You are currently browsing the tag archive for the ‘Patti Smith’ tag.

CBGB_All-posters-and-guitar-1024x412

A smashing soundtrack along with many portraits of legendary artists as Blondie, Ramones, Patti Smith, Police, Lou Reed, Talking heads and Iggy Pop features in CGGB, movie directed by Randall Miller, telling about the story of celebrated New York club CBGB (Country Bluegrass and Blues), place where the rock and roll and punk was born. The movie which will be presented on Fall in USA, talks about the club owned by Hilly Kristal, interpreted by Alan Rickman(the cast includes also Ashley Greene, Donald Logue, Ryan Hurst, Johnny Galecki, Stana Katic and Rupert Grint), who supported the artists to every cost and obliged them to perform in the club, singing just only their original music and no covers. A smashing portrait of an age, a prolific age for rock, a not to be missed movie for all the ones who are devoted to music and its suggestions.

LA STORIA DELLA CATTEDRALE NEWYORKESE DEL PUNK-ROCK SU PELLICOLA: CBGB DI RANDALL MILLER

Una formidabile colonna sonora unitamente a plurimi ritratti di artisti leggendari quali Blondie, Ramones, Patti Smith, Police, Lou Reed, Talking heads e Iggy Pop sono i protagonisti di CGGB, film diretto da Randall Miller che racconta la storia del celebre club newyorkese CBGB (Country Bluegrass and Blues) luogo in cui è nato il rock and roll e il punk. Il film che sarà presentato in autunno negli USA, parla del club di proprietà di Hilly Kristal, interpretato da Alan Rickman(il cast include anche Ashley Greene, Donald Logue, Ryan Hurst, Johnny Galecki, Stana Katic e Rupert Grint), che supportava gli artisti a ogni costo e li obbligava a esibirsi nel club, suonando soltantola loro musica e nessuna cover. Un suggestivo ritratto di un’ epoca, un’ epoca feconda per il rock, un film imperdibile per tutti coloro che sono devote alla musica ed alle sue suggestioni.

The Ramones on film, still image from CBGB by Randal Miller

The Ramones on film, still image from CBGB by Randall Miller

http://unclaimedfreightproductions.com

love

Today I ran into the post wrote by Ralph Nader, author and renowned American lawyer who introduced the class actions in USA legal system, making concrete the ideas sang yesterday by Patti Smith “people have the power”( who as law graduated student made the book “Unsafe at any speed” in 1965, where he told about the lack of conformity and quality of a product, circumstance which gave rise to the binding Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, where he claimed for damages his privacy, person and reputation suffered. The consequence has been a compensation set up by the tribunal for the damage he suffered along with the obligation of General Motor’s President to publicly apologizes for the false accuses, made to Nader. It was the first time in USA it has given voice to consumers against the hyper power of multinationals).

The piece Love, corporate-style, features in his blog on Huffington Post I am glad to share with you dear FBFers as it focuses on issues that are closely connected to fashion, the fashion brands, their real or apparent adherence to the brand history, realm concerning fashion marketing, the impact of social media, social opinion during contemporary times, as well as the role of consumers inside a certain market, individuals who are at first individuals and eventually they can be consumers of a certain product or a wide range of products. And if the consumer yesterday has to be considered as a passive subject market, today the web, the 2.0 age, emancipated him, made him more informed, conscious and free.

Therefore many marketing experts started talking about spiritual values connected to the marketing, consumers as well as the companies producing goods. That reminds me of the words by Adriano Olivetti, embodied in the book “Ai lavoratori”, illuminated businessman I remind with respect and nostalgia, who focused in his work on immaterial values, the ones that aren’t just only in the profits index (as he asserted talking behind his workers: “there is beyond the apparent rhythm something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”), talking about responsibility, respect of individual and knowledge. Those are spiritual values which should be the core of a company, considered and made concrete by a fashion company, as it was made by brands as Timberland (a brand development model coherent with its brand history), the ethical fashion brand Carmina Campus, as well as embodied in the choices of consumers in order to be more conscious and free as we are born to live and not to consume or being consumed by consuming.

LOVE, CORPORATE-STYLE

“Mitt Romney famously said during his most recent bid for the presidency: “Corporations are people, my friend.” Perhaps nothing else better surmises the state of our country — even the state of our culture — than a prominent politician running for the presidency openly advancing such a flawed opinion. It is no secret that corporations now wield immense power in our elections, in our economy, and even in how we spend time with our friends and families. Corporate entities, in their massive, billion dollar efforts to advertise and “brand” themselves, not only want consumers to think of them as people, but even as “friends.” If a corporation could hit the campaign trail itself, one could imagine it uttering the phrase: “Corporations are friends, my people.”

I recently came across a full-page ad in the New York Times. The ad, which shows a tiny baby’s hand clutching the fingers of an adult hand, is captioned with the words: “Love is the most powerful thing on the planet.” It goes on to read: “For all the things in your life that make life worth living — Johnson and Johnson, for all you love.” Notably, this is Johnson and Johnson’s first “corporate branding” campaign in over a decade.

This poses an interesting question. What exactly is corporate love? Love is a very human emotion – but, coming from a business conglomerate whose over-riding goal is bigger profits — this message rings hollow.

