You are currently browsing the tag archive for the ‘sharings’ tag.

love

Today I ran into the post wrote by Ralph Nader, author and renowned American lawyer who introduced the class actions in USA legal system, making concrete the ideas sang yesterday by Patti Smith “people have the power”( who as law graduated student made the book “Unsafe at any speed” in 1965, where he told about the lack of conformity and quality of a product, circumstance which gave rise to the binding Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, where he claimed for damages his privacy, person and reputation suffered. The consequence has been a compensation set up by the tribunal for the damage he suffered along with the obligation of General Motor’s President to publicly apologizes for the false accuses, made to Nader. It was the first time in USA it has given voice to consumers against the hyper power of multinationals).

The piece Love, corporate-style, features in his blog on Huffington Post I am glad to share with you dear FBFers as it focuses on issues that are closely connected to fashion, the fashion brands, their real or apparent adherence to the brand history, realm concerning fashion marketing, the impact of social media, social opinion during contemporary times, as well as the role of consumers inside a certain market, individuals who are at first individuals and eventually they can be consumers of a certain product or a wide range of products. And if the consumer yesterday has to be considered as a passive subject market, today the web, the 2.0 age, emancipated him, made him more informed, conscious and free.

Therefore many marketing experts started talking about spiritual values connected to the marketing, consumers as well as the companies producing goods. That reminds me of the words by Adriano Olivetti, embodied in the book “Ai lavoratori”, illuminated businessman I remind with respect and nostalgia, who focused in his work on immaterial values, the ones that aren’t just only in the profits index (as he asserted talking behind his workers: “there is beyond the apparent rhythm something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”), talking about responsibility, respect of individual and knowledge. Those are spiritual values which should be the core of a company, considered and made concrete by a fashion company, as it was made by brands as Timberland (a brand development model coherent with its brand history), the ethical fashion brand Carmina Campus, as well as embodied in the choices of consumers in order to be more conscious and free as we are born to live and not to consume or being consumed by consuming.

LOVE, CORPORATE-STYLE

“Mitt Romney famously said during his most recent bid for the presidency: “Corporations are people, my friend.” Perhaps nothing else better surmises the state of our country — even the state of our culture — than a prominent politician running for the presidency openly advancing such a flawed opinion. It is no secret that corporations now wield immense power in our elections, in our economy, and even in how we spend time with our friends and families. Corporate entities, in their massive, billion dollar efforts to advertise and “brand” themselves, not only want consumers to think of them as people, but even as “friends.” If a corporation could hit the campaign trail itself, one could imagine it uttering the phrase: “Corporations are friends, my people.”

I recently came across a full-page ad in the New York Times. The ad, which shows a tiny baby’s hand clutching the fingers of an adult hand, is captioned with the words: “Love is the most powerful thing on the planet.” It goes on to read: “For all the things in your life that make life worth living — Johnson and Johnson, for all you love.” Notably, this is Johnson and Johnson’s first “corporate branding” campaign in over a decade.

This poses an interesting question. What exactly is corporate love? Love is a very human emotion – but, coming from a business conglomerate whose over-riding goal is bigger profits — this message rings hollow.

An April 24 New York Times article (interestingly enough, the same paper the “For All You Love” ad appeared in) notes that Johnson and Johnson recalled 280 million packages of over-the-counter medication and two hip replacement models in 2010. Ten thousand lawsuits were filed as a result of these faulty hip replacements, including one lawsuit that forced Johnson and Johnson to pay out $8.3 million in damages.

Suddenly, a clearer picture begins to emerge. In this case, “corporate love” is merely a two-faced attempt to establish trust after — or in anticipation of — the disclosure of a negligent product failure. The phrase “to err is human, to forgive is divine” comes to mind. But, of course, corporations aren’t human.

The idea of “humanizing” a corporation is certainly not unique to Johnson and Johnson. Our corporate “friends” are all around us. They are dominating our publicly owned airwaves with their slogans, filling our skies with their logos on billboards, showing up on the sides of city buses, and collecting our browsing preferences so as to better appeal to us on the internet. One might say that “corporate love” has been a part of American culture as long as corporations have advertised. This idea of trust in a brand name — of allowing a corporation to “earn” your “friendship” — is one that perhaps has allowed the corporate entity to dominate so many aspects of our culture. People become attached to brands. How many people do you know that only use a certain type of shampoo or drink their preferred brand of beer?

To the younger generation, social media has become a massive part of the public forum. Look to Twitter, where companies like Walmart routinely “tweet” benign questions such as: “Cats or dogs… or both? Tell us what pet companion keeps you happy.” McDonald’s recently tweeted: “Good morning! Any big plans for the weekend?” Coca-Cola says: “Proven fact: making friends is easy when you’re bubbly, refreshing and delicious.” They’re not kidding — Coca-Cola has over a million “followers” on that website. (Who’s going to make concepts like “justice” bubbly, refreshing and delicious so as to get a million followers?”)

Don’t be fooled by these friendly panderings. These are multi-billion dollar companies attempting to win your trust to sell their products and often, to divert attention away from more disturbing truths — perhaps their products are unhealthy, or addictive, or damaging to the environment, or simply that their corporate executives regularly place profits over people. Social media accounts such as @Walmart “feign humanity and engage with users” as comedian Rob Delaney recently put it in an interview with Yahoo!

As the official Walmart account tweets: “Whew- Retweet if you agree that it’s too hot for hairdryers!” the executives that run that company choose to underpay their workers which forces taxpayers to subsidize many Walmart employees through social service programs, take advantage of communities, and use excess profits to buy back stock to line the pockets of its biggest shareholders. Given these transgressions, who cares about hairdryers?

So let’s conduct an experiment. The goal is to send a message to some of these giant corporations who are so obsessed with establishing themselves as your “friends” while taking advantage of our health, our workers, our electoral system, our government, our justice system and our economy. Take to the social media ramparts. Send out a tweet directed at the corporations you feel are the worst perpetrators of this snake-oily style of branding and question their worst offenses. Use the hashtag #corporatelove.

Let’s inform abusive companies like McDonald’s and Walmart that entities created for profit are not our buddies, but rather “legal fictions” that must be held accountable to human necessities”.

