You are currently browsing the tag archive for the ‘Gianni Versace’ tag.

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

It will be sold on auction (of whose starting price will amount to 25 million Us dollars) the Miami residency of the legendary fashion designer Gianni Versace (who has has murdered in 1997). The house, told by the brilliant author and journalist Cesare Cunaccia in the book “Gianni Versace, Vivere con arte” (Leonardo International), featuring the photographs by Helmut Newton, Richard Avedon and Bruce Weber, embodies and evokes the cult of art and history, signs impressed in his creativity which has celebrated the body, its plasticity, marked an age, yesterday, where a fashion designer dialogued with art, giving rise to that deep and vibrant search, which made him and his work unique and unforgettable.

LA VENDITA ALL’ ASTA DELLA VILLA DI MIAMI DI GIANNI VERSACE

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

Sarà venduta all’ asta ( il cui prezzo iniziale ammonterà a 25 milioni di dollari americani) la celebre residenza di Miami del leggendario fashion designer Gianni Versace (che è stato ucciso nel 1997). La casa, raccontata dal brillante scrittore e giornalista Cesare Cunaccia nel libro “Gianni Versace, Vivere con arte” (Leonardo International), di cui sono protagoniste le fotografie di Helmut Newton, Richard Avedon e Bruce Weber, racchiude in sé ed evoca il culto per l’ arte, la storia, segni impressi nella sua creatività che celebrato il corpo, la sua plasticità, segnato un’ epoca, ieri, in cui un fashion designer dialogava con l’ arte, dando vita a quella profonda e vibrante ricerca che ha reso lui e il suo lavoro unico e indimenticabile.

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

versace c

Still image of Chaos to Couture fashion film by Chris Sutton on Kickstarter

Still image of Chaos to Couture fashion film by Chris Sutton on Kickstarter

Chris Sutton is raising funds on Kickstarter to create a fashion film accompanying the exhibition “Punk: chaos to couture”, the wider showcase documenting a subculture, the punk and its style which will be opened on 9th May 2013 in New York at the MET Museum – running through 14th August 2013 –, curated by Andrew Bolton and featuring as creative consultant Nick Knight who invited Chris Sutton to make a film.

Sid Vicious, photo by Dennis Morris, courtesy of Met Museum

Sid Vicious, photo by Dennis Morris, courtesy of Met Museum

The reproduction of a lavatory in Kingsroad at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of a lavatory in Kingsroad at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of  Vivienne Westwood's boutique at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of Vivienne Westwood’s boutique at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

Versace Spring/Summer 1994, photo courtesy of Met Museum

Versace Spring/Summer 1994, photo courtesy of Met Museum

Patti Smith, photo by Caroline Coon, photo courtesy of Met Musueum

Patti Smith, photo by Caroline Coon, photo courtesy of Met Musueum

A contemporary reflection on the punk and on the Met exhibition themes which represents the debut of Chris Sutton Studio. There are just sixteen days for the end of fundraising, thus let’s join and support, giving our modest contribution to make concrete this smashing artistic project and celebrate an unforgettable movement (where the nihilism was vibrant and dynamic critique instead if the static one featuring frequently in the contemporary times) and its fashion suggestions.

“CHAOS TO COUTURE”: CHRIS SUTTON PER SHOWSTUDIO SU KICKSTARTER

Still image of fashion film by Cris Sutton, featuring on Kickstarter

Still image of fashion film by Cris Sutton, featuring on Kickstarter

Chris Sutton sta raccogliendo fondi su Kickstarter  per creare un fashion film che accompagna la mostra “Punk: chaos to couture”, la più ampia esposizione che documenta una subcultura e il suo stile che sarà inaugurata il 9 maggio 2013 a New York presso il MET Museum – che proseguirà fino al 14 agosto 2013 –, curata da Andrew Bolton e che ha Nick Knight nelle vesti di direttore creativo il quale ha invitato Chris Sutton a realizzare una pellicola.

John Lydon, photo by Ray Stevenson, courtesy of Met Museum

John Lydon, photo by Ray Stevenson, courtesy of Met Museum

Clothes for heroes, a section of the Met exhibition, photo courtesy of Met Museum

Clothes for heroes, a section of the Met exhibition, photo courtesy of Met Museum

Junya Watanabe, Fall/Winter 2006-2007, photo courtesy of Met Museum

Junya Watanabe, Fall/Winter 2006-2007, photo courtesy of Met Museum

Maison Martin Margiela, Spring/Summer 2011, photo courtesy of Met Museum

Maison Martin Margiela, Spring/Summer 2011, photo courtesy of Met Museum

Una riflessione contemporanea sul punk e sui temi della mostra al Met che rappresenta il debutto del Chris Sutton Studio. Restano soltanto sedici giorni per la chiusura della raccolta fondi, pertanto uniamoci e sosteniamo, dando il nostro modesto contributo, per rendere concreto questo formidabile progetto artistico e celebrare un indimenticabile movimento (in cui il nichilismo era una vibrante critica diversamente dalla stasi sovente protagonista della contemporaneità) e le sue suggestioni moda.

