You are currently browsing the tag archive for the ‘Italy’ tag.

“I ever have seen so much snow”, assertion reminding mi the starting sentence of “Little White Riding Hood”(Corraini Editions, 9,00 Euros), minimal fairy-tale, dedicated to the father of music minimalism Philip Glass – I’m very fond of – by the celebrated designer, artist and novelist Bruno Munari – featuring minimal, almost non-existent illustrations he made, that leave space to fantasy and depict a magic feat, the crossing of a snowy hood, made by the Little White Riding Hood who visits the granny Candida, runs into the painter ad the White Wolf which had its stomach upset, getting an indigestion of grannies and in the end she finds behind the granny’s house a message from the granny telling:“ I’m gone to the Black Africa, I come back in Summer, bye, don’t cry” – and makes me think about what is happening during the latest days in Italy, in many provinces – as Rome – and regions (and considering the weather forecasts the Siberian disturbance which brought cold and snow will come back, bringing rain, cold and snow during the forthcoming days), paralyzed by snow, unusual happening for the Central and Southern Italy regions which brought the death of people – over sixty people – and many inconveniences, circumstance making surface many issues concerning the lack of superstructures, the hydro-geological instability and other troubles, giving rise to reflections regarding what has done during the last forty years in Italy – nothing – in terms of public works of maintenance and resulting critics about the political class, which is frequently, but not uniquely involved – greedily – in grabbing hold of money, benefits, privileges and immunities, maintaining, developing the interests of parts and of old and new lobbies and presenting many slogans without making any concrete, political class which yesterday, recently – except today as it sits at the Parliament a temporary Government of technicians – the Italians has chosen. The question “Why does it happen that?” is directly connected to the status of Italian Mr. Average, his lack of civic sense, as well as the lack of the one chosen to represent him. The public thing or the State is considered by many people as a territory to predate instead of protecting, preserving and renewing that. Non loving the ethic of complaining, beyond wishing that the poor people who sleep on the road, old people and other ones don’t die during the forthcoming days, the sick people being at the hospital aren’t lacking of electric energy, I hope these dramatic happenings make the Italians direct their behavior as individuals and citizens towards a necessary uprightness and more consciousness during the everyday life as well as during the time when it will be asked them for expressing their consent about the political class able to represent them, circumstance hopefully that accompanies a chance in the realm of political representation to develop the work of cultural, political, social and economical change Italy needs very much.

 

LA NEVE, FAVOLA E REALTÀ ITALIANA

A page from “Little White Riding Hood” by Bruno Munari

“Mai vista tanta neve”, affermazione che mi ricorda la frase di inizio di “Cappuccetto Bianco”(Edizioni Corraini, 9,00 Euro), favola minimalista, dedicata al padre del minimalismo musicale Philip Glass – alla quale sono molto affezionata – del celebre designer, artista e autore di racconti Bruno Munari – di cui sono protagoniste illustrazioni minimali, quasi inesistenti che lasciano spazio alla fantasia e descrivono una magica impresa, l’ attraversamento di un bosco innevato compiuto dalla piccola Cappuccetto Bianco che va a far visita alla nonna Candida, si imbatte nel pittore Bianconi e nel lupo bianco che stava male di stomaco perché aveva fatto indigestione di nonne e alla fine trova un messaggio della nonna dinanzi alla sua casa innevata che diceva “sono andata in Africa Nera, tornerò in estate, ciao, non piangere” – e mi fa pensare a ciò che sta succedendo da un paio di giorni in Italia in varie province – come Roma – e regioni(e stando alle previsioni del tempo la perturbazione siberiana che ha portato freddo e neve, ritornerà, portando pioggia, freddo e neve anche nei prossimi giorni), paralizzate dalla neve, fenomeno insolito per le regioni dell’ Italia centrale e meridionale che ha comportato la morte di alcuni – più di sessanta persone – e plurimi disagi, circostanza che fa emergere problematiche relative alla carenza di sovrastrutture, il dissesto-idrogeologico ed altre questioni, dà vita a riflessioni su cosa è stato fatto negli ultimi quaranta anni in Italia – nulla – in termini di opere pubbliche di manutenzione e conseguenti critiche sulla classe politica, sovente anche se non unicamente impegnata ad agguantare – famelica -, denari, benefici, privilegi e immunità, a mantenere, consolidare gli interessi di parte e lobbies vecchie e nuove e a presentare molteplici slogan senza concretizzarne alcuno, classe politica che ieri, recentemente – eccetto oggi in cui siede al Parlamento un Governo temporaneo di tecnici – gli italiani hanno scelto. La domanda “perché accade ciò?” è direttamente collegata allo status del cittadino italiano medio, alla sua mancanza di senso civico, come anche di colui che ha scelto per rappresentarlo. La cosa pubblica ovvero lo Stato è visto dai più come territorio da depredare e non da tutelare, mantenere e rinnovare. Non amando l’ etica del lamento, oltre a sperare che nei prossimi giorni individui poveri che dormono per strada, anziani e altra gente non muoia, i malati in ospedale non rimangano privi di energia elettrica, mi auguro che queste circostanze drammatiche portino gli italiani a orientare il loro comportamento di individui e cittadini verso una necessaria verticalità e maggiore consapevolezza nella vita di ogni giorno come anche nel momento in cui sarà chiesto loro di esprimere il loro consenso riguardo alla classe politica che potrà rappresentarli, circostanza che spero si accompagni ad un mutamento nell’ ambito della rappresentanza politica per consolidare l’ opera di rinnovamento culturale, politico, economico e sociale di cui l’ Italia ha tanto bisogno.

