You are currently browsing the tag archive for the ‘Sofia Gnoli’ tag.

IUAV 19 19 DIC

Another successful initiative ideated by the Fashion Design Faculty of IUAV University of Venice, headed by Maria Luisa Frisa is “Moda e Cinema”, two days, the 18th and 19th December 2012 that will be focused on this theme. The event which will be held in Venice at the Magazzini Ligabue of IUAV University, curated by Marco Bertozzi and Mario Lupano (professors of IUAV Department of Design cultures) explores the relationship between fashion and film which has embodied in the suggestive book “Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista”(Damiani Editions, 45,00 Euros) by Mario Lupano and Alessandra Vaccari, in order to think about the intersection of practices and knowledge of two disciplines that share the primacy of visual culture and are closely connected to the idea of modernity. A theme which will be told and questioned by making a review from past to present – by renowned experts, professors, fashion historians and artists as Gabriele Monti, Maria Ida Bernabei, Marina Pellanda, Mario Lupano, Marco Bertozzi, Elda Danese, Alessandra Vaccari, Sofia Gnoli, Alessandro Gori, Stefano delle Monache, Maria Luisa Frisa, Nathalie Kahn, Alex Murray-Leslie, Matteo Primiterra, Camillo Trevisan -, including the Italian experience during the two World Wars and coming to contemporary times where it features the fashion film, a media( of whose development was supported and increased by the idea and work of Diane Pernet, pioneer fashion blogger who created the A Shaded View of Fashion Film Festival, international festival which is held in Paris along with other thematic editions that are held around the world as Barcelona, Mexico City, Tokyo and other cities) paying homage to the categorical imperative “the eye has to travel” by Diana Vreeland – I am sure she would loved – and that visual culture she made concrete at best by her work. A charming theme which gives rise to many analysis concerning the fashion film, its art core and the many purposes this media is able to satisfy as communication, advertising and conversation, meant as a dialogue spreading and developing culture, the culture of a product, the story of a brand as well as the stories that a brand seasonally tell ( considering also the realm of fashion marketing and the idea embodied in Cluetrain Manifesto which asserts: “the markets are conversations”), realm which will be considered during this not to be missed event in order to think and re-think about fashion and film under the sign of syncretism.

“MODA & CINEMA”, I SEMINARI ALL’ UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA DI MARCO BERTOZZI & MARIO LUPANO

lupano 2

 Un’ altra felice iniziativa ideata dalla Facoltà di Fashion Design della Università IUAV di Venezia, guidata da Maria Luisa Frisa é “Moda e Cinema”, due giornate, il 18 e 19 dicembre 2012 che saranno dedicate a questo tema. L’ evento che si terrà a Venezia presso i Magazzini Ligabue della Università IUAV, curato da Marco Bertozzi e Mario Lupano (docenti del Dipartimento della IUAV di Culture del Progetto) esplora la relazione tra moda e cinema, considerando le riflessioni racchiuse nel suggestivo libro “Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista”(Edizioni Damiani, 45,00 Euro) di Mario Lupano e Alessandra Vaccari, al fine di soffermarsi sull’ intersezione di pratiche e la conoscenza di due discipline che condividono la primazia della cultura visiva e sono intimamente connesse all’ idea di modernità. Un tema che sarà raccontato e discusso, effettuando una rassegna che va dal passato al presente – ad opera di rinomati esperti, docenti, storici della moda e artisti quali Gabriele Monti, Maria Ida Bernabei, Marina Pellanda, Mario Lupano, Marco Bertozzi, Elda Danese, Alessandra Vaccari, Sofia Gnoli, Alessandro Gori, Stefano delle Monache, Maria Luisa Frisa, Nathalie Kahn, Alex Murray-Leslie, Matteo Primiterra, Camillo Trevisan – che include l’ esperienza italiana tra le due Guerre e giunge alla contemporaneità di cui è protagonista il fashion film, supporto mediatico (il cui sviluppo è stato sostenuto e enfatizzato dall’ idea e opera di Diane Pernet, pionieristica fashion blogger che ha creato l’ A Shaded View of Fashion Film Festival, festival internazionale che si tiene a Parigi  unitamente ad altre edizioni tematiche che si tengono in tutto il mondo come  Barcellona, Città del Messico, Tokyo e in altre città) che rende omaggio all’ imperativo categorico di Diana Vreelandl’ occhio deve viaggiare” – che di certo avrebbe amato – e quella cultura visiva da lei concretizzata al meglio con la propria opera. Un tema affascinante che da vita a plurime analisi inerenti il fashion film, il suo nucleo artistico e le plurime finalità che questo media può soddisfare quali comunicazione, pubblicità e conversazione, intesa quale dialogo che veicola e consolida la cultura, la cultura di un prodotto, la storia di un brand come anche le storie che un brand stagionalmente racconta (considerando anche l’ ambito del fashion marketing e l’ idea racchiusa nel  Cluetrain Manifesto secondo il quale: “i mercati sono conversazioni”), ambito che sarà preso in considerazione durante questo evento imperdibile al fine di pensare e ripensare a moda e cinema all’ insegna del sincretismo.

Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista, by Mario Lupano & Alessandra Vaccari, Damiani Editions

Una giornata moderna. Moda e stili nell’ Italia fascista, by Mario Lupano & Alessandra Vaccari, Damiani Editions

www.iuav.it

 

Turin Circle of Readers

It will be held in Turin at the Circle of Readers from 15th to 21st October 2012 the event “Voice of fashion word, style meetings” – organized by the Circle of readers in collaboration with the City of Turin Culture, Turism and Promotion office, the Turin Chamber of Commerce and National Confederation of Little and Middle Company, supported by the Miroglio Fashion Group – which will focus on fashion as, idea, culture, tradition, art and craftsmanship under the, featuring many events as the talks with renowned personas in realm of art, fashion, design and craftsmanship, fashion designers, hair stylists, journalists, critics, designers, historians, philosophers, architects, businessmen and artisans – Carlo Callieri, Elena Miroglio, Melissa Hili, Luca Bianchini, Maria Luisa Frisa, Cesare Cunaccia, Benedetta Barzini, Sofia Gnoli, Giusi Ferré, Patrizia Sandretto Re Baudengo, Gabriele Ferraris, Lavinia Biagiotti, Bob Recine, Luca Beatrice, Stephan Janson, Silvia Mira, Roberto Capucci, Egle Santolini, Marta Sanniti, Daniela Farnese, Elena Masuelli, Giuseppe Culicchia, Pietrangelo Buttafuoco, Mario Bonfanti, Pietro Bonicatti, Alberto Campra, Silvio Cattaneo, Roberto Mazzeo, Vitaliano Alessio Stefanoni, Donatella Sartorio, Alberto and Tancredi Alemagna, Gelasio Gaetani D’ Aragona Lovatelli, Alessandra Comazzi, Federica Gentile, Francesco Martini Coveri, Ugo Volli, Licia Mattioli, Franco Pené, Luca Scarlini, Stefania Ricci, Quirino Conti, Agata La Spina, Massimo Alba, Stefania Ravera, Gianluigi Ricuperati, Bruno Ventavoli, Patrizia Di Carobbio, Antonio Mancinelli, Manuela Gomez, Jill Vergottini, Maurizia Marietta Goccio, Giuseppe Scaraffia, Franco Curletto, Paolo Genta Ternavasio, Elena Pignata, Bruna Biamino, Alessandra Montrucchio, Laura Tonatto -, the exhibition “La moda: lessico minimo” at Palazzo Madama which will host iconic creations as the bag “Bolide” of Julie Hermès created by his husband Emile which will be held from 16th October 2012 to February 2013, the exhibition “Vestire, Creare, Apparire, Fotografare, la moda attraverso l’ obiettivo di grandi fotografi italiani”, curated by Enrica Viganò at Ersel Group – open to the public until 21st December 2012 – which will showcase the works by renowned Italian photographers as Pasquale De Antoniis, Alfa Castaldi and Ugo Mulas, the “città in vetrina”, cultural walkings between fashion and design, featuring brands as Santoni, emerging creatives as Marta Ferri and journalists as Federico Rocca who will tell about the icons from past, talking about the celebrated brand Hermès along with workshops and other brilliant initiatives celebrating and promoting fashion and its culture. A not to be missed happening to enjoy a magic city, renowned centre of culture, its marvelous suggestions and laudable initiatives.