www.metmuseum.org

http://www.kickstarter.com/projects/1855770792/chaos-to-couture-chris-sutton-for-showstudio

Torpedo the Ark, philosophy blog by Stephen Alexander featuring me

Torpedo the Ark, philosophy blog by Stephen Alexander featuring me

I recently ran into Stephen Alexander and the philosophy blog he made Torpedo the Ark, that yesterday featured a post about the six reasons why fashion is fabulous and the question of style is philosophically crucial, giving rises to many thoughts (as the notion of fashion as method for consummation of nihilism) and questions – especially the one concerning the superficiality of fashion, as I always believed fashion is a serious, relevant issue, considered the art of geniuses like Mariano Fortuny, Madeleine Vionnet, Elsa Schiaparelli, Yves Saint Laurent, Cristobal Balenciaga, Gianni Versace, Alexander Mc Queen who made fashion a work of art, others like Vivienne Westwood, Moschino who criticized and mocked the contemporary times and its pathologies, bringer of a healthy ethic who gave rise to genuine revolutions in the realm of fashion and recently also other ones as the illuminated fashion designer Ilaria Venturini Fendi, creator of ethical fashion brand Carmina Campus promoting the sustainability and the culture of re-use -, focusing on interesting themes as dandyism, queer and camp culture I observe, explore and celebrate and in the end including me, circumstance which amazes, touches and honors me. Here to you the post I am glad to feature and share with you.

Mariano Fortuny

Mariano Fortuny

Six reasons why fashion is fabulous and the question of style is philosophically crucial:

1) Because Professor Teufelsdröckh, despite being a typical German Idealist in many respects, is right to suggest that in the “one pregnant subject of clothes, rightly understood, is included all that men have thought, dreamed, done, and been” [Sartor Resartus].

Madeleine Vionnet

Madeleine Vionnet

2) With its obsessive desire for the New as a value in and of itself, the logic of fashion is the determining principle of modernity. To his credit, Kant, who was often mocked by his friends for his fine silk shirts and  silver-buckled shoes, was one of the first to identify this irrational principle and note that fashion therefore has nothing to do with aesthetic criteria (i.e. it’s not a striving after beauty, but novelty, innovation, and constant change). Designers seek to make their own creations as superfluous as quickly as possible; they don’t seek to improve on anything and there is no progress, purpose, or ultimate goal within the world of fashion (a short skirt is not an advance on a long dress). If it can be said to have any aim at all, it is to be a potentially endless proliferation of forms and colors.

Elsa Schiaparelli wearing the hat she made (1937)

Elsa Schiaparelli wearing the hat she made (1937)

3) It’s true that many philosophers regard fashion as something trivial and beneath their attention. Doubtless this is why the most interesting work written on the subject has tended to come from the pens of our poets and novelists including Baudelaire, Wilde, Mallarmé, Edgar Allan Poe, Proust, and D. H. Lawrence. But there are notable exceptions to this: Nietzsche, Barthes and Baudrillard, for example, all concerned themselves with the language of fashion and the question of style. And they did so because they understood that once the playful and promiscuous indeterminacy of fashion begins to affect the ‘heavy sphere of signs’ then the liquidation of values associated with the order of referential reason is accelerated to a point of rupture. Fashion, in other words, is a method for the consummation of nihilism.

Charles Baudelaire, photo by Félix Nadar

Charles Baudelaire, photo by Félix Nadar

4) Closely associated with fashion is the practice of dandyism: whilst primarily thought of as a late eighteenth and early nineteenth century phenomenon, dandyism can in fact be traced back as an ethos or way of living to the Classical world of ancient Greece, where techniques of the self and arts of existence were accorded singular importance amongst all those who wished to give style to their lives (i.e. that one needful thing which, in all matters, is the essential thing rather than sincerity).

Lord George Bryan Brummell known as "The Beau"

Lord George Bryan Brummel known as “The Beau”

5) The world of fashion also understands and perpetuates ideas of camp and queer. The first of these things, thought of somewhat problematically as a sensibility by Susan Sontag, taught us how to place quotation marks around certain artefacts and actions and thereby magically transform things with previously little or no worth into things with ironic value and perversely sophisticated appeal. Camp thus challenges conventional notions of good taste and high art and also comes to the defence of those forms and, indeed, those individuals, traditionally marginalized and despised.

As for queer, it’s never easy or advisable to try and summarize this notion; it’s a necessarily mobile and ambiguous concept that resists any fixed definition. Indeed, it’s technically impossible to say what queerness ‘is’ as isness is precisely what’s at issue in its rejection of all forms of onto-essentialism: it refers to nothing in particular and demarcates a transpositional positionality in relation to the normative. In other words, queer is a critical movement of resistance at odds with the legitimate and the dominant; it challenges the authority of those who would keep us all on the straight and narrow and wearing sensible shoes.

