You are currently browsing the tag archive for the ‘Diane Pernet’ tag.

The incredible creatures by Mario Salvucci on Wowcracy

The incredible creatures by Mario Salvucci on Wowcracy

The spider’s man, the bright jewel designer Mario Salvucci – who often depicts spiders as the black widow that are dying out as the result arising from the human behavior which is destroying nature, fact which is denounced by this catchy, incisive and minimal iconography under the sign of dark suggestions which is embodied in the creations he made – features in the virtual platform Wowcracy (which gives the chance to get directly in touch with the creative, choose and order an item) with “Protection” the capsule collection he made which successfully makes concrete a bright craftsmanship and includes iconic jewels made of recycled silver. Mario will also stars on a marvelous animated video “The spiders’s man” which presents the new collection he made of whose teaser and I am glad to share with you, dear FBFers.

PROTEZIONE, ARTE, CREATIVITÀ & LE INCREDIBLE CREATURES DELLO SPIDERS’ MAN MARIO SALVUCCI

Mario Salvucci on Wowwcracy

Mario Salvucci on Wowwcracy

Lo spider’s man, il brillante designer di gioielli Mario Salvucci – che sovente ritrae ragni quali la vedova nera che sono in via di estinzione, risultato derivante dal comportamento umano che sta distruggendo la natura, fatto che è denunciato dall’ accattivante, incisiva e minimale iconografia all’ insegna di suggestioni dark racchiusa nelle sue creazioni – è protagonista della piattaforma virtuale Wowcracy (che offre la possibilità di entrare in direttamente in contatto con il creativo, scegliere e ordinare un pezzo) con “Protection”, la collezione capsule da lui realizzata che felicemente concretizza una brillante artigianalità e include iconici gioielli realizzati in argento riciclato. Mario è anche il protagonista di un meraviglioso video di animazione “The spiders’s man” che presenta la nuova collezione da lui realizzata e che sono lieta di condividere con voi, cari FBFers.

Diane Pernet wearing the  incredible creatures by Mario Saalvucci

Diane Pernet wearing the incredible creatures by Mario Saalvucci

www.incrediblecreatures.it

Be Next flyer

It will be held from 6th to 9th June 2013 in Georgia, at Kobuleti, in the suggestive frame of Georgia Palace Hotel, enchanting place at the Black sea, Be Next, Art & Fashion days 2013, fashion contest promoting and showcasing the emerging creativity in Georgia, created by the brilliant talent-scout Sofia Tchkonia from the talent-scouting and events agency Société Anonyme, featuring promising creatives along with renowned personas coming from different realms of fashion – as Rad HouraniAndrea Provvidenza, Giovanni Ottonello, Basia Szkutnicka, Laurent Dombrowicz, David Koma, Caterina Di Bert, Elisa Pervinca Bellini, Livio FacchiniNatalya Turovnikova, Katarina Dahlstrom, Gosha Rubchinskiy, Philippe Pourhashemi, Elisa Nalin, Bette Bond and me – and including a fashion contest, fashion workshops and many events. A laudable and marvelous not to be missed event under the sign of fashion, its culture and emerging talents, created by a brilliant mind.

ARTE, CREATIVITÀ, MODA & LA SUA CULTURA IN GEORGIA: BE NEXT 2013

Teona Ubilava

Teona Ubilava

Si terrà dal 6al 9 giugno 2013 in Georgia, presso Kobuleti, nella suggestiva cornice del Georgia Palace Hotel, incantevole luogo sul Mar Nero, Be Next 2013, Art & Fashion days 2013, fashion contest che promuove ed espone la creatività in Georgia, creata dalla brillante talent-scout Sofia Tchkonia dell’ agenzia di talent-scouting ed eventi Société Anonyme di cui sono protagonisti promettenti creativi unitamente a rinomati personaggi provenienti da diversi ambiti della moda – quali Rad HouraniAndrea Provvidenza, Giovanni Ottonello, Basia Szkutnicka, Laurent Dombrowicz, David Koma, Caterina Di Bert, Elisa Pervinca Bellini, Livio FacchiniNatalya Turovnikova, Katarina Dahlstrom, Gosha Rubchinskiy, Philippe Pourhashemi, Elisa Nalin, Bette Bond e me – e include un fashion contest, workshops di moda e plurimi eventi. Un lodevole, meraviglioso e imperdibile evento all’ insegna di moda, la sua cultura e dei talenti emergenti, creato da una brillante mente.

Teona Gagloeva

Teona Gagloeva

Salome Mkheidze

Salome Mkheidze

Mata Tsertsvadze

Mata Tsertsvadze

Marita Mamuchashvili

Marita Mamuchashvili

Mariam Gvasalia

Mariam Gvasalia

Elene Kakhisvhili

Elene Kakhisvhili

Aleksandre Akhalkatsishvili

Aleksandre Akhalkatsishvili

Tamar Chabukiani

Tamar Chabukiani

Tamari Tabagari

Tamari Tabagari

Tapo Shotadze

Tapo Shotadze

Sofia Tchkonia

Sofia Tchkonia

A memory from 2012: Georgia Palace Hotel by night

A memory from 2012: Georgia Palace Hotel by night

A memory from 2012: me, Sofia Tchkonia, Natalya Turovnikova and Daria Shapovalova at the Georgia Palace Hotel

A memory from 2012: me, Sofia Tchkonia, Natalya Turovnikova and Daria Shapovalova at the Georgia Palace Hotel

A memory from 2012: me at the Georgia Palace Hotel

A memory from 2012: me at the Georgia Palace Hotel

A memory from 2012: Diane Pernet and me during Be Next

A memory from 2012: Diane Pernet and me during Be Next

sapienza

Yesterday a dear friend of mine with whom I was talking, suggested me of reading a piece, featuring a brilliant critique on fashion policy connected also to the Italian policy and Rome which will  be soon will vote for its major. This interesting piece made by a young, promising journalist, Claudia Proietti, included in the blog of Seminario Sapienza, connected to talks and events made by the Fashion and Costume Sciences Faculty of University La Sapienza of Rome, I am pleased to share with you dear FBFers. The following article is a precious source to think, re-think about fashion, fashion culture, fashion training, fashion journalism as well as fashion blogging( hopefully that are more oriented to culture and value of doing, doing well, having a content, a real content, something which in the era of big brother generation – where the overexposure justifies and celebrates the whole empty, the lack of contents and ethic – has often forgotten or didn’t make concrete properly.