 “VOCE DEL VERBO MODA, INCONTRI DI STILE ” AL CIRCOLO DEI LETTORI DI TORINO 

The Turin Mole, sketch by Peter Greenaway included in the book he wrote “Tulse Luper in Turin( Volumina Editions)

Si terrà a Torino presso il Circolo Dei Lettori dal 15al 21ottobre 2012 l’ evento “Voce del verbo moda, incontri di stile” – organizzato dal Circolo dei lettori in collaborazione con l’ Assessorato del Comune di Torino per la Cultura, il Turismo e la Promozione, la Camera di Commercio di Torino and la Confederazione Nazionale per la Piccola e Media Impresa, sostenuto dal Gruppo Miroglio – che si dedicherà alla moda quale idea, cultura, tradizione, arte artigianato, di cui saranno protagonisti plurimi eventi quali i talk con rinomati personaggi nell’ ambito dell’ arte, design e artigianato, fashion designer, hair stylist, giornalisti, critici, designer, storici, filosofi, architetti, imprenditori e artigiani – Carlo Callieri, Elena Miroglio, Melissa Hili, Luca Bianchini, Maria Luisa Frisa, Cesare Cunaccia, Benedetta Barzini, Sofia Gnoli, Giusi Ferré, Patrizia Sandretto Re Baudengo, Gabriele Ferraris, Lavinia Biagiotti, Bob Recine, Luca Beatrice, Stephan Janson, Silvia Mira, Roberto Capucci, Egle Santolini, Marta Sanniti, Daniela Farnese, Elena Masuelli, Giuseppe Culicchia, Pietrangelo Buttafuoco, Mario Bonfanti, Pietro Bonicatti, Alberto Campra, Silvio Cattaneo, Roberto Mazzeo, Vitaliano Alessio Stefanoni, Donatella Sartorio, Alberto and Tancredi Alemagna, Gelasio Gaetani D’ Aragona Lovatelli, Alessandra Comazzi, Federica Gentile, Francesco Martini Coveri, Ugo Volli, Licia Mattioli, Franco Pené, Luca Scarlini, Stefania Ricci, Quirino Conti, Agata La Spina, Massimo Alba, Stefania Ravera, Gianluigi Ricuperati, Bruno Ventavoli, Patrizia Di Carobbio, Antonio Mancinelli, Manuela Gomez, Jill Vergottini, Maurizia Marietta Goccio, Giuseppe Scaraffia, Franco Curletto, Paolo Genta Ternavasio, Elena Pignata, Bruna Biamino, Alessandra Montrucchio, Laura Tonatto -, la mostra “La moda: lessico minimo” presso Palazzo Madama che ospiterà iconiche creazioni quali la borsa “Bolide” di Julie Hermès creata da suo marito Emile che si terrà dal 16 ottobre 2012 a febbraio 2013, la mostra “Vestire, Creare, Apparire, Fotografare, la moda attraverso l’ obiettivo di grandi fotografi italiani”, curata da Enrica Viganò presso il Gruppo Erselaperta al pubblico fino al 21 dicembre 2012 – che esporrà le opere di rinomati fotografi italiani quali Pasquale De Antoniis, Alfa Castaldi ed Ugo Mulas, la “città in vetrina”, passeggiate culturali tra moda e design con brand quali Santoni, creativi emergenti quali Marta Ferri e giornalisti quali Federico Rocca che racconterà delle icone del passato, parlando del celebre brand Hermès unitamente a workshop ed altre brillanti iniziative che celebrano e promuovono la moda e la sua cultura. Un evento imperdibile per apprezzare una città magica, rinomato centro di cultura, le sue meravigliose suggestioni e lodevoli iniziative.

www.circololettori.it

Sofia Gnoli and me

It has recently presented in the suggestive Rome Orto Botanico the new book by Sofia Gnoli “Moda. Dalla nascita della haute couture a oggi”(Carocci, 34,00 Euros) during a talk featuring the author, her mentor, the professor and fashion historian Bonizza Giordani Aragno, the fashion designer and President of Alta Roma Silvia Venturini Fendi and the couturier Roberto Capucci. An afternoon to celebrate – along with emblematic personas of Italian fashion and culture – the work of a bright individual as well as yesterday and today Italian fashion history, being the past the trait d’ union with contemporary times where shines smashing creatives as Sergio Zambon, Marco De Vincenzo and many other ones of whose work is told by the book, marking – as Silvia Venturini Fendi rightly asserted – the importance of “making system in Italy” and contributing to making visible and known the new face of made in Italy. That is something continuing to be developed by institutions as AltaRoma showcasing and promoting the emerging creativity. I wish yesterday, today and tomorrow Italian fashion history and culture is promoted, considered and re-thought by a dynamic and syncretistic approach, successful chance for continuing to renew itself.

LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “MODA. DALLA NASCITA DELLA HAUTE COUTURE A OGGI” DI SOFIA GNOLI ALL’ ORTO BOTANICO DI ROMA

Bonizza Giordani Aragno, Sofia Gnoli, Silvia Venturini Fendi and Roberto Capucci

È stato recentemente presentato presso il suggestivo Orto Botanico di Roma il nuovo libro di Sofia Gnoli “Moda. Dalla nascita della haute couture a oggi”(Carocci, 34,00 Euro) in occasione di un talk con l’ autrice, il suo mentore, la docente e storica di moda Bonizza Giordani Aragno, la designer e Presidente di Alta Roma Silvia Venturini Fendi ed il couturier Roberto Capucci. Un pomeriggio per celebrare – unitamente ad emblematici personaggi della moda e cultura italiana – l’ opera di una brillante individualità come anche della storia della moda italiana di ieri e oggi, essendo il passato il trait d’ union con la contemporaneità in cui splendono formidabili creativi quali Sergio Zambon, Marco De Vincenzo e molti altri la cui opera è raccontata dal libro, sottolineando – come ha giustamente affermato Silvia Venturini Fendi – l’ importanza di “fare sistema in Italia”, contribuendo a rendere visibile e noto il nuovo volto del made in Italy. Ciò è qualcosa che continua ad essere consolidato da istituzioni quali AltaRoma che espone e sostiene la creatività emergente. Mi auguro che la storia della moda e la cultura italiana di ieri, oggi e domani sia promossa, considerata e ripensata all’ insegna di un approccio dinamico e sincretico, felice occasione per continuare a rinnovarsi.