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo

6) Finally, fashion matters because, without it, figures such as Nunzia Garoffolo would not exist and without women such as this in the world, clothed in the colours of the rainbow, life would be as ugly and as dull as it would be without flowers. We do not need priests all in black, or politicians all in grey. But we do need those individuals who bring a little splendour and gorgeousness into the world, otherwise there is only boredom and uniformity.

 MODA & FILOSOFIA: “PHILOSOPHY ON THE CATWALK” SU THE TORPEDO THE ARK, IL BLOG DI STEPHEN ALEXANDER

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Yves Saint Laurent, photo by Richard Avedon

Mi sono recentemente imbattuta in Stephen Alexander e nel suo blog di filosofia Torpedo the Ark che ieri ha presentato un post sulle sei ragioni per cui la moda è splendida e la questione dello stile è filosoficamente rilevante, dando vita a plurime riflessioni (quali la nozione di moda quale metodo di attuazione del nichilismo) e interrogativi – specialmente quello inerente la superficialità della moda, avendo sempre creduto che la moda sia una cosa seria, importante, considerando  l’ arte di geni quali Mariano Fortuny, Madeleine Vionnet, Elsa Schiaparelli, Yves Saint Laurent, Cristobal Balenciaga, Gianni Versace, Alexander Mc Queen che hanno reso la moda un’ opera d’ arte, altri quali Vivienne Westwood, Moschino che hanno criticato e beffeggiato la contemporaneità e le sue patologie, portatori di una salubre etica che ha dato vita ad autentiche rivoluzioni nell’ ambito della moda e recentemente anche altri quali l’  illuminata fashion designer Ilaria Venturini Fendi, creatrice del brand di moda ethical Carmina Campus che promuove la sostenibilità e la cultura del riuso -, affrontando interessanti tematiche quali il dandismo, la cultura camp e queer che osservo, esploro e celebro e alla fine include me, circostanza che mi emoziona, commuove e onora. Eccovi il post che sono lieta di presentare e condividere con voi.

Cristobal Balenciaga

Cristobal Balenciaga

Sei ragioni per cui la moda è fantastica e il problema dello stile è filosoficamente determinante:

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi

1) Stante il Professore Teufelsdröckh, nonostante sia per molti aspetti un tipico idealista tedesco, é ragionevole suggerire che in “qualsiasi tema significativo di abiti, ragionevolmente inteso, è incluso tutto ciò che gli uomini hanno pensato, sognato, fatto e che sono stati” [Sartor Resartus].

Gianni Versace, photo by Nancy Ellison

Gianni Versace, photo by Nancy Ellison

2) Con il suo ossessivo desiderio di nuovo quale valore in sé e di sé, la logica della moda è il determinante principio di modernità. Per merito suo, Kant, che è stato sovente preso in giro dai suoi amici per le sue raffinate camicie di seta e le scarpe con le fibbie d’ argento, è stato uno dei primi a identificare questo principio irrazionale e notare che la moda non ha pertanto nulla a che fare con il criteri estetici (n.b. non è protesa verso la bellezza, ma la novità, l’ innovazione e il cambiamento costante). I designers cercano di realizzare le proprie creazioni tanto superficialmente quanto più velocemente possibile, non cercano di migliorare qualcosa e non c’è alcun progresso, scopo o fine ultimo all’ interno del mondo della moda ( una gonna corta non è un anticipazione di una gonna lunga). Semmai potrà ritenersi per avere una qualsiasi finalità che dovrà essere una potenziale proliferazione senza fine di forme e colori.

Vivienne Westwood, photo by Juergen Teller

Vivienne Westwood, photo by Juergen Teller

3) É vero che plurimi filosofi guardano la moda come qualcosa di triviale e al di sotto della loro attenzione. Senza dubbio ciò è il motivo per cui la più interessante opera scritta sull’ argomento è spesso provenuta dalle penne dei nostri poeti e scrittori che includono Baudelaire, Wilde, Mallarmé, Edgar Allan Poe, Proust e D. H. Lawrence. Ma ci sono illustri eccezioni a ciò: Nietzsche, Barthes e Baudrillard, per esempio, tutti si interessavano del linguaggio della moda e della questione dello stile. E costoro hanno effettuato ciò avendo compreso che quando la ludica e promiscua indeterminatezza della moda comincia a toccare “la pesante sfera dei segni”,poi la liquidazione di valori associati con l’ ordine della ragione referenziale è accelerata verso un punto di rottura. La moda in altre parole è un metodo di attuazione del nichilismo.

Alexander McQueen

Alexander McQueen

4)Strettamente associate alla moda è la pratica del dandismo: benché primariamente ritenuto fenomeno del tardo diciottesimo secolo e degli inizi del diciannovesimo secolo, il dandismo può infatti essere rimesso a fuoco quale un ethos o modo di vivere del mondo classico dell’ antica Grecia, in cui era data rilevante importanza alle tecniche del sé e arti di esistenza tra tutte quelle cose che gli individui ritenevano di dessero stile alle proprie vite (ossia quella qualsiasi cosa indispensabile che, in tutte le questioni, è la cosa essenziale invece della sincerità).