“AMORE, STILE AZIENDALE”

 

Oggi mi sono imbattuta nel post di Ralph Nader, scrittore e rinomato avvocato che ha introdotto l’ azione di categoria nel sistema giuridico Americano, concretizzando l’ idea cantata da Patti Smith che “people have the power”( che da studente neolaureato ha scritto il libro “Insicuro a qualsiasi velocità” nel 1965, in cui parlava di difetto di conformità e qualità di un prodotto, circostanza che ha dato vita al precedente vincolante Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, in cui rivendicava i danni per la violazione di privacy a danni alla sua persona e reputazione. La conseguenza è stata un risarcimento dei danni a lui accordato dal tribunale unitamente all’ obbligo del presidente della General Motors a chiedere scusa pubblicamente a lui per le false accuse da essa presentate. Era la prima volta che negli USA era stata data voce ai consumatori contro lo strapotere delle multinazionali):

Il pezzo “Love, corporate-style” è protagonista oggi del suo blog su Huffington Post che son lieta di condividere con voi cari FBFers, essendo  incentrato su problematiche che sono strettamente connesse alla moda, ai brand di moda, la loro reale o apparente aderenza alla storia di brand, ambito che riguarda il fashion marketing, l’ impatto dei social media, della social opinion nella contemporaneità, come anche il ruolo dei consumatori all’ interno di un certo mercato, individui che sono per prima cosa individui ed eventualmente possono essere consumatori di un certo prodotto o un’ ampia gamma di prodotti. E se ieri il consumatore poteva essere considerato come un soggetto passivo dinanzi al mercato, oggi il web, l’ epoca 2.0, lo ha emancipato, rendendolo più informato, consapevole e libero.

Pertanto plurimi esperti di marketing hanno iniziato a parlare di valori spirituali connessi al marketing, ai consumatori e alle aziende che producono beni di consumo. Ciò mi ricorda le parole di Adriano Olivetti, racchiuse nel libro “Ai lavoratori”, imprenditore illuminato che ricordo con rispetto e nostalgia che ha incentrato il suo lavoro su valori immateriali, quelli che non si trovano soltanto nell’ indice dei profitti (come costui affermava parlando al cospetto dei suoi operai: “c’è qualcosa al di là del ritmo apparente di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”), parlando di responsabilità, rispetto della persona e conoscenza. Questi sono valori spirituali che dovrebbero essere alla base di un’ azienda, considerati e concretizzati da un’ azienda di moda, come è stato fatto da brands quali Timberland (un modello di sviluppo di brand coerente con la sua storia di brand), il brand di moda ethical Carmina Campus, come anche racchiuso nelle scelte dei consumatori al fine di essere più consapevoli e liberi poiché siamo nati per vivere e non per consumare o essere consumati dal consumo.

AMORE, STILE -AZIENDALE

“E’ celebre ciò che Mitt Romney ha detto durante la sua candidatura alla presidenza: “Le aziende sono persone, amico mio”: Forse niente altro meglio si riesce a immaginare in merito allo stato del nostro paese – anche dello stato della nostra cultura – di un illustre politico in corsa alla presidenza che apertamente avanza un’ opinione talmente fallace. Non è un mistero che le aziende adesso esercitino un potere immenso nelle nostre elezioni, nella nostra economia, e anche nel modo in cui passiamo il tempo con i nostri amici e le famiglie. Le Entità aziendali, nei loro massicci tentativi da milioni di dollari per pubblicizzare e “brandizzare” sé stessi, non soltanto vogliono che i consumatori pensino a loro come persone, ma anche come “amici”. Se un’ azienda potesse colpire l’ iter stesso dellla campagna, lo si potrebbe immaginare sentendo la frase: “le aziende sono amici, gente mia”.

Mi sono recentemente imbattuto in una pubblicità a pagina intera nel New York Times. La pubblicità, che mostra la tenera mano di un bebè mentre stringe le dita di un adulto, è sottotitolata dalle parole: “L’ amore è la cosa più potente del pianeta”. Si continua a leggere: “Per tutte le cose nella tua vita che rendono la vita degna di essere vissuta — Johnson and Johnson, per tutto ciò che ami.” Da notarsi che questa è la prima campagna di “branding aziendale” della Johnson and Johnson in più di una decade.

Ciò pone un interessante quesito. Cosa è esattamente l’ amore aziendale? L’ amore è un’ emozione molto umana – ma, proveniente da un agglomerato aziendale che ha quale primaria finalità l’ ottenimento di profitti più alti — questo messaggio  risuona vacuo.

Un articolo del New York Times del 24 aprile (alquanto stranamente, la stessa pagina pubblicitaria “Per Tutto Ciò Che Ami” ivi appariva) nota che la Johnson and Johnson ha ritirato 280 milioni di confezioni di medicinali non prescrivibili e due protesi all’ anca difettose nel 2010. Dieci mila azioni legali sono state avviate a causa di queste protesi all’ anca difettose, comprensive di un’ azione legale che ha costretto la Johnson and Johnson a pagare 8.3 milioni di dollari di danni.

Improvvisamente, inizia a emergere una visione più chiara. In questo caso, ”l’ amore aziendale” è meramente un doppiogiochista tentativo per stabilire la fiducia dopo – o in anticipo a — la divulgazione di una responsabilità per difetto del prodotto. Viene in mente la frase “errare è umano, perdonare è divino”. Ma, naturalmente, le aziende non sono umane.

L’ idea di “umanizzare” un’ azienda non è certamente una prerogativa della Johnson and Johnson. I nostri “amici” aziendali sono intorno a noi. Stanno dominando le nostre reti radio di proprietà pubblica con i loro slogan, riempiendo i nostri cieli con i loro loghi su cartelloni, che sono messi in evidenza sui lati degli autobus cittadini, e collezionando le nostre preferenze di browser per piacere di più a noi su internet. Si potrebbe ritenere che “l’ amore aziendale” sia stato una parte della cultura americana dal momento in cui le aziende hanno fatto pubblicità. Questa idea di fiducia nel nome di un brand – di permettere a un’ azienda di “guadagnare” “amicizia” – è qualcosa che forse ha consentito all’ entità aziendale di dominare su così tanti aspetti della nostra cultura. Le persone diventano attaccate ai marchi. Quante persone si conoscono che usano soltanto un certo tipo di shampoo o bevono birra del loro marchio preferito?

Per le generazioni più giovani, i social media sono diventati una rilevante parte del public forum. Guardiamo Twitter, in cui aziende quali Walmart abitualmente include nei suoi “tweet” domande benevole quali: “Cani o gatti…o entrambi? Diteci quale compagno cucciolo vi rende felici”. McDonald’s recentemente ha tweettato: “Buongiorno! Avete qualche grande idea per il weekend?” Coca-Cola dice: “Fatto provato: è facile fare amicizia quando sei frizzante, rinfrescante e deliziosa”. Non è uno scherzo – la Coca-Cola ha più di un milione di “followers” su quel sito web. (Chi è colui che sta elaborare idee quali “giustizia” frizzante, rinfrescante e deliziosa in modo da ottenere un milione di followers?”)