Simonetta Gianfelici and her copy of book by Sofia Gnoli

Carla Fendi

My friend Sylvio Giardina and me

Silvia Venturini Fendi and Sergio Zambon

Marina Ripa di Meana and me

The costumes made by the IED Rome students at Micca Club

I recently attended the party which was held in Rome at the Micca Club for celebrating the latest edition of MA on Styling for the entertainment by the renowned Rome European Design Institute (IED) – after being part of the commission of experts, featuring the renowned fashion historian and curator Bonizza Giordani Aragno, director of MA along with the bright journalist and fashion historian and curator Sofia Gnoli, the brilliant filmmaker and film producer Michele Civetta and many other ones who evaluated the final works made by the students – where it has showcased the final works by the students and it was screened the videos they made, shot at the club, featuring the theme of burlesque. A joyful evening I enjoyed along with friends and artists as Leopoldo Mastelloni – with whom I shared a hilarious conversation about burlesque, theatre and ukulele – under the sign of fashion, young talents, music and fun.

MODA, GIOVANI TALENTI E DIVERTIMENTO: IL PARTY DEL MASTER DI STYLING PER LO SPETTACOLO DELL’ ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN DI ROMA AL MICCA CLUB

A costume by the IED Rome students

Ho recentemente partecipato al party che si é tenuto a Roma presso il Micca Club per celebrare l’ ultima edizione del Master in Styling per lo spettacolo del rinomato Istituto Europeo di Design(IED) di Roma – dopo essere parte della commissione di esperti di cui é stata protagonista la famosa storica della moda, curatrice e docente Bonizza Giordani Aragno, direttore del master unitamente alla giornalista, storica della moda e docente Sofia Gnoli, il regista e produttore cinematografico Michele Civetta e molti altri che hanno valutato i final works degli studenti) – in cui sono stati esposti i final works degli studenti e proiettati i cortometraggi da loro realizzati, girati al club, di cui è stato protagonista il tema del burlesque. Una gioiosa serata che ho apprezzato unitamente ad amici e artisti quali Leopoldo Mastelloni – con il quale ho condiviso una ilare conversazione sul burlesque, teatro e l’ ukulele – all’ insegna di moda, giovani talenti, musica e divertimento.

A costume by the Ied Rome students

The costumes by the Ied Rome students along with the screening of the videos they made at Micca Club

The Micca Club resident DJ Luzy L

Micca Club

Leopoldo Mastelloni

The works by Rome IED students showcased at Micca Club

The final works by Rome IED students showcased at Micca Club

The works by the Rome IED students at the Micca Club

The works by the Rome IED students at Micca Club

The works by Rome IED at Micca Club

The works by Rome IED students at Micca Club

Sofia Gnoli under the sign of British humour on a taxi we catched for going to the Rome IED

A work by the Rome IED students inspired to the painting by legendary Egon Schiele

A work by Rome IED students at Micca Club

Michele Civetta and me at Micca Club

www.miccaclub.com

www.ied.it

Sofia Gnoli, celebrated fashion journalist, historian, fashion curator and Professor released today her new book “Moda, dalla nascita della haute couture a oggi” (Carocci, 34,00 Euros), telling about the history of fashion from its rise to contemporary fashion, talking about the most important designers and changes arisen from the realm of fashion. A book to have, precious source of fashion culture, something should – during those dark times especially – be increased in Italy about which the bright author told, focusing on something I deeply agree with her: the recognition of full scientific dignity to fashion in Italy”.

What are the ten-day periods decades and creatives, featuring in your latest book do you think that have emblematically marked Italian fashion?

“It’s hard identifying one only ten-day period. I think every historical age had its own importance. The Thirties were fundamental for giving rise to the consciousness it could exist an Italian fashion being independent from the French one. It has been the time where it has created the National Institution of Fashion, the first public institution for supporting and promoting the Italian fashion, it has been the time of autarchy and genius inventions by Salvatore Ferragamo. Italian fashion during the Forties starts shamefully emerging with names as Marucelli, Fontana sisters, Simonetta Colonna di Cesarò, Fernanda Gattinoni. It has been in the following ten-year period, the Forties, resulting from the Hollywood on Tevere in Rome and the Pitti White Hall in Florence, the great international recognition of Italian style and the rise of fashion boutique with Emilio Pucci, etc. and so on, arriving after the mid-Sixties to the emerging made in Italy, evidencing every ten-day period had its own main features and innovations”.

What do you think of contemporary made in Italy – haute couture, ready-to-wear, demi.couture – and what are its main features?

“After a stop started in the Nineties where it didn’t feature a new generation of creatives, except phenomenons as Antonio Marras and Ennio Capasa, creator of Costume National, didn’t feature new great creatives, it arose from a new heterogeneous generation of Italian creatives in the first ten-day period of Twenty-first century. Someone, working as consultants or having worked as consultant for others brands, established their own brand as Marco De Vincenzo, Giambattista Valli and Sergio Zambon. Other ones became creative directors of renowned international names as Giannini (Gucci), Riccardo Tisci (Givenchy) e Marco Zanini (Rochas). Other ones also held their brand, being or being been creative director of famous brand: Tommaso Aquilano and Roberto Rimondi, Gabriele Colangelo, Francesco Scognamiglio. All of the names evidence how Italian creativity, due to its perfect balance between dream and reality, marketing and fantasy, continues being one of the most desirable ones”.

What are the project you are going to develop?

“The thing I care very much is to improve the culture of Italian fashion. I think our Country should focus on that much more. In fact the fashion in Italy, though it’s one of the biggest entries of turnover, is still  smugly considered in some universities, instead it’s very important. The fashion studies in Italy, comparing them with countries as England, USA and France, are very behind. Then the space given by institution to cultural events, concerning fashion is very little. Instead there are important museums abroad having fashion areas as the New York Metropolitan Museum of the Arts or London Victoria & Albert Museum. Unfortunately in Italy there isn’t anything like that. It’s very hard and dangerous setting up a fashion exhibition, though it’s a really charming work, in fact is one of my forthcoming projects. In fact here in Italy the scientific standards of this subject aren’t codified. I think it’s often forgotten fashion is not an issue about  ruffles and furbelows where everyone can improvise. Fashion is a more serious issue than is commonly considered…”.

