You are currently browsing the tag archive for the ‘Cannes Film Festival’ tag.

It will be released on 15th May 2019 in France, 13th June 2019 in Italy and 14th June 2019 in the United States “The Dead don’t die”, by Jim Jarmusch, opening the 2019 edition of Cannes Film Festival, featuring an iconic cast, including Iggy Pop, Bill Murray, Chloë Sevigny, Tilda Swinton, Tom Waits, Steve Buscemi, Danny Glover, RZA and Selena Gomez. After the vampires of “Only lovers left alive”, the celebrated indie filmaker comes back with a bright horror comedy featuring the zombie, the living dead people. A not to be missed movie by an eclectic artist.

 

“THE DEAD DON’T DIE”, LA NUOVA PELLICOLA DI JIM JARMUSCH

 

 

Sarà in uscita il 15 maggio 2019 in Francia, il 13 giugno 2019 in Italia ed il 14 giugno 2019 negli Stati Uniti d’ America “The Dead don’t die”(“I morti non muoiono”), di Jim Jarmusch, che aprirà l’ edizione 2019 del Festival del Cinema di Cannes di cui sarà protagonista un cast iconico, che comprende Iggy Pop, Bill Murray, Chloë Sevigny, Tilda Swinton, Tom Waits, Steve Buscemi, Danny Glover, RZA e Selena Gomez. Dopo i vampiri di “Solo gli amanti sopravvivono”, il celebre regista indie torna con una brillante commedia horror che ha quali protagonisti gli zombie, i morti viventi. Un film imperdibile di un artista eclettico.

 

Peter Greenaway

The British genius filmmaker Peter Greenaway who subverted the way of making and presenting films, turned into a genuine work of art, screened in squares, museums, other places outside their institutional seat, recently returned to work on a full-length film “Goltzius and the Pelican Company” – presented during the last edition of Cannes Film Festival and released in the cinemas since 20th December 2012 -, suggestive tale about the 16th Century Dutch engraver and erotic print maker Hendrik Goltzius  – interpreted by F. Murray Abraham – who seduced the Margrave of Alsace into paying for a printing press to make and publish  illustrated books, promising him to create a book of prints from the Old Testament Biblical stories, erotic tales on Lot and his daughters, David and Bathsheba, Samson and Delilah and John the Baptist and Salome. Goltzius and his printing company, in order to tempt the Margrave further, will offer to perform dramatisations of these erotic stories for his court, focusing on the sexual taboos as incest, adultery and voyeurism. An unusual combination of sex, drama along with the wonderful way of depicting stories by Peter Greenaway making him unique and legendary, successfully evoking the grotesque or better – as he asserted me years ago when I met him in Reims, enjoying a delicious dinner with him – “the run of human beings for reproduction”. It follows to this work also a series of projects that will be developed by him during the forthcoming times: “The food of love”, film inspired to the tale of Thomas Mann “The death in Venice”, which will be filmed partly in Venice and in St. Petersburg – two cities arising on the water, like Amsterdam, the city where he is based -, telling about the carnal love of a man for a young boy; “Eisenstein in Quantanamo”, film paying homage to the celebrated Russian filmmaker Sergei Eisenstein, focused in the age where the thirty-three years old artist made researches in 1929 and 1931 to make the movie “Que viva Mexico” which has not completed of whose shootings will start on late 2012 and early 2013; his first romantic comedy titled “Four storms and two babies”, an unconventional love story about two men and a woman who becomes pregnant after a night of three-way sex with them. A series of works that will give rise to genuine masterpieces, making concrete the wonderful work of a filmmaker – I Ioved and celebrated yesterday and today – who wants to make about ten films within the forthcoming years. Laudable intentions he can turn into reality, being a genius, having the inspiration and determination to develop many projects involving different channels of communication that dialogue between themselves and creating genuine artworks.

 