An April 24 New York Times article (interestingly enough, the same paper the “For All You Love” ad appeared in) notes that Johnson and Johnson recalled 280 million packages of over-the-counter medication and two hip replacement models in 2010. Ten thousand lawsuits were filed as a result of these faulty hip replacements, including one lawsuit that forced Johnson and Johnson to pay out $8.3 million in damages.

Suddenly, a clearer picture begins to emerge. In this case, “corporate love” is merely a two-faced attempt to establish trust after — or in anticipation of — the disclosure of a negligent product failure. The phrase “to err is human, to forgive is divine” comes to mind. But, of course, corporations aren’t human.

The idea of “humanizing” a corporation is certainly not unique to Johnson and Johnson. Our corporate “friends” are all around us. They are dominating our publicly owned airwaves with their slogans, filling our skies with their logos on billboards, showing up on the sides of city buses, and collecting our browsing preferences so as to better appeal to us on the internet. One might say that “corporate love” has been a part of American culture as long as corporations have advertised. This idea of trust in a brand name — of allowing a corporation to “earn” your “friendship” — is one that perhaps has allowed the corporate entity to dominate so many aspects of our culture. People become attached to brands. How many people do you know that only use a certain type of shampoo or drink their preferred brand of beer?

To the younger generation, social media has become a massive part of the public forum. Look to Twitter, where companies like Walmart routinely “tweet” benign questions such as: “Cats or dogs… or both? Tell us what pet companion keeps you happy.” McDonald’s recently tweeted: “Good morning! Any big plans for the weekend?” Coca-Cola says: “Proven fact: making friends is easy when you’re bubbly, refreshing and delicious.” They’re not kidding — Coca-Cola has over a million “followers” on that website. (Who’s going to make concepts like “justice” bubbly, refreshing and delicious so as to get a million followers?”)

Don’t be fooled by these friendly panderings. These are multi-billion dollar companies attempting to win your trust to sell their products and often, to divert attention away from more disturbing truths — perhaps their products are unhealthy, or addictive, or damaging to the environment, or simply that their corporate executives regularly place profits over people. Social media accounts such as @Walmart “feign humanity and engage with users” as comedian Rob Delaney recently put it in an interview with Yahoo!

As the official Walmart account tweets: “Whew- Retweet if you agree that it’s too hot for hairdryers!” the executives that run that company choose to underpay their workers which forces taxpayers to subsidize many Walmart employees through social service programs, take advantage of communities, and use excess profits to buy back stock to line the pockets of its biggest shareholders. Given these transgressions, who cares about hairdryers?

So let’s conduct an experiment. The goal is to send a message to some of these giant corporations who are so obsessed with establishing themselves as your “friends” while taking advantage of our health, our workers, our electoral system, our government, our justice system and our economy. Take to the social media ramparts. Send out a tweet directed at the corporations you feel are the worst perpetrators of this snake-oily style of branding and question their worst offenses. Use the hashtag #corporatelove.

Let’s inform abusive companies like McDonald’s and Walmart that entities created for profit are not our buddies, but rather “legal fictions” that must be held accountable to human necessities”.

“AMORE, STILE AZIENDALE”

 

Oggi mi sono imbattuta nel post di Ralph Nader, scrittore e rinomato avvocato che ha introdotto l’ azione di categoria nel sistema giuridico Americano, concretizzando l’ idea cantata da Patti Smith che “people have the power”( che da studente neolaureato ha scritto il libro “Insicuro a qualsiasi velocità” nel 1965, in cui parlava di difetto di conformità e qualità di un prodotto, circostanza che ha dato vita al precedente vincolante Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, in cui rivendicava i danni per la violazione di privacy a danni alla sua persona e reputazione. La conseguenza è stata un risarcimento dei danni a lui accordato dal tribunale unitamente all’ obbligo del presidente della General Motors a chiedere scusa pubblicamente a lui per le false accuse da essa presentate. Era la prima volta che negli USA era stata data voce ai consumatori contro lo strapotere delle multinazionali):

Il pezzo “Love, corporate-style” è protagonista oggi del suo blog su Huffington Post che son lieta di condividere con voi cari FBFers, essendo  incentrato su problematiche che sono strettamente connesse alla moda, ai brand di moda, la loro reale o apparente aderenza alla storia di brand, ambito che riguarda il fashion marketing, l’ impatto dei social media, della social opinion nella contemporaneità, come anche il ruolo dei consumatori all’ interno di un certo mercato, individui che sono per prima cosa individui ed eventualmente possono essere consumatori di un certo prodotto o un’ ampia gamma di prodotti. E se ieri il consumatore poteva essere considerato come un soggetto passivo dinanzi al mercato, oggi il web, l’ epoca 2.0, lo ha emancipato, rendendolo più informato, consapevole e libero.

Pertanto plurimi esperti di marketing hanno iniziato a parlare di valori spirituali connessi al marketing, ai consumatori e alle aziende che producono beni di consumo. Ciò mi ricorda le parole di Adriano Olivetti, racchiuse nel libro “Ai lavoratori”, imprenditore illuminato che ricordo con rispetto e nostalgia che ha incentrato il suo lavoro su valori immateriali, quelli che non si trovano soltanto nell’ indice dei profitti (come costui affermava parlando al cospetto dei suoi operai: “c’è qualcosa al di là del ritmo apparente di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”), parlando di responsabilità, rispetto della persona e conoscenza. Questi sono valori spirituali che dovrebbero essere alla base di un’ azienda, considerati e concretizzati da un’ azienda di moda, come è stato fatto da brands quali Timberland (un modello di sviluppo di brand coerente con la sua storia di brand), il brand di moda ethical Carmina Campus, come anche racchiuso nelle scelte dei consumatori al fine di essere più consapevoli e liberi poiché siamo nati per vivere e non per consumare o essere consumati dal consumo.