“MODA. DALLA NASCITA DELLA HAUTE COUTURE A OGGI”, IL NUOVO LIBRO DI SOFIA GNOLI

Sofia Gnoli

Sofia Gnoli, celebre giornalista, storica della moda, fashion curator e docente ha pubblicato oggi il suo nuovo libro “Moda, dalla nascita della haute couture a oggi” (Carocci, 34,00 Euro) che narra la storia della moda dalla sua nascita alla moda contemporanea, parla dei più importanti designer e dei cambiamenti sorti nell’ ambito della moda. Un libro da avere, preziosa fonte di cultura della moda, qualcosa che dovrebbe essere incrementata – specialmente durante questi tempi oscuri – in Italia della quale la brillante autrice ha parlato, concentrandosi su qualcosa che condivido profondamente: il riconoscimento di piena dignità scientifica alla moda in Italia.

Quali sono le decadi e i creativi, protagonisti del tuo ultimo libro che ritieni abbiano segnato in modo emblematico la moda italiana?

“Difficile individuare un unico decennio. Trovo che ogni momento storico abbia avuto una sua importanza. Gli anni Trenta sono stati fondamentali per far nascere negli italiana la consapevolezza che una moda italiana indipendente da quella francese poteva esistere. Sono stati gli anni in cui è stato creato l’Ente Nazionale della Moda, la prima istituzione pubblica volta a sostenere e promuovere la moda italiana, sono stati gli anni dell’autarchia e delle geniali invenzioni di Salvatore Ferragamo. Negli anni Quaranta la moda italiana, con nomi come Germana Marucelli, Sorelle Fontana, Simonetta Colonna di Cesarò, Fernanda Gattinoni, inizia timidamente ad emergere. Nel decennio successivo, grazie alla Hollywood sul Tevere a Roma e alla Sala Bianca di Pitti a Firenze ci sono stati il grande riconoscimento internazionale dello stile italiano e l’affermarsi della moda boutique con Emilio Pucci, ecc. E così via per arrivare nella seconda metà dei Settanta all’emergente made in Italy. Insomma ogni decennio ha avuto le sue peculiarità e le sue innovazioni…”.

Cosa pensi del made in Italy contemporaneo – alta moda, pret-à-porter e demi-couture – e quali sono i suoi tratti più salienti?

“Dopo una battuta d’arresto iniziata negli anni Novanta, durante i quali, a parte i fenomeni di Antonio Marras ed Ennio Capasa, mente di Costume National, non si sono affermati nuovi grandi creativi, nel corso del primo decennio del Duemila è emersa una generazione di creatori italiani dal carattere eterogeneo. Alcuni, pur effettuando o avendo effettuato consulenze per altri marchi, hanno fondato una loro linea, è il caso di Marco De Vincenzo, Giambattista Valli e Sergio Zambon. Altri sono diventati direttori artistici di importanti griffe internazionali come Frida Giannini (Gucci), Riccardo Tisci (Givenchy) e Marco Zanini (Rochas). Altri ancora hanno mantenuto la loro linea pur essendo o essendo stati art director di noti brand: Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi, di Gabriele Colangelo, Francesco Scognamiglio. Tutti nomi che dimostrano come la creatività italiana, per il suo perfetto equilibrio tra realtà e sogno, tra marketing e fantasia, continui a essere tra le più ambite”.

Quali sono i progetti che hai in cantiere?

“Valorizzare la cultura della moda italiana è la cosa che mi sta più a cuore. Trovo che il nostro Paese dovrebbe concentrarsi sempre più in questo senso. In Italia infatti, nonostante sia una delle voci più ingenti del fatturato, la moda è ancora guardata con una certa sufficienza in alcuni ambiti accademici, mentre invece è importantissima. Da noi i fashion studies, rispetto a paesi quali l’Inghilterra, gli Stati Uniti e la Francia, sono molto indietro. Inoltre lo spazio che le istituzioni concedono a iniziative culturali concernenti la moda è molto ridotto. Mentre all’estero ci sono importanti musei con sezioni di moda, è il caso del Metropolitan Museum of the Arts di New York o del Victoria & Albert Museum di Londra. In Italia purtroppo non abbiamo nulla del genere. Inoltre, anche se fare una mostra di moda è senz’altro affascinante, non a caso è uno dei miei prossimi progetti, è molto difficile e pericoloso. Da noi infatti i parametri scientifici di questa disciplina sono ancora poco codificati. Trovo che ci si dimentichi un po’ troppo spesso che la moda non è una questione di volants e falpalà, dove chiunque si può improvvisare. La moda è una cosa molto più seria di quanto si pensi…”.

Crocera Lloyd, Illustrazione Italiana, 6th August 1963

Salvatore Ferragamo and Joan Crawford, 1923, courtesy of Salvatore Ferragamo

Christian Dior along with his collaborators in Avenue Montaigne, courtesy of Christian Dior

Sketch by Capucci, 2011, courtesy of Capucci Foundation

Simonetta Colonna di Cesarò trying a dress for Theo Graham, 1961, photo Leombuno Bodi, courtesy of Archivio Saraceni

Kim Novak wearing a dress by Fernanda Gattinoni, 1957, courtesy of Gattinoni archive

Giuliana Cohen Camerino and Salvador Dalì, 1974, courtesy of Roberta di Camerino archive

Antonia Dell'Atte Fall/Winter 1984-1985, photo by Aldo Fallai, courtesy of Giorgio Armani

Sketch by Gianfranco Ferrè haute-couture Fall/Winter 1986-1987, courtesy of Gianfranco Ferré Foundation

Antonio Marras Spring/Summer 1988, courtesy of Antonio Marras

 

Liz Hurley at the set of “Bedazzled” (2000) wearing the Baguette by Fendi, courtesy of Fendi

 

Prada Spring/Summer 1996, courtesy of Prada

Sofia Gnoli, The mother of Viola Galassi, Giorgio Napolitano and Viola Galassi

I’m very glad to celebrate the Leonardo award, given by the Italy President of Republic Giorgio Napolitano – during a ceremony which was recently held in Rome at the Quirinale – to the young Viola Galassi (graduated in Literature, Philosophy and Economics at the University of the Studies “La Sapienza” of Rome) for her graduation thesis on Costume and Fashion Sciences “The  fashion of blogs” – of whose supervisor is the Professor, fashion historian, fashion curator and journalist Sofia Gnoli -, a work exploring the world of fashion blogs and featuring also me, my blog FBF, Fashion Beyond Fashion, included in an interview I gave months ago, where I talked about me, the blog, information fashion, I’m pleased to share with you, dear FBFers. A successful chance to wish a bright, young individual of following her way towards a lucky path.

NUNZIA GAROFFOLO, THE FASHION ANARCHIST

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo is a blogger being part of blogs’ elite, focused on the promotion of fashion as art and makes that through information and due researches. It doesn’t appear much concerning her path in the presentation she makes about herself, included in the blog she made, FBF, Fashion Beyond Fashion, as her purpose is not to be known as individual, but enhance the creativity in its more unusual, innovative and catchy forms. I met Nunzia Garoffolo – who is Professor at the Rome Costume & Fashion Academy – to make me tell more, regarding who is her and what she thinks about the phenomenon of fashion blogger.