Oscar Wilde

Oscar Wilde

5) II mondo della moda comprende e perpetua anche idee di camp e queer. La prima di queste cose, ritenuta in qualche misura problematicamente una sensibilità da Susan Sontag, ci ha insegnato il modo in cui porre le virgolette intorno a certi artefatti e azioni e in tal modo trasformare magicamente le cose come prima erano senza alcun significato o valore in cose di valore ironico e dal fascino perversamente sofisticato. Camp pertanto cambia nel nozioni convenzionali di buon gusto e arte di pregio ed giunge anche alla difesa di quelle forme e, realmente, degli individui che tradizionalmente sono marginalizzati e disprezzati.

Moschino

Moschino

Mentre per il queer, non è mai facile o consigliabile provare a sintetizzare questa nozione, essendo un concetto necessariamente mobile e ambiguo che resiste a ogni definizione fissa. È davvero tecnicamente impossibile dire ciò che la queerness ‘sia’ quale “isness” sia precisamente, ciò che è il tema centrale nel suo rifiuto di tutte le forme dell’ essenzialismo ontologico: fa riferimento a niente in particolare e demarca una posizionalità transposizinale in relazione a ciò che è normativo. In altre parole queer é un movimento critico di resistenza in conflitto con ciò che è legittimo e dominante; si muta il potere di quelli che vigilerebbero su tutti noi in modo leale e angusto.

 

6) Infine, la moda è importante, poichè senza di lei, personalità quali Nunzia Garoffolo non esisterebbero e senza donne come lei nel mondo, vestite dei colori dell’ arcobaleno, la vita sarebbe tanto terribile e tanto noiosa come si starebbe se non ci fossero i fiori. Non abbiamo bisogno di preti tutti in nero o politici tutti in grigio. Abbiamo invece bisogno di quegli individui che portano un pò di splendore e bellezza nel mondo, altrimenti esiste soltanto  noia e uniformità.

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo

 

http://torpedotheark.blogspot.co.uk

Salvatore Ferragamo, photo by Marta Sarlo, Contrasto images

Salvatore Ferragamo, photo by Marta Sarlo, Contrasto images

It will be opened on 12th December 2012 in Milan at the Triennale Design Museum “Altagamma Italian Contemporary Excellence”, exhibition curated by Cristina Marozzi, running through 27th January 2013 and telling about the Italian manufacturing and design Italian excellence through the photos by Contrasto images, exhibition ideated by Altagamma Foundation, laudable institution gathering together the high-end companies that are famous at international level, focused on preserve and promotion of made in Italy abroad by many initiatives, searches and strategie, established by the bright businessman and politician Santo Versace, Reggio Calabria native – like me -, brother of genius Gianni Versace, with whom time ago, before the current changes of Italian political frame, I was pleased to talk about fashion, policy and young talents, a successful interlude embodied in the interview which follows:

 

What do you think about the chance of creating a new set of rules for increase a realm which makes cash as the fashion system?

“It doesn’t need a set of rules for fashion, the Country system must change. Policy in the way it has managed doesn’t works, as every company which would  managed by using the times and ways of policy would go bankrupt. Then policy failed. We have – editor’s note: we had it until some days ago – a government headed by Monti as policy failed. We must have a policy which doesn’t make the Country fail. And if policy would work well, but really well for the whole system, naturally it would work well also for the fashion system”.

Rubelli, photo by Lorenzo Pesce, Contrasto images

Rubelli, photo by Lorenzo Pesce, Contrasto images

Considering the little effective protection in the cases of fraudulent bankruptcy – made yesterday by textile companies, liable for crisis and decadence which involved many brands – wouldn’t be good to re-design a new, specific set of rules concerning that?

“We come back to what I told before, the Country system doesn’t work. The issue is to make the State work. If justice, industry, credit would work, everything would be better. The problem resulting from the conditions where Italy is that affect youth, but affect all of people, it’s the malfunctioning of policy. People works in policy just for getting rich instead of serving the state. We have to run away with everyone gets a political role is a servant, our servant, our salaried employee as the President of Republic and ministers, it’s people we pay for making their work at best. And that doesn’t happen. Thus it must be laid off these people”.

“That is the basic problem which lately reverberates in all of the fields, the economy which doesn’t increase, justice which doesn’t work, bureaucracy which destroys companies and has an enormous cost, young people who don’t find a work ( though it’s an issue being aside from: it’s not the issue there isn’t work, having Italy 4 millions of foreigner workers, the problem is we have taught young people to look for the employ, instead of work, the pay, possibly got without working, in the great majority of cases, then the real problem is a cultural one. Young people has be encouraged to be businessmen,masters of themselves. How many artisans do lack? We risk of losing made in Italy due to the lack of people who are able of hand working)”.