AMORE, STILE -AZIENDALE

“E’ celebre ciò che Mitt Romney ha detto durante la sua candidatura alla presidenza: “Le aziende sono persone, amico mio”: Forse niente altro meglio si riesce a immaginare in merito allo stato del nostro paese – anche dello stato della nostra cultura – di un illustre politico in corsa alla presidenza che apertamente avanza un’ opinione talmente fallace. Non è un mistero che le aziende adesso esercitino un potere immenso nelle nostre elezioni, nella nostra economia, e anche nel modo in cui passiamo il tempo con i nostri amici e le famiglie. Le Entità aziendali, nei loro massicci tentativi da milioni di dollari per pubblicizzare e “brandizzare” sé stessi, non soltanto vogliono che i consumatori pensino a loro come persone, ma anche come “amici”. Se un’ azienda potesse colpire l’ iter stesso dellla campagna, lo si potrebbe immaginare sentendo la frase: “le aziende sono amici, gente mia”.

Mi sono recentemente imbattuto in una pubblicità a pagina intera nel New York Times. La pubblicità, che mostra la tenera mano di un bebè mentre stringe le dita di un adulto, è sottotitolata dalle parole: “L’ amore è la cosa più potente del pianeta”. Si continua a leggere: “Per tutte le cose nella tua vita che rendono la vita degna di essere vissuta — Johnson and Johnson, per tutto ciò che ami.” Da notarsi che questa è la prima campagna di “branding aziendale” della Johnson and Johnson in più di una decade.

Ciò pone un interessante quesito. Cosa è esattamente l’ amore aziendale? L’ amore è un’ emozione molto umana – ma, proveniente da un agglomerato aziendale che ha quale primaria finalità l’ ottenimento di profitti più alti — questo messaggio  risuona vacuo.

Un articolo del New York Times del 24 aprile (alquanto stranamente, la stessa pagina pubblicitaria “Per Tutto Ciò Che Ami” ivi appariva) nota che la Johnson and Johnson ha ritirato 280 milioni di confezioni di medicinali non prescrivibili e due protesi all’ anca difettose nel 2010. Dieci mila azioni legali sono state avviate a causa di queste protesi all’ anca difettose, comprensive di un’ azione legale che ha costretto la Johnson and Johnson a pagare 8.3 milioni di dollari di danni.

Improvvisamente, inizia a emergere una visione più chiara. In questo caso, ”l’ amore aziendale” è meramente un doppiogiochista tentativo per stabilire la fiducia dopo – o in anticipo a — la divulgazione di una responsabilità per difetto del prodotto. Viene in mente la frase “errare è umano, perdonare è divino”. Ma, naturalmente, le aziende non sono umane.

L’ idea di “umanizzare” un’ azienda non è certamente una prerogativa della Johnson and Johnson. I nostri “amici” aziendali sono intorno a noi. Stanno dominando le nostre reti radio di proprietà pubblica con i loro slogan, riempiendo i nostri cieli con i loro loghi su cartelloni, che sono messi in evidenza sui lati degli autobus cittadini, e collezionando le nostre preferenze di browser per piacere di più a noi su internet. Si potrebbe ritenere che “l’ amore aziendale” sia stato una parte della cultura americana dal momento in cui le aziende hanno fatto pubblicità. Questa idea di fiducia nel nome di un brand – di permettere a un’ azienda di “guadagnare” “amicizia” – è qualcosa che forse ha consentito all’ entità aziendale di dominare su così tanti aspetti della nostra cultura. Le persone diventano attaccate ai marchi. Quante persone si conoscono che usano soltanto un certo tipo di shampoo o bevono birra del loro marchio preferito?

Per le generazioni più giovani, i social media sono diventati una rilevante parte del public forum. Guardiamo Twitter, in cui aziende quali Walmart abitualmente include nei suoi “tweet” domande benevole quali: “Cani o gatti…o entrambi? Diteci quale compagno cucciolo vi rende felici”. McDonald’s recentemente ha tweettato: “Buongiorno! Avete qualche grande idea per il weekend?” Coca-Cola dice: “Fatto provato: è facile fare amicizia quando sei frizzante, rinfrescante e deliziosa”. Non è uno scherzo – la Coca-Cola ha più di un milione di “followers” su quel sito web. (Chi è colui che sta elaborare idee quali “giustizia” frizzante, rinfrescante e deliziosa in modo da ottenere un milione di followers?”)

Non lasciatevi ingannare da queste amichevoli lusinghe. Queste sono aziende multimiliardarie che tentano di conquistare la vostra fiducia per vendere i loro prodotti e spesso, per distogliere l’ attenzione da più disturbanti verità – forse i loro prodotti sono insalubri, o causano dipendenza o danneggiano l’ ambiente, o semplicemente che i loro capi d’ azienda regolarmente posizionano i profitti sulle persone. Gli accounts sui social media quali @Walmart “simula umanità ed entra in contatto con gli users” come il comico Rob Delaney ha ammesso in un’ intervista con Yahoo!