Non lasciatevi ingannare da queste amichevoli lusinghe. Queste sono aziende multimiliardarie che tentano di conquistare la vostra fiducia per vendere i loro prodotti e spesso, per distogliere l’ attenzione da più disturbanti verità – forse i loro prodotti sono insalubri, o causano dipendenza o danneggiano l’ ambiente, o semplicemente che i loro capi d’ azienda regolarmente posizionano i profitti sulle persone. Gli accounts sui social media quali @Walmart “simula umanità ed entra in contatto con gli users” come il comico Rob Delaney ha ammesso in un’ intervista con Yahoo!

In quanto l’ account ufficiale di Walmart tweetta: “Ehi- Retweetts se sei d’ accordo che è troppo caldo per gli asciugacapelli!” i capi aziendali che gestiscono quell’ azienda scelgono di sottopagare i loro operai che costringe i contribuenti a fornire sussidi a molti impiegati della Walmart attraverso programmi di servizi sociali, che traggono vantaggi dalle comunità, e usano i profitti per riacquistare stock per allineare i pacchetti dei suoi più grandi azionisti. Date queste trasgressioni a chi importa degli asciugacapelli?

Facciamo quindi un esperimento. L’ obiettivo é mandare un messaggio ad alcune di queste gigantesche aziende che sono talmente ossessionate dal dimostrarsi vostre amiche mentre traggono vantaggio dalla nostra salute, dai nostri lavoratori, dal nostro sistema elettorale, dal nostro governo, dal nostro sistema giuridico e dalla nostra economia. Serviamoci dei baluardi dei social media. Mandiamo un tweet diretto alle aziende che reputi siano i peggiori perpetuatori di questo stile di branding da venditori di fumo e critica le loro peggiori infrazioni. Usa l’ hashtag #corporatelove.

Informiamo le aziende speculatorie quali McDonald’s e Walmart che le aziende create per il profitto non sono nostri amici, ma soltanto “finzioni giuridiche” che devono essere considerate responsabili delle necessità umane”.

Advertisements
Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Modesign/Fashion at Iuav 2013 ended with a series of smashing initiatives under the sign of fashion and its culture. The last day started with “Per una fotografia italiana di moda”, talk which was held at the Treviso TRA (Treviso, Ricerca, Arte) cultural association moderated by Saul Marcadent with a panel of experts which included Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Sabrina Ciofi who talked about media, magazines and independence. The focus of the talk was independence and the freedom of experimentation and involving emerging creatives.

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Christopher Arden-Houser at the talk

Christopher Arden-Houser at the talk

That is a true and reasonable issue, though the independence as value in action should concern the whole circuit which gives rise to a magazine, even if it’s hard to commercialize an independent magazine without using the mainstream circuit of distribution. It’s hard, but it’s not impossible (otherwise the independence and values such as integrity and vision are just a charming artifice, hiding a dynamic of the mainstream press which, considering its role and position, frequently inserted in big group of media companies, should act differently, in the name of big numbers. Independence would be the only means for justifying the existence of a different product, resulting from its contents and it would be a too weak basis).

The exhibition  "Six photographers for six fashion magazines"at Treviso Tra

The exhibition “Six photographers for six fashion magazines”at Treviso Tra

Anja Aronowsky-Cronenberg, the editor-in-chief of magazine Vestoj, talked about her work experience, focusing on the Vestoj’s Manifesto which forbids any advertising (the most sensitive topic which is the condition of health and long life of a magazine) and represents the compromise which a magazine has to do, balancing and addressing the information given to the needs coming from the brands that paid for it), something I appreciated very much. (After all the times are ready to give rise to a new marketing strategy which is ethical inside out the realm of media). The talk ended with the visit at the exhibition “Flou, six photographers for six independent magazines”, curated by Saul Marcadent which included a beautiful portrait pic of Suzy Menkes.

6

7

8

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

Later in the early afternoon I visited another exhibition, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”, curated by Cristiano Seganfreddo. The event has shared with another event, the launch of the fashion tradeshow event Origin, Passion and Beliefs, created by Fiera di Vicenza and Not Just a Label and has been a successful chance to appreciate the laudable work made by Iuav students as Sophia Crema and Alma Ricci as well as to see Stefan Siegel of NJAL.

11

12

13

Linen Yarn

Linen Yarn

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Hannah Donkin from London Central Saint Martin's

Hannah Donkin from London Central Saint Martin’s

17

Gianmarco Barnes

Gianmarco Barnes

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin's

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin’s

Sophia Crema and Alma Ricci

Sophia Crema and Alma Ricci

Cristiano Seganfreddo

Cristiano Seganfreddo

Silvano Arnoldo and me

Silvano Arnoldo and me

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The day ended with two fashion shows, the Iuav Graduation show, curated by Kinkaleri which took place at the Treviso Edmondo De Amicis elementary school and the MA Graduation show, a fashion performance curated by Kinkaleri which was held at the Treviso Chamber of Commerce. The fashion shows displayed  the excellence of the emerging creativity from Iuav in the realm of menswear, presenting outfits that were ready to be commercialized and have nothing less than the products by emerging brands I saw recently during the latest fashion tradeshow events. That is a relevant result got by a public institution which trains young creatives and I celebrate as to study for becoming a fashion designer is a chance everyone should have beyond its own balance restrictions.

 

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(3)

The Iuav graduation show

The Iuav graduation show

Modesign/Fashion at Iuav 2013 si è concluso con una serie di formidabili iniziative all’ insegna della moda e della sua cultura. L’ ultimo giorno è cominciato con “Per una fotografia italiana di moda”, talk che si è tenuto presso l’ associazione culturale TRA (Treviso, Ricerca, Arte) di Treviso moderato da Saul Marcadent con un gruppo di esperti che ha incluso Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari e Sabrina Ciofi che hanno parlato dei mass-media, magazines e independenza. Il fulcro del talk era l’ indipendenza e la libertà di sperimentazione e coinvolgimento di creativi emergenti.

25

26

28

Ciò è vero e ragionevole, benché l’ indipendenza quale valore in azione dovrebbe riguardare l’ intero circuito che dà vita a un magazine, pur essendo difficile commercializzare un magazine indipendente senza avvalersi del circuito di distribuzione di mainstream. É difficile, ma non è impossibile (altrimenti l’ indipendenza e valori quali integrità e visione sono soltanto un affascinante artificio che nasconde una dinamica della editoria di mainstream che, considerando il suo ruolo e la sua posizione, frequentemente inserita in grandi gruppi di società, dovrebbe agire diversamente, nel nome di grandi numeri. L’ indipendenza sarebbe l’ unico mezzo per giustificare l’ esistenza di un prodotto differente che deriva  la sua indipendenza unicamente dai suoi contenuti e ciò sarebbe un fondamento troppo debole).

