www.achildofthejago.com

 

 

 

 

Joe Corrè, photo courtesy of Burn Punk London

Activism, counterculture instilling doubts in a direct and provocative way, successful evocation of drifts by Guy Debord(, celebrated philosopher who wrote the anarcho-situationist masterpiece “The society of spectacle”, very contemporary book which depicts the passage of capitalistic society, based on economy and money, where everyone is resulting from what he has, from having to appearing. The thought which is embodied in it is a photography of this age of political-cultural decadence and consumption arising from consumerism). This is a mere synthesis of making by Joe Corrè, bright fashion designer, businessman ( who created yesterday the luxury underwear brand Agent Provocateur, instead today of A Child of the Jago, as well as of Illamasqua, renowned make-up brand), and strong social activist, more specifically Climate Revolution, campaign supported by his mother Vivienne Westwood against the global warming. He, on the 26th november 2016, started an initiative, “Burn Punk London”, or rather to give rise to a funeral pyre and burn all of the memorabilia punk he owned ( the New York Times told they amounted to five millions of pounds). The fundamental reason connected to this gesture, a genuine destructive act of protest, arises from a tangible fact, the commodification of a cultural movement which was alternative, disapproving the mass culture – and it has as its icons his father Malcom McLaren and mother -, which has engulfed into the mainstream  just for commercial purposes, re-edited in a empty way and also dignified by who provocatively features in the cover of a single track by the Sex Pistols, made in 1977 by Jamie Reid, the queen Elisabeth (who considered 2016 as the year of punk). The single track was “God save the Queen” by Sex Pistols( which ends with “no future”, become famous slogan of punk movement) and some day after it was the fortieth anniversary of their first album, “Anarchy in the UK”.

 

The “God save the queen” single track cover by Jamie Reid, 1977

His vinyl copy has been the first relic to be burned( later it has followed the trousers owned by Johnny Rotten, live concerts records and other precious rarities). Corrè asserted: “it’s about trying to get people to get their head around the difference between price and value. It’s about drawing attention to the hypocrisy of these establishment institutions now making money out of these pastiche versions. Forty years to go from public enemy number one to everyone seeing the UK as the birth of punk, so that’s now a valued tourist attraction item that we can use. That happened two years ago. Instead today other things happen. That act didn’t run out, but it became art ( as the punk which – as it says Joe Corrè – will born again from its ashes as the Arabian phoenix, in another form. Anyway, as the principle of mass conservation by Lavoisier teaches, “nothing is lost, nothing is created, everything is transformed”), photography, an illustrated documentary featuring in “Ash from Chaos”, an exhibition which will be held from 20th to 28th April 2018 in London at the Lazinc gallery. A not to be missed happening to pay homage to past, present, celebrating a gesture which suggests to look at today in a questioning, conscious, libertarian and assertive way.

 

“ASH FROM CHAOS” DI JOE CORRÉ ALLA GALLERIA LAZINC DI LONDRA

 

Joe Corrè during a public protest against fracking, photo courtesy of Burn Punk London

 

Attivismo, contro-cultura che insinua dubbi in modo diretto e provocatorio, action-propaganda, felice evocazione delle derive di Guy Debord(, celebre filosofo autore del capolavoro anarco-situazionista “La società dello spettacolo, libro estremamente contemporaneo che dipinge il passaggio della società capitalistica, basata sull’ economia e sul denaro, in cui si è in quanto si ha, dall’ avere all’ apparire. Il pensiero in esso racchiuso è una fotografia di questa epoca di decadenza politico-culturale e consunzione derivante dal consumo). Questa, una mera sintesi del fare di Joe Corrè, brillante fashion designer, imprenditore (creatore ieri del brand di lingerie Agent Provocateur, oggi di A Child of the Jago, nonché di Illamasqua, rinomato marchio di make-up) e fervente attivista nel sociale, più specificamente nella Climate Revolution, campagna sostenuta dalla madre Vivienne Westwood contro il fracking e il surriscaldamento della terra. Costui, il 26 novembre 2016, ha avviato un’ iniziativa, “Burn Punk London”, ovvero dar vita a una pira funebre e bruciare tutte le memorabilia da lui possedute (che secondo il  New York Times avevano il valore di cinque milioni di sterline). Il motivo sotteso a tale gesto, un autentico atto distruttivo di protesta, nasce da un fatto tangibile, la mercificazione di un movimento culturale, il punk, che era alternativo e critico alla cultura di massa – e aveva quali sue icone il padre, Malcom McLaren e la madre-, il quale era stato fagocitato dal mainstream per fini meramente commerciali, rieditato in chiave vuota e dignificato anche da colei che provocatoriamente appare sulla cover di un album dei Sex Pistols, realizzata nel 1977 da Jamie Reid, la regina Elisabetta di Inghilterra (la quale aveva proclamato il 2016 l’ anno del punk). ll singolo era “God save the Queen” dei Sex Pistols( che si chiude con “no future”, divenuto celebre slogan del movimento punk) e qualche giorno dopo ricorreva il quarantesimo anniversario del loro primo album, “Anarchy in the UK”.

 

Joe Corrè along with Vivienne Westwood his mother during a public protest against fracking, photo courtesy of Burn Punk London

La sua copia in vinile è stata la prima reliquia ad esser bruciata ( poi son seguiti i pantaloni appartenuti a Johnny Rotten, registrazioni di concerti e altre preziose rarità). Corrè spiegava che ciò “ è finalizzato a far in modo che la gente ponga attenzione sulla differenza tra prezzo e valore. Il mettere in evidenza l’ ipocrisia delle istituzioni dell’ establishment che adesso ricavano denaro da queste versioni che hanno la foggia di pastiche. Quaranta anni per passare da nemico pubblico numero uno a oggetto che può essere usato come valida forma di attrazione turistica, poiché tutti vedono la Gran Bretagna come la nascita del punk”. Tutto ciò accadeva due anni fa. Oggi invece accade altro. Quell’ atto non si è esaurito, ma è diventato arte (come il punk che secondo Joe Corré rinascerà dalle sue ceneri, come l’ araba fenice, in un’altra forma. D’altronde, come insegna il principio di conservazione della materia di Lavoisier “nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”), fotografia, un documentario illustrato  protagonista di “Ash from Chaos”, una mostra che si terrà dal 20 al 28 aprile 2018 a Londra presso la galleria Lazinc. Un appuntamento imperdibile per onorare il passato, il presente, celebrando un gesto che invita a guardare alla quotidianità in modo critico, consapevole, libertario e assertivo.

 

photo courtesy of Burn Punk London

 

 

www.burnpunklondon.com