In quanto l’ account ufficiale di Walmart tweetta: “Ehi- Retweetts se sei d’ accordo che è troppo caldo per gli asciugacapelli!” i capi aziendali che gestiscono quell’ azienda scelgono di sottopagare i loro operai che costringe i contribuenti a fornire sussidi a molti impiegati della Walmart attraverso programmi di servizi sociali, che traggono vantaggi dalle comunità, e usano i profitti per riacquistare stock per allineare i pacchetti dei suoi più grandi azionisti. Date queste trasgressioni a chi importa degli asciugacapelli?

Facciamo quindi un esperimento. L’ obiettivo é mandare un messaggio ad alcune di queste gigantesche aziende che sono talmente ossessionate dal dimostrarsi vostre amiche mentre traggono vantaggio dalla nostra salute, dai nostri lavoratori, dal nostro sistema elettorale, dal nostro governo, dal nostro sistema giuridico e dalla nostra economia. Serviamoci dei baluardi dei social media. Mandiamo un tweet diretto alle aziende che reputi siano i peggiori perpetuatori di questo stile di branding da venditori di fumo e critica le loro peggiori infrazioni. Usa l’ hashtag #corporatelove.

Informiamo le aziende speculatorie quali McDonald’s e Walmart che le aziende create per il profitto non sono nostri amici, ma soltanto “finzioni giuridiche” che devono essere considerate responsabili delle necessità umane”.

Still image of Chaos to Couture fashion film by Chris Sutton on Kickstarter

Still image of Chaos to Couture fashion film by Chris Sutton on Kickstarter

Chris Sutton is raising funds on Kickstarter to create a fashion film accompanying the exhibition “Punk: chaos to couture”, the wider showcase documenting a subculture, the punk and its style which will be opened on 9th May 2013 in New York at the MET Museum – running through 14th August 2013 –, curated by Andrew Bolton and featuring as creative consultant Nick Knight who invited Chris Sutton to make a film.

Sid Vicious, photo by Dennis Morris, courtesy of Met Museum

Sid Vicious, photo by Dennis Morris, courtesy of Met Museum

The reproduction of a lavatory in Kingsroad at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of a lavatory in Kingsroad at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of  Vivienne Westwood's boutique at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

The reproduction of Vivienne Westwood’s boutique at Met Museum, photo courtesy of Met Museum

Versace Spring/Summer 1994, photo courtesy of Met Museum

Versace Spring/Summer 1994, photo courtesy of Met Museum

Patti Smith, photo by Caroline Coon, photo courtesy of Met Musueum

Patti Smith, photo by Caroline Coon, photo courtesy of Met Musueum

A contemporary reflection on the punk and on the Met exhibition themes which represents the debut of Chris Sutton Studio. There are just sixteen days for the end of fundraising, thus let’s join and support, giving our modest contribution to make concrete this smashing artistic project and celebrate an unforgettable movement (where the nihilism was vibrant and dynamic critique instead if the static one featuring frequently in the contemporary times) and its fashion suggestions.

“CHAOS TO COUTURE”: CHRIS SUTTON PER SHOWSTUDIO SU KICKSTARTER

Still image of fashion film by Cris Sutton, featuring on Kickstarter

Still image of fashion film by Cris Sutton, featuring on Kickstarter

Chris Sutton sta raccogliendo fondi su Kickstarter  per creare un fashion film che accompagna la mostra “Punk: chaos to couture”, la più ampia esposizione che documenta una subcultura e il suo stile che sarà inaugurata il 9 maggio 2013 a New York presso il MET Museum – che proseguirà fino al 14 agosto 2013 –, curata da Andrew Bolton e che ha Nick Knight nelle vesti di direttore creativo il quale ha invitato Chris Sutton a realizzare una pellicola.

John Lydon, photo by Ray Stevenson, courtesy of Met Museum

John Lydon, photo by Ray Stevenson, courtesy of Met Museum

Clothes for heroes, a section of the Met exhibition, photo courtesy of Met Museum

Clothes for heroes, a section of the Met exhibition, photo courtesy of Met Museum

Junya Watanabe, Fall/Winter 2006-2007, photo courtesy of Met Museum

Junya Watanabe, Fall/Winter 2006-2007, photo courtesy of Met Museum

Maison Martin Margiela, Spring/Summer 2011, photo courtesy of Met Museum

Maison Martin Margiela, Spring/Summer 2011, photo courtesy of Met Museum

Una riflessione contemporanea sul punk e sui temi della mostra al Met che rappresenta il debutto del Chris Sutton Studio. Restano soltanto sedici giorni per la chiusura della raccolta fondi, pertanto uniamoci e sosteniamo, dando il nostro modesto contributo, per rendere concreto questo formidabile progetto artistico e celebrare un indimenticabile movimento (in cui il nichilismo era una vibrante critica diversamente dalla stasi sovente protagonista della contemporaneità) e le sue suggestioni moda.

www.metmuseum.org

http://www.kickstarter.com/projects/1855770792/chaos-to-couture-chris-sutton-for-showstudio

Taylor Mead

Taylor Mead

The legendary New York performer artist Penny Arcade and Steve Zehentner will present today in New York City at the CUNY Graduate Center James Gallery at 6:30 pm the oral history video project The Lower East Side Biography Project “Stemming The Tide of Cultural Amnesia” celebrating 13th years of continuous broadcasting in NYC, featuring 90 minutes of  fascinating 4 minute video clips of the very diverse people we have been interviewing about art, life and personal authenticity for past 13 years including also the mini biographies of personas as Betty Dodson, Bina Sharif, Tom O’Horgan, John Vaccaro, Jack Waters, Taylor Mead, Richard Foreman, Bruce Benderson, Quentin Crisp, as well as the performance footage of Patti Smith at Gregory Corso’s Memorial. A not to me missed happening, unique tapestry of art, individuality and underground.