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

30

31

Anja Aronowsky-Cronenberg, il direttore editoriale del magazine Vestoj, ha parlato della sua esperienza lavorativa, soffermandosi sul Manifesto di Vestoj che vieta ogni pubblicità (l’ argomento più sensibile che è la condizione di salute e lunga vita di un magazine) e rappresenta il compromesso che un magazine deve fare, bilanciando e indirizzando l’ informazione fornita alle esigenze derivanti dai brand che hanno pagato la pubblicità), qualcosa che ho apprezzato molto. ( Dopo tutto i tempi sono maturi per dar vita a una nuova strategia di marketing che sia etica dentro e fuori dall’ ambito dei mass media). Il talk si è concluso con la visita alla mostra “Flou, sei fotografi per sei magazines indipendenti”, curata da Saul Marcadent che includeva un bel ritratto di Suzy Menkes.

32

33

34

35

36

37

38

39

Successivamente, nel primo pomeriggio ho visitato un’ altra mostra, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”,curata da Cristiano Seganfreddo. L’ evento è stato condiviso da un altro evento, il lancio dell’ evento fieristico di moda Origin, Passion and Beliefs, creato da Fiera di Vicenza e Not Just a Label ed è stato una felice occasione per apprezzare il lodevole lavoro realizzato dagli studenti della Iuav quali Sophia Crema ed Alma Ricci come anche per incontrare Stefan Siegel di NJAL.

40

41

42

43

44

45

46

 Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show


Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show

La giornata si è conclusa con due sfilate, la Iuav Graduation show, curata da Kinkaleri che ha avuto luogo presso la Scuola Elementare di Treviso Edmondo De Amicis e il MA Graduation show, una fashion performance curata da Kinkaleri che si è tenuta presso la Camera di Commercio di Treviso. Le sfilare hanno esposto l’ eccellenza della creatività emergente della Iuav nell’ ambito dell’ abbigliamento uomo, presentando outfits che erano pronti per essere commercializzati e non hanno nulla in meno dei prodotti di brand emergenti che ho recentemente visto in occasione degli ultimi eventi fieristici di moda. Ciò è un risultato significativo ottenuto da una istituzione pubblica che forma giovani creativi e celebro poiché studiare per diventare un fashion designer è una possibilità che tutti dovrebbero avere a prescindere dal proprio vincolo di bilancio.

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

49

50

51

52

53

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

 Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University


Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University

Modesign/Fashion’s event at Iuav 2013, happened recently and it consisted of exhibitions at Iuav University such as “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curated by Maria Bonifacic, “Fashion ephemera by Antonio Marras” curated by Mario Lupano (with whom I shared a Summer Epicurean interlude in a smashing place, the Giardino Bistrot, along with the blogger Nally Bellati, we had a delicious and fresh chicken salad and drank fresh mint tea) and the display of Bag factor 2013, which presented the results of a bag design workshop in collaboration with Bottega Veneta  and curated by Elda Danese.

2

3

The magazines on display

The magazines on display

5

The book written by the Iuav's professors as Maria Luisa Frisa

The book written by the Iuav’s professors as Maria Luisa Frisa

The final dissertation of a Iuav graduated student

The final dissertation of a Iuav graduated student

A fragment of students' life at Iuav

A fragment of students’ life at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

Another smashing exhibition about the textiles has been “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which was held at the Treviso Archivio di Stato and showcased the work by Paoletti woolen mill.

The works by Iuav students

The works by Iuav students

11

12

13

14

15

16

The shooting area at Iuav

The shooting area at Iuav

Bag factor 2013

Bag factor 2013

19

20

The day continued with talks moderated by Giusi Ferrè where I met Brunello Cucinelli, appreciating his simplicity, dressed up with catholic-communist suggestions and many quotations, self-service of pre-packed thoughts (coming from Immanuel Kant, Vittorio Alfieri and another one which is commonly used in the fashion scene beyond the reading of “The idiot” by Fiòdor Dostoiewski: “beauty will save the world”, though he has been very elusive about the concept of his brand) and the words of Stefano Beraldo, CEO of Coin Group who told about the projects made in the realm of luxury as the opening of the Milan concept-store Excelsior as well in the fast-fashion realm started by Oviesse, the fast-fashion chain of group, involving fashion schools, graduated students and fashion designers in collaboration with Central Saint Martin’s and Matthew Williamson who announced the last step of project: a collaboration on the same project with the Milan fashion school Istituto Marangoni and the brand Aspesi.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(2)

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

Modesign l’ evento Moda alla Iuav del 2013, ha recentemente avuto luogo ed ha compreso mostre presso l’ Università Iuav quali “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curata da Maria Bonifacic, “Fashion ephemera di Antonio Marras” curate da Mario Lupano (con il quale ho condiviso un intermezzo estivo epicureo in un formidabile luogo, il Giardino Bistrot unitamente alla blogger Nally Bellati, abbiamo gustato una deliziosa e fresca insalata di pollo e bevuto tè verde alla menta) e l’ esposizione di Bag factor 2013 che presentava i risultato di un workshop di design della borsa in collaborazione con Bottega Veneta e curato da Elda Danese.

 The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot


The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Mario Lupano

Mario Lupano

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot's owners

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot’s owners

Un’ altra formidabile mostra sui tessuti è stata “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che si è tenuta presso l’ Archivio di Stato di Treviso ed ha esposto l’ opera del lanificio Paoletti.

26

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

28

29

30

31

33

34

35

36

37

The Treviso Archivio di Stato

The Treviso Archivio di Stato

La giornata è continuata con i talks moderati da Giusi Ferrè presso i quali ho incontrato Brunello Cucinelli, apprezzando la sua semplicità, condita da suggestioni catto-comuniste e plurime citazioni, self-service di pensieri preconfezionati (provenienti da Immanuel Kant, Vittorio Alfieri e un’ altra che è comunemente usata negli ambienti della moda al di là della lettura de “L’ idiota” di Fiòdor Dostoiewski: “la bellezza salverà il mondo”, benché sia stato molto elusivo riguardo al concept del suo brand) e le parole di Stefano Beraldo, CEO del Gruppo Coin che ha parlato dei progetti realizzati nell’ ambito del lusso quali l’ apertura del concept-store di Milano Excelsior come anche nellì ambito della fast-fashion intrapresi da Oviesse, la catena di fast-fashion del gruppo che coinvolgono scuole di moda, studenti neo-diplomati e fashion designers in collaborazione con la Central Saint Martin’s e Matthew Williamson, costui ha annunciato l’ ultimo passo del progetto: una collaborazione con la scuola di moda milanese Istituto Marangoni e il brand Aspesi.

