You are currently browsing the tag archive for the ‘Franca Sozzani’ tag.

Ilaria Venturini Fendi

The pioneer designer Ilaria  Venturini Fendi, creator of ethical fashion brand Carmina Campus has recently awarded in South Korea at Seoul during the first edition of World Fashion GrandPrize – established by the World Fashion Development Program (WFDP) -, given by the editor-in-chief of Vogue Italia Franca Sozzani – as Ambassador for the  Fashion 4 Development campaign – honoring the ones who work in the realm of fashion under the sign of sustanaibility and emancipating the people who lives in poverty by work as it asserts the slogan appearing in the bags she made “Not charity just work”. A laudable project involving Africa communities started by herself and developed by a successful collaboration with the ITC (UN International Trade Agency), giving rise to the 100% made in Africa collection, joining recycled materials and craftsmanship. I celebrate this recognition, the work of a bright creative and I really wish her of continuing to develop and make concrete at best her work under the sign of fashion with a genuine, healthy content.

UN PREMIO PER LA MODA ETHICAL : IL WORLD FASHION GRANDPRIZE A ILARIA VENTURINI FENDI

Carmina Campus

La pionieristica designer Ilaria Venturini Fendi, creatrice del brand di moda ethical Carmina Campus é stata recentemente insignita in Sud Corea a Seoul in occasione della prima edizione del World Fashion GrandPrize – istituito dal World Fashion Development Program (WFDP) -, dato dal direttore editoriale di Vogue Italia Franca Sozzani – nelle vesti di Ambasciatrice per la campagna di Fashion 4 Development – che onora coloro che lavorano nell’ ambito della moda all’ insegna della sostenibilità ed emancipano la gente che vive in condizioni di povertà mediante il lavoro come afferma lo slogan che appare nelle borse da lei realizzate “Not charity just work”. Un lodevole progetto che coinvolge le comunità da lei intrapresi e consolidato da una felice collaborazione con l’ ITC (Agenzia per il Commercio Internazionale dell’ ONU), dando vita alla collezione 100% made in Africa che unisce materiali di riciclo ed artigianalità. Celebro questo riconoscimento, il lavoro di una brillante creativa e le auguro di continuare a consolidare e concretizzare al meglio il suo lavoro all’ insegna della moda con un autentico contenuto salubre.

Ilaria Venturini Fendi celebrating the award with her working team in Nairobi at the Godown, ITC Hub

www.carminacampus.com

Angelos Bratis

 

 

The latest edition of Who Is On Next, talent-scouting award created by AltaRoma in collaboration with Vogue Italia, was held in ancient building of Rome Borgo Santo Spirito. The winner of the ready to wear category was the Greek designer Angelos Bratis, Co|Te, the brand created by young designers Tommaso Anfossi and Francesco Ferrari won the Yoox award and are also included in Next 125, a project launched by the brand Mercedes Benz that will make available for purchase the collection by WION’s creatives in the Mercedes Benz flagship stores where the proceeds will be donated for charity. Stella Jean merged the suggestions of her native Haiti along with a nice, young mood, Alessio Spinelli, winner for the accessories award created shoes lighting with neon and other items including inter-changeable heels. A special mention was given to Marta Ferri who presented a collection featuring vibrant colors and retro references. It was a smashing and successful event that celebrated young, emerging, creative talent.