LA CELEBRAZIONE DEL LOWER EAST SIDE BIOGRAPHY PROJECT ALLA JAMES GALLERY DEL CUNY GRADUATE CENTER DI NEW YORK 

La leggendaria performer artist newyorkese Penny Arcade e Steve Zehentner presenteranno oggi a New York City presso la James Gallery del CUNY Graduate Center alle ore 18:30 il progetto video di storia orale The Lower East Side Biography Project “Stemming The Tide of Cultural Amnesia” celebrando il 13° anno di continua trasmissione in televisione a NYC, di cui saranno protagonisti  90 minuti di affascinanti video di 4 quattro minuti dei diversi personaggi che sono stati intervistati su arte, vita e personale autenticità durante i passati  13 anni che includono anche le mini biografie di personaggi quali Betty Dodson, Bina Sharif, Tom O’Horgan, John Vaccaro, Jack Waters, Taylor Mead, Richard ForemanBruce Benderson, Quentin Crisp, come anche il filmato dell’ esibizione di Patti Smith alla Commemorazione di Gregory Corso. Un evento imperdibile, affresco unico di arte, individualismo e underground.

www.gc.cuny.edu

www.stevezehentner.com/lower-east-side-biography-project

 

Fred Sonic Smith & Patti Smith, 1978 / Pravda, Sue & Mac 2007 (c) Sue Rynski

Sue Rynski‘s journey into photography began in the late Seventies, as she got involved in Detroit’s rock underground scene and joined up with the Michigan art collective and band Destroy All Monsters. Sonic’s Rendezvous Band, Pere Ubu, Iggy Pop, Patti Smith, Ron Asheton, The Dead Boys, Johnny Thunders are among the numerous rockers she has photographed. Today, the artist is a Paris resident and rockn’roll continues to be her muse. Her photographs are telling stories, capturing moments of raw energy, passion, and bliss.

FDG: From Detroit to Paris, you’ve always been drawn to the underground rock scene. Can you tell us about the inspiration you find there ?

SR: “I love the music! The powerful energy of live music physically possesses the body: mine, the musicians’, the crowd and is translated into emotion, movement, mastery and abandon. The clubs are small, there’s spontaneity, freedom, joy. The musicians and the crowd are there because they truly love it”. 

FDG: Your upcoming exhibition “SUE RYNSKI – ROCK: DETROIT 70 à PARIS 00” focuses on the connections between the underground rock scenes of two different cities in different decades. How did you come up with this concept?

SR: “Both are places and periods where I’ve loved the energy of the scene and have done a concentration of photography. It was natural to look at them together. The two scenes have much in common musically and also in the multitude of bands doing original material in a multitude of small clubs.

My black and white photographs from the late seventies have been widely exhibited, most recently at the Rencontres d’Arles Photography Festival this year (exhibition “I Am A Cliché: Echoes of the Punk Aesthetic”, curated by Emma Lavigne). I wanted now to give some recognition to the Paris scene. The juxtaposition of the eras and of black & white with color photos just looks right together. Each Seventies photo is followed by a 2000s photo that works like an echo. It’s kind of a museum exhibition, an in your face look at rock in a 30-year interval! There’s Johnny Thunders next to France de Griessen, Ron Asheton next to Warren Ellis, Patti Smith next to Anatomie Bousculaire…

I’m especially pleased that some of the local musicians who are in the photos will be playing at the opening: Guts Guttercat & Link Lickens of Guttercat & The Milkmen  and of course France de Griessen, one of my muses, with whom I have several projects”.

FDG: There is a lot of emotion in your images and also an amazing sense of composition and use of textures. Is it something that you think about before taking a photo or rather an instinct?

SR: “The short answer is instinct and what I’m naturally drawn to. My eye is drawn to movement and I feel the emotions. As for composition, ever since childhood I’ve been framing things with my eyes, lining things up, creating a mental frame around them, and changing position to reframe from another angle. I go for these things while I’m photographing, I don’t really think about it before”.

 

UNA CONVERSAZIONE SU ROCK’N ROLL & FOTOGRAFIA CON SUE RYNSKI A CURA DI FRANCE DE GRIESSEN

 
 
 

David Thomas, Pere Ubu, 1978 / Pere Ubu soundcheck, 2009 (c) Sue Rynski

 

Il viaggio nella fotografia di Sue Rynski é iniziato alla fine degli anni Settanta, essendo coinvolta nella scena rock underground di Detroit ed essendo entrata a far parte del collettivo artistico Michigan art collective e della band Destroy All Monsters. Sonic’s Rendezvous Band, Pere Ubu, Iggy Pop, Patti Smith, Ron Asheton, The Dead Boys, Johnny Thunders sono alcuni delle molteplici rock-star che ha fotografato. Oggi l’artista risiede a Parigi ed il rock n’roll continua ad essere la sua musa. Le sue fotografie raccontano storie, catturano momenti di pura energia, passione ed estasi.