A view on Treviso, a beautiful city

A view on Treviso, a beautiful city

 

A  drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

A drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

 Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude


Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

 Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo


Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

Hotel Continental

Hotel Continental

The Newcomers 2013 is a laudable initiative at Modesign/Fashion at Iuav 2013 showcasing the works of the students of Iuav University Faculty of Fashion Design in many Treviso boutiques as well as in the Continental Hotel ( the set of movie “The consequences of love” by Paolo Sorrentino featuring Tony Servillo), place displaying the work by Gianluca Ferracin, inspired by the Asburgic era.

Hotel Continental

Hotel Continental

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

The emerging creativity and fashion culture, a value and a continuous dialogue, was the theme of two talks moderated by Cristiano Seganfreddo and Giusi Ferrè that took place at the Treviso Loggia dei Cavalieri and considered the purpose of a fashion school, the Treviso Faculty of Fashion Design (created in 2005 by Maria Luisa Frisa), for working on the Italian fashion identity in a region, the Veneto, hosting 9600 fashion companies and in a city, Treviso, including over 2000 fashion companies.

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

A main focus at the Iuav University is to join the training and working with promotion and the active process of observing the fashion project while questioning contemporary lifestyle. An important step in the further development of this laudable work has been the words by the new Treviso major, Giovanni Manildo, who has been one of the experts included in the second talk and considered the chance of bringing again the Biennale of Applied Arts in Treviso. Maybe as Giusi Ferrè asserted during the end of the second talk, that could be the starting point of something which could be (hopefully) developed in the forthcoming times: words to think about and do more and better.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013 (1)

9

I Newcomers 2013 è una lodevole iniziativa alla Modesign/Fashion at Iuav 2013 che espone i lavori degli studenti della Facoltà di Fashion Design dell’ Università Iuav in molte boutiques di Treviso come anche nell’ Hotel Continental ( il set del film “Le consequenze dell’ amore” di Paolo Sorrentino con Tony Servillo), luogo che espone il lavoro di Gianluca Ferracin che si ispira all’ era asburgica.

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

La creatività emergente e la cultura della moda, un valore e un continuo dialogo, è stato il tema di due talks moderati da Cristiano Seganfreddo e Giusi Ferrè che ha avuto luogo alla Loggia dei Cavalieri di Treviso ed ha considerato la finalità di una scuola di moda, la Facoltà di Fashion Design di Treviso (creata nel 2005 da Maria Luisa Frisa), per lavorare sull’ identità della moda italiana in una regione, il Veneto che ospita 9600 aziende di moda e in una città, Treviso che include più di 2000 aziende di moda.

Agnese Pottino

Agnese Pottino

13

Venice artisanal cufflinks

Venice artisanal cufflinks

Una rilevante obiettivo dell’ Università Iuav è unire la formazione e il lavoro e operare nella promozione e il procedimento attivo nell’ osservare il progetto moda mentre si discute del lifestyle contemporaneo. Un importante passo nell’ ulteriore consolidamento di questa lodevole opera sono state le parole del nuovo sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, che è stato uno degli esperti inclusi nel secondo talk ed ha preso in considerazione la possibilità di riportare la Biennale delle Arti Applicate a Treviso. Forse come ha affermato Giusi Ferrè alla fine del secondo, ciò potrebbe essere l’ inizio di qualcosa che (sperabilmente) potrebbe essere sviluppato in futuro: parole per pensare e fare di più e meglio.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

The artist Antonio Riello

The artist Antonio Riello

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

flou

 

 

June 28th 2013Flou, six photographers for six independent magazines”, exhibition curated by Saul Marcadent running through 13th July 2013, which will show the works by Nicol Vizioli from Drome, Giorgio Cacace from Hunter, Bea De Giacomo from Kaleidoscope, Julia Frommel from Nero, Alan Chies from Pizza and Marco Pietracupa from Studio, in Treviso at the cultural association TRA (Treviso Ricerca Arte).

Nicol Vizioli

Nicol Vizioli

The exhibition is organized by the Fashion Design and Multimedia Arts Faculty of IUAV University of Venice for Modesign/Fashion at Iuav 2013 and includes the launch of a publication, limited edition of 500 copies, in tabloid format and a talk which will be held on 5th July 2013 at TRA (during the closing day of Modesign/Fashion at Iuav 2013) and will feature Maria Luisa Frisa, Gabriele Monti, Anja Aronowsky Cronberg and Saul Marcadent. A not to be missed happening to enjoy bright creatives and the laudable work of a public institution to develop, spread and share the fashion culture.

MODA & FOTOGRAFIA:” FLOU, SEI FOTOGRAFI PER SEI MAGAZINES INDEPENDENTI” ALLA TRA DI TREVISO

Nicol Vizioli

Nicol Vizioli

Il 28 giugno 2013 si terràFlou, sei fotografi per sei magazines indipendenti”, mostra curata da Saul Marcadent che proseguirà fino al 13 luglio 2013, esporrà le opere di Nicol Vizioli di Drome, Giorgio Cacace di Hunter, Bea De Giacomo di Kaleidoscope, Julia Frommel di Nero, Alan Chies di Pizza e Marco Pietracupa di Studio, a Treviso presso l’ associazione culturale TRA(Treviso Ricerca Arte).

Alan Chies

Alan Chies

La mostra è organizzata dalla Facoltà di Fashion Design e Arti Multimediali della Università IUAV di Venezia per Modesign/Fashion at Iuav 2013 e include la presentazione di una pubblicazione, edizione limitata di 500 copie, in formato tabloid e un talk che si terrà il 5 luglio 2013 presso la TRA (in occasione della giornata di chiusura di Modesign/Fashion at Iuav 2013) e avrà quali protagonisti Maria Luisa Frisa, Gabriele Monti, Anja Aronowsky Cronberg e Saul Marcadent. Un evento imperdibile per apprezzare brillanti creative e il lodevole lavoro di una pubblica istituzione per consolidare, spargere e condividere la cultura della moda.