Kartell, photo by Massimo Siragusa,  Contrasto images

Kartell, photo by Massimo Siragusa, Contrasto images

Why it doesn’t create schools for re-launching the craftsmanship and professions that concern it?

“It’s a project launched by Altagamma which joins the re-launch of craftsmanship, is connected to the educational training in this realm or rather the re-launch of community colleges”.

What do you think about the young talents of contemporary Made in Italy?

“Italians have occupied the world, many of them head celebrated fashion houses as Riccardo Tisci at Givenchy and many others. I think the skill and talent helps to get space inside the market”.

Concerning the support of young talents, the experience arising from the British Fashion Council which concretely invests – in the realm of production, presentation and communication – in young talents can be made also in Italy?

“ The British belief system is quite different as it invest also on the start-up. There is true freedom of working in that state, instead it has abolished in Italy the right to work. We trust on this government – editor’s note: which there isn’t at yet – for crumbling the lobbies and liberalizing market, considering the company cost of a company in Italy for granting a monthly net pay which amounts to 1236 Euros, is 2,3/ 2,4 times more than the net amount got by a workman. That is inadmissible. A worker in UK gets the 85% of what a company pays, then the salaries are indeed high they are double, instead the gross salaries in Italy are highest and the net salaries become low. In fact the company costs in Italy are the most high of Europe and it’s due to that the salary of worker becomes lower. The company pays too much, very much. Why does it happen? Because we maintain many people – politicians, trade unionists – who don’t produce or rather if they produce, they produce just negativity, there are too many wastes. There are people who work as public employees, getting very high salaries and monthly retirement funds that amount to 40000 Euros”.

Driade, photo by Nicolò de Giorgis, Contrasto images

Driade, photo by Nicolò de Giorgis, Contrasto images

What are the projects for your future?

“I am still too young to think about my future. I feel myself younger than many other people, instead of other young people who seems like they are born to be old.

I accepted to  work again in the realm of policy after 40 years to help the State and think about young people. I am very happy for what happened,  as I left and I fought for pensioning off Berlusconi and I succeeded to do that. Nevertheless we have today – editor’s note: we had it until some day ago. Future is uncertain – a government which is working quite better and represents us very well. Monti is a politician, he has been European Commissioner for 10 years. The Financial Times says today (which was yesterday as today the French newspaper  Libération talks about “the return of mummy”) Italy has the best premier of the world. We passed from rags to riches.

The newspaper Libération

The newspaper Libération

My purpose is making modern Italy. If the policy would take care of fashion, we would be the first country in the world as fashion is culture, innovation, creativity, quality and is the triumph of meritocracy, as you can work in the fashion world just only if you love working and you deserve of working in this realm. Instead policy it’s the contrary, it’s political patronage, nepotism, corruption, trollopy. Policy is slow, is stereotyped.

What  the Country system should do for helping the fashion, design world? It should reduce the fiscal pressure. If it would be made a tax law which would reduce the fiscal costs for exportations, many foreigner companies would be provided incentives, by paying less taxes, to invest in Italy and thus creating work in Italy. This is a device to make concrete. We abolished the life marriage, life imprisonment, do we want giving the chance to the employer of divorcing from the employee who doesn’t’ fits good? Let’s set up a set of rules and let’s give him the leave to do that. Concerning me, I stand up for divorce”.

“ALTAGAMMA ITALIAN CONTEMPORARY EXCELLENCE” AL MUSEO DEL DESIGN DELLA  TRIENNALE DI MILANO

Santo Versace, photo by N

Santo Versace, photo by N

Sarà inaugurata il 12 dicembre 2012 a Milano press il Museo del Design della Triennale “Altagamma Italian Contemporary Excellence”, mostra curata da Cristina Marozzi che prosegue fino al 27 gennaio 2013 e racconta l’ eccellenza italiana manifatturiera e progettuale attraverso le fotografie dell’ agenzia Contrasto, ideata dalla Fondazione Altagamma, lodevole istituzione che riunisce le aziende italiane di alto livello che sono famose a livello internazionale, dedita alla tutela e promozione del made in Italy all’ estero mediante plurime iniziative, ricerche e strategie, fondata dal brillante imprenditore e politico Santo Versace, natio – come me – di Reggio Calabria, fratello del genio Gianni Versace, con il quale tempo fa, prima degli attuali mutamenti del quadro politico italiano, sono stata molto lieta di parlare di moda, politica e giovani talenti, un felice interludio racchiuso nell’ intervista che segue.

Che ne pensi dell’ eventualità di creare di una normativa di indirizzo per potenziare un settore che fa cassa quale il sistema della moda?

“Non ci vuole una normativa per la moda, il sistema paese deve cambiare. La politica così come viene gestita non va bene, perché qualunque azienda che fosse gestita con i tempi e modi della politica fallirebbe. Quindi la politica è fallita. Abbiamo un governo Monti – ndr: lo avevamo fino a giorni fa – perché la politica è fallita. Dobbiamo avere una politica che non faccia fallire il paese. E se la politica lavorasse bene, ma bene per tutto il sistema chiaramente lavorerebbe bene anche per la moda”.

