You are currently browsing the tag archive for the ‘Wagner’ tag.

Modateca Deanna, photo N

Modateca Deanna, photo N

I recently visited the Modateca Deanna in Reggio Emilia, suggestive cathedral of fashion culture, owned by Deanna and Sonia Ferretti Veroni (mother and sister) which is where yesterday it was the renowned knitwear company Miss Deanna, established by the brilliant, powerful, dear friend Deanna Ferretti Veroni. It was an awesome experience to spend one day – and unfortunately is not been enough – to see the library of Modateca, crowded of artworks as the canvas by Salvatore Fiume and many others, enriching its rooms. Time stops when I am in library. Many books have draws my attention and naturally the fashion magazines. A successful experience, I highly recommend of doing to students and insiders for increasing their own culture.

CULTURA DELLA MODA:LA MIA VISITA ALLA MODATECA DEANNA(1)

The library crowded by works by Salvatore Fiume

The library crowded by works by Salvatore Fiume

Ho recentemente visitato la Modateca Deanna in Reggio Emilia, suggestiva cattedrale di cultura della moda, di proprietà di Deanna e Sonia Ferretti Veroni (madre e sorella) che è il luogo in cui ieri si trovava la rinomata azienda di maglieria Miss Deanna, fondata dalla brillante, poderosa, cara amica Deanna Ferretti Veroni. È stata una fantastica esperienza passare una giornata – e sfortunatamente non è abbastanza – vedere la biblioteca della Modateca, affollato di opere d’ arte quali le tele di Salvatore Fiume e molti altri che arricchiscono le sue stanze. Il tempo si ferma quando sono in biblioteca. Molti libri hanno catturato la mia attenzione e naturalmente i magazine di moda. Una felice esperienza che raccomando altamente di effettuare a studenti e addetti ai lavori per accrescere la loro cultura.

Salvatore Fiume, photo by N

Salvatore Fiume, photo by N

 

Books at the library, photo by N

Books at the library, photo by N

 

Books at the library, photo by N

Books at the library, photo by N

 

Wagner über alles, photo by N

Wagner über alles, photo by N

Ho recentemente visitato la Modateca Deanna in Reggio Emilia, suggestiva cattedrale di cultura della moda, di proprietà di Deanna e Sonia Ferretti Veroni (madre e sorella) che è il luogo in cui ieri si trovava la rinomata azienda di maglieria Miss Deanna, fondata dalla brillante, poderosa, cara amica Deanna Ferretti Veroni. È stata una fantastica esperienza passare una giornata – e sfortunatamente non è abbastanza – vedere la biblioteca della Modateca, affollato di opere d’ arte quali le tele di Salvatore Fiume e molti altri che arricchiscono le sue stanze. Il tempo si ferma quando sono in biblioteca. Molti libri hanno catturato la mia attenzione e naturalmente i magazine di moda. Una felice esperienza che raccomando altamente di effettuare a studenti e addetti ai lavori per accrescere la loro cultura.

Richard Wagner, photo by N

Richard Wagner, photo by N

 

Brunhilde on the stage, photo bt N

Brunhilde on the stage, photo by N

 

Wagner on stage, photo by N

Wagner on stage, photo by N

 

The library, photo by N

The library, photo by N

 

Sketches by Krizia, photo by N

Sketches by Krizia, photo by N

 

 

Krizia, photo by N

Krizia, photo by N

 

L. Fiume, photo by N

L. Fiume, photo by N

 

Simonetta Gianfelici, photo by N

Simonetta Gianfelici, photo by N

 

Catalogues of fashion shows, photo by N

Catalogues of fashion shows, photo by N

 

Catalogues of fashion shows, photo by N

Catalogues of fashion shows, photo by N

 

photo by N

photo by N

 

photo by N

photo by N

 

A smashing yesterday magazine ft. Uma Thurman on its cover, photo by N

A smashing yesterday magazine ft. Uma Thurman on its cover, photo by N

 

A magazine making me think about the one and only Roberta Valentini, photo by N

A magazine making me think about the one and only Roberta Valentini, photo by N

 