Alan Chies

Alan Chies

 

Bea De Giacomo

Bea De Giacomo

 

 

Bea De Giacomo

Bea De Giacomo

 

Giorgio Calace

Giorgio Calace

 

Giorgio Calace

Giorgio Calace

 

 

Julia Frommel

Julia Frommel

 

 

Julia Frommel

Julia Frommel

 

 

Marco Pietracupa

Marco Pietracupa

 

Marco Pietracupa

Marco Pietracupa

 

 

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

biennal ila

Ilaria Venturini Fendi, darling friend, bright creative, illuminated entrepreneur and sustainability activist will be in the exhibition “White shot” during the 55th edition of Venice Biennal, by the traveling New York art gallery The Pool NYC, which will present the works by interior designers and artists such as Tadao Ando, Alison Blickle, Gaia Carboni, Eteri Chkadua, Patrick Jacobs, Robert Lazzarini, Austin Lee, Jonathan Rider, Andrea Salvatori, Bianca Sforni, Fabio Viale and opens on 28th June 2013 at the Giardino Ca’ Civran Badoer Barozzi.

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi

The exhibition also will be held at the Campiello Giustinian and runs through 30th June 2013, showcasing the catchy and fun furniture, unique pieces Ilaria made under the sign of re-use, paradigm she made concrete at best in her work as fashion designer of brand Carmina Campus. A not to be missed happening to enjoy vibrant art suggestions.

“WIDE SHOT” AL GIARDINO CA’ CIVRAN BADOER BAROZZI & CAMPIELLO GIUSTINIAN CON LA CREATIVITÀ DI ILARIA VENTURINI FENDI

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi, cara amica, brillante creativa, imprenditrice illuminata e attivista della sostenibilità sarà protagonista della mostra “White shot” in occasione della 55ma edizione della Biennale di Venezia, con la galleria d’ arte itinerante di New York The Pool NYC che presenterà will present le opere di interior designers e artisti quali Tadao Ando, Alison Blickle, Gaia Carboni, Eteri Chkadua, Patrick Jacobs, Robert Lazzarini, Austin Lee, Jonathan Rider, Andrea Salvatori, Bianca Sforni, Fabio Viale e inaugurerà il 28 giugno 2013 presso il Giardino Ca’ Civran Badoer Barozzi.

Ilaria Venturini Fendi

Ilaria Venturini Fendi

La mostra si terrà anche presso il Campiello Giustinian e proseguirà fino al 30 giugno 2013, esponendo gli accattivanti e divertenti componenti di arredo, pezzi unici realizzati da Ilaria all’ insegna del riuso, paradigma da lei concretizzato al meglio nel suo lavoro di fashion designer del brand Carmina Campus. Un evento imperdibile per apprezzare vibrant suggestioni.

www.carminacampus.com

www.ashadedviewonfashion.com

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois, renowned brand of accessories established by Silvano Arnoldo and Massimiliano Battois, recently opened its second flagship store in Venice ( which is the native city of creatives as well as a source of their inspiration), in Campo San Maurizio, will showcase their bags and a catchy capsule collection of womenswear and accessories. The leitmotiv of brand is lightness and movement.

LA COLLEZIONE CAPSULE DI ARNOLDO BATTOIS CHE CELEBRA L’ APERTURA DEL LORO SECONDO FLAGSHIP STORE A VENEZIA 

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois, rinomato brand di accessori fondato da Silvano Arnoldo e Massimiliano Battois, ha recentemente aperto il secondo flagship store a Venezia (che è la città natia dei creative come anche una fonte della loro ispirazione), a Campo San Maurizio, esporrà le loro borse e una accattivante collezione capsule di abbigliamento da donna e accessori. Il leitmotiv del brand è la leggerezza e il movimento.

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

Arnoldo Battois

www.arnoldobattois.com

www.ashadedviewonfashion.com 

f 3 1

 

 

Nature, its culture, art, design and fashion that celebrate old tradition, craftsmanship and sustainability have been the main features at Floracult, the event created by the pioneer fashion designer – of Carmina Campus, brand of ethical fashion which promotes the culture of re-use – which was held in the Rome countryside at La Storta, I Casali del Pino, staged by Studio Dottor, architects studio of Pietro Dottor.

One of the features has been the Scuola per reinventori (School for re-inventors), in its second edition, curated by Clara Tosi Pamphili and Alessio De Navasques which hosted a factory of hand-embroidery and installation that showcased the sketches by Vincenzo Montini along with the vintage clothes by Elisabeth the first

The school for re-inventors

The school for re-inventors

 

The embroiderers at work

The embroiderers at work

 

The embroidery

The embroidery

f 3 5

 

Vincenzo Montini along with the sketches he made that were on show at the School for re-inventors

Vincenzo Montini along with the sketches he made that were on show at the School for re-inventors

It was also on show a bright idea, the digital vegetable garden, which joined the multimedia and the vegetable world, giving the chance to know immediately and easily about a grass by clicking on the picture of a grass.

The digital garden...and...

The digital garden…and…

 

...how it works

…how it works

I also was pleasantly amazed by the exhibition of photographs made by the visual and performer artist Emiliano Maggi which told about the tradition of boar-hunting under the sign of grotesque suggestions.

f 3 14

 

 

Emiliano Maggi

Emiliano Maggi

 

Emiliano Maggi

Emiliano Maggi

 

Craftsmanship, art and jewelry as the creations by Delfina Delettrez, little creatures made of silver, gold and enamel.

Delfina Delettrez

Delfina Delettrez

 

Suggestions concerning interior design by Costanza Algranti, we spoke and she told me how she found everything in the roof oxidized that became an intrinsic part of the furniture she created. The shades depict the silhouette of a woman and other lyrical suggestions that make these creations something beyond interior design and closer to an artwork.

f 3 21

 

 

Costanza Algranti

Costanza Algranti

 

FLORACULT (2): NATURA, ARTE, DESIGN E MODA PER CELEBRARE ARTIGIANALITÀ & SOSTENIBILITÀ

The school for re-inventors

The school for re-inventors

 

Natura, la sua cultura, arte, design e moda che celebrano l’ antica tradizione, l’ artigianalità e la sostenibilità sono stati i principali protagonisti di Floracult, l’ evento creato dalla pionieristica fashion designer – di Carmina Campus, brand of moda ethical che promuove la cultura del riuso – che si è tenuto nella campagna di Roma, a La Storta, I Casali del Pino, allestiti da Studio Dottor, lo studio di architetti di Pietro Dottor.

Uno dei protagonisti è stata la Scuola per reinventori, curata da Clara Tosi Pamphili e Alessio De Navasques che ha ospitato nella sua seconda edizione un laboratorio di ricamo a mano e una installazione che ha esposto i disegni di Vincenzo Montini unitamente agli abiti di Elisabeth the first.

 

The school for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

The school for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

 

The school for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

The school for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

 

È stata anche in mostra una brillante idea, l’ orto digitale che ha unito la multimedialità e il mondo vegetale, offrendo la possibilità di conoscere immediatamente e facilmente una pianta cliccando sull’ immagine di una pianta.