Emilio Pucci, photo by Alex Majoli, Contrasto images

Emilio Pucci, photo by Alex Majoli, Contrasto images

Considerando la poco efficace tutela nei casi di bancarotta fraudolenta – effettuata ieri da gruppi tessili, responsabili della crisi e decadenza di plurimi brand – non sarebbe opportuno ridisegnare un nuovo assetto normativo specifico?

“Ritorniamo al discorso di prima, il sistema Paese non funziona. Il problema è far funzionare il sistema Paese. Se la giustizia funzionasse, se l’ industria funzionasse, se il credito funzionasse, tutto andrebbe meglio. Il problema delle condizioni in cui si trova l’ Italia che riguardano i giovani, ma riguardano tutti è il malfunzionamento della politica. La gente fa politica per arricchirsi e non per servire il paese. Dobbiamo metterci in testa che chiunque abbia un incarico politico è un servitore, un nostro servo, un nostro stipendiato come il Presidente della Repubblica ed i ministri, è gente che paghiamo perché faccia bene il proprio lavoro. E così non avviene. Perciò questa gente va mandata a casa.

Questo è il problema di base che poi si riverbera su tutti i settori, sull’ economia che non cresce, sulla giustizia che non funziona, sulla burocrazia che rovina le aziende e ha un costo straordinario, sui giovani che non trovano lavoro (anche se questo è un argomento a parte: non è che il lavoro non ci sia, avendo l’ Italia 4 milioni di lavoratori stranieri, il problema è che abbiamo insegnato ai giovani a cercare il posto, non il lavoro, lo stipendio possibilmente senza lavorare almeno alla grande maggioranza, quindi il vero problema è culturale. I giovani devono essere stimolati a essere imprenditori, padroni di sé stessi. Quanti artigiani mancano? Rischiamo di perdere il made in Italy per mancanza di gente che sappia lavorare con le mani)”.

Buccellati, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Buccellati, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Perché non si creano scuole per rilanciare l’ artigianato e le professioni a essa inerenti?

“E’ un progetto lanciato da Altagamma che unisce il rilancio dell’ artigianato, connesso alla formazione di settore ovvero il rilancio degli istituti professionali”.

Che ne pensi dei giovani talenti del made in Italy contemporaneo?

“Gli italiani hanno occupato il mondo, molti di loro sono alla guida di storiche maison quali Riccardo Tisci da Givenchy e molti altri. Penso che la bravura e il talento aiutino di per sé a conquistare spazio sul mercato”.

Quanto alla promozione dei giovani talenti, l’ esperienza del British Fashion Council che investe concretamente – in produzione, presentazione, comunicazione – nel giovani creativi può essere realizzata anche in Italia?

“Il credo anglosassone è diverso perché investe anche sulle start.-up. In quel Paese c’è vera libertà di lavorare, in Italia invece il diritto al lavoro è stato abolito. Confidiamo in questo governo che consenta di sgretolare le lobbies e liberalizzi il mercato, considerando che in Italia per avere uno stipendio mensile netto pari a 1236 Euro, il costo per l’ azienda è 2,3/ 2,4 volte di più di quello che prende un operaio al netto. Ciò è inammissibile. In Inghilterra il lavoratore ottiene l’ 85% di ciò che un’ azienda spende in questo modo gli stipendi sono effettivamente alti, sono il doppio, mentre in Italia gli stipendi lordi sono altissimi ed è al netto che diventano bassi. Infatti in Italia il costo d’azienda è il più alto di Europa ed è per questo che al netto lo stipendio del lavoratore diventa più basso. L’ impresa spende troppo, tantissimo. Perché? Perché manteniamo tanta gente – politici, sindacalisti – che non produce o meglio se produce, produce negatività, ci sono troppi sprechi. C’è gente che nelle vesti di dipendente pubblico riceve stipendi altissimi e percepisce una pensione di 40000 Euro mensili”.

Ermenegildo Zegna, photo by Paolo Pellegrin

Ermenegildo Zegna, photo by Paolo Pellegrin, Contrasto images

Quali sono i progetti per il tuo futuro?

“Sono ancora troppo giovane per fare progetti per il futuro. Mi sento più giovane di molti altri, diversamente da altri giovani che sembrano nati vecchi.

Ho accettato di tornare in politica dopo 40 anni per dare una mano al paese e pensare ai giovani. Sono molto felice di ciò che è accaduto, poiché sono uscito e mi sono battuto per pensionare Berlusconi e ci sono riuscito. Peraltro oggi abbiamo – ndr: avevamo fino a qualche giorno fa. Il futuro è incerto – un governo che sta lavorando molto meglio e ci rappresenta molto bene. Monti è un politico, è stato Commissario europeo per 10 anni. Oggi (che era ieri poichè oggi il quotidiano francese Libération parla del “ritorno della mummia”) il Financial Times scrive che l’ Italia ha il miglior premier del mondo. Siamo passati dalle stalle alle stelle.