Gianfranco Ferrè, legendary fashion designer who celebrated the fashion culture and gave his contribution in this realm as professor

Gianfranco Ferrè, legendary fashion designer who celebrated the fashion culture and gave his contribution in this realm as professor

David Perluigi and Nello Trocchia from the Italian newspaper Il Fatto Quotidiano have released on Sunday 19th May 2013 an investigative report on one of the names featuring in the list of Ignazio Marino, candidate as Rome mayor for the Democratic Party in the forthcoming elections which will be held within few days, the one of President of Gattinoni fashion house Stefano Dominella. The article reports, with the care featuring in a well done investigative report, a story of invoices paid with public money dating back to the time when cui Dominella  performed as President of Altaroma, public limited company which manages the fashion week of capital city. Now Stefano Dominella present himself as candidate for the city of Rome, focusing his campaign on the relevant , in Rome as well as in the whole Italy, need of investments in the realm of fashion, one of two or three fields that are constantly growing in our economy, and he defends himself by justifying the gifts as homage regularly licensed and invoiced by its company due to a mere issue of practicality. Beyond the circumstance, sufficiently documented, what it thrills is two journalist who have nothing to do with fashion signed the investigative report, beginning with the desire of telling how are the things, of exercising an intelligence and critique which ,except for a few of pens, is completely alien to the Italian fashion journalism, especially the one coming from the new generations.

Irene Brin, a celebrated Italian fashion journalist

Irene Brin, a celebrated Italian fashion journalist

Being tied by a pandemic lack of real preparation – costume history, as well as general history, current news, politics and international economy, if it is true fashion is far away from being just only a trendy bag -, the Italian fashion journalism loses verve, critic spirit, ability to show the facts beyond the hem of a dress  and the need of pleasing the investors during years of crisis of advertising and redefinition of its own space. In a vicious circle where the few “important” names always speak well about the same fashion designers who after strive in every way to please them, it need avoiding the fashion press or referring to the foreign press for reading a well-advised reflection, otherwise it’s a crowd of copying and pasting from the press releases, useless infos and ridiculous Anglicisms.

Rosana Pistolese, the brilliant founder of Rome Fashion & Costume Academy

Rosana Pistolese, the brilliant founder of Rome Costume & Fashion Academy

The traditional role of watchdog of journalist, to which everyone should aspire everyone performs this profession, both if it is done in the hallways of Parliament or in the front-row at the fashion shows, totally disappeared – except rare exceptions – from the fashion columns of magazines, journals and newspapers: fascinated by the crowd of homages and privileges or directly lied down by the chance of seeing the disappearance of advertisements of brand one dared to criticize. It has replaced, in this marvelous universe which is the web – platform where are in force the laws of real world, it never will be said enough, both the laws of penal code and the laws on professional deontology and training, that, these last ones, are instead completely unknown to the journalist in pijama by Andrew Keen – by an infinite amount of beginners who often attends the second two months-period of fashion courses and self-proclaiming themselves fashion blogger.  Some are genuine personas who have a personal style – but there isn’t anyone in Italy – who can count on a big amount of real users, and not the ones that are bought en masse on the social networks, but for the most part indefinite figures for who a well done cut is the one of a dress from  a low-cost retail chain, flattened on trends of whose inspirations and reasons they would not able to recognize, ready to use all of their competences with a not to be missed post on the seasonal nail enamels.

Anna  Piaggi

Anna Piaggi

The same ones that, some days before, were shipped as kind homage by the company which produces that. Far from being the independent voice one could expert some year ago, they are today a real marketing instrument, “an investment to increase”, as Pietro Negra, President of Pinko said, answering to a question during a recent talk at the University La Sapienza, following a very common habit in the fashion field. It’ s not journalism, that is true, but it often is confused with that, by the one who reads, and unfortunately also by the one who practices it: but journalism is nor an item of expenditure in a company balance, neither those “due homages” representing – as Stefano Dominella candidly admitted – no news, it’s just the minimum for those journalists who followed with interest the activities of brand. The journalism helps to discover, understand, make one think about, make move, by a well done and written reportage, those investments in the realm of marketing, camouflaged as opinion for improving the product and the working conditions of employees, being often a really topical raw nerve”.

QUANDO IL GIORNALISMO DI MODA NON CRITICA PIÙ LA MODA

Isabella Blow, editor-in-chief of Tatler magazine

Isabella Blow, editor-in-chief of Tatler magazine

Ieri un mio caro amico con il quale stavo chiacchierando, mi ha suggerito di leggere un pezzo, di cui è protagonista una brillante critica sulla politica della moda, connessa anche alla politica italiana e a Roma che presto voterà per il suo sindaco. Questo interessante pezzo, scritto da una giovane, promettente giornalista, Claudia Proietti, è incluso nel blog di Seminario Sapienza, collegato ai talks ed eventi che sono stati realizzati dalla Facoltà di Scienze della Moda e del Costume dell’ Università La Sapienza di Roma che sono lieta di condividere con voi, cari FBFers. L’ articolo che segue è una preziosa fonte per pensare, ripensare alla moda, a la cultura della moda, la formazione nell’ ambito della moda, il giornalismo di moda come anche il fashion blogging (che sperabilmente siano più orientati alla cultura e al valore del fare, fare bene, apportando un contenuto, un reale contenuto, qualcosa che nell’ era della generazione del grande fratello – in cui la sovraesposizione giustifica e celebra il vuoto totale, la mancanza di contenuti e etica  – è stata sovente dimenticata o non è stata concretizzata in modo appropriato).

Rankin, fashion photographer, co-founder of Dazed & Confused and founder of The Hunger

Rankin, fashion photographer, co-founder of Dazed & Confused and founder of The Hunger

Domenica 19 maggio David Perluigi e Nello Trocchia de Il Fatto Quotidiano pubblicano un’ inchiesta su uno dei nomi nella lista di Ignazio Marino, candidato a sindaco di Roma nelle elezioni ormai prossime, quello del presidente della maison Gattinoni Stefano Dominella. L’ articolo riporta, con la cura che si addice a un’ inchiesta ben fatta, una storia di fatture pagate con soldi pubblici risalenti al periodo in cui Dominella ha ricoperto l’ incarico di presidente di Altaroma, società a partecipazione pubblica che gestisce la settimana della moda della capitale. Adesso Stefano Dominella si candida al comune incentrando la propria campagna elettorale sulla necessità, tangibile a Roma come in tutta Italia, di investimenti nel settore moda, una delle due o tre voci in costante crescita della nostra economia, e si difende giustificando i regali come omaggi regolarmente autorizzati e fatturati dalla sua società solo per una questione di praticità. Al di là della vicenda, documentata comunque a sufficienza, quello che colpisce è che a firmare l’ inchiesta siano due giornalisti che non hanno nulla a che vedere con la moda, a cominciare dal desiderio di dire le cose come stanno, di esercitare un’ intelligenza e una critica che ormai, una manciata di firme a parte, risulta completamente estraneo al giornalismo di moda italiano, soprattutto quello delle nuove generazioni.