Little White Riding Hood by Bruno Munari

Bruno Munari

The water is a right for all the people, assertion reminding a categorical imperative and biblic advice: “give drink to a thirsty”. Therefore I thought it’s a due to inform you about the referendum which will be held in Italy on 12th and 13rd June 2011 – not being supported by any TV commercial, resulting from a recent circular letter that forbade any kind of TV advertising on the public and private channels -, days where the Italian citizens will be able to express themselves about the privatization of water, hopefully opposing to this controversial eventuality. I trust on the spontaneous action of individuals, thus I ask all of you to rouse yourself from the narcoleptic torpor and to act, voting – as it needs getting the quorum of 25 million votes – against the privatization of waters, honoring the enviroment that hosts us and its sources that belong to everyone and they cannot be commercialized.

L’ACQUA È UN DIRITTO DI TUTTI: VOTIAMO CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE DELLE ACQUE AL REFERENDUM DEL 12 E 13 GIUGNO 2011!

L’acqua è un diritto di tutti, affermazione che mi fa venire in mente l’ imperativo categorico e monito biblico: “dai da bere a un assetato”. Pertanto ho ritenuto doveroso informarvi sul referendum che si terrà in Italia il 12 e 13 giugno 2011 – non essendo supportato da alcuno spot televisivo, conseguente ad una recente circolare ministeriale che ha vietato qualsiasi tipo di pubblicità televisiva sulle reti pubbliche e private, giorni in cui i cittadini italiani potranno esprimersi circa la privatizzazione dell’acqua e sperabilmente opporsi a questa discutibile eventualità. Confido nell’azione spontanea degli individui, pertanto chiedo a tutti di scuotervi dal narcolettico torpore e agire, votando – poiché bisogna raggiungere il quorum di 25 milioni di voti – contro la privatizzazione delle acque, onorando l’ambiente che ci ospita e le sue risorse che appartengono a tutti quanti e non possono essere commercializzate.