 

WHO IS ON NEXT: IL VINCITORE É

Angelos Bratis

 

L’ ultima edizione di Who Is On Next, concorso di talent-scouting creato da AltaRoma in collaborazione con Vogue Italia, si è tenuta presso l’antico palazzo Borgo Santo Spirito di Roma. Il vincitore della categoria prêt a porter é stato il designer Greco Angelos Bratis, Co|Te, il brand creato dai giovani designer Tommaso Anfossi e Francesco Ferrari ha vinto il premio Yoox e costoro sono anche inclusi in Next 125, un progetto lanciato dal marchio Mercedes Benz che renderà disponibile per l’acquisto la collezione dei creativi di WION presso i flagship store di Mercedes Benz i cui proventi saranno donati in beneficienza. Stella Jean ha fuso le suggestioni della sua natia Haiti unitamente ha un simpatico mood giovane, Alessio Spinelli, vincitore del premio per la categoria accessori ha creato scarpe che si illuminano con il neon ed altri pezzi che includono tacchi intercambiabili. Una menzione speciale è stata data a Marta Ferri che ha presentato una collezione di cui sono protagonisti colori vibranti e riferimenti retrò. Un formidabile e felice evento che ha celebrato il giovane talento creativo emergente.

Angelos Bratis

 

Stella Jean

 

Stella Jean

 

Stella Jean

 

Co|Te

 

Co|Te

 

Co|Te

 

Alessio Spinelli

 

 

Alessio Spinelli

 

 

Alessio Spinelli

 

 

Marta Ferri

 

 

Marta Ferri

 

 

Marta Ferri

 

 

Silvia Venturini Fendi and Franca Sozzani

 

 

 

www.altaroma.it

 

www.ashadedviewonfashion.com

 

 

 

 

 

photo by Steven Meisel, courtesy of Vogue.it

It successfully follows the campaign launched months ago by Franca Sozzani to fight anorexia, making concrete and elegantly promoting an aesthetics celebrating the curvy femininity – evoking the yesterday divas -, depicted by the celebrated photographer Steven Meisel in the shooting “true beautiful” appearing in Vogue Italia June issue.

 

BELLE VERE, LA FEMMINILITÀ SINUOSA VISTA DA STEVEN MEISEL PER VOGUE ITALIA

photo by Steven Meisel, courtesy of vogue.it

Prosegue felicemente la campagna lanciata mesi fa da Franca Sozzani per combattere l’anoressia, concretizzando e promuovendo elegantemente un estetica che celebra la femminilità sinuosa – evocando le dive di ieri -, ritratta dal celebre fotografo Steven Meisel nell’editoriale “Belle vere” che appare nell’edizione di Vogue Italia di giugno.

photo by Steven Meisel, courtesy of Vogue.it

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Franca Sozzani

 

Franca Sozzani, editor-in-chief of Vogue Italia, recently launched by her blog a campaign to raise signatures against the pro-anorexia websites pushing young people to a destructive competition concerning their physical fitness. Though I’m neither a psychologist nor doctor, I consider anorexia as a complex health disease which is often connected to affectivity diseases – a cry of love and a way to ask for attentions as it was evidenced by many teenagers having problems in family and in the other  realms where they develop and express their affectivity and the spiritual food eaten by them as culture and sentimental education, wide gap of contemporary times – regarding above all adolescence along with the social pressure rising from the lust for beauty, the conventional beauty resulting by a search of harmonies, balances, symmetries and eternal youth. Celebrating the grotesque as unconventional standard of beauty, featuring asymmetries – successfully embodied by the iconic singer Beth Ditto who is proud of being fat as well as the bright burlesque performer Dirty Martini of whose Kilos emphasize her beauty -, evoking freedom and escaping from the excessive homologation of taste, trends and thought, I support the laudable initiative of Franca Sozzani, consisting in the subscription of a petition in order to present a draft law to close the pro-anorexia websites. Though I don’t think that anorexia arises from that and I’m not a supporter of censure – more specifically the eventuality of closing a website or worst considering a social network as Facebook responsible for this status quo -, the purpose of this campaign is just the first step to start a media fight against anorexia featuring fashion. Thus I really wish Franca Sozzani of developing a more concrete and incisive result, hopefully implemented by featuring in the Vogue Italia magazine, a portrait of femininity, more closely connected to genuineness – as to be glossy it doesn’t mean to be artificial, even if the artifice can be used as means to emphasize the beauty -, considering that side of beauty celebrating the diversity, asymmetries of individual and its body, contributing to spread a strong, ethical thought that is under the sign the founding values of individual and bringer of culture, without being just a mere empty container of elegance. A categorical imperative of fashion world that should promote and celebrate a vibrant aesthetics – not a junk one – based on a genuine and healthy thought, precious idea to think about and rethink about oneself, dedicated to all the ones who work in this realm, the enthusiast ones and who is devoted to culture in its different forms.