Rita Ora featuring in the cover issue of The Hunger

Rita Ora featuring in the cover issue of The Hunger

Stretto tra una dilagante mancanza di preparazione reale – sulla storia del costume, ma anche sulla storia in generale, sull’ attualità, sulla politica e l’ economia internazionale, se è vero che la moda è ben lontana dall’ essere solo una borsa trendy – e dalla necessità di accontentare gli investitori in anni di crisi della pubblicità e ridefinizione dei propri spazi, il giornalismo di moda italiano perde verve, spirito critico e capacità di mostrare i fatti oltre l’ orlo di un vestito. In un circolo vizioso che vede quei pochissimi nomi “importanti” parlare sempre bene dei soliti stilisti che poi si adoperano in ogni modo per compiacerli, per leggere una riflessione sensata bisogna evitare la stampa di settore o rivolgersi all’ estero, altrimenti è una selva di copia-incolla dai comunicati stampa, informazioni inutili e ridicoli anglicismi.

Jefferson Hack, the co-founder of magazine Dazed & Confused

Jefferson Hack, the co-founder of magazine Dazed & Confused

Il tradizionale ruolo di watchdog del giornalista, cui dovrebbe ambire chiunque svolta questa professione, che lo faccia nei corridoi del Parlamento o in prima fila alle sfilate, è praticamente scomparso – salvo rare eccezioni – dalle pagine di moda delle testate: allettato dall’ osso di omaggi e privilegi o direttamente messo a cuccia dalla prospettiva di veder sparire le inserzioni pubblicitarie del marchio che si è osato criticare. È stato sostituito, in questo prodigioso universo che è la Rete – piattaforma dove a tutti gli effetti vigono le leggi del mondo reale, non sarà mai detto abbastanza, sia quelle  del codice penale sia quelle di deontologia e formazione professionale, completamente ignote invece, queste ultime, al giornalista in pigiama di Andrew Keen – da un numero infinito di dilettanti spesso al secondo semestre di studi di moda che rispondono al nome di fashion blogger. Alcuni veri e propri personaggi con uno stile molto personale – ma nemmeno uno in Italia -, che possono contare su un gran numero di utenti reali, e non quelli comprati a pacchetti sui social, ma per la maggior parte indefinite figure per cui un taglio ben fatto è quello di un abito di una catena low-cost, appiattiti su tendenze di cui non saprebbero riconoscere ispirazioni e ragioni, pronti a mettere in campo tutte le loro competenze con un imperdibile post sugli smalti di stagione.

Maria Luisa Frisa, founder and director of Fashion Design Faculty at Iuav University of Venice

Maria Luisa Frisa, author, critic, fashion curator, founder and director of Fashion Design Faculty at Iuav University of Venice

Quelli che, pochi giorni prima, l’ azienda produttrice ha provveduto a far recapitare loro come gentile omaggio. Lungi dall’ essere la voce indipendente che ci si sarebbe aspettati qualche anno fa, rappresentano oggi un vero e proprio strumento di marketing, un “investimento da potenziare”, come ha risposto a domanda diretta, Pietro Negra, Presidente di Pinko, durante il recente intervento all’ Università La Sapienza, in osservanza di una pratica largamente condivisa nel settore. Non è giornalismo, è vero, ma spesso viene confuso con questo, da chi legge e, quel che è peggio, anche da chi lo pratica: ma il giornalismo non è una voce di spesa in un bilancio aziendale, nemmeno con quei “dovuti omaggi” che, come Stefano Dominella ha candidamente ammesso – nessuna novità, in effetti –, rappresentano il minimo nei confronti di giornalisti che hanno seguito con interesse le attività del marchio. Il giornalismo serve a scoprire, capire, far riflettere: serve a far spostare, con la spina nel fianco di un’ inchiesta ben fatta e ben scritta, quegli investimenti di marketing camuffato da opinione al miglioramento del prodotto e delle condizioni di lavoro dei dipendenti, tasto spesso dolente e quanto mai di scottante attualità”.

The moder of fashion blog, founder of A Shaded View on Fashion blog and the A Shaded View On Fashion Festival and me

Diane Pernet, the mother of fashion blog, founder of A Shaded View on Fashion blog,  A Shaded View On Fashion Film Festival and me

IUAV 19 19 DIC

Another successful initiative ideated by the Fashion Design Faculty of IUAV University of Venice, headed by Maria Luisa Frisa is “Moda e Cinema”, two days, the 18th and 19th December 2012 that will be focused on this theme. The event which will be held in Venice at the Magazzini Ligabue of IUAV University, curated by Marco Bertozzi and Mario Lupano (professors of IUAV Department of Design cultures) explores the relationship between fashion and film which has embodied in the suggestive book “Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista”(Damiani Editions, 45,00 Euros) by Mario Lupano and Alessandra Vaccari, in order to think about the intersection of practices and knowledge of two disciplines that share the primacy of visual culture and are closely connected to the idea of modernity. A theme which will be told and questioned by making a review from past to present – by renowned experts, professors, fashion historians and artists as Gabriele Monti, Maria Ida Bernabei, Marina Pellanda, Mario Lupano, Marco Bertozzi, Elda Danese, Alessandra Vaccari, Sofia Gnoli, Alessandro Gori, Stefano delle Monache, Maria Luisa Frisa, Nathalie Kahn, Alex Murray-Leslie, Matteo Primiterra, Camillo Trevisan -, including the Italian experience during the two World Wars and coming to contemporary times where it features the fashion film, a media( of whose development was supported and increased by the idea and work of Diane Pernet, pioneer fashion blogger who created the A Shaded View of Fashion Film Festival, international festival which is held in Paris along with other thematic editions that are held around the world as Barcelona, Mexico City, Tokyo and other cities) paying homage to the categorical imperative “the eye has to travel” by Diana Vreeland – I am sure she would loved – and that visual culture she made concrete at best by her work. A charming theme which gives rise to many analysis concerning the fashion film, its art core and the many purposes this media is able to satisfy as communication, advertising and conversation, meant as a dialogue spreading and developing culture, the culture of a product, the story of a brand as well as the stories that a brand seasonally tell ( considering also the realm of fashion marketing and the idea embodied in Cluetrain Manifesto which asserts: “the markets are conversations”), realm which will be considered during this not to be missed event in order to think and re-think about fashion and film under the sign of syncretism.