One of the first fashion magazines I read, photo by N

One of the first fashion magazines I read during my childhood, photo by N

 

I-D  magazine, photo by N

I-D magazine, photo by N

 

One my favorite magazines, photo by N

One of my favorite magazines which has the merit of having the name of a track by Led Zeppelin, photo by N

 

 

And inside Dazed and Confused, the aristocracy of underground: Genesis P-Orridge, seen by Luke Wilson, photo by N

And inside Dazed & Confused, the aristocracy of underground: Genesis P-Orridge, seen by Luke Wilson, photo by N

 

 

Words by Genesis P-Orridge, photo by N

Words by Genesis P-Orridge, photo by N

 

 

 

Genesis P-Orridge on Dazed & Confused, talking about changes and the cut-up by Burroughs and Gysin, photo by N

Genesis P-Orridge on Dazed & Confused, talking about changes and the cut-up by Burroughs and Gysin, photo by N

 

 

 

Me, myself and I at the library, photo by N

Me, myself and I at the library, photo by N

 

 

www.modatecadeanna.it

David Byrne's Journal

David Byrne’s Journal

I am delighted by the ideas of genius, eclectic artist David Byrne, appeared days ago in his Journal, concerning Wagner – composer I love, become the leitmotiv of this year, Wagnerian year –  and a celebrated documentary he watched, “Wagner and me”, film featuring the British actor Stephen Fry, Wagner’s lover, successful chance to consider a visionary composer, beyond the critics that involved him during the last centuries and to focus on a concept: “Wagner’s anti-Semitism is not inherent in his work. Though his operas evoke a sense of the deep roots of Teutonic culture and therefore encourage a pride of that culture, it isn’t exclusionary. Similarly Fry concludes that Wagner’s work should be judged solely on its merits, and he suggests we view and hear it independently from his personal views”.

IL WAGNERIANO SENTIRE DI DAVID BYRNE 

David Byrne

David Byrne

Sono deliziata dalle idee del geniale, eclettico artista David Byrne, apparse giorni fa nel suo Journal che riguardano Wagner – compositore che amo, divenuto il leitmotiv dell’ anno, anno wagneriano – e un celebre documentario da lui visto, “Wagner and me”, pellicola con l’ attore inglese Stephen Fry, amante di Wagner, felice occasione per considerare un visionario compositore al di là delle critiche a lui mosse durante i secoli passati e soffermarsi su una idea: “l’ antisemitismo di Wagner non è intrinseco alla sua opera. Anche se le sue opere evocano una idea che affonda profonde radici nella cultura teutonica e ne incoraggiano l’ orgoglio di quella cultura, codesta non è esclusoria. Allo stesso modo Fry giunge ad affermare che l’ opera di Wagner dovrebbe essere valutata unicamente in base ai suoi meriti e suggerisce di osservarla ed ascoltarla, prescindendo dalle personali opinioni del compositore”.

http://journal.davidbyrne.com

Michael Nyman

Michael Nyman

It will be held from 6th December 2012 to 7th January 2013 in Turin(a city I love very much) at the Regional Museum of Natural Sciences “Sublime”, exhibition curated by Myriam Blundell and Domenico De Gaetano that will showcase the works on photography and videos by the celebrated British composer Michael Nyman. The exhibition path is divided in 3 sections which displays 8 tables with multiple photographs, 16 single shootings and 3 wide panels, a selection of videos and a video-installation for 12 monitors including the photographs edited with the music he made. I am very glad to make the composer talk about the multimedia project “Sublime” – launched years ago, created by teaming with the Turin cultural association Volumina by Domenico De Gaetano, which gave rise to a limited edition book embodying the first photos taken  by Michael Nyman – thus here to you, dear FBFers the interview I made with him years ago:

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

“Sublime”, evokes the atmosphere created by your music, why did you choose that as name of your photo book?