Who is Nunzia Garoffolo, what has been your path and why did you create a blog?

“I started as self-taught, fashion was a passion I had since childhood, I loved fashion and fortunately I had parents who always let all of my creative expression free. I’ve chosen an humanistic educational training, though I loved this field, before the Gymnasium and later the university training, getting the University degree in Law at the University of Studies “La Sapienza” of Rome. I always has been interested in the international field, for knowing new realms and consider them as a purpose of enrichment, not to separate but to get closer. There already was this kind of open-minded attitude in me, in fact I graduated in Private Comparative Law – path I later left as it dejected the emotional part I put aside, promising me I would used that when I would has been older. And as I frequently tell to my students and friends, there is Gillo Dorfles (celebrated author and expert of aesthetics),  who got a medicine degree and later became Professor of aesthetics, a famous self-taught and I consider myself as the female and much more modest version of Gillo Dorfles. A question, often asked me, is how did I approach to do that? I didn’t approach myself,  I always say to the scholars of my course “to do or not to do” and I did – it’s an attitude being also in the blog. Law as fashion, literature and every other channel of communication represents the spirit of a group of people, history, traditions, tension of people in a certain place and in a specific lapse of time and there is a dialogue, an intersection between many channels of communication as fashion as well as art, literature, film, music in my blog”.

The name of your blog is Fashion Beyond Fashion resulting from that?

“Yes, it is, my blog is Beyond as “beyond” fashion, presenting the more creative, free, libertarian, cultural side – which often, but fortunately not always features as consumerism, being fashion almost always overlapped to the product, considered as commodities of consumerism and rarely considered as source of culture – of which today it is know just a few, instead of the time when I was a child and I bought Vogue, Amica or other fashion magazines and an enthusiast, a neophyte, a lover of fashion had the chance to discover the creativity of a couturier reading those magazines. That is a side I like to show on my blog, loving to feature the talent of many young creatives there are all over the world, though they often don’t get the recognition they deserve as well as to consider how it moves the creativity in Italy and in other foreign countries. The blogger started to be the only ones who featured fully the young talents. The information runs quickly on the web, it’s frequently independent thus it’s not subordinate to some rules, existing in the realm of information’s setting, the choice of what has to be shown, then in its display: it’s freedom amd I care to say I consider the blog as a means to inform of whose main feature is velocity. In fact today news feature before in the web and after in other formats as news on paper or in TV. That made me start to go towards this path as I am born as columnist on paper who collaborated for many fashion, culture and art magazines”.

Thus did the opening of your blog follow your work as columnist?

“Yes, it followed my work as columnist, as I felt the need of doing that. It has been a path , a choice, arisen from to the desire of investing on myself, giving my own modest contribute as I think life is sharing. My main purpose is not to appear on photographs, wearing the designer bag or other items, but making a virtual information which is balanced where the visual element is equal to written element”.

Do you think it will be a kind of natural selection in the realm of fashion bloggers?

“The value results from the facts. A product is ephemeral – maybe resulting from a media exposure which is often misleading as leitmotiv of contemporary times -, you are fashionable for one, two, three, four years at maximum then you vanish. I always preferred in my life considering the long term, the results arising from that, got by commitment and effort. I feature in the circle of people who wants durable results and is not inspired by the desire of getting fame, celebrity and visibility at all costs”.

What about the teenager who follow fashion bloggers, often lacking a cultural references?

“I will seem like a pessimist, but I will be optimist in another sense. Teenagers will stay like they are now during the age of postmodernism we are living, but they will be seduced by another ethic – already existing, though it’s not fully developed -, the sustainability. We are in an era of transition, time of global decadence we are trying to cross. Therefore it needs make fashion regain the content of – controversial or marvelous – message which had yesterday Vivienne Westwood in the Seventies, Moschino in the Eighties, creative who irreverently made fun of Italian politics. These two cases represent fashion having a genuine content which is the one I celebrate, going beyond time, marking an era, it’s like an artwork: it makes you think about”.

Are you a fashion anarchist and have you a determination – you define in your blog – like a samurai?

“I’ m determined like a samurai, but I also am spontaneuos like a child. Children are spontaneous, curious, enthusiast and brave. The choices I’ve done can be controversial, but that is my romanticism, not being focused on giving as a gift roses to the one you love, but defending freedom as the higher value than any other thing and the ideas, though they are hard to uphold and that is not resulting from the idea or will to be against, but it just because they are your own ideas. I wish everyone succeeds drawing its own path. The free will exists, maybe it’s a little bit of the very huge cake that is life, but it exists and everyone carves out its own existence in the way more proper inside that little bit, as you always, every day, choose ”.

LA MODA DEI BLOG, UNA GIOVANE MENTE & UNA CELEBRAZIONE: VIOLA GALASSI VINCE IL PREMIO LEONARDO

Viola Galassi during the ceremony awarding her along with the President of Republic Giorgio Napolitano

Sono felice di celebrare il premio Leonardo, dato dal Presidente della Republica d’ Italia Giorgio Napolitano – in occasione di una cerimonia che si è recentemente tenuta a Roma presso il Quirinale – a Viola Galassi (laureatasi in Lettere, Filosofia ed Economia all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma) per la sua tesi di laurea “La moda dei blog” – la cui relatrice è la docente, storica della moda, fashion curator e giornalista Sofia Gnoli -, un lavoro che esplora il mondo dei fashion blog e che ha quale protagonista anche me, il blog FBF, Fashion Beyond Fashion, incluso in un’ intervista che ho rilasciato mesi fa in cui ho parlato di me, del blog, di informazione e moda e sono lieta di condividere con voi, cari FBFers. Una felice occasione per augurare a una brillante, giovane individualità di proseguire la sua strada verso un percorso fortunato.

NUNZIA GAROFFOLO, L’ ANARCHICA DELLA MODA

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo è una blogger che fa parte di una elite di blog, intenta a promuovere la moda come arte e lo fa attraverso l’informazione e le dovute ricerche. Non appare molto del suo percorso nella presentazione che fa di sé stessa, inclusa nel blog FBF, Fashion Beyond Fashion da lei realizzato proprio perché la sua intenzione non è quella di farsi conoscere come individuo, ma valorizzare la creatività nelle sue forme più inusuali, innovative e accattivanti. Abbiamo incontrato Nunzia Garoffolo – che è docente all’ Accademia di Costume e Moda a Roma – per farci raccontare meglio da lei chi è e cosa pensa del fenomeno fashion blogger.

Chi è Nunzia Garoffolo, qual è stato il tuo percorso e perché hai aperto un blog?