“MODA & CINEMA”, I SEMINARI ALL’ UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA DI MARCO BERTOZZI & MARIO LUPANO

lupano 2

 Un’ altra felice iniziativa ideata dalla Facoltà di Fashion Design della Università IUAV di Venezia, guidata da Maria Luisa Frisa é “Moda e Cinema”, due giornate, il 18 e 19 dicembre 2012 che saranno dedicate a questo tema. L’ evento che si terrà a Venezia presso i Magazzini Ligabue della Università IUAV, curato da Marco Bertozzi e Mario Lupano (docenti del Dipartimento della IUAV di Culture del Progetto) esplora la relazione tra moda e cinema, considerando le riflessioni racchiuse nel suggestivo libro “Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista”(Edizioni Damiani, 45,00 Euro) di Mario Lupano e Alessandra Vaccari, al fine di soffermarsi sull’ intersezione di pratiche e la conoscenza di due discipline che condividono la primazia della cultura visiva e sono intimamente connesse all’ idea di modernità. Un tema che sarà raccontato e discusso, effettuando una rassegna che va dal passato al presente – ad opera di rinomati esperti, docenti, storici della moda e artisti quali Gabriele Monti, Maria Ida Bernabei, Marina Pellanda, Mario Lupano, Marco Bertozzi, Elda Danese, Alessandra Vaccari, Sofia Gnoli, Alessandro Gori, Stefano delle Monache, Maria Luisa Frisa, Nathalie Kahn, Alex Murray-Leslie, Matteo Primiterra, Camillo Trevisan – che include l’ esperienza italiana tra le due Guerre e giunge alla contemporaneità di cui è protagonista il fashion film, supporto mediatico (il cui sviluppo è stato sostenuto e enfatizzato dall’ idea e opera di Diane Pernet, pionieristica fashion blogger che ha creato l’ A Shaded View of Fashion Film Festival, festival internazionale che si tiene a Parigi  unitamente ad altre edizioni tematiche che si tengono in tutto il mondo come  Barcellona, Città del Messico, Tokyo e in altre città) che rende omaggio all’ imperativo categorico di Diana Vreelandl’ occhio deve viaggiare” – che di certo avrebbe amato – e quella cultura visiva da lei concretizzata al meglio con la propria opera. Un tema affascinante che da vita a plurime analisi inerenti il fashion film, il suo nucleo artistico e le plurime finalità che questo media può soddisfare quali comunicazione, pubblicità e conversazione, intesa quale dialogo che veicola e consolida la cultura, la cultura di un prodotto, la storia di un brand come anche le storie che un brand stagionalmente racconta (considerando anche l’ ambito del fashion marketing e l’ idea racchiusa nel  Cluetrain Manifesto secondo il quale: “i mercati sono conversazioni”), ambito che sarà preso in considerazione durante questo evento imperdibile al fine di pensare e ripensare a moda e cinema all’ insegna del sincretismo.

Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista, by Mario Lupano & Alessandra Vaccari, Damiani Editions

Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista, by Mario Lupano & Alessandra Vaccari, Damiani Editions

www.iuav.it

 

Mario Salvucci, photo by Michele De Candia

Mario Salvucci, photo by Michele De Candia

It has recently launched the new website by the bright jewel designer Mario Salvucci, featuring the “incredible creatures” he made, little art-works to decorate the body under the sign of delicate dark suggestions, incisiveness and simplicity, paradigm of a vibrant refinement. The new website has created by a young artist, Michele De Candia, a successful teaming under the sign of a common core of suggestions embodied in the smashing photographs as well as “Coeur”, the fashion film – screened in Paris during the latest edition of A Shaded View On Fashion Film Festival by Diane Pernet – which tells about Mario’s creativity, about whom I talk about more during the forthcoming days.

IL NUOVO WEBSITE CON LE “INCREDIBLE CREATURES” DI MARIO SALVUCCI

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

É stato recentemente lanciato il nuovo sito del brillante designer di gioielli Mario Salvucci, di cui sono protagoniste le “incredible creatures” da lui realizzate, piccole opere d’arte per decorare il corpo all’ insegna di delicate suggestioni dark, incisività e semplicità, paradigma di una vibrante raffinatezza. Il nuovo sito web è stato creato da un giovane artista, Michele De Candia, una felice collaborazione all’ insegna di un nucleo comune di suggestioni racchiuse in formidabili fotografie come anche in “Coeur”, il fashion film – proiettato a Parigi durante l’ ultima edizione dell’ A Shaded View On Fashion Film Festival di Diane Pernet – che racconta la creatività di Mario, di cui parlerò più approfonditamente nei prossimi giorni.

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

Mario Salvucci, photo by Michele de Candia

www.incrediblecreatures.it

Anne Pigalle

The celebrated song-writer and visual artist Anne Pigalle will feature in a live concert which will be held on 11th November 2012 in Paris at the Silencio club during the party to celebrate the international Festival A Shaded View on Film Festival (ASVOFF), event created by the pioneer fashion blogger Diane Pernet. Here the artist will perform tracks – erotically charged, decadent poems with musical accompaniment – included in the smashing new album L’ Ame Erotique she made – arising from a concept inspired by Edith Piaf and the theme of eroticism – along with the masterpieces she created during her bright career.

ANNE PIGALLE A PARIGI PER FESTEGGIARE ASVOFF

Anne Pigalle

La celebre cantautrice e artista Anne Pigalle sarà protagonista di un concerto dal vivo che si terrà l’ 11 novembre 2012 a Parigi presso il locale Silencio in occasione del party per festeggiare il Festival internazionale A Shaded View on Fashion Film (ASVOFF), evento creato dalla pionieristica fashion blogger Diane Pernet. Ivi l’ artista eseguirà i brani – decadenti poesie ad alto contenuto erotico con accompagnamento musicale – inclusi nel suo formidabile nuovo album L’ Ame Erotique – che nasce da un concept ispirato a Edith Piaf e al tema dell’ erotismo – unitamente ai capolavori da lei creati durante la sua brillante carriera.

www.annepigalle.com

Artist’s shit by Piero Manzoni (1961)

It thrilled me, made me think and worry very much  to know about the release of “Last days of glory”, controversial short-film made by the fashion blog-zine nsssmag.com, which has welcomed in “Fashion is a virus”, writing by Simone Marchetti which appeared yesterday on the Italian online magazine D.repubblica.it (here it is the article: “it almost always lacks in the wide realm of fashion videos that are arising from in the press and advertising field, two main features: a viral strategy and a screenplay. The indie short-film “Last days of glory” by the very interesting Italian fashion blog nssmag.com is the exception proving the rule. It has firstly ideated to run in the Fashion Film Festival by Diane Pernet, creator of the online factory A Shaded view on Fashion, the video has discarded, probably due to underestimation and fear for its contents. The rise is simple: all started with a fake terrorism to the Festival’s organizer, by sending her false threatening letters. It has filmed during the shootings boys who put on the walls of Paris streets posters against Pernet. It’ s a genuine work of viral marketing, well documented by the direction and made at best in terms of aesthetics and styling of images and clothes…”), circumstance evidencing a leitmotiv of contemporary times: the spectacularization of trash to get exposure and something closely connected to that, success and fame (as well as the trash, semiotic trait which is far from style and elegance, turns into chic or rather trash-chic, I talked about time ago) to every cost. It is a custom resulting from the media – beyond regarding the Andy Warhol’s idea “everyone will be famous for fifteen minutes”, pioneer of cult for icons and celebrities as well as the celebrated Diana Vreeland, starter of a tradition which is still embodied in the fashion communication – the exposure or rather the over-exposure (as it says Anna dello Russo in the video Fashion shower: “nothing succeeds like excess”) often gives rise to new freaks, junk products that last for a couple of years, then they fade away. It has been the making of the worst version of Machiavellian ethic “the means justifies the end”, using also the  threat against an individual for giving rise to a work what perplexed me. I don’t think that a masterpiece justifies false threatening letters, that have sent for real, scaring the recipient, as it happened for the rise of this fashion film. It is already bombarded with violence, as it arises from the daily-times and news documenting that, featuring acts of violence, murders, terrorism along with the same themes appearing on splatter TV series. Thus I consider that as out of context – though I respect the work made by others which I always don’t agree with and I usually prefer silence than invective -, focusing on its purpose, to create an arty product, I am more shocked and disgusted. Everyone has the free will – even if it can be more or less wide, it exists – and the chance of making something without affecting the freedom and space of others. Art should make think about, move, instead of frightening. People too often work to shock and forget the content and ethic(what really means this word). This is the smashing evidence of that. The other controversial point has been the use of argument, concerning the exclusion of this short-film from its running in the last edition of A Shaded View On Fashion Film Festival, event created by Diane Pernet – victim of the threatening letters – which will be held from 9th to 11th  November 2012 in Paris at the Centre Pompidou, to increase the shocking effect and make talk about that. A purpose which has  successfully got, as it also evidences my writing, though I consider that just as another evidence of  what exists in the mainstream: the emptiness, nothingness going ahead and the dignification of shit, custom which is far from being or evoking “shit by artist”, the masterpiece by Piero Manzoni.