FDG: Da Detroit a Parigi  ti sei sempre accostata alla scena  rock underground rock, qual’è l’ispirazione che trovi in questo ambito?

SR: “Amo la musica! La potente energia della musica dal vivo fisicamente si impadronisce del corpo: il mio, quello dei musicisti, della folla ed é tradotto in emozione, movimento, controllo e abbandono. I club sono piccoli, c’è spontaneità, libertà, gioia. I musicisti e il pubblico sono là perché lo amano davvero”. 

FDG: La tua prossima mostra “SUE RYNSKI – ROCK: DETROIT 70 à PARIS 00” é incentrata sui legami tra le scene rock underground di due diverse città in due distinte decadi. Come é nata tale idea?

SR: “Entrambi sono luoghi e tempi di cui ho amato l’’energia della scena e ho realizzato una concentrazione di fotografia. È stato naturale guardare loro insieme. Le due realtà hanno tanto in comune, musicalmente ed anche nella moltitudine di band che realizzano materiale originale in diversi piccoli locali.

Le mie fotografie in bianco e nero della fine degli anni Settanta sono state ampiamente esposte, più recentemente presso l’edizione di quest’anno del Festival di Fotografia Recontrer d’ Arles (la mostra “I Am A Cliché: Echoes of the Punk Aesthetic”, curata da Emma Lavigne). Adesso volevo dare un riconoscimento alla scena parigina. La giustapposizione delle epoche e foto in bianco e nero e a colori sta davvero bene insieme. Ogni foto degli anni Settanta è seguita da una foto del 2000 che sembra un eco. È un tipo di esposizione museale, uno sguardo esilarante sul rock in un intervallo di 30 anni. C’ é Johnny Thunders accanto a France de Griessen, Ron Asheton accanto a Warren Ellis, Patti Smith accanto Anatomie Bousculaire…

Mi fa soprattutto piacere che alcuni dei musicisti locali che appaiono nelle foto suoneranno all’inaugurazione: Guts Guttercat & Link Lickens dei Guttercat & The Milkmen e naturalmente France de Griessen, una delle mie muse con la quale ho diversi progetti”.

FDG: Si trova tanta emozione nelle tue immagini ed anche un sorprendente senso della composizione ed uso delle strutture. È qualcosa che pensi prima di scattare una foto oppure é un istinto?

SR: “La risposta breve è un istinto ed é ciò a cui mi sono naturalmente avvicinata. Il mio occhio si è accostato al movimento e sento le emozioni. Come per la composizione, sin da quando ero bambina ho incorniciato le cose con i miei occhi, allineandole, creando una cornice mentale intorno a loro e cambiando posizione per creare una nuova cornice da un altro angolo. Scelgo tali cose quando sto per fotografare, non ci penso per nulla prima”.

www.suerynski.com

www.francedegriessen.com

Collapse into now”, the latest album by celebrated Athens alternative-rock band R.E.M. – formed by Michael Stipe, Peter Buck and Mike Mills – will be released on 8th March 2011 – and on 7th March 2011 in Europe -,  including 12 tracks recorded in Berlin and New Orleans studios, featuring artists as Patti Smith, Lenny Kaye, Eddie Vedder, Joel Gibb and Peaches.

“COLLAPSE INTO NOW”, LULTIMO ALBUM DEI R.E.M.

Collapse into now”, l’ultimo album della celebre band di alternative-rock di Athens R.E.M. – formata da Michael Stipe, Peter Buck e Mike Mills – sarà pubblicato l’ 8 marzo 2011 – e il 7 marzo 2011 in Europa -,  include 12 brani registrati negli studi di Berlino e New Orleans di cui sono protagonisti artisti quali  Patti Smith, Lenny Kaye, Eddie Vedder, Joel Gibb e Peaches.

http://remhq.com

 

Still from the France de Griessen's video "Ballerina" directed by Benoît Lelièvre: http://vimeo.com/groups/1555/videos/11605106

                                                                  http://vimeo.com/groups/1555/videos/11605106

Freedom, art, eccentricity and rock’n roll depicts France de Griessen, Belgian vibrant eclectic artist and singer of whose work “comes straight” – as she asserts – “from my heart and soul”. I’d rather die – says the artist than live in a world in which I am deprived of these things. As Patti Smith beautifully puts it in her song “Rock’n’Roll Nigger”: “I was lost in a valley of pleasure/I was lost in the infinite sea/I was lost, and measure for measure/love spewed from the heart of me/I was lost, and the cost/ and the cost didn’t matter to me/ I was lost, and the cost/ was to be outside society.”A genuine artist and amazing individual telling about herself – during a touching conversation -, succesfully making concrete all the values being joining with me along with many individuals who feel, act and live under the sign of freedom an sharing.

When did you start to be involved with music?