“Ho iniziato da autodidatta, la moda era una passione che avevo dalla infanzia, amavo la moda e fortunatamente ho  avuto genitori che hanno sempre lasciato libera ogni mia espressione creativa. Pur amando questo settore, ho però scelto un’educazione di tipo umanistico, classico, prima liceale e poi universitario e mi sono laureata in giurisprudenza all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma. Sono sempre stata attratta dalla materia internazionalistica, dal conoscere nuovi settori e valutarli con una finalità di arricchimento, non per separare, ma avvicinare. Avevo già questa apertura, tant’è che mi sono laureata e specializzata in Diritto Privato Comparato – percorso in seguito abbandonato perché il diritto deprimeva la parte emozionale che avevo accantonato, ma avevo promesso a me stessa di utilizzare quando sarei stata più grande. E come sovente dico alle mie allieve e ai miei amici, esiste Gillo Dorfles (celebre scrittore ed esperto di estetica), laureatosi in medicina e in seguito divenuto docente di estetica, un famoso autodidatta ed io sono la versione femminile e molto più modesta di Gillo Dorfles. Una domanda che mi fanno spesso è come mi sono “approcciata” a fare questo? Non mi sono “approcciata”. Dico sempre alle ragazze del mio Corso “fare o non fare” ed io ho fatto – ed è un atteggiamento che si ritrova anche nel blog. Il diritto come la moda, la letteratura e ogni altro canale di comunicazione rappresentano lo spirito di un popolo, la storia, le tradizioni, le tensioni di un popolo in un determinato luogo e in un determinato lasso di tempo e nel mio blog c’è un dialogo, un’intersezione tra vari canali di comunicazione quali la moda, ma anche letteratura, il cinema, la musica.

È per questo motivo che il tuo blog si chiama Fashion Beyond Fashion?

Si, lo è, il mio blog è Beyond perché è “oltre” la moda, manifestando il suo lato più creativo, libero, libertario, culturale – che sovente, ma non sempre fortunatamente, esce fuori come consumo, essendo la moda quasi sempre sovrapposta al prodotto, intesa come bene di consumo e poche volte considerata fonte di cultura -, di cui oggi si sa poco, rispetto a quando ero bambina e compravo Vogue, Amica e altre riviste di moda, grazie alle quali anche un neofita, un entusiasta, un appassionato, aveva la possibilità di conoscere la creatività di un couturier. Questo è un aspetto che sul mio blog amo recuperare. Amo dare spazio al talento di tanti giovani creativi di tutto il mondo – che esistono -, ma sovente non hanno quel riconoscimento che loro spetta e anche per valutare come si muove la creatività in Italia e all’ estero. I blogger sono stati gli unici che hanno parlato dei giovani talenti. L’informazione via etere corre veloce, è indipendente quindi non soggiace a certe logiche esistenti nell’ ambito della costruzione dell’informazione, della scelta di cosa far vedere e nell’ esposizione della stessa: è libertà e in quanto tale ci tengo a ribadire che considero il blog uno strumento d’informazione il cui elemento più lodevole è la velocità dell’ informazione. Infatti oggi le informazioni passano prima sul web e poi su altri canali quali l’informazione cartacea o televisiva. È questa la motivazione che mi ha spinto a intraprendere tale percorso, nascendo come editorialista su carta che ha collaborato con varie testate di moda, ma anche di cultura e di arte”.

Quindi l’apertura del blog è stata consequenziale alla sua attività da giornalista?

“Si, è stata consequenziale al mio lavoro di editorialista, sentivo l’ esigenza di fare ciò. È stato un cammino, una mia scelta, derivante dal desiderio di investire in prima persona su me stessa, dando il mio modesto contributo, poiché la vita è condivisione. Il mio scopo non è essere fotografata, indossando la borsa firmata o un altro prodotto, ma recuperare un’informazione virtuale che sia armonica, bilanciata in cui l’elemento visivo sia paritario all’ elemento scritto”.

Pensi che ci sarà una sorta di selezione naturale nel tempo nell’ ambito dei fashion blog?

“Il valore viene dai fatti. Un prodotto è effimero – magari complice un’esposizione mediatica anche fuorviante che vige quale leitmotiv della contemporaneità -, sei in auge per uno, due, tre, quattro anni al massimo e poi scompari. Nella mia vita ho sempre preferito considerare il lungo periodo, i risultati da esso derivanti, ottenuti mediante impegno e fatica. Faccio parte di quel gruppo di persone che vuole un risultato solido e non è animato dal desiderio di avere fama, celebrità e visibilità a ogni costo”.

Cosa dire degli utenti, per lo più adolescenti che seguono i fashion blogger, sovente privi di riferimenti culturali?

“Sarò pessimista, ma ottimista in altro senso. I teenager resteranno tali nell’ era di postmodernismo che stiamo vivendo, ma saranno sedotti da un’altra etica – già in auge, ma che non si é pienamente consolidata -, la sostenibilità. Siamo in un’epoca di transizione, era di decadenza globale che stiamo cercando di attraversare. Pertanto è d’ uopo far riacquistare alla moda il contenuto di messaggio – criticabile o meraviglioso – che aveva Vivienne Westwood negli anni ‘70, Moschino negli anni ’80, creativo che si beffeggiava in modo irriverente della politica italiana. Questi due esempi rappresentano la moda con un contenuto autentico che è quella da me celebrata, va aldilà del tempo, segna un’epoca, è come un’opera d’arte: ti fa pensare”.

Sei un’anarchica della moda e hai una determinazione – che nel tuo blog definisci – da samurai?

“Sono determinata come un samurai, ma sono anche spontanea come un bambino. I bambini sono spontanei, entusiasti, curiosi e coraggiosi. Le scelte che ho fatto possono essere discutibili, ma questo è il mio romanticismo, non si tratta di regalare rose a chi si ama, ma difendere la libertà come valore più di alto di ogni altra cosa e le idee anche dure e difficili da sostenere e ciò non per il fatto di essere e voler essere contro, ma perché sono le proprie idee. Auguro a tutti di riuscire a tracciare da soli il proprio cammino. Il libero arbitrio esiste, magari è un piccolo pezzetto rispetto alla torta grandissima che è la vita, però esiste e in quel pezzettino ognuno si ritaglia la propria esistenza nel modo più consono, perché si sceglie sempre, ogni giorno”.

The ceremony at Quirinale where it has awarded Viola Galassi

Caterina Gatta and the creations she made by using vintage fabrics by Lancetti

 

Lancetti re-edition”, is a double exhibition in collaboration with the multi-brand virtual boutique Yoox.com, retrospective which paid homage to the Italian couturier Pino Lancetti and was held at the Traianus’ Markets. Here an unforgettable chapter of fashion history – told by the journalist, fashion historian and curator Sofia Gnoli – joined to contemporary times, reinterpreted by designer Caterina Gatta who researched vintage fabrics – a leitmotiv of her work under the sign of irony and craftsmanship – by Lancetti, creating a capsule collection which is available exclusively on Yoox.com.

“LANCETTI RE-EDITION”: CATERINA GATTA INTERPRETA LANCETTI, UN VIAGGIO LUNGO 50 Anni ad ALTAROMA

Lancetti

Lancetti re-edition”, é una doppia mostra in collaborazione con la boutique virtuale multi-brand Yoox.com, retrospettiva che ha reso omaggio al couturier italiano Pino Lancetti e si è tenuta presso i Mercati Traianei. Ivi un indimenticabile capitolo di storia della moda – raccontato dal catalogo curato dalla giornalista, storica della moda e curatrice Sofia Gnoli – è stato unito alla contemporaneità, reinterpretato dalla designer Caterina Gatta che ha effettuato una ricerca di tessuti vintage – un leitmotiv del suo lavoro all’ insegna di ironia ed artigianalità – di Lancetti, creando una collezione capsule che è disponibile in esclusiva su Yoox.com.