L’ ARTE DI FARE UN FILM: I CAPOLAVORI DI PETER GREENAWAY

Il geniale regista inglese Peter Greenaway che ha sovvertito il modo di fare e presentare i film, trasformati in autentiche opera d’arte, proiettati in piazza, musei ed altri luoghi al di fuori della loro sede istituzionale, é recentemente tornato a lavorare a un lungometraggio “Goltzius and the Pelican Company” – presentato in occasione dell’ ultima edizione del Festival del Cinema di Cannes Film Festival e distribuito nei cinema a partire dal 20 dicembre 2012 -, suggestivo racconto sull’ incisore e stampatore del 16° secolo Hendrik Goltzius – interpretato da F. Murray Abraham – che ha convinto il Margravio di Alsazia a pagare per una stampante al fine di realizzare e pubblicare libri illustrati, promettendo a lui di creare un libro di stampe di storie bibliche del Vecchio Testamento, racconti erotici su Lot e le sue figlie, Davide e Betsabea, Sansone e Dalila e Giovanni Battista e Salomé. Golzius e la sua  tipografia, al fine di attrarre ulteriormente il Margravio, si offriranno di mettere in scena drammi tratti da questi racconti erotici per la sua corte, incentrati su tabù sessuali quali l’ incesto, l’ adulterio ed il voyeurismo. Una insolita combinazione di sesso, dramma unitamente al meraviglioso, pittorico modo di dipingere le storie di Peter Greenaway che lo rende unico e leggendario, felice evocazione del grottesco o meglio – come ha affermato anni fa quando lo ho incontrato a Reims condividendo con lui una deliziosa cena – “la spinta dell’ essere umano verso la riproduzione”. Segue a questa recente opera realizzata dal brillante regista una serie di progetti che saranno da lui consolidati nei tempi a venire: The food of love”, pellicola ispirata al racconto di Thomas Mann “La morte a Venezia”, che sarà girato in parte a Venezia ed a S. Pietroburgo – due città che sorgono sull’ acqua come Amsterdam, la città in cui risiede – che narra l’ amore carnale di un uomo per un giovane ragazzo; “Eisenstein a Quantanamo” che rende omaggio al celebre regista russo, incentrato sul momento in cui, nel 1929 e 1931 l’ artista trentatreenne ha compiuto le ricerche per realizzare il film “Que viva Mexico”, rimasto incompiuto le cui riprese inizieranno alla fine del 2012 ed all’ inizio del 2013; la sua prima commedia romantica “Four storms and two babies”, una storia d’ amore non convenzionale su due uomini e una donna che resta incinta dopo una notte di sesso a tre con loro. Una serie di opere che daranno vita ad autentici capolavori, concretizzando il meraviglioso lavoro di un regista – che ho amato e celebrato ieri e oggi – che vuole realizzare circa dieci film nei prossimi anni. Lodevoli intenzioni che costui può trasformare in realtà, essendo un genio e avendo l’ ispirazione e la  determinazione per consolidare plurimi progetti, coinvolgendo diversi canali di comunicazione che comunicano tra di loro e creando autentici capolavori.

My little princess”, first movie by Eva Ionesco, has selected for being premiered in the fiftieth edition of Cannes Film Festival – which will be held from 11th to 22nd May 2011 – at “La semaine de la critique”. The film – featuring the awesome Isabelle Huppert, Anamaria Vartolomei, Georgetta Leahu, Denis Lavant, Jehtro Cave, Louis Do de Lecquesaing, Pascal Bongard and the soundtrack, composed by Bertrand Burgalat, available since 9th May 2011 – telling the story of Hannah and Violetta, an elusive mother and a little girl searching for maternal love and becoming her model, evoking the autobiographical story of legendary photographer Irina Ionesco and her daughter Eva – the director -, young muse of Paris scene during the early Seventies. A not to be missed movie to enjoy the work of two smashing artists.

“MY LITTLE PRINCESS” DI EVA IONESCO AL FESTIVAL DEL CINEMA DI CANNES

Isabelle Huppert and Anamaria Vartolomei, still image from “My little princess” by Eva Ionesco

My little princess”, primo film di Eva Ionesco, è stato selezionato per essere presentato in anteprima nella cinquantesima edizione del Festival del Cinema di Cannes – che si terrà dall’11 al 22 maggio 2011 – alla “La semaine de la critique”. La pellicola – con la fantastica Isabelle Huppert, Anamaria Vartolomei, Georgetta Leahu, Denis Lavant, Jehtro Cave, Louis Do de Lecquesaing, Pascal Bongard e la colonna sonora, composta da Bertrand Burgalat, disponibile a partire dal 9 maggio 2011 – racconta la storia di Hannah e Violetta, una madre sfuggente e una piccola ragazza che è alla ricerca dell’amore materno e diventa la sua modella, evocando la storia autobiografica della leggendaria fotografa Irina Ionesco e sua figlia Eva – la regista -, giovane musa della scena parigina all’inizio degli anni Settanta. Un film imperdibile per apprezzare l’opera di due formidabili artiste.

Eva Ionesco, photo by Phillippe Quaisse

Evie Lovelle, Julie Atlas Muz and Dirty Martini at Cannes Film Festival

The smashing American burlesque performers Dirty Martini, Kitten On the Keys, Julie Atlas Muz, Mimi Le Meux – I was pleased of seeing time ago inside out the stage – come to Cannes along with Evie Lovelle and the French director Mathieu Almaric who made “Tournée”, a movie competing at the 63rd edition of Cannes Film Festival which will be released on 30th June 2010, focused on a group of burlesque performers who tour around France. The movie examines femininity in man’s world, presenting women who are comfortably in their own skin – even if their silhouette going beyond the conventional idea of beauty – and at ease with their sexuality, successfully depicting the core of burlesque culture: opening the mind of women to live as they want to live, not as how men want them to look.

“TOURNÉE” DI MATHIEU ALMARIC: IL BURLESQUE GIUNGE AL FESTIVAL DEL CINEMA DI CANNES

Le formidabili burlesque performer americane Dirty Martini, Kitten On the Keys, Julie Atlas Muz, Mimi Le Meux – che ho avuto il piacere di vedere tempo fa dentro e fuori il palcoscenico – giungono a Cannes unitamente a Evie Lovelle ed il regista francese Mathieu Almaric che ha realizzato “Tournée”, un film in concorso alla sessantatreesima edizione del Festival del Cinema di Cannes Film che uscirà il 30 giugno 2010, incentrato su un gruppo di performer burlesque in tournée in Francia. Il film esamina la femminilità nel mondo dell’uomo, mostrando donne che stanno bene con se sé stesse – anche se la loro silhouette va al di là dell’idea convenzionale di bellezza – e sono a loro agio con la propria sessualità, dipingendo felicemente il nucleo su cui si basa la cultura burlesque: aprire la mente delle donne per vivere come vogliono vivere, non nel modo in cui gli uomini vogliono vederle.