You are currently browsing the tag archive for the ‘Vanity Fair’ tag.

Justin  Vivian Bond

Justin Vivian Bond

I think the acceptance of transgender individual  in the mainstream, genderized culture is near and I celebrate that. Facts evidence a movement promoted by many associations as well artists who are activists as the iconic and eclectic Justin Vivian Bond, transgender artist who started to use the word “MX”, to follow V’s ( another transgender word which does not stand to the male or female pronoums “his” or “her” and marks the fact of being a transgender) name. This practice has recently recognized by the Oxford English Dictionary which included this word honoring the trans people as well as the people who are gender fluid or rather the ones who does not wish to define themselves by any particular gender. Another evidence comes from the fashion scene. The transgender Olympic champion Bruce Jenner,who uses as name “Caitlyn”, will feature in the Vanity Fair July 2015 cover issue. It follows other good news: Andreja Pejic,the celebrated transgender top-model who started working, appearing in the catwalks presenting the womenswear and meanswear collections, will feature in the advertising campaign of the make-up brand Make Up For Ever. They are signs documenting an age, these times, where something it’ s changing. The aesthetics becomes bringer of an ethic, designing a new standard of beauty and embodying the idea of freedom, a value I support, make concrete and defend. Naturally I would be much more happy if there would be more freedom in the world I live and people, their behaviors would not be classified and limited by standards arising from the gender, what it is between your legs. Repression is a word strictly connected to the society – this idea reminding me the philosopher Herbert Marcuse and the cult-movie “The Raspberry Reich” by the bright Canadian filmmaker and photographer Bruce LaBruce who uses the queercore aesthetics in a subversive way, emphasizing his libertine and libertarian ideas  that are also impressed in the book he made “The revolution is my boyfriend” – which classifies and closes the spaces where people express themselves. I am for the openness, “the freedom of many people to live”- as Justin asserts – “in an authentic self-determined space” and thus I wish it is done to get much more in this realm.

LA DIGNIFICAZIONE DEI TRANS NELLA CULTURA DI MAINSTREAM É VICINA: EVVIVA!

Caitlyn Jenner, photo by Annie Leibovitz

Caitlyn Jenner, photo by Annie Leibovitz

Ritengo che l’ accettazione e dignificazione del trans nella cultura genderizzata di mainstream sia vicina ed io celebro ciò. I fatti testimoniano la crescita di un movimento promosso da varie associazioni come anche da artisti che sono attivisti quale l’ iconico ed eclettico Justin Vivian Bond, artista  transessuale che ha iniziato a usare la parola “MX”, accompagnandola al suo nome (in cui “suo” corrisponde a “V”, un’ altra parola di cui si è avvalso che non corrisponde ai pronomi maschili e femminili “his” e “her” e rimarca  l’ essere un trans) . Questa prassi è stata recentemente riconosciuta dall’ Oxford English Dictionary che ha inserito questo lemma che onora i trans come anche le persone che sono fluide al gender o meglio coloro che non intendono essere definiti in termini di gender. Un’ altra dimostrazione proviene dagli ambienti della moda. Il campione delle Olimpiadi Bruce Jenner che si fa chiamare “Caitlynsarà protagonista della copertina dell’ edizione di luglio 2015 di Vanity Fair. Seguono altre buone notizie:  Andreja Pejic, la celebre top-model trans che ha iniziato a lavorare, apparendo sulle passerelle che presentavano le collezioni donna e uomo, sarà la protagonista della campagna pubblicitaria del marchio di cosmetici Make Up For Ever. Sono segni che documentano un epoca, questo periodo, in cui qualcosa sta cambiando. L’ estetica diviene portatrice di un’ etica che disegna un nuovo standard di bellezza e racchiude in sé l’ idea di libertà, un valore che supporto, concretizzo e difendo. Naturalmente sarei molto più felice se ci fosse più libertà nel mondo in cui vivo e gli individui, i loro comportamenti non fossero classificati e limitati da standard derivanti dal gender, da ciò che c’è tra le proprie gambe. Repressione è una parola strettamente connessa alla società ed alla sua dialettica – questo concetto mi richiama alla mente il  filosofo Herbert Marcuse e il cult-movie “The Raspberry Reich” del brillante regista e fotografo canadese Bruce LaBruce – il quale si avvale dell’ estetica queercore in modo sovversivo, enfatizzando la sue idee libertine e libertarie che sono anche impresse nel suo libro “The revolution is my boyfriend” -, che classifica e restringe gli spazi in cui gli individui esprimono il proprio sé. Sostengo l’ apertura, “la libertà di molte persone di vivere” – come  afferma Justin – “in un autentica dimensione determinata unicamente da loro stessi” e perciò spero che si faccia ancora molto di più in questo senso.

Andreja Pejic, photo courtesy of Dazed Digital

Andreja Pejic, photo courtesy of Dazed Digital

The fashion blog Binzento Vincente by Vincent Law

The fashion blog Binzento Vincente by Vincent Law

Having been a part of the fashion circle in Italy is a great honor, and what an amazing way to end the year when being asked to be a part of the #IostoconAltaroma (“I am with Altaroma“) campaign.

This is the hastag of a digital campaign gathering professionals, institutions and friends of the Italian fashion community to be a part of a neo movement supporting all fashion “Made In Italy” – honoring the profound history of Italian fashion and believing in the vibrant energy and innovative ideas of young talents as the source for thriving the future of Italian fashion culture and productivity.