Today it celebrates the 150th anniversary of Italy’s Unity, an emblematic chapter of history, the Risorgimento, featuring Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso, count of Cavour, Vittorio Emanuele 2nd of Savoia and all that who yesterday fought for the rise of an only State. I gloomily laugh, considering the history, people who lost their own life for the union of Italy and thinking that today exists a party – recognized by the people – having as its leitmotiv before the separatist issue and after the federalist – mere make-up – ones. Italy, land of history, culture and tradition I celebrate is always a  country of tragicomic paradoxes. Today is a day of feast during dark and obscure times, peopled by cultural and political decadence, emphasized by the unhappy happenings of latest months of whose Italian and foreigner media discussed, continues discussing and criticize. Far from talking about prostitutes, bunga bunga, policy and other pruriginous issues that would turn the  Risorgimento’s heroes and also the yesterday politics – Aldo Moro, Enrico Berlinguer, Giorgio Almirante, Nilde Iotti, Tina Anselmi – in their graves, age where existed the respect for state institutions beyond the political colour and it arranged in concert measures in the interest of nation, a deontology lost by pass of time and completely forgotten, I wonder about what tomorrow can have Italy. “A country ignoring its yesterday cannot have a tomorrow” asserted Indro Montanelli – fine journalist and historian -, deep truth and gap of contemporary times, age where every day a nation destroys its past and the founding values. Being trustful, I hope Italy follows the destiny of Arab Phoenix and it rises again from the ashes where it languishes today. A bitter consciousness stays, Italy is writing its most sad, dark and dirty chapter of history, a history that tomorrow children will study, made of thieveries, scandals, ignorance and much, too much vulgarity. Considering that, what does it do? It’s a categorical imperative of all Italians to join, wake up from contemporary narcolepsy, go out of ethic’s lament limbo, promoting a healthy ethic, being respectful to those traditions and culture that made a nation celebrated, evidencing it can do, it can change and write a new chapter of history, acting with modesty, courage and honesty.

PENSIERI IN UN GIORNO DI FESTA, L’ANNIVERSARIO DELL’UNITÀ D’ITALIA

Oggi si festeggia il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, un emblematico capitolo di storia, il Risorgimento  di cui sono protagonisti Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso conte di Cavour, Vittorio Emanuele II di Savoia e tutti coloro che ieri hanno combattuto per la nascita di un unico stato. Sorrido malinconica, considerando la storia, la gente che ha perso la propria vita per l’unione dell’Italia, pensando che oggi in parlamento e nell’attuale governo esiste un partito – riconosciuto dalla volontà popolare – che ha fatto delle istanze separatiste prima e poi federaliste – mero belletto – il suo leitmotiv. L’ Italia, terra di storia, cultura e tradizione che celebro resta pur sempre un paese di paradossi tragi-comici. Oggi è un giorno di festa in tempi bui e oscuri, popolati da decadenza culturale e politica, enfatizzati dagli infelici accadimenti degli ultimi mesi di cui i mass media nazionali e stranieri hanno discusso, continuano a discutere e criticare. Lungi dal parlare di prostitute, bunga bunga, politica e altri argomenti pruriginosi che di certo farebbero rivoltare nella tomba gli eroi del Risorgimento ed anche i politici di ieri – Aldo Moro, Enrico Berlinguer, Giorgio Almirante, Nilde Iotti, Tina Anselmi -, epoca in cui al di là del colore politico esisteva il rispetto per le istituzioni statali e si concertavano provvedimenti nell’interesse della nazione, una deontologia perduta con il passare del tempo e completamente dimenticata, mi interrogo su quale domani possa avere l’Italia. “Un paese che ignora il proprio ieri non può avere un domani” affermava Indro Montanelli – fine giornalista e storico -, profonda verità e lacuna della contemporaneità, epoca in cui ogni giorno una nazione distrugge il proprio passato ed i valori su cui si fonda. Fiduciosa, spero che l’ Italia segua il destino dell’araba fenice e risorga dalle ceneri in cui langue oggi. Un’amara consapevolezza resta, l’Italia sta scrivendo il suo capitolo di storia più triste, buio e sporco, una storia che i bambini di domani studieranno, fatta di ladrocini, scandali, ignoranza e tanta, troppa volgarità. A fronte di tutto ciò, che fare? È un imperativo categorico di tutti gli italiani unirsi,destarsi dalla narcolessia contemporanea, uscire dal limbo dell’etica del lamento, promuovendo un’etica salubre e rispettosa di quelle tradizioni e cultura che hanno reso celebre un popolo, dimostrando che si può fare, si può cambiare e scrivere un nuovo capitolo di storia, agendo con modestia, coraggio e onestà.