Il mio obiettivo è fare in modo che l’ Italia diventi moderna. Se la politica curasse la moda saremmo il primo paese al mondo perché la moda è cultura, innovazione, creatività qualità ed è il trionfo della meritocrazia, poiché puoi lavorare nel mondo della moda solo se ami il lavoro e se meriti di lavorare in questo ambito. La politica è invece il contrario, è clientelismo, nepotismo, corruzione, malaffare. La politica è lenta, è stereotipata.

 Cosa dovrebbe fare il sistema paese per aiutare il mondo della moda, del design? Ridurre la pressione fiscale. Se si adottasse una normativa fiscale che abbassasse i costi fiscali per le esportazioni molte aziende estere sarebbero incentivate, pagando meno tasse, a investire in Italia e quindi creare posti di lavoro in Italia. Questo è un meccanismo da realizzare. In Italia abbiamo abolito il matrimonio a vita, il carcere a vita, vogliamo permettere anche al datore di lavoro di divorziare dal lavoratore che non gli va più bene? Stabiliamo le regole e diamo a lui il permesso di realizzare ciò. Quanto a me sono favorevole al divorzio”.

www.altagamma.it

www.triennaledesignmuseum.it

mostra

A homage to the best tradition of craftsmanship by Italian fashion will feature in the exhibition “The seduction of craftsmanship or the beauty and well done” curated by Bonizza Giordani Aragno and Stefano Dominella (promoted by UnindustriaRome, Frosinone, Rieti and Viterbo industrialists and companies Union in collaboration with CNA- National Confederation of Lazio Craftsmanship and small and middle company and MAT-Museum of Arts and Folk Traditions, the Rome Chamber of Commerce and the support by Culture Ministry, Rome Province, the National Chamber of Italian Fashion and Altaroma) which will be opened on 5th December 2012 at the National Museum of Arts and Folk Traditions and run through 10th February 2013. Here it will be showcased a wide range of Italian creativity, combining haute-couture, ready to wear and demi-couture, the work by genius, legendary personas as Roberta di Camerino, Walter Albini, Gianni Versace, Gianfranco Ferrè, contemporary fashion designers as Antonio Marras, Missoni, Romeo Gigli, bright fashion designers under the sign of demi-couture and ready to wear as Sylvio Giardina, Gabriele Colangelo, Bragia, emerging talents as Benedetta Bruzziches, Sante Bozzo and Tiziano Guardini, the creations hosted by the Reggio Emilia ModatecaDeanna of Deanna Ferretti Veroni, Annamode, the Costumes of Rome Opera theatre and others along with the creations by the most talented students from the Lazio fashion schools as the renowned Rome Costume & Fashion Academy, Frosinone Arts Academy, Koefia Academy, Maria Maiano Academy, National Academy of Tailors, Rome European Design Institute, Virginia Woolf Institute, Ida Ferri fashion school. A nice happening to see and enjoy the old traditions of made in Italy overlapping to what already exists and what  is going to be developed, creativity in open order.

CREATIVITÀ IN ORDINE SPARSO: LA SEDUZIONE DELL’ ARTIGIANATO AL MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI E TRADIZIONI POPOLARI 

Sylvio Giardina

Sylvio Giardina

Un omaggio alla migliore tradizione dell’ artigianato della moda italiana sarà protagonista della mostra “La seduzione dell’ artigianato ovvero il bello e ben fatto” curata da Bonizza Giordani Aragno e di Stefano Dominella (promossa da Unindustria-Unione degli Industriali e Imprese di Roma, Frosinone, Rieti e Viterbo in collaborazione con CNA- Confederazione Nazionale della piccola e media impresa del Lazio e il MAT-Museo delle Arti e Tradizioni Popolari, la Rome Camera di Commercio di Roma e il patrocinio del Ministero dei Beni e Attività Culturali, la Provincia di Roma, la Camera Nazionale della Moda Italiana e Altaroma) che sarà inaugurata il 5 dicembre 2012 presso il Museo Nazionale delle arti e Tradizioni Popolari e proseguirà fino al 10 febbraio 2013. Ivi sarà esposta un’ ampia rassegna di creatività che unisce l’ alta moda, il prêt a porter, l’ opera di geniali personaggi leggendari quali Roberta di Camerino, Walter Albini, Gianni Versace, Gianfranco Ferrè, fashion designers contemporanei quali Antonio Marras, Missoni, Romeo Gigli, brillanti fashion designers all’ insegna della demi-couture e del prêt a porter quali Sylvio Giardina, Gabriele Colangelo, Bragia, talenti emergenti quali Benedetta Bruzziches, Sante Bozzo e Tiziano Guardini, le creazioni ospitate dalla ModatecaDeanna di Reggio Emilia di Deanna Ferretti Veroni, Annamode, i Costumi del Teatro dell’ Opera di Roma e altri unitamente alle creazioni dei più talentuosi studenti delle scuole di moda del Lazio quali la rinomata Accademia di Costume e Moda di Roma, l’ Accademia di Belle Arti di Frosinone, l’ Accademia Koefia, l’ Accademia Maria Maiano, l’ Accademia Nazionale dei Sartori,l’ Istituto Europeo di Design, l’ Istituto Virginia Woolf, la Scuola di Moda Ida Ferri. Un simpatico evento per vedere e apprezzare le vecchie tradizioni del made in Italy che si sovrappongono a ciò che già esiste e sta per essere consolidato, creatività in ordine sparso.