“I started out by creating a multimedia  theater and performance art company called “Teen Machine”. The shows would combine elements of theater, music, dance and video/super-8/photography. Then I met composer and musician Michaël Gadrat in 2003, while I was in the process of writing a concept-album about a female version of Billy The Kid. I was looking for someone to work with me on that project and he was exactly the kind of person and musician I was looking for. Teen Machine, then morphed into a duo and we toured and released the album called “Billy” in 2005. Later Michaël wanted to focus on teaching music, so our collaboration ended. I decided to embark on a solo career in the summer of 2006. Thus I asked François Shanka Maigret (from “No one is innocent” and “The Dukes”) if he would collaborate on a few songs with me for a solo EP, he said yes, and we got along musically so well that we kept the collaboration going.When I was 11 or 12, I found a copy of the New-York Dolls’ debut album in the local library and borrowed it, as I thought the cover photo looked so cool that I needed to hear this music immediately. Guys with makeup, glamourous women clothing, and punk rock’n’roll. Wow, I was hooked! I thought it was worth growing up to meet such people someday. Music has been my friend ever since, through bad and great times and I now like many different styles of music. There were times when I wanted to die and it was always music that helped me get my life back on track. Sometimes, it’s a song or even a bit of a song you hear, and your world is changed. For me, it’s like that, it’s been that important in my life. Thus I must say, even before I started to create my own music, I was involved with music: gathering influences, feelings, life experiences. It’s the same for any musician or artist I think. We watch, hear, live, feel and transform this into something to share with others”.

Music and art, two channels comunicating between themselves, that is how could be depicted your experience of expressing yourself?

“I am a pluridisciplinary artist, so yes i would say so. I need to create a whole world of my own. I guess because it was such a “complete” experience when I “met” music it has probaly influenced my vision! See, that New-York Dolls cover had it all : it was theatrical, had a vision about fashion, great design and lipstick written logo (a concept in itself since it obviously was inspired by serial killer William Heirens whose parents raised telling him that “All sex is dirty. If you touch anyone, you get a disease” http://www.francesfarmersrevenge.com/stuff/serialkillers/heirens.htm ). I love every aspect of being an artist, and how each medium can respond to another. Also, collaborations with other musicians, photographers, filmmakers, fashion designers are very important to me. Creating a thing of beauty and poetry according to my standards is what I find the most fulfilling as an artist, and I indeed feel the need to combine different ways of expressing myself to achieve that. The songs on my EP “Six Uses For a Heart” and on my upcoming LP were inspired by Andersen’s fairy tale “The Red Shoes” as I think this story is a great metaphor for the life of an artist: you need to be connected to your instincts, to “dance” because it’s your nature and you must do it, to find some sort of equilibrium between your demons and what keeps you alive and well. Which is why I wore dirty ballerina shoes with glitter on it for the photoshoot for the EP. Everything conveys a message, and I think using different ways to express something makes the message stronger”.

What are your forthcoming projects?

“A new LP, which is almost ready! And also a book with Sue Rynski (www.suerynski.com). She’s an incredible artist who has  photographed the underground Detroit scene at the end of the 70’s – Johnny Thunders, Patti Smith, Iggy Pop, Ron Asheton, Destroy All Monsters – of whose current work is totally amazing too. I met her about two years ago in Paris, and she has photographed many of my gigs, then we also did more “scheduled” photoshoots. Then came the idea to make a book with her photos and the lyrics of my songs.We are currently working on it. I recently had the honor to have my song ” I want to be you” featured on the soundtrack of Bruce LaBruce’s new movie “LA Zombie”  and he even directed the video for this song, which you can hear on the official trailer. I had been a fan for several years, and when I get to work with people whose work I adore, it means that things are going in a good direction. And for me, the good direction definitely involves people who share these values”.

LIBERTÁ ARTE, ECCENTRICITÁ E ROCK’N ROLL: FRANCE DE GRIESSEN    

 

France de Griessen

 

 Libertà, arte, eccentricità e rock’n roll dipingono France de Griessen, vibrante, eclettica artista e cantante belga il cui lavoro “proviene direttamente” – come afferma – “da cuore e anima”.”Morirei” – dice l’artista – piuttosto che vivere in un mondo in cui sono privata di queste cose. Come Patti Smith ha magnificamente inserito nella sua canzone “Rock’n’Roll Nigger”: “I was lost in a valley of pleasure/I was lost in the infinite sea/I was lost, and measure for measure/love spewed from the heart of me/I was lost, and the cost/ and the cost didn’t matter to me/ I was lost, and the cost/ was to be outside society”. Un’autentica artista e splendida individualità che si è raccontata – durante una emozionante conversazione -, concretizzando felicemente tutti i valori che accomunano me unitamente a molteplici individualità che sentono, agiscono e vivono all’insegna della libertà e condivisione”.

Quando hai iniziato ad occuparti di musica?  