 

The School for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

The School for re-inventors featuring the sketches by Vincenzo Montini

 

Sono stata anche piacevolmente stupita dalla mostra di fotografia realizzate dall’ artista e performer Emiliano Maggi che raccontava la tradizione della caccia al cinghiale all’ insegna di grottesche suggestioni.

 

Emiliano Maggi

Emiliano Maggi

 

 

Emiliano Maggi and his mother

Emiliano Maggi and his mother

 

Artigianalità, arte e gioielli come le creazioni di Delfina Delettrez, piccole creature realizzate in argento, oro e smalto.

Delfina Delettrez and me

Delfina Delettrez and me

 

Le suggestioni inerenti l’ interior design di Costanza Algranti, con cui ho parlato e mi ha detto come abbia trovato tutto nei tetti ossidati che sono diventati una parte intrinseca dei componenti d’ arredo da lei create. Le sfumature ritraggono la silhouette di una donna e altre suggestioni liriche che rendono queste creazioni qualcosa che va al di là dell’ interior design ed è più vicino a un’ opera d’ arte.

 

Costanza Algranti

Costanza Algranti

 

 

Costanza Algranti

Costanza Algranti

 

 

www.floracult.com

www.carminacampus.com

www.ashadedviewonfashion.com

Floracult at I Casali del Pino

Floracult at I Casali del Pino

The fourth edition of Floracult, the event created by the illuminated fashion designer of Carmina Campus and activist Ilaria Venturini Fendi featured many scents, colors, flavors and events all celebrating nature and was held in the Rome countryside, at La Storta, I Casali del Pino.

The armadillo featuring in the house of animals at Floracult

The armadillo featuring in the house of animals at Floracult

f 2 3

Another little host at Floracult

Another little host at Floracult

One of this marvelous happenings concerns my meeting with Stefano Mancuso, expert of vegetal neurology, director of LINV ( International Laboratory of Vegetal Neurology) who featured in the book launch of “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale (Bright green. Sensibility and intelligence of vegetal world)” he wrote.

This event surprise me every year with new discoveries, successful meetings around a slow conscious and sustainable lifestyle.

The no-profit association Oxfam Italia featuring in Floracult

The no-profit association Oxfam Italia featuring in Floracult

Oxfam Italia

Oxfam Italia

f 2 6

One of this marvelous happenings concerns my meeting with Stefano Mancuso, expert of vegetal neurology, director of LINV ( International Laboratory of Vegetal Neurology) who featured in the book launch of “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale (Bright green. Sensibility and intelligence of vegetal world)” he wrote.

Stefano Mancuso during the book launch of “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale(Bright green. Sensibility and intelligence of vegetal world)”

Stefano Mancuso during the book launch of “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale(Bright green. Sensibility and intelligence of vegetal world)”

f 2 9

I was amazed by the cross pollination from one grass to another, a practice which generates addiction of the insect. Another weird discovery concerned the relationship between a tree and the ants that are hosted and nourished by that tree, its body contains ingredients that create addiction and make the ants more aggressive. In fact the ants fight against every (little or big) creature to protect the tree.

f 2 10

I talked hilariously to Stefano about the vegetal creatures that play a role of mistress and pushers. The sensitivity evidenced in the vegetal world like the mimosa pudica (“pudica” stands as “prudish”), a kind of mimosa which reacts to the touch of a hand.

The prudish mimosa

The prudish mimosa

Stefano modestly encourages the knowledge and its sharing I consider this to be one of the beautiful gifts that came out of Floracult.

f 2 11

Rosa Sublime” book launch celebrates the family tradition of Vittorio Barni, the production and creation of new types of roses like the Mariangela Melato rose, a white rose that had been presented to the sister of the iconic Italian actress who passed away recently. Emma Bonino, the Minister of Foreign Affairs of Italian Government, the actress Isabella Ferrari and the director Lina Wertmuller all spoke about Mariangela Melato and her sense of freedom which the white rose in her honor evokes.

Lina Wertmuller and Carla Fendi

Lina Wertmuller and Carla Fendi

f 2 19

The Mariangela Melato rose

The Mariangela Melato rose

Vittorio Barni and the curator of Floracult Antonella Fornai during the launch of Floracult

Vittorio Barni and the curator of Floracult Antonella Fornai during the launch of Floracult

Vittorio Barni, Antonella Fornai and Isabella Ferrari

Vittorio Barni, Antonella Fornai and Isabella Ferrari

Emma Bonino and Ilaria Venturini Fendi

Emma Bonino and Ilaria Venturini Fendi

Carla Fendi and Lina Wertmuller

Carla Fendi and Lina Wertmuller

One day under the sign of nature I was pleased to share with Myriam B., bright fashion designer and dear friend of mine along with other friends.

FLORACULT (1): TRE GIORNI ALL’ INSEGNA DELLA NATURA & SOSTENIBILITÀ

f 2 14

La quarta edizione di Floracult, l’ evento creato dalla illuminata fashion designer di Carmina Campus e attivista Ilaria Venturini Fendi ha avuto quali protagonisti molti profumi, colori, sapori ed eventi che celebrano tutti la natura e si è tenuto nella campagna di Roma, presso La Storta, a I Casali del Pino.

f 2 15

Questo evento mi sorprende ogni anno con nuove scoperte, felici incontri all’ insegna di uno stile di vita slow, consapevole e sostenibile.

f 2 16

Uno di questi meravigliosi happenings riguarda il mio incontro con Stefano Mancuso, esperto di neurologia vegetale, direttore del LINV (Laboratorio Internazionale di Neurologia Vegetale) che è stato protagonista della presentazione del libro da lui scritto “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale”.

Anna Fendi

Anna Fendi

Mi ha stupito l’ impollinazione da una pianta all’ altra, una pratica che genera la dipendenza dell’ insetto. Un’ altra bizzarra scoperta riguardava la relazione tra un albero e le formiche che sono ospitate e nutrite da quell’ albero, il suo corpo contiene ingredienti che generano dipendenza e rendono le formiche più aggressive. Infatti le formiche combattono contro ogni ( piccola o grande) creatura per proteggere l’ albero.

Myriam B. and the Barni roses

Myriam B. and the Barni roses

Ho parlato con ilarità a Stefano delle creature vegetali che interpretano un ruolo di mistress e pushers, della sensibilità dimostrata nel mondo vegetale come dalla mimosa pudica, un tipo di mimosa che reagisce al tocco di una mano.