A frieze of the gates in Coppedé

An intense experience crowded of artistic suggestions has been my visit to the show-room of D’Inzillo, brand by Stefano and Cosima D’Inzillo, creatives being companions in life and work – pleasant circumstance which made me discovering the origins of Stefano, bright creative who is Reggio Calabria native like me. He worked for a celebrated persona born in Reggio Calabria, Gianni Versace and he is also son of a very dear friend of my father who has recently died and I always bring him inside me, thinking he would has been glad to knowing of this beautiful happening, evidencing how much the world is small along with the silent power of random – during the latest edition of Alta Roma to see the smashing accessories featuring in their collection. A suggestive experience under the sign of art and craftsmanship, including the magnificent photographs of gates there are in Coppedé buildings, famous area of Rome of whose friezes inspired the collection of belts and bags they created. The show-room successfully evoked the way beyond a gate which divided the designs from photographs. Here staying on this imaginary gate I enjoyed a film-installation by Federico Paris on double screen where it has depicted the double face of Rome, its little guests as the birds flying in the huge park Villa Doria Pamphili. A portrait paying homage to nature and delicateness of the eternal city along with its chaotic mood represented by a view on the traffic peopled by individuals and cars, appearing on the other screen. Later I saw the unusual creations, luxury belts crowded with rhinestones and metals turned into metal stones by use of casting wax technique and also the glazes, emphasizing the lightness of friezes. The colored – blue, orange and magenta – rhinestones decorated also the metal clutches and bags made of leather washed many times to create the special filleted effect. Unusual, precious designs that will be hosted in the latest edition of White at Milan.

OLTRE IL CANCELLO, I PREZIOSI ACCESSORI CHE CELEBRANO ROMA DI D’INZILLO

A gate in Coppedé

 

Un’ intensa esperienza colma di suggestioni artistiche è stata la mia visita allo show-room di D’Inzillo, brand di Stefano e Cosima D’Inzillo, creativi che sono compagni nella vita e nel lavoro – piacevole circostanza che mi ha fatto scoprire le origini di Stefano, brillante designer che è come me di Reggio Calabria. Ha lavorato per un celebre personaggio nato a Reggio Calabria, Gianni Versace ed è anche figlio di un caro amico di mio padre che è recentemente venuto a mancare e porto sempre dentro me, pensando che sarebbe stato felice di sapere di questa bella circostanza che dimostra in pieno quanto sia piccolo il mondo come anche il silenzioso potere del caso – in occasione dell’ultima edizione di Alta Roma per vedere i formidabili accessori protagonisti della loro collezione. Una suggestiva esperienza all’insegna di arte e artigianalità che include le magnifiche fotografie dei cancelli degli edifici di Coppedé – famosa area di Roma – i quali fregi hanno ispirato la collezione di cinture e borse da loro create. Lo show-room ha felicemente evocato il sentiero dinanzi a un cancello che divideva le creazioni dalle fotografie. Ivi, rimanendo dinanzi a tale cancello immaginario, ho apprezzato l’installazione filmica su doppio schermo di Federico Paris in cui era dipinto il doppio volto di Roma, i suoi piccoli ospiti quali gli uccelli che volano nel grande parco Villa Doria Pamphili. Un ritratto che omaggia la natura e la delicatezza della città eterna unitamente al suo mood caotico, rappresentato da uno sguardo sul traffico popolato di individui e automobili che appariva sull’altro schermo. Successivamente ho visto le insolite creazioni, lussuose cinture con strass e metalli trasformato in pietre metalliche mediante la tecnica di fusione a cera persa ed anche gli smalti che enfatizzano la leggerezza dei fregi. Gli strass colorati – blu, arancio e fucsia – decorano anche le clutch di metallo e le borse di pelle lavata più volte per creare lo speciale effetto sfilettato. Insoliti, preziosi feticci che saranno ospitati  nell’ultima edizione del White a Milano.

A gate in Coppedé

Stefano D'Inzillo and me at the imaginary gate

The video installation by Federico Paris

The video installation by Federico Paris

D'Inzillo

D'Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

D' Inzillo

Stefano D' Inzillo, me and Cosima D'Inzillo

www.dinzillo.it