Dear FBFers, if you also would want supporting the initiative of Franca Sozzani, let’s sign the petition appearing on the following website:

http://www.vogue.it/magazine/petizione-contro-i-siti-pro-anoressia

LA CAMPAGNA DI FRANCA SOZZANI CONTRO I SITI WEB PRO ANORESSIA

Franca Sozzani, direttore editoriale di Vogue Italia ha recentemente lanciato tramite il suo blog una campagna per raccogliere firme contro i siti web pro anoressia che spingono i giovani a una competizione distruttiva inerente la loro forma fisica. Benché non sia uno psicologo né un medico, considero l’anoressia un complesso disagio che é sovente legato a disturbi dell’affettività – un grido d’amore e un modo per chiedere attenzioni come è stato evidenziato da plurimi teen-ager che hanno problemi in famiglia e anche negli altri ambiti in cui esprimono la loro affettività unitamente al cibo spirituale da costoro ingerito quale la cultura e l’ educazione sentimentale, grande lacuna della contemporaneità – che riguarda soprattutto l’adolescenza unitamente alla problematica della pressione sociale derivante dalla brama di bellezza, la bellezza convenzionale che nasce dalla ricerca di armonie, equilibri, simmetrie ed anche l’eterna giovinezza. Celebrando il grottesco quale standard anticonvenzionale di bellezza di cui sono protagoniste asimmetrie – felicemente incarnate dall’iconica cantante Beth Ditto che é fiera di essere grassa come anche la brillante performer burlesque Dirty Martini i cui chili ne enfatizzano la bellezza – che evocano libertà e si sottraggono dalla soverchia omologazione di gusto, tendenze e pensiero, supporto la lodevole iniziativa di Franca Sozzani che consiste nella sottoscrizione di una petizione al fine di presentare un disegno di legge per chiudere i siti pro anoressia. Pur non ritenendo che l’aumento dell’ anoressia derivi da ciò e non essendo una supporter della censura – più specificamente dell’eventualità di chiusura di siti web o peggio di ritenere un social network come Facebook responsabile di questo problema – la finalità di questa campagna é soltanto il primo passo per iniziare a realizzare una battaglia mediatica contro l’anoressia che ha quale protagonista la moda. Pertanto auguro davvero a Franca Sozzani di consolidare un risultato più concreto e incisivo, sperabilmente attuato mediante l’inserimento nel magazine Vogue Italia di un ritratto della femminilità più intimamente connesso all’ autenticità – poiché essere patinato non significa essere artificiale, anche se l’artificio può essere usato quale mezzo per enfatizzare la bellezza -, considerando quel lato della bellezza che celebra la diversità, le asimmetrie dell’individualità e del suo corpo, contribuendo a diffondere un forte pensiero etico che é all’insegna dei valori fondanti dell’individuo ed é portatore di cultura senza essere un mero vuoto contenitore di eleganza. Un imperativo categorico del mondo della moda che dovrebbe promuovere e celebrare un’ estetica vibrante – non junk – supportata da un pensiero autentico e salubre, prezioso spunto di riflessione per pensare e ripensarsi, dedicato a tutti coloro che lavorano in questo ambito, gli entusiasti e coloro che sono devoti alla cultura nelle sue svariate manifestazioni.

Cari FBFers se vorreste anche voi supportare l’iniziativa di Franca Sozzani, firmate la petizione che appare sul seguente sito web:

http://www.vogue.it/magazine/petizione-contro-i-siti-pro-anoressia