Carnation, a flower which is the root of my family name

Carnation, a flower which is the root of my family name

Stefano incoraggia con modestia la conoscenza e la sua condivisione che considero essere uno dei bei regali provenienti da Floracult.

La presentazione del libro “Rosa Sublime” celebra la tradizione di famiglia di Vittorio Barni, la produzione e creazione di nuovi tipi di rose come la rosa Mariangela Melato, una rosa bianca che è stata presentata alla sorella dell’ iconica attrice italiana che è recentemente venuta a mancare. Emma Bonino, il Ministro degli Esteri del Governo italiano, l’ attrice Isabella Ferrari e la regista Lina Wertmuller hanno tutte parlato di Mariangela Melato ed il suo senso per la libertà che la rosa bianca in suo onore evoca.

Me at Floracult

Me at Floracult

Un giorno all’ insegna della natura che sono stata lieta di condividere con Myriam B., brillante fashion designer e cara amica mia unitamente ad altri miei amici.

www.floracult.com

www.carminacampus.com

www.ashadedviewonfashion.com

Rankin

Rankin

Fashion, emerging talents and contemporary times features in the ideas, words and works by Rankin, celebrated British fashion photographer, co-founder of magazine Dazed & Confused, who generously told me about his vision, embodied in the two projects he simultaneously developed, Hunger, biannual magazine which will be launched on 12th April 2013 in Italy and the virtual platform Hunger TV. A successful chance to know more of and enjoy a brilliant mind and vibrant creative.

 

 

How did Hunger Tv arise and what was the creative thinking behind it and the name?

Hunger

Hunger

“We launched Hunger TV simultaneously with the magazine, to me this was just as important because we live in a digital era, you can’t escape it, it creates a whole host of opportunities like never before.

Hunger refers to my desire to seek new things and to keep creating and collaborating with like-minded people. I didn’t want this to be an online version of the magazine – although it does compliment it – Hunger TV is in an entirely different court of its own. It allows for a more immediate connection with our readers. That to me is integral”.

Music, emerging talents, art and creativity are the alchemies of biannual magazine you created, can you tell us more about that?

Hunger

Hunger

“Fortunately I’m in a position where I don’t have to compromise and can feature things that I find most interesting. I watch TV and I love the internet, it’s such a powerful source for information. I can spend hours trailing webpage to webpage discovering new and old things, on YouTube watching some talented kid gig out their front room.

Tomorrow, the next generation of talent, that’s what excites me. Also, my team are young, eager to create stuff, (opinionated too), they actually remind me of my younger self at times. It’s their diversity of interests that make up the backbone of the magazine”.

What are the forthcoming projects connected to Hunger Tv?

Hunger

Hunger

“We’ve just launched Issue 4 of the magazine (it’s published twice a year) so you can expect a lot of projects that add a new layer to the features from the issue – fashion films with actresses and models, music videos, in-depth interviews and behind the scenes looks from shoots that we can extend to our readers. We are focusing on a lot of music at the moment, we’ve become somewhat famous for our Dirty Videos – the most recent is with Iggy Azalea .

We’ll be continuing to create these with both big and emerging talents across all genres, this is something that really excites us! Outside of this we’ll be providing weekly interviews with fashion talents, both new and old, and creating interesting projects that fuse fashion and art – look out for series two of our ‘Very Successful Guide to Fashion’ ”.

MODA, TALENTI EMERGENTI & CONTEMPORANEITÀ: HUNGER & HUNGER TV, RACCONTATI DA RANKIN

Hunger

Hunger

Moda, talenti emergenti e contemporaneità sono i protagonisti delle idee, parole e opere di Rankin, celebre fotografo di moda inglese, co-fondatore del magazine Dazed & Confused, che mi ha generosamente parlato della sua visione, racchiusa nei due progetti da lui simultaneamente consolidati, Hunger, magazine semestrale che sarà lanciato il 12 aprile 2013 in Italia e la piattaforma virtuale Hunger TV. Una felice occasione per conoscere meglio e apprezzare una brillante mente e un vibrante creativo.

Come è nato Hunger Tv e qual’ è stato il pensiero creativo dietro il suo nome?

Hunger

Hunger

“Abbiamo lanciato Hunger TV simultaneamente al magazine, questo è stato estremamente importante per me, poiché viviamo in un era digitare e non si può prescindere da ciò, si crea un ventaglio di opportunità che non c’erano mai state prima.

Hunger riguarda il mio desiderio di cercare nuove cose e continuare a creare e collaborare con persone di idee simili. Non voglio che questa sia una versione online del magazine – sebbene sia da salutare con plauso – Hunger TV è una campo di per sé totalmente diverso. Esso consente una connessione più immediata con i nostri lettori. Ciò è fondamentale per me”.

Musica, talenti emergenti, arte e creatività sono le alchimie del magazine semestrale d ate creato, puoi parlarci più approfonditamente di ciò?

Hunger

Hunger

“Fortunatamente mi trovo in una posizione in cui non devo fare compromessi e posso presentare cose che reputo molto interessanti. Guardo la televisione e amo internet, è una così grande fonte di informazioni. Posso passare ore a cercare di pagina in pagina web, scoprendo cose nuove e vecchie, guardando su YouTube le esibizioni di alcuni talentuosi ragazzi fuori dal loro salotto.

Il domani, la nuova generazione di talento, é ciò che mi entusiasma. Anche il mio team è composto di gente giovane, entusiasta di creare cose, (anche supponente), oggi mi ricordano mi ricordano me stesso nei tempi della gioventù. È la loro diversità di interessi che costituisce la colonna vertebrale del magazine”.

Quali sono i prossimi progetti legati a Hunger Tv?

Hunger

Hunger

“Abbiamo appena lanciato l’ edizione 4 del magazine (è pubblicato due volte l’anno) così si possono aspettare una serie di progetti che aggiungono una nuova dimensione dei contenuti dell’ edizione – fashion film con attrici e modelle, video musicali, dettagliate interviste e i look dietro le quinte dei servizi fotografici che rendiamo dispoonibili ai nostri lettori. Ci stiamo concentrando su tanta musica al momento, siamo divenuti alquanto famosi per i nostri Dirty Videos – il più recente è quello con Iggy Azalea”.

“Continueremo a creare queste corse con talenti sia famosi sia emergenti di tutti i generi, ne siamo oltremodo! Al di fuori di ciò pubblicheremo interviste settimanali con talenti della moda, sia nuovi sia vecchi, e creeremo interessanti progetti che fondono moda e arte- badando alla serie numero due ‘Very Successful Guide to Fashion’ ”.

www.hungertv.com

www.ashadedviewonfashion.com