“I am interested that you find the same atmosphere in my photos as you do in my music. I realise that there is the same “aesthetic brain” making photographic and compositional selections, but I am not familiar enough, or confident enough maybe, with the photographic material to make such a connection – apart from, of course, the concept of serial, the sequence and an attitude towards “freezing” time that may be common to both these media. The title -derived, quite simply, from a sequence that I was lucky enough to observe and photograph of a guy, in the promotional panel in a cinema façade, positioning, letter by letter, the word “sublime” in reference to the film “Volver” which was due to open the following day in the cinema. The “sequencing of the sublime” sequence seems to express one of the ideals of my time-based photography more clearly than anything else in the book”.

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

When did you think to showcase the photographs you made and insert them in the book?

“The taking of photos( and also the shooting of videos, which I have been editing over the last year into a series of art gallery, rather than cinema, exhibits) is a kind of accidental process, I find myself, largely because of my career as concert-performer, in a variety of fascinating locations or rather, in a series of location where it is possible to be fascinated by scenes, objects, people that stimulate me to make photographs. The idea for collecting, assembling the photos in a book came from Domenico De Gaetano and VOLUMINA”.

How had you the idea of inserting in your book a piano key and why, it seems to me like a fetish attitude…closer to the spirit of collector, doesn’t it?

“The piano key was, again, Domenico’s idea and may be fascinating to non-musical people who don’t know how a piano is put together and how much of a fetish object a single piano key can be. Obviously I am a composer/pianist, I have written the music for a film called “The Piano”, there are photographs of pianos in “Sublime” and recordings of piano music on the accompanying CD…”.

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

Sublime by Michael Nyman, Volumina Editions

That minimalism I found in your music also does it feature in your pictures?

“Yes, in the selection of individual photo-objects and there arrangements in sequences of variants of similar objects”.

A mix of emotions features in your photos as passion, love, life and death, is that your inspiration?

“It’s great for me to have your reactions to these photos. My initial inspiration for taking them is simply curiosity. Not sure there is a conscious “thematic programme” for capturing what parades in front of my eyes/lens”.

Michael Nyman

Michael Nyman

Wagner (editor’s note: 2013 will be the Wagnerian year) asserted the idea of total art work in music that represented the breach of limits between the several arts for making them communicate between themselves under the guide of the music, what do you think about that?

“Music definitely allows itself to predominate, if it is sufficiently high quality!”

Has the music the hegemony in this realm?

“Yes, I will never make/take a visual image that affects people as much as any of my musical images”.

Multimedia is in several realms of arts and is also a contemporary trend, what do you think about that?

“I am now in the fortunate position of being able to create multimedia works entirely out of my own visual and musical creativity,  it’s a great relief not to have continuously rely on other people’s narratives/images/ideas, exclusively, as I did when I was merely a composer of soundtracks. There is a longer answer to this question, it will have to wait”.

“SUBLIME” L’ ARTE DI MICHAEL NYMAN AL MUSEO REGIONALE DI SCIENZE NATURALI DI TORINO 

Michael Nyman

Michael Nyman

Si terrà dal 6 dicembre 2012 al 7 gennaio 2013 a Torino(una città che amo molto) presso il Museo Regionale di Scienze Naturali “Sublime”, mostra curata da Myriam Blundell e Domenico De Gaetano che esporrà le opere su fotografia e video del celebre compositore inglese Michael Nyman. Il percorso espositivo è diviso in 3 sezioni che espongono 8 tavole con fotografie multiple, 16 scatti singoli e 3 ampi pannelli, una selezione di video e una video-installazione per 12 monitor che include le fotografie montate con la musica da lui realizzata. Mi rallegra molto far parlare il compositore del progetto multimediale “Sublime” – lanciato anni fa, creato in collaborazione con l’ associazione cultural di Torino Volumina di Domenico De Gaetano che ha dato vita a un libro in edizione limitata che racchiude le prime foto scattate da Michael Nyman – pertanto ecco a voi, cari FBFers l’ intervista a lui da me realizzata anni fa:

“Sublime” evoca l’ atmosfera creata dalla tua musica, perché hai scelto questo titolo per il tuo libro di fotografia?