CONTEMPORANEITÀ & LA MERDA D’ ARTISTA

Merda d’artista, Piero Manzoni (1961)

Mi ha stupito, mi ha fatto pensare e molto preoccupare,  sapere della pubblicazione di “Last days of glory”, discutibile cortometraggio realizzato dal fashion blogzine nsssmag.com che é stato salutato con plauso da “La moda é un virus”, articolo di Simone Marchetti, apparso ieri sul magazine online D.repubblica.it, circostanza che dimostra un leitmotiv della contemporaneità: la spettacolarizzazione del trash per ottenere visibilità e qualcosa ad essa strettamente connesso, successo e fama (come anche il trash, tratto semiotico che è lungi da stile ed eleganza che si trasforma in chic o meglio trash-chic, di cui ho parlato tempo fa) a ogni costo. È una prassi tratta dai mezzi di comunicazione di massa – oltre a inerire l’ idea di Andy Warhol: “tutti saranno famosi per quindici minuti”, pioniere nell’ arte del culto per icone e celebrità parimenti della celebre Diana Vreeland, iniziatrice di una tradizione che è ancora oggi impressa nella comunicazione di moda – l’ esposizione o meglio la sovraesposizione (poiché come afferma Anna dello Russo nel video Fashion shower :“niente funziona meglio dell’ eccesso”) sovente dà vita a nuovi fenomeni (da baraccone), prodotti junk che durano un paio di anni e poi svaniscono. Ciò che mi perplime é la concretizzazione della peggiore versione dell’ etica machiavellica “il fine giustifica i mezzi”, avvalendosi anche di reali minacce contro un individuo per dar vita a un’ opera. Non credo che un capolavoro giustifichi  lettere minatorie false che sono state realmente inviate, spaventando il destinatario come é accaduto nel caso della nascita di questo fashion film. Si é già tempestati da violenza, come si evince dalla quotidianità e dalle notizie che la documentano, di cui sono protagonisti atti di violenza, omicidi, atti di terrorismo unitamente alle medesime tematiche che appaiono in serie televisive splatter. Pertanto considero ciò oltremodo fuori contesto – pur rispettando il lavoro altrui che non sempre condivido e solitamente preferisco il silenzio all’ invettiva -, pensando peraltro alla finalità che ha dato vita a ciò, creare un’ opera artistoide, sono ancor più scioccata e disgustata. Tutti dispongono del  libero arbitrio – anche se può essere più o meno ampio, esiste – ed hanno la possibilità di realizzare qualcosa senza inficiare però la libertà e lo spazio altrui. L’ arte dovrebbe far pensare, emozionare, non terrorizzare. La gente troppo frequentemente lavora per stupire e dimentica il contenuto e l’ etica (ciò che significa esattamente questa parola). Questa ne è la formidabile dimostrazione. L’ altra cosa oltremodo criticabile è stato avvalersi dell’ argomento dell’ esclusione di questo corto dalla partecipazione all’ ultima edizione di A Shaded View On Fashion Film Festival, evento creato da Diane Pernet – vittima delle lettere minatorie – che si terrà dal 9 all’ 11 Novembre 2012 al Centre Pompidou di Parigi, per incrementare l’ effetto stupore e far parlare di ciò. Uno scopo che è stato raggiunto come dimostra anche il mio scritto, benché consideri tale circostanza una prova di quello che esiste nel mainstream: il vuoto, il nulla che avanza e la dignificazione della merda, prassi che è ben lungi dall’ essere o evocare la “merda d’ artista”, il capolavoro di Piero Manzoni.

The A Shaded View on Fashion Film Festival created in 2008 by the fashion designer and pioneer blogger Diane Pernet, will feature in the OFF Circuit of the Venice Film Festival latest edition, event – curated in collaboration with the Paris Centre Pompidou – which will be held on 30th August 2012, 10 pm in Venice Lido at San Niccolò Monastery. That is a successful evidence recognizing the work she made for dignifying the new means for depicting and telling fashion, fully entered into the fashion world. Beyond the provocation by genius British filmmaker Peter Greenaway ,who asserts “ film is dead on 31st September 1983 when zapper remote control entered into the living rooms of the world”, thus it needs “bringing cinema outside cinema” – as he did and continues doing -, I mark on his idea which considers “the future of communication in the multimedia and not in the unique and univocal language of film”. I partially agree with him, though I prefer thinking  about all of the media, as films and the other old and new media can join, dialogue one to the other, giving rise to successful results under the sign of genuineness, art and creativity, celebrating syncretism. That is not just a mere way to spread the Vangel of fashion film, but it’s just a way to look at reality, what has created during the last eight years of whose leitmotiv is sharing and interactive communication , something influencing fashion, art as well as other channels of communication and it continues upward and onward developing. Thus I wish to Diane Pernet of following at best her work and I wish other people and institutions working in realm of fashion and film  join and make concrete this work.