Lancetti

 

Lancetti

 

Caterina Gatta

Caterina Gatta on Yoox.com

 

Caterina Gatta

 

Caterina Gatta

 

Caterina Gatta

 

Caterina Gatta

 

Caterina Gatta

 

Pino Lancetti

 

Sofia Gnoli along with her brother Massimo

 

www.ashadedviewonfashion.com

www.altaroma.it

www.yoox.com

 

 

 

Stefano Dominella, the Micol Fontana's nephew and Bonizza Giordani Aragno

 

It has recently held at the Rome Costume & Fashion Academy the meeting “150 years of Italian fashion: the women who marked fashion” which featured as speakers the fashion historian Bonizza Giordani Aragno, Stefano Dominella, President of fashion house Gattinoni, the Micol Fontana’s nephew, the journalist, fashion and costume historian Sofia Gnoli and the Costume ad set designer Andrea Viotti who explored the Italian fashion and its emblematic personas, women who contributed to the rise of Italian haute couture as the Queen Margherita of Savoy – focusing on her connection to Charles Frederick Worth -, Rosa Genoni, the legendary Elsa Schiaparelli, Rosana Pistolese, eclectic persona and founder of Rome Costume & Fashion Academy, as well as the aristocratic women of fashion as Gabriella di Robilant, Irene Galitzine and Simonetta Colonna di Cesarò. Here it was talked about the connection of fashion to art, film, considering the movie stars, yesterday icons as Ava Gardner, who had a strong friendship with the Fontana sisters – evidenced by the screening of a suggestive documentary where Micol Fontana told about the rise of the haute couture brand – and Ingrid Bergman, customer and friend of Fernanda Gattinoni. Nice tales that evidence the Italian creativity and sartorialism, a long time tradition which made worldwide celebrated the made in Italy.

150 ANNI DI MODA ITALIANA: LE DONNE CHE HANNO SEGNATO LA MODA, UN CONVEGNO ALL’ ACCADEMIA DI COSTUME & MODA DI ROMA

The Queen Margherita of Savoy

Si é recentemente tenuto presso l’’ Accademia di Costume & Moda di Roma il convegno “150 anni di moda italiana: le donne che hanno segnato a moda”, di cui sono stati protagonisti nelle vesti di relatori la storica della moda Bonizza Giordani Aragno, Stefano Dominella, Presidente della casa di moda Gattinoni, la nipote di Micol Fontana, la giornalista, sotrica della moda e del costume Sofia Gnoli ed il costumista e scenografo Andrea Viotti che hanno esplorato la moda italiana ed i suoi emblematici personaggi, donne che hanno contribuito alla nascita dell’ alta moda italiana quali di la regina Margherita di Savoia – concentrandosi sul suo legame con Charles Frederick Worth -, Rosa Genoni, la leggendaria Elsa Schiaparelli, Rosana Pistolese, eclettico personaggio e fondatrice dell’ Accademia di Costume & Moda di Roma, come anche le aristocratiche della moda quali Gabriella di Robilant, Irene Galitzine e Simonetta Colonna di Cesarò. Ivi si è parlato del legame della moda all’ arte, cinema, considerando le star del cinema, icone di ieri quali Ava Gardner che ha avuto una forte amicizia con le sorelle Fontana – testimoniata dalla proiezione di un suggestivo documentario in cui Micol Fontana raccontava della nascita del marchio di alta moda – ed Ingrid Bergman, cliente ed amica di Fernanda Gattinoni. Simpatici racconti che testimoniano la creatività e sartorialità italiana, un’ antica tradizione che ha reso il made in Italy celebre in tutto il mondo.

Charles Frederick Worth

Rosa Genoni

Rosa Genoni

Elsa Schiaparelli

Elsa Schiaparelli

Rosana Pistolese

Rosana Pistolese

Simonetta Colonna di Cesarò

Simonetta Colonna di Cesarò

Irene Galitzine

Galitzine

www.accademiacostmeemoda.it

Sergio Zambon, Silvia Venturini Fendi, Lapo Cianchi, Alessandra Mammì, Sofia Gnoli, Marco De Vincenzo, Maria Luisa Frisa

It has recently presented “Una nuova moda italiana”(Pitti Discovery/Marsilio,€ 34.00), smashing book by Maria Luisa Frisa at the suggestive rooms of Rome Macro. An event featured the author, bright creatives as Marco De Vincenzo, Fabio Quaranta and Sergio Zambon along with emblematic personas of fashion world as Silvia Venturini Fendi – President of Fendi brand and Alta Roma -, Lapo Cianchi, General Secretary of Pitti and celebrated name of fashion journalism as Alessandra Mammì and Sofia Gnoli – renowned historian of fashion – and it has been a successful chance to think about a new way to make fashion, re-thinking about Italian fashion. Here it were questioned some issues concerning Italian fashion as the contemporary status quo of Made in Italy of whose emersion of new talents resulted from the crystallization of many famous celebrated brands that created an opening to new name and a new way of make fashion. A new phenomenon, emphasized by the talent-scouting awards – as Who Is On Next, created by Alta Roma in collaboration with Vogue Italia that launched about seventy creatives – depicted by Maria Luisa Frisa in her latest book, presenting indipendent creatives often self-producing their collection, joining the role of businessmen who dialogue with suppliers and distributors. Many sacrifices and a feeling of isolation – as Marco De Vincenzo asserted – arises from this circumstance, though considered by Silvia Venturini Fendi as healthy for the creativity, increasing also the collaboration, support and solidarity between young creatives. A vibrant ethic I think it’ s bringer of a necessary change is going to making concrete, being Italy – inside out the realm of fashion – in a era of transition. Another point that unfortunately hasn’t been considered during the talk, being out of context – as I told to Alessandra Mammì – has been the role of media in showcasing the new talents, as it often happens the fashion journalism on paper doesn’t showcase – just talking about the realm of talent-scouting award – or support the emersion of new talents, it comes in late when a new trend is already developed and the talent of a creative is recognized abroad, instead fashion bloggers are the only ones who depict the contemporary status quo and present new creatives. I wish my words are means to think and re-think about a new way to make journalism – less obsolete and fashionista – that is more connected to the new way to make fashion showed in the book by Maria Luisa Frisa.