“Mi interessa sapere che trovi la stessa atmosfera della mia musica nelle mie fotografie. Mi rendo conto che c’è il medesimo “cervello estetico” che realizza le selezioni di fotografie e composizioni, ma non ho abbastanza familiarità, o probabilmente non sono abbastanza sicuro di realizzare un legame simile con il materiale fotografico – fatta eccezione, naturalmente, per l’ idea della serialità, la sequenza e una attitudine incline a “congelare” il tempo che può essere comune a entrambi questi mezzi di comunicazione. Il titolo deriva, alquanto semplicemente, da una sequenza che sono stato abbastanza fortunato di osservare e fotografare di un ragazzo, nel cartellone pubblicitario della facciata di un cinema che posizionava lettera per lettera la parola “sublime” in riferimento al film “Volver” che doveva  essere proiettato al cinema il giorno successivo. La sequenza del “susseguirsi del sublime” sembra esprimere uno degli ideali della mia fotografia che si basa sul tempo più chiaramente di ogni altra cosa che c’è nel libro”.

Michael Nyman

Michael Nyman

Quando hai pensato di esporre le fotografie da te realizzate e inserirle nel libro?

“La realizzazione delle fotografie (ed anche dei video che ho editato più di un anno fa in una serie per mostre in gallerie d’arte e non per il cinema) è una sorta di processo casuale, mi trovo, principalmente in ragione del mio lavoro di concertista, in molteplici luoghi affascinanti o meglio in una serie di luoghi in cui è possibile essere affascinati da scenari, oggetti, persone che mi  spingono a fare fotografie. L’ idea di mettere insieme, assemblare le foto in un libro è venuta a Domenico De Gaetano e VOLUMINA”.

Come e perché hai avuto l’ idea di inserire nel tuo libro una chiave di pianoforte nel libro, mi sembra una attitudine fetish…più vicina allo spirito del collezionista, è così?

“La chiave del pianoforte era ancora un’ altra idea di Domenico e può risultare affascinante per le persone che non sono musicisti e non sanno come è fatto un pianoforte e quanto una singola chiave di pianoforte possa pertanto diventare un oggetto fetish. Ovviamente sono un compositore/pianista, ho scritto le musiche per un film chiamato “Lezioni di piano”, ci sono fotografie di pianoforti in “Sublime” e registrazioni di musiche per pianoforte nel CD che lo accompagna…”.

Michael Nyman

Michael Nyman

Quel minimalismo che ho trovato nella tua musica è protagonista anche delle tue fotografie?

“Si, nella selezione delle singole foto di oggetti e nelle composizioni in sequenze delle varianti di oggetti simili”.

Un mix di emozioni è protagonista delle tue foto quali passione, amore, vita e morte, è questa la tua ispirazione?

“È bello per me ricevere le tue reazioni a queste foto. La mia iniziale ispirazione per realizzarle è stata semplicemente la curiosità. Non sono certo che ci sia un “consapevole “programma tematico” per catturare ciò che si presenta di fronte ai miei occhi/ alle mie lenti”.

Michael Nyman

Michael Nyman

Wagner (n.d.a.: il 2013 sarà l’ anno wagneriano) ha affermato l’ idea dell’ opera d’arte totale nella musica che rappresentava la rottura dei limiti tra le arti per farle comunicare tra di loro sotto l’ egida della musica, che ne pensi di ciò?

“La musica permette in assoluto a sé stessa di avere il predominio – ove sia sufficientemente di alta qualità!”.

La musica ha l’ egemonia in questo ambito?

“Si, non realizzerò/catturerò una immagine visiva che colpisca così tanto la gente quanto una qualsiasi delle mie immagini musicali”.

La multimedialità esiste in svariati ambiti delle arti ed è anche una tendenza contemporanea, che ne pensi di ciò?

“Adesso mi trovo nella fortunata posizione di poter creare opera multimediali interamente ad opera della mia creatività visiva e musicale, è un grande sollievo non dover continuamente dipendere esclusivamente dalle narrazioni/immagini/idee di altra gente, come ho fatto quanto ero semplicemente un compositore di colonne sonore. Esiste una risposta più ampia a questa domanda, ma dovrà attendere”.

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

Michael Nyman

www.volumina.net