A SHADED VIEW ON FASHION FILM FESTIVAL AL CIRCUITO OFF DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA 

A joyful memory, Diane Pernet in Georgia at the Batumi Arts Academy, photo by N

Il A Shaded View on Fashion Film Festival creato nel 2008 dalla designer e pionieristica blogger Diane Pernet, sarà protagonista dell’ ultima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia, evento – curato in collaborazione con il Centre Pompidou di Parigi – che si terrà il 30 agosto 2012, alle ore 22:00 al Lido di Venezia presso il Monastero di San Niccolò. Questa è una felice dimostrazione che riconosce il lavoro da lei realizzato per dignificare il fashion film, nuovo mezzo che ritrae e racconta la moda, entrato a pieno titolo nel mondo della moda. Al di là della provocazione del geniale regista inglese Peter Greenaway secondo cui il “cinema é morto il 31 settembre 1983 quando il telecomando é entrato nei salotti di tutto il mondo”, perciò bisogna “portare il cinema fuori dal cinema” – come costui ha fatto e continua a fare -, mi soffermo sulla sua idea che considera “il futuro della comunicazione nella multimedialità e non nel linguaggio unico e univoco del cinema”. Concordo in parte con lui, benché preferisca pensare che tutti i mezzi di comunicazione, quali i film e gli altri, vecchi e nuovi, possano unirsi, dialogare uno con l’ altro, dando vita a felici risultati all’ insegna di autenticità, arte e creatività, celebrando il sincretismo. Ciò non è un mero espediente per spargere il Vangelo del fashion film, ma è un modo di osservare la realtà, ciò che è stato creato negli ultimi otto anni, il cui leitmotiv è la condivisione e la comunicazione interattiva, qualcosa che influenza la moda, l’ arte come anche altri canali di comunicazione e continua con sempre più successo a consolidarsi. Pertanto auguro a Diane Pernet di proseguire al meglio la sua opera e spero che altre persone e istituzioni che operano nell’ ambito della moda e del cinema si uniscano e concretizzino quest’ opera.

www.ashadedviewonfashionfilm.com

Silvia Venturini Fendi and me: “I am persuaded that everytime a man smiles – but much more so when he laughs – it adds something to this fragment of life/ “Ho la ferma persuasione che ogni qualvolta un uomo sorride – o meglio ancora ride-, aggiunge qualcosa alla sua breve esistenza” ( Laurence Sterne, Life and opinions of Tristram Shandy).

Dear FBFers, I still didn’t showcased on my blog many events under the sign of emerging talents featured in the latest edition of Altaroma – as the talent-scouting award WION, Room-service, A.I. fair, Limited/Unlimited, an event considered by the brilliant journalist Suzy Menkes as the “resurgence of Rome with art and craft” -, I tell about in the forthcoming days, but now I prefer – after several critics arisen from names of old  fashion houses and other ones who criticized the visibility given by the event to the work of young creatives – to consider problems that are a leitmotiv of Italy and also have in common with the most part , but not all of human beings: the provincialism( that low-profile provincialism being far away from its healthy Fellinian meaning) and envy. Who writes, made and makes concrete with ideas and modest actions the ethic of sharing and often questioned with herself why people don’t act, join together for developing an incisive result, a result which is a benefit for all the ones, not just only for one or few ones(. Asserting that I focus on the realm of fashion, but this issue concerns also any other field). Provincialism is something reminding me another very important Italian issue, a missed meeting, the lack of an national fashion museum in Italy (which dignifies fashion as source of culture as it deserves) and its obsolete means to decodify reality, as contemporary times are under the sign of a globalized world, therefore the provincial ethic is out of context. Instead the envy it’s a feeling consuming who feels that – something doesn’t belong to me as individual -, usually weak, frustrated individuals who have little minds and consequently controversial skills who prefer destroying instead of making and creating. I always thought in this world there is space for everybody, thus the question spontaneously arises: why questioning instead of creating something which is contemporary, stopping to live or rather survive under the sign of past and its glory – last but not the least – why continuing to make something which is out of context or rather out of time(http://www.youtube.com/watch?v=RT9ycBRj4E8)? Telling that, I remind the coherence of Cristòbal Balenciaga, worldwide acclaimed couturier who ended his work and closed his fashion house when he felt he was out of time, he wasn’t in the contemporary times, ending his career with glory. Naturally that it takes a huge amount of intellectual honesty and bravery that not all the people have and it is connected with another consciousness it’s hard to accept by individual: the end of an age, your age and the devotion to fame, glory and power which almost anybody doesn’t want leaving, being the sunset boulevard, a way nobody wants walk on. I think it’s better to be reminded with honor and glory rather than be reminded as one who is out of time, but that is my modest opinion and thus it’s unquestionable. Beyond that I think it’s time for leaving room to the new, hopefully also dialoguing with what new is in Italy, in Rome and contributing to give a new meaning to the past. It can be done more without being heroes. That has been the core of work made by Silvia Venturini Fendi as President of Altaroma, developing an event under the sign of fashion as art, increasing its culture and promoting the young creativity, thus I’m glad of featuring her vibrant words, appeared today on the Italian newspaper Repubblica where she talks about the contemporary times, fashion, emerging talents and Altaroma:

 

THOSE YOUNG PEOPLE AREN’T A POULTRY HOUSE BY SILVIA VENTURINI FENDI

“Objectively important facts in Rome can seem insignificant or unimportant, being used to the excess and out of all proportion and monumental. It’ s all about a scale. That is why everything happens here it often seems insufficient or inadequate. The way it seemed, in fact, by a legitimate( though deformed ) analysis of these latest days of High Fashion.

I was born in this city and, having had the Fashion almost like destiny, it filled up me with pride to r was proud of getting the office of Altaroma’s president. And I think past can be saved especially by new – as it was taught us – I did my best for making that happen. It’s not about crisis: the real problem of fashion is the selection and training of new creatives, of who will undertake this magnificent history. That is why it grieves me of hearing that were used words as “poultry house” or “big-headed” for young people who are full of enthusiasm and intellectuaI honesty”. In fact Rome is the best chance to draw attention on themselves and survive professionally: and I am proud of having contributed in being like that. Therefore I wish the long standing fashion house that are always our legacy and glory, rally to welcome them, the young people, instead of complaining for their attendance. It would be generous and useful. It’s not something new in Italy to lean towards a fragmentation of events: Turin, Florence, Rome, Milan… It has been a continuous claim of roles and leaderships. Unfortunately or fortunately we aren’t French! Naturally, Paris since many centuries rules as Style capital and we must use to be complementary, anyway non-alternative, it would be ridiculous.

Events to make Rome as a Style stage? We would be glad, by adequate chances and means. We are open to every chances which grants quality. Concerning the return of defectors, I don’t think it needs just only calling on nationalism. Naturally it’s a such great news Suzy Menkes who has been in the parterre, getting a review she wrote – Resurgence of Rome – on the pages of Herald Tribune(http://www.nytimes.com/2012/07/17/fashion/17iht-faltaroma17.html?_r=1&ref=fashionandapparel); as well as the luxury forum Menkes is going to bring in our city. Then let’s look ahead: masters and new generations, let’s look together for another story for Rome, its  future. And let’s look for a new role for its peerless past”.