“UNA NUOVA MODA ITALIANA” DI MARIA LUISA FRISA, LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO AL MACRO DI ROMA

Fabio Quaranta, Sergio Zambon, Silvia Venturini Fendi

È stato recentemente presentato “Una nuova moda italiana””(Pitti Discovery/Marsilio,€ 34.00), formidabile libro di Maria Luisa Frisa presso le suggestive stanze del Macro di Roma . Un evento che ha avuto quale protagonista, l’autrice, brillanti creativi quali Marco De Vincenzo, Fabio Quaranta e Sergio Zambon unitamente ad emblematici personaggi del mondo della moda quali Silvia Venturini Fendi – Presidente del brand Fendi e di Alta Roma -, Lapo Cianchi, Segretario Generale di Pitti e celebri nomi del giornalismo di moda quali Alessandra Mammì and Sofia Gnoli – rinomata storica della moda – ed è stato una felice occasione per pensare ad un nuovo modo di fare moda, ripensando alla moda italiana. Sono state ivi affrontate alcune problematiche inerenti la moda italiana quale lo status quo del Made in Italy la cui emersione di nuovi talenti è stata conseguenza della cristallizzazione di molteplici brand celebri che ha creato un’ apertura a nuovi nomi ed un nuovo modo di fare moda. Un nuovo fenomeno, enfatizzato dai concorsi di talent scouting – quali Who Is On Next, creato da Alta Roma in collaborazione con Vogue Italia che ha lanciato circa settanta creativi – dipinto da Maria Luisa Frisa nel suo ultimo libro che presenta l’opera di creativi indipendenti che sovente auto-producono le loro collezioni, uniscono il ruolo di manager che dialogano con fornitori e distributori. Tanti sacrifici ed un senso di isolamento – come ha affermato Marco De Vincenzo – nasce da questa circostanza, benchè sia considerata da Silvia Venturini Fendi salubre per la creatività, incentivando anche la collaborazione, supporto e solidarietà tra giovani creativi. Una vibrante etica che penso sia portatrice di un necessario cambiamento che sta per concretizzarsi, essendo l’ Italia – dentro e fuori dall’ambito della moda – in un’epoca di transizione. Un altro argomento che sfortunatamente non è stato preso in considerazione durante il talk, essendo fuori contesto – come ho detto ad Alessandra Mammì – è il ruolo dei mezzi di comunicazione nell’esporre i nuovi talenti, poiché sovente accade che il giornalismo di moda su carta non esponga l’opera dei nuovi talenti – occupandosi eminentemente dell’ambito dei concorsi di talent-scouting – né supporta l’emersione di nuovi talenti, giungendo tardi, quando una nuova tendenza è già consolidata ed il talento di un creativo è riconosciuto all’estero, invece i fashion bloggers sono gli unici a ritrarre lo status quo contemporaneo e presentare nuovi creativi. Mi auguro che le mie parole siano un mezzo per pensare e ripensare a un nuovo modo di fare giornalismo – meno obsoleto e fashionista – che sia più connesso al nuovo modo di fare moda esposto dal libro di Maria Luisa Frisa.

 

Maria Luisa Frisa

 

 

 

 

 

 

 

 

J Smith Esquire

The most superb event featuring in the latest edition of Alta Roma – successful evidence of a path I celebrate under the sign of art and fashion, made by promoting and showcasing emerging talents, but without forgetting the past, the way Made in Italy comes from, its rich history of traditions, art and beauty – has been the exhibition Limited/Unlimited, “Small objects of desire” which was held in Rome at the Library Casatanese. Here 42 talents – Italian and foreigners who participated at talent-scouting award Who Is On Next and not only as Albino, Betony Vernon, Bruno Laurenzano VilladorCorto Moltedo, Delfina Delettrez, Fabio Quaranta, Fabrizio Talia, Gentucca Bini, Gianni Serra, Ivano Atzori, J Smith Esquire, Max Kibardin, Marco de Vincenzo, Matteo Thiela,  Nicholas Kirkwood, Sergio Zambon, Silvio Betterelli and VBH – showcased in the rooms of a dark and symbolic place their creations along with the ones from Sixties to Eighties made by Italian couturiers as Pino Lancetti, included in the exhibition “Out of the time-Guardaroba da signora” – curated by the journalist Sofia Gnoli – most of whose has given by Italian aristocratic women as Marisela Federici and Marquise Flaminia Patrizi Naro Montoro. The exhibition will follow since July 2011 on the web, featuring in the website of multi-brand virtual boutique Yoox.com which supported the project as media partner, giving the chance to everyone of enjoying the vibrant, genuine yesterday and today creativity.

ALTA ROMA, LIMITED/UNLIMITED, UNA MAGNIFICA MOSTRA CHE CELEBRA LA MODA DI IERI E OGGI

 

(Es*) Artisanal by Fabrizio Talia

 

L’evento più superbo protagonista dell’ultima edizione di Alta Roma – felice dimostrazione di un percorso che celebro all’insegna di arte e moda, realizzato mediante la promozione e presentazione di talenti emergenti, senza però dimenticare il passato, il sentiero da cui proviene il Made in Italy, la sua ricca storia di tradizioni, arte e bellezza – é stata la mostra Limited/Unlimited, “Small objects of desire” che si è tenuta a Roma presso la Biblioteca Casatanese. Ivi 42 talenti – italiani e stranieri che hanno partecipato al concorso di talent-scouting award Who Is On Next e non soltanto quali Albino, Betony Vernon, Bruno Laurenzano Villador, Corto Moltedo, Delfina Delettrez, Fabio Quaranta, Fabrizio Talia, Gentucca Bini, Gianni Serra, Ivano Atzori, J Smith Esquire, Max Kibardin, Marco de VincenzoMatteo Thiela, Nicholas Kirkwood, Sergio Zambon, Silvio Betterelli e VBH – hanno esposto nelle stanze di un luogo buio e simbolico le loro creazioni unitamente a quelle realizzate dagli anni Sessanta agli Ottanta da couturier italiani quali Pino Lancetti, incluse nella mostra “Out of the time-Guardaroba da signora” – curata dalla giornalista Sofia Gnoli – la maggior parte delle quali sono state date da donne dell’aristocrazia italiana quali Marisela Federici e la Marchesa Flaminia Patrizi Naro Montoro. La mostra proseguirà sul web a partire dal luglio 2011, protagonista del sito web della boutique virtuale Yoox.com che ha supportato il progetto in qualità di media partner, offrendo la possibilità a tutti di apprezzare l’autentica, vibrante creatività di ieri e oggi.

Diane Pernet taking a picture of Gentucca Bini and her design

 

Gentucca Bini and her design

Albino

The sole-less shoes by Betony Vernon Fine Erotic Jewelry

 

Sergio Zambon

Me, Silvio Betterelli and his creation

Silvio Betterelli

Matteo Thiela

Matteo Thiela and his design

Marco de Vincenzo

Max Kibardin

Nicholas Kirkwood

Gianni Serra and his design

FQR by Fabio Quaranta

Pino Lancetti, 1972, collection of Marisela Federici

Bruce Hoeksema of VBH and the clutch he created

Pino Lancetti 1988-1989, collection of Marquise Flaminia Patrizi Naro Montoro

Bruno Laurenzano Villador

Ivano Atzori

Marina Ripa di Meana dressing a smashing antique hat

Delfina Delettrez

Ilaria Venturini Fendi and me

Corto Moltedo

www.altaroma.it