“Ho cominciato creando un teatro multimediale ed una compagnia artistica di performer chiamata “Teen Machine”. Gli spettacoli avrebbero unito elementi di teatro, musica, danza e video-fotografia in super 8. Successivamente ho incontrato il compositore e musicista Michaël Gadrat nel 2003, mentre mi stavo occupando della scrittura di un concept-album su una versione femminile di Billy The Kid. Ero alla ricerca di qualcuno con cui lavorare insieme per quel progetto e costui era esattamente il tipo di individuo e musicista che stavo cercando. I Teen Machine si sono, poi trasformati in un duo e noi siamo andati in tounéee ed abbiamo pubblicato l’album chiamato “Billy” nel 2005. Successivamente Michaël voleva concentrarsi sull’insegnamento musicale, perciò la nostra collaborazione si è conclusa. Ho deciso di intraprendere la carriera da solista nell’estate del 2006. Pertanto ho chiesto a François Shanka Maigret (dei “No One Is Innocent” e “The Dukes”) se avrebbe collaborato con me per alcune canzoni per un EP da solista, ha acconsentito e abbiamo avviato una felice  collaborazione che abbiamo tuttora mantenuto. All’età di undici o dodici anni ho trovato una copia dell’album di debutto delle New-York Dolls presso la biblioteca del luogo e l’ho presa in prestito, pensando che la copertina fosse così cool sicchè avevo bisogno di ascoltare subito questa musica. Ragazzi truccati, incantevoli vestiti da donna e rock’n’roll punk. Wow, ero andata completamente in fissa! Pensavo che valesse la pena di crescere per incontrare un giorno questo tipo di persone. La musica è stata la mia amica da sempre in momenti tristi e felici e adesso apprezzo plurimi generi musicali. Ci sono stati momenti in cui volevo morire ed è stata sempre la musica che mi ha aiutato a rimettermi in carreggiata. Qualche volta è una canzone o un frammento di una canzone che si ascolta e il tuo mondo è cambiato. Per me è così, è ciò che ha avuto importanza nella mia vita. Pertanto devo dire che ancor prima che iniziassi a creare la mia musica, mi sono occupata di musica: accumulando influenze, sentimenti, esperienze di vita. Credo che ciò valga per ogni musicista o artista. Guardiamo, ascoltiamo, viviamo, sentiamo e trasformiamo tutto ciò in qualcosa da condividere con gli altri”.

 

Musica e arte, due canali che comunicano tra di loro, ciò è come potrebbe essere rappresentata la tua esperienza nell’esprimere te stessa?

“Sono un’artista multi-disciplinare, sicchè, si direi proprio che è così. Ho bisogno di creare un intero mondo che sia propriamente mio. Suppongo che sia dovuto al fatto che la musica è stata un’ esperienza così “completa” dal momento in cui ho “conosciuto” la musica, essa ha di certo influenzato il mio modo di vedere le cose! Considera che la copertina delle New-York Dolls cover aveva tutto ciò: era teatrale, aveva un formidabile visione della moda, un grande design ed il logo scritto con il rossetto (un concept in sè stesso dal momento che si ispirava ovviamente al serial killer William Heirens i cui genitori l’hanno cresciuto dicendo a lui che  “Tutto ciò che riguarda il sesso è sporco. Se tocchi qualcuno, ti ammali” http://www.francesfarmersrevenge.com/stuff/serialkillers/heirens.htm ). Amo ogni aspetto che deriva dall’essere un’artista e come ogni mezzo espressivo può rispondere a un altro. Anche le collaborazioni con altri musicisti, fotografi, registi, fashion designer sono molto importanti per me. Creare un qualcosa di bello e poetico che si basa sui miei standards è ciò che da artista trovo appagante e sento davvero l’esigenza di unire diverse modalità di espressione per realizzare tutto questo. Le canzoni del mio EP “Six Uses For a Heart” e il prossimo LP sono ispirate alla favola di  Andersen “Le scarpette rosse” poichè ritengo questa storia una grande metafora della vita di un’artista: hai bisogno di essere in contatto con i tuoi istinti per “danzare” perchè è nella tua natura e lo devi fare, trovare una specie di equilibrio tra i tuoi demoni e ciò che di mantiene vivo e ti fa stare bene. Questa è la ragione per cui ho indossato scarpette da ballo sporche cosparse di glitter per il servizio fotografico per l’ EP. Ogni cosa esprime un messaggio e credo che l’uso di diversi modi per esprimere qualcosa renda il messaggio più forte”.  

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

“Un nuovo LP che è quasi pronto! E anche un libro con Sue Rynski (www.suerynski.com), incredibile artista che ha fotografato la scena underground di Detroit alla fine degli Anni Settanta – Johnny Thunders, Patti Smith, Iggy Pop, Ron Asheton, Destroy All Monsters – il cui lavoro attuale è altrettanto meraviglioso. L’ho conosciuta circa due anni fa a Parigi ed ha fotografato molti dei miei concerti, poi abbiamo realizzato ulteriori shooting “programmati”.Successivamente è venuta l’idea di fare un libro con le sue fotografie ed i testi delle mie canzoni. Stiamo attualmente lavorando ad esso. Recentemente ho avuto l’onore di avere la mia canzone ” I want to be you” inclusa nella colonna sonora del nuovo film di Bruce LaBruce’s “LA Zombie”  che ha anche girato il video di questa canzone  ascoltabile nel trailer ufficiale. Sono stata una ammiratrice per diversi anni e quando ho avuto l’opportunità di lavorare con gente il cui lavoro adoro significa che le cose stasnno andando nella giusta direzione. E per me la direzione giusta di certo coinvolge gente che convidono questi valori. Recentemente ho avuto l’onore di avere la mia canzone ” I want to be you” inclusa nella colonna sonora del nuovo film di Bruce LaBruce’s “LA Zombie” che ha anche girato il video di questa canzone che si può ascoltare nel trailer ufficiale. Sono stata una ammiratrice per diversi anni e quando ho avuto l’opportunità di lavorare con gente il cui lavoro adoro significa che le cose stasnno andando nella giusta direzione. E per me la direzione giusta di certo coinvolge gente che convidono questi valori”. 

France de Griessen, still from her video "Ballerina" directed by Benoît Lelièvre "Revolution has your face" by France de Griessen

France de Griessen

 

“Dare” by France de Griessen

 

Revolution has your face by France de Griessen

  www.francedegriessen.com