ALTAROMA: GIOVANI TALENTI, CONTEMPORANEITÀ & LE PAROLE DI SILVIA VENTURINI FENDI

The article by Silvia Venturini Fendi, featuring in Repubblica

Cari FBFers, non ho ancora esposto sul mio blog i molteplici eventi all’ insegna dei talenti emergenti protagonisti dell’ ultima edizione di Altaroma – quali il concorso di talent-scouting WION, Room-service, A.I. fair, Limited/Unlimited, un evento considerato dalla brillante giornalista Suzy Menkes “la risurrezione di Roma con l’ arte ed artigianato” -, di cui parlo nei prossimi giorni, ma adesso preferisco – dopo svariate critiche di antiche case di moda ed altri che hanno opinato in merito alla visibilità data dall’ evento all’ opera di giovani creativi – considerare problematiche che sono un leitmotiv dell’ Italia e accomunano la maggior parte , ma non tutti gli esseri umani: il provincialismo( quel provincialismo low-profile che è ben lungi dalla sua salubre felliniana accezione) e l’ invidia. Colei che scrive, ha concretizzato e concretizza con idee e modeste azioni l’ etica della condivisione e si è spesso chiesta perché le persone non agiscano, si uniscano per consolidare un risultato incisivo, un risultato che sia un beneficio per tutti, non soltanto per uno o per pochi(. Affermando, ciò mi concentro sull’ ambito della moda, ma questa problematica potrebbe riguardare un qualsiasi altro settore). Il provincialismo é qualcosa che mi ricorda un’altra querelle italiana molto importante, un appuntamento mancato, la mancanza di un museo nazionale della moda in Italia (che dignifichi la moda quale fonte di cultura come essa merita) ed i suoi obsoleti mezzi per decodificare la realtà, in quanto la contemporaneità si volge in un mondo globalizzato, pertanto l’ etica provinciale é fuori dal tempo. L’ invidia  è invece un sentimento che consuma chi lo prova – qualcosa che non appartiene alla mia individualità -, solitamente misere, frustrate individualità, dotate di menti piccine e conseguentemente discutibili talenti che preferiscono distruggere invece di fare e creare. Ho sempre pensato che in questo mondo ci sia spazio per tutti, pertanto la domanda nasce spontanea: perché discutere invece di creare qualcosa che sia contemporaneo, smettendo di vivere o meglio sopravvivere all’ insegna del passato e della sua gloria – ultimo, ma non meno importante -, perché continuare a fare qualcosa che è fuori contesto o meglio fuori dal tempo(http://www.youtube.com/watch?v=RT9ycBRj4E8)? Dicendo ciò ripenso alla coerenza di Cristòbal Balenciaga, couturier acclamato in tutto il mondo che ha concluso il suo lavoro ed ha chiuso la sua casa di moda nel momento in cui ha sentito che era fuori dal tempo, non era nella contemporaneità, concludendo la sua carriera con gloria. Naturalmente ciò richiede una enorme dose di onestà intellettuale e coraggio che non tutti hanno ed é connessa ad un’ altra consapevolezza che é dura da accettare: la fine di un epoca, la tua epoca e la devozione verso fama, gloria e potere che quasi nessuno vuole abbandonare, essendo il viale del tramonto un sentiero che alcuno vuole percorrere. Ritengo che sia meglio essere ricordati con onore e gloria piuttosto che essere ricordati come qualcuno che sia fuori dal tempo, ma codesta è la mia modesta opinione e come tale inopinabile. Al di là di ciò, credo che sia il momento per far spazio al nuovo, sperabilmente dialogando con ciò che di nuovo esiste in Italia, a Roma e contribuendo a dare un nuovo significato al passato. Si può fare di più senza essere eroi. Questo è stato il nucleo fondante dell’ opera realizzata da Silvia Venturini Fendi nelle vesti di Presidente di Altaroma, consolidando un evento all’ insegna della moda quale arte, accrescendo la sua cultura e promuovendo la creatività giovane, pertanto sono felice di includere le sue vibranti parole, apparse oggi sul quotidiano Repubblica in cui costei parla di contemporaneità, moda, talenti emergenti ed  Altaroma:

QUEI GIOVANI NON SONO UN POLLAIO DI SILVIA VENTURINI FENDI

“Abituati come si è alla dismisura e al monumentale, a Roma anche fatti oggettivamente rilevanti possono apparire insignificanti o trascurabili. È una questione di scala. Ecco perché qualunque cosa vi accada sembra spesso insufficiente o inadeguata. Com’ è sembrato, infatti, da un’ analisi legittima (ma appunto deformata) di queste ultime giornate di Alta Moda.

In questa città sono nata e, avendo avuto la Moda quasi come destino, ricevere l’ incarico di presidente di Altaroma mi ha riempito di orgoglio. E poiché, come ci è stato insegnato, credo che il passato si possa salvare soprattutto con il nuovo, ho fatto del mio meglio perché ciò accadesse. Non è infatti questione di crisi: il vero problema della moda è la selezione e la formazione di nuovi creativi; di chi cioè porterà avanti questa magnifica storia. Ecco perché mi addolora che nei riguardi di giovani pieni di entusiasmo e onestà intellettuale siano stati usati termini come “pollaio” o “presuntuosi”. Roma è infatti la migliore occasione, per questi giovani, di farsi notare e sopravvivere professionalmente: e io sono orgogliosa di aver contribuito a confermarla tale. Mi auguro pertanto che case storiche, da sempre nostro patrimonio e vanto, si mobilitino per accoglierli, i giovani, piuttosto che lamentarne la presenza. Sarebbe generoso e utile. Che poi in Italia si tenda a una frammentazione di eventi non è una novità: Torino, Firenze, Roma, Milano… È stato un continuo rivendicare ruoli e leadership. Purtroppo non siamo francesi, si potrebbe osservare o per fortuna! Certo, Parigi da secoli domina come capitale dello Stile e in un’ Europa organica dobbiamo abituarci a esserle complementari, comunque non alternativi; sarebbe ridicolo.

Manifestazioni per fare di Roma un palcoscenico dello Stile? Ne saremmo felici, con occasioni e mezzi adeguati. Siamo aperti a ogni possibilità; purché la qualità sia garantita. Quanto al rientro dei transfughi, non credo basterà un appello al nazionalismo. Di certo aver avuto Suzy Menkes nel parterre, e una sua recensione sulle pagine dell’ Herald Tribune – Resurgence of Rome – questa sì che è una bella notizia(http://www.nytimes.com/2012/07/17/fashion/17iht-faltaroma17.html?_r=1&ref=fashionandapparel); come il forum sul lusso che la Menkes si accinge a portare nella nostra città. Guardiamo dunque avanti: maestri e giovani leve, cerchiamo insieme un’ altra storia per Roma, il suo futuro. E un ruolo nuovo per il suo impareggiabile passato”.

 www.altaroma.it  

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi, photo by Paolo Demaldé

The designer Liborio Capizzi featured in “Ima Summis Transmutate” event, included in the latest edition of AltaRoma which was held in Rome at the Palazzo dei Congressi, placed in the area of Eur and joined a  film – made by John Maybury -, performance, the installation of creations he made and  DJ-set of his friend and muse Skin, front-woman of band  Skunk Anansie. Concerning the inspiration of designer and suggestions evoked by the creations he made, I’m pleased of handing over to the bright author and journalist Cesare Cunaccia, who successfully depicted all that in the following smashing article, included in the magazine Roma, ideated by Tommaso Concina( a guide to the events of AltaRoma):

IMA SUMMIS TRANSMUTATE, LITTLE BIG TRANSFORMATIONS OF LIBORIO CAPIZZI BY CESARE CUNACCIA

The article by Cesare Cunaccia featuring in the magazine Roma

“A homage to Rome catched in its essence which dialogues and interacts with the Catholic religion’s imagery coming from many centuries of history, seen as extraordinary and unique factory of signs and symbols, timeless aesthetic suggestions being at same time mysterious and immediately eloquent. That is the special interpretational code chosen by the couturier Liborio Capizzi, based in Milan and London, who has been for a long time the main team member of Gianfranco Ferré, for his coming to AltaRoma.