Rome is one of the amazing cities of Italy that connects contemporary fashion, art and craftsmanship. It’s the house where talents are discovered, and eventually succeed their dreams of becoming the icon of fashion. The development of Altaroma is the driving force behind Italian haute couture and a new platform for emerging designers. It provides 100% support and protection for all works of art that are made in Italy.

The work of Altaroma holds dearly to my heart as I was given the opportunity to understand Italian young fashion talents’ ideas, listen to their stories and experience their work. The #IostoconAltaroma campaign has united many outlets related to Italian fashion: Vanity Fair Italy, Huffingtonpost.it, and Elle.it to name a few that have answered their call. And as per calling from Rome – Binzento also supports Altaroma – #IostoconAltaroma!

#IOSTOCONALTAROMA – IL MOVIMENTO CHE AFFERMA: “IO STO CON ALTAROMA”

Vincent Law

Vincent Law

 

Aver fatto parte del circuito della moda in Italia è un grande onore, ed è modo davvero meraviglioso di concludere l’ anno il momento in cui mi è stato chiesto di partecipare alla campagna #IostoconAltaroma.

Questo è l’ hashtag di una campagna digitale che riunisce professionisti, le istituzioni e gli amici della comunità della moda italiana per far parte di un nuovo movimento che sostiene l’ intera moda del “Made In Italy” – onorando l’ abissale storia della moda italiana e credendo nella vibrante energia e nelle idee innovative dei giovani talenti quale risorsa per render florido il futuro della cultura della moda italiana e della produttività.

Roma è una delle fantastiche città dell’ Italia che connette la moda contemporanea e l’ artigianato.  la dimora in i talenti sono scoperti, e capita che riescano a realizzare il proprio sogno di diventare un’ icona della moda. Lo sviluppo di Altaroma è la forza motrice dietro l’ alta moda e una nuova piattaforma di designers emergenti. Essa fornisce il supporto per tutte le opere d’ arte che sono made in Italy.

L’ opera di  Altaroma mi è oltremodo cara, avendo avuto la possibilità di comprendere le idee dei giovani talenti della moda italiana, ascoltare le loro storie e sperimentare il loro lavoro. La campagna #IostoconAltaroma ha unito diversi media che si occupano della moda in Italia, Vanity Fair, Huffingtonpost.it, and Elle.it per citarne alcuni name e sono solo alcuni di quelli che hanno argomentato il loro intervento. E ovviamente anche Binzento sostiene Altaroma – #IostoconAltaroma!

www.binzento.com

lapo book launch

Self-irony, without any pretension of teaching anything and an idea of style which is under the sign of freedom “to be elegant means to be one’s self and customize also with its own eccentricities” features in “Le regole del mio stile”(Add Editore, Euros 18,00), the first book by Lapo Elkann – style icon, nominated four times as “Best dressed man” by the magazine Vanity Fair, businessman, creator of the menswear and accessories brand  Italia Independent and the factory Independent ideas, dynamic, brilliant and warm-hearted individual – which will be presented on 14th February 2013 in Rome at the Arion Bookshop, placed at the Palazzo delle Esposizioni, at 6:00 pm by the author along with Lupo Lanzara (director of Rome Fashion & Costume Academy) and Roberto d’Agostino (columnist, creator of costume and gossip website Dagospia). The book, a catchy fetish to have, includes the Lapo’s way of thinking, words and images, dynamism, will of doing and the consciousness “beauty if it is well used” – as the author asserts – “ does good to a nation in a spot” along with original details, paradigms of uniqueness as the words that directly or indirectly remind his name ( the adjective “lapalissiano” which stands as “self-evident” and many others) and the layout of book which evokes the “laps to go” of Formula 1, as well as the velocity, futurist idea he successfully made concrete. A not to be missed event for all the ones who are devoted to the style.

IL SENSO DI LAPO ELKANN PER LO STILE: LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE REGOLE DEL MIO STILE” A ROMA

lapo invito 2

Autoironia, senza la pretesa di insegnare nulla e un’ idea dello stile all’ insegna della libertà, “essere eleganti vuol dire essere sé stessi e personalizzare anche con le proprie eccentricità” sono i protagonisti di “Le regole del mio stile”(Add Editore, Euro 18,00), il primo libro di Lapo Elkann – icona di stile, eletto quattro volte “Best dressed man” dal magazine Vanity Fair, imprenditore, creatore del brand di abbigliamento da uomo e accessori Italia Independent e della factory Independent ideas, dinamica, brillante e calorosa individualità – che sarà presentato il 14 febbraio 2013 a Roma presso la Libreria Arion, ubicata al Palazzo delle Esposizioni, alle ore 18:00 dall’ autore unitamente a Lupo Lanzara (direttore dell’ Accademia di Costume e Moda di Roma) ed a Roberto d’Agostino (opinionista, creatore del sito web di costume e gossip Dagospia). Il libro, un accattivante feticcio da avere,  include il pensiero di Lapo, parole e immagini, dinamismo, voglia di fare e la consapevolezza che “il bello se ben usato” – come afferma l’ autore  – “ faccia bene a una nazione in difficoltà” unitamente a originali dettagli, paradigmi dell’ unicità quali i lemmi che direttamente o indirettamente ricordano il suo nome (la qualificazione “lapalissiano” e molte altre) e l’ impaginazione del libro che evoca i “laps to go” della Formula 1, nonché la velocità, istanza futurista da lui felicemente concretizzata. Un evento imperdibile per tutti coloro che sono devoti allo stile.

www.addeditore.it