Liborio Capizzi and Skin, photo by Paolo Demaldé

The outfits thought by Liborio are inspired by the classic prelate wardrobe, re-using first of all the typical cassock, its silhouette turns into a sinuous black draped maxi-skirt with a line being subtly début du siècle or maybe Schiaparellian. Naturally his opulent and ironic play doesn’t end here. He also enjoys going through a dreamlike wardrobe, featuring extremely meaningful and naively sumptuous objects, as the classic votive silver hearts, enriched by cathartic flames, small chains, rosaries and fancy metallic laces, marked on a huge scale that makes strange and incredibly magic them, like sparkling and enchanted sorcières, mirror or witchesque armors.

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi, photo by Paolo Demaldé

The imaginary ideal references featuring in this fascinating, almost film Roman opus by Liborio Capizzi are really many and typical. I thought for this installation created exclusively for AltaRoma, institution I thank for the invitation – Liborio asserts – about an image strongly contemporary of fashion, or rather to give a possible answer to the concern of our times questioning about the world we live and we can find a place inside it, a way, a path between fantasy, rigour, delirium and irony which retrieves deep and remote roots looking at the future, pushing into the same memory of clerical dress and its symbols and worthinesses, passing through the recovery of indelible details assembled by the brilliant wisdom of our craftsmen. A relocation, a semantic and aesthetic re-invention which totally redefines the shape, use, content of these details and equipments. The cassock, turned by a  work of couture, thus shows every own visionary and metamorphic aesthetic nuance, meets different emblematic contributions and several realms of cultural mixes, takes apart and reassembles its own painted in silhouette. Therefore it becomes other one. The homage to Rome features the presentation of seven symbolic figures, presented by an installation of couture items, arisen from the re-ensemble of ecclesiastic dresses and symbols…”.

 

“IMA SUMMIS TRANSMUTATE”, L’ OMAGGIO A ROMA DI LIBORIO CAPIZZI AD ALTAROMA

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi,photo by Paolo Demaldé

Il designer Liborio Capizzi é stato protagonista dell’ evento “Ima Summis Transmutate”, incluso nell’ ultima edizione di Alta Roma che si é tenuto a Roma presso il Palazzo dei Congressi, ubicato nei dintorni dell’ Eur ed ha unito una pellicola – realizzata da John Maybury -, una performance,  l’ installazione di creazioni da lui realizzate ed il dj-set della sua amica e musa Skin, leader della band Skunk Anansie. Riguardo all’ ispirazione del designer ed alle suggestioni evocate dalle creazioni da lui realizzate, sono lieta di cedere la parola al brillante scrittore e giornalista Cesare Cunaccia che ha felicemente dipinto tutto ciò nel formidabile articolo che segue, incluso nel magazine Roma, ideato da Tommaso Concina( una guida agli eventi di AltaRoma):

IMA SUMMIS TRANSMUTATE, PICCOLE GRANDI TRASFORMAZIONI DI LIBORIO CAPIZZI A CURA DI CESARE CUNACCIA

Cesare Cunaccia

“Un omaggio a Roma nella sua essenza che si spinge a dialogare e interagire con l’ immaginario religioso cattolico di secoli e secoli di storia, visto come straordinario irripetibile laboratorio di segni e simbologie, di suggestioni estetiche atemporali, insieme misteriche e immediatamente eloquenti. È questa la speciale cifra interpretativa prescelta dal couturier Liborio Capizzi, base a Milano e Londra, a lungo principale collaboratore di Gianfranco Ferré, per il suo approdo ad Altaroma.

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi, photo by Paolo Demaldé

Gli outfits pensati da Liborio pescano linfa direttamente nel classico guardaroba prelatizio, riusando innanzitutto il tipico abito talare, la sua silhouette che si trasforma in sinuosa maxi-gonna nera drapè dalla linea vagamente début du siècle o forse schiaparelliana. Ma il suo opulento e ironico gioco creativo di certo non si ferma qui. Egli si diverte a frugare anche in un trovarobato onirico nutrito di oggetti estremamente significanti e ingenuamente sontuosi, come i classici grossi cuori ex-voto in argento, arricchiti da fiamme catartiche, catenelle, rosari e da eleborati dentelles metallici, in questo caso siglati da una scala smisurata che li rende folli e particolarmente magici, quasi come scintillanti e fatate sorcières, specchi o corazze stregonesche.

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi,photo by Paolo Demaldé

Le referenze immaginarie ideali che si manifestano in questo appassionante, quasi cinematografico opus romano di Liborio Capizzi, sono davvero tante e peculiari. Per questa installazione, appositamente creata per Altaroma – afferma Liborio -, istituzione che ringrazio per l’ invito, ho pensato a una immagine fortemente contemporanea della moda, cioè a fornire una possibile risposta all’ inquietudine del nostro tempo che si ponga come un ulteriore domanda sul mondo che viviamo e sul modo in cui possiamo trovare una collocazione al suo interno. Un percorso, un itinerario tra fantasia, rigore, delirio e ironia, che recupera guardando al futuro radici profonde e remote, che si spinge fin dentro la memoria stessa dell’ abito clericale e dei suoi simboli e valenze, passando attraverso il recupero di indelebili dettagli assemblati dalla sapienza magistrale dei nostri artigiani. Un riposizionamento, una reinvenzione semantica ed estetica che di questi dettagli e apparati ridefinisce in toto la forma, l’ utilizzo, il contenuto. L’ abito talare trasformato da un minuzioso e deciso intervento couture, dispiega così ogni sua visionaria e metamorfica nuance estetica, incrocia le armi con differenti apporti emblematici e diversi ambiti di contaminazione culturale, smonta e ricompone la propria campita silhouette. Insomma, diviene altro. L’ omaggio a Roma consiste nella presentazione di sette figure simboliche presentate con una installazione di capi couture nati dal riassemblaggio di abiti e simboli ecclesiastici…”.

Skin as DJ-set durimg Ima Summis Transmutate, photo by Paolo Demaldé

Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi, photo by Paolo Demaldé

A dancer during Ima Summis Transmutate by Liborio Capizzi, photo by Paolo Demaldé

Sabrina Querci & Tommaso Concina, photo by Paolo Demaldé